Prescrizione, il Pd contro Bonafede: "O la blocca o presenteremo la nostra proposta"

Nella riunione del gruppo, i democratici si schierano compatti contro il ministro pentastellato e chiedono un intervento. Ma il Guardasigilli sulla proposta del Pd è scettico

Alla fine, lo scontro si è consumato: da una parte c'è il Partito democratico e dall'altra il ministro della Giustizia del Movimento 5 Stelle, Alfonso Bonafede. Il motivo è la prescrizione. Così, come riportato da Repubblica, a Montecitorio, dopo una lunga riunione del gruppo, i democratici hanno votato contro la proposta di Enrico Costa, che chiedeva la corsia urgente per il suo disegno di legge che impone lo slittamento della prescrizione "breve" di Bonafede, in vigore dal 1° gennaio 2020.

La proposta dei dem

Questo perché i dem seguirebbero la linea dell'ex ministro Andrea Orlando, contrapponendosi a quella dell'attuale Guardasigilli. Così i democratici chiedono a Bonafede di bloccare spontaneamente l'entrata in vigore della prescrizione. E se questo non dovesse accadere, il Pd potrebbe presentare un suo disegno di legge non solo sulla prescrizione, ma anche sui tempi del processo, la cosiddetta "prescrizione processuale", proposta dall'ex procuratore di Milano, Edmondo Bruti Liberati. E così, ogni grado di giudizio avrà una sua durata prefissata, che se non viene rispettata finisce in prescrizione appunto.

La ricostruzione

Il Pd sarebbe poi intenzionato anche a pretendere il rinvio della prescrizione di Bonafede con un emendamento nel prossimo decreto Milleproroghe. Questo, almeno, è quanto emerge dalla riunione del gruppo delle ultime ore. In base a quanto ricostruito, durante l'incontro, negli interventi sarebbe stato criticato direttamente il ministro, accusato di aver convinto i magistrati a schierarsi dalla sua parte. Secondo loro, infatti, al congresso dell'Associazione nazionale magistrati, il Guardasigilli avrebbe strumentalmente presentato il definitivo abbandono del sistema del sorteggio per il Consiglio superiore della magistratura in cambio del loro appoggio alla sua proposta della prescrizione da bloccare definitivamente dopo il primo grado.

La posizione di Zingaretti

Anche il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, avrebbe criticato la scelta di Bonafede: "Riteniamo inaccettabile l'entrata in vigore delle norme sulla prescrizione senza garanzie sulle durate dei processi. Non si può rimanere sotto processo per un tempo indefinito, per lunghissimi anni". Anche Italia viva, la nuova formazione politica di Matteo Renzi, che non ha partecipato al voto, si sarebbe posta contro il Guardasigilli.

La replica di Bonafede

Sull'istanza manifestata dal Pd, il ministro della Giustizia pentastellato ha manifestato lo stesso scetticismo già mostrato al vertice di maggioranza, perché di fatto si tratterebbe (a suo parere) di un passo indietro "a pochi passi da una svolta". Secondo Bonafede, con quella proposta, invece che fare prescrivere i reati, si fanno prescrivere i processi e, quindi, si tornerebbe al punto di partenza.

Commenti

nunavut

Mar, 03/12/2019 - 21:32

io ho sempre pensato che era pure il PD per l'abolizione della prescrizione. Quando gridavano:il Berlusca ha avuto la prescrizione ma non é che non sia colpevole hanno forse qualche compagno con rogne giudiziarie da salvare ?Certo che se ci fosse il processo obbligatoriamente breve e con tepi stabiliti ci può stare pure la prescrizione che in pratica ritornerebbe se non ti fanno il processo breve,gira e rigira sempre in quel posto siamo la sola differenza che i perdenti sarebbero avvocati e giudici,quelli che spillano i soldi agli accusati.

Popi46

Mer, 04/12/2019 - 07:36

Un piccolo ma pesante passo contro la Repubblica dei manettari dove la Giustizia fa acqua da tutte le parti

Iacobellig

Mer, 04/12/2019 - 08:10

È possibile che un ignorante del genere possa decidere una riforma della giustizia? Il M5S non è all’altezza di pensare al futuro del paese. Andare a votare subito.