Il primo (minimo) calo della Lega nei sondaggi. Ma Salvini non se ne cura

La Lega di Salvini resta il primo partito. Il 71% degli elettori pentastellati bocciano Grillo e il 68% è scontento di Conte per la Tav

Matteo Salvini non si preoccupa del primo, pur se minimo, calo percentuale dopo settimane di avanzamento ma dà il suo buongiorno su Facebook interrogandosi su come il social funzioni dopo alcune ore di stallo. "Come vi va oggi Facebook?". Dopo la domanda uno smile pensieroso e poi "un sole" con "Buongiorno Amici". E inizia la giornata social/politica.

Contemporaneamente, su Rai 3, il sondaggio di Masia offre il caffè con i nuovi sondaggi ad una settimana dallo scorso 7 Marzo. A sorridere Nicola Zingaretti che, dopo le primarie, mantiene il quasi 20% (19.9) e dopo settimane anche i Cinque Stelle che raggiungono il 23.8 incrementandosi dello 0.6% stessa cifra che perde la Lega passando dal 31.2 al 30.6% ma rimanendo il primo partito d’Italia. L'area di governo, sommando il dato salviniano a quello pentastellato, si conferma al 54% di sette giorni fa. Nella scomposizione dei partiti stesso arretramento dei grillini ormai, da settimane, non più seconda "coalizione" del Paese. Forza Italia al 9.8% e Fratelli d’Italia al 4.9% permetterebbero alla Lega, almeno nelle Regioni, di vincere le competizioni raggiungendo il 45.9% (46.5 aggiungendo lo 0.6% di Noi con l’Italia) dei consensi in attesa di comprendere, in caso di elezioni politiche anticipate, la strada che riterrà di percorrere.

Il centrosinistra seconda coalizione con uno 0.1% rispetto ad una settimana fa, attestandosi su un tondo 27% grazie all’incremento del Pd che passa dal 19.3 al 19.6%, + Europa al 3.1%, altri di centrosinistra al 4 e fuori da un’ipotetica alleanza, l’1.6% di Potere al Popolo.

Doccia fredda per Beppe Grillo ed il premier Giuseppe Conte. Per il primo il 71% degli elettori pentastellati dicono che non vorrebbero un suo maggiore ruolo nel movimento, un 26% che lo auspicherebbe ed un residuo 3 che preferisce non rispondere. Scroscio di acqua non calda anche per il presidente del Consiglio a proposito del valico Torino-Lione.

Alla domanda "È soddisfatto di come il Governo Conte sta gestendo la vicenda Tav?", il 68% dice nettamente "no" (il no degli elettori della Lega è pari al 49%, quello dei Cinque Stelle il 51% e del Pd il 67%). È, invece, soddisfatto solo il 19% contro un 13% che preferisce tacere. Come è percepito il braccio di ferro sulla infrastruttura? Per il 35% se ne sta avvantaggiando la Lega, per il 15 il M5S e per il 32% entrambi. L’altro braccio di ferro tra le forze politiche del governo giamaicano l’apertura al commercio cinese. "La via della seta, cioè i nuovi accordi commerciali con la Cina, secondo lei sono...": una grande opportunità per il 51%, un rischio per l’invasione dei loro prodotti per il 34% e non rispondere il 15. Gli italiani, quindi, non temerebbero che potrebbero farci neri, pardon gialli...

Commenti

Duka

Gio, 14/03/2019 - 09:37

La batosta giusta e sacrosanta per una LEGA CALABRAGHE arriverà tra due mesi.

Giorgio Colomba

Gio, 14/03/2019 - 10:38

Non se ne curò neppure l'altro Matteo.

jaguar

Gio, 14/03/2019 - 10:47

Salvini non può durare con i 5 stelle, probabile che questo minimo calo sia l'inizio di un cedimento progressivo della Lega. E d'altronde non si può continuare con un piede in due scarpe, si rischia di rimanere scalzi.

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Gio, 14/03/2019 - 10:52

Matteo Salvini non si preoccupa del primo, pur se minimo, calo percentuale . Perchè pensavate che dicesse che è preoccupato ? Date tempo al tempo e comincerà a preoccuparsi anche lui e non poco.

Cicaladorata

Gio, 14/03/2019 - 11:08

Il convegno sulla famiglia a Verona, tutto ciò che Di Maio ha espresso è il miglior concetto e ragione assoluta.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Gio, 14/03/2019 - 11:13

Egregio Vermaleone, la media dei sondaggi è la seguente: Lega 33,2% (-0,3%), M5s 22% (-0,8%), Pd 19,4% (+0,5%), Fi 9,9% (0,0%), Fdi 4,3% (-0,2%), +Eu 3% (-0,4%), altri 8,2% (+0,7%). A certi Otelma in circolazione consiglierei - da non leghista, men che meno pentastellato - prudenza. Ci pensa M5s con certi suoi "niet" a dare una mano a chi li vuole "plafonare", una specie di autoinvoluzione nei sondaggi.

SeverinoCicerchia

Gio, 14/03/2019 - 11:13

ho come l'idea che la questione tav stia ricompattando e rilanciando i grillini allo sbando a nessuno piace l'idea che si spendano 8 miliardi (ok, solo un terzo italiani) per un buco la cui utilità era inizialmente dovuta ad un traffico che non c'è.. ci facciamo porti e aeroporti e autostrade con sti soldi, con un po' di serietà detto da uno che pensa che gigino sia ignorante ed i grillini inadeguati non devono esistere totem e la tav sta diventando un totem. lancio questo appello a salvini che ho votato e rivoterò comunque, perchè serio in quello che fa

Rossana Rossi

Gio, 14/03/2019 - 11:44

Salvini fa un gioco che fino ad ora può aver pagato ma a lungo andare diventa pericoloso e rischia di fargli perdere voti. Il mio compreso......

Ritratto di nazionalista_sardo

nazionalista_sardo

Gio, 14/03/2019 - 12:20

poveri beoti dopo Salvini non dimenticate che c'è il pd di zingaretti più f.i+ l'ala eversiva di fico contenti voi con l'economia che rimarrà sempre al palo ma in compenso per voi tante vagonate in più di clandestini che allieteranno le vostre noiose giornate

APG

Gio, 14/03/2019 - 12:28

Matteo stai attento! Tenere i piedi in due staffe non paga. Sei partito alla grande e adesso cominci a perdere consensi perché ti fai ricattare e comandare come un burattino dai 5stalle e stai mollando su tutti i punti del tuo programma. E poi è deplorevole vedere che i due partiti di governo non riescono a trovare una quadra comune e generano solo continui scontri fra loro, perché uno dice no e l'altro dice sì. Attento, perché alle europee potrebbe essere un disastro non solo per quei deficienti ma anche per la Lega! Mollali prima che sia troppo tardi. Ricordati che una volta che hai perso la fiducia dei tuoi elettori, non la riguadagnerai più, mai più!