Il professor Mattarella fa riscrivere il programma a Lega e Cinque stelle

«Non accetterò altre bozze, presentate il testo definitivo». Al Colle cresce la preoccupazione

E questa roba cos'è? «La bozza, presidente». Ah, bene, grazie, mettetela là. E là da tre giorni è rimasta, appoggiata su un tavolino dello studio presidenziale. O forse qualcuno l'ha presa e l'ha riposta nel cassetto di un consigliere. Se Mattarella non l'ha buttata subito nella spazzatura è solo per una forma di buona creanza. Lunedì sera infatti le delegazioni di Lega e M5s non volevano presentarsi a mani vuote, così, in mancanza di meglio, hanno portato al Quirinale la prima stesura del contratto «nello stato in cui si trovava in quel momento», cioè con il comitato di conciliazione, la richiesta di 250 miliardi di sconto alla Bce e l'uscita dall'euro. Il capo dello Stato non ha dovuto nemmeno sforzarsi di contrastarla: semplicemente, non l'ha letta. «È chiaro - spiegano - che il presidente non guarda bozze ma testi definitivi, frutto della responsabilità dei partiti che concludono accordi di governo».

Insomma ragazzi, siate bravi, tornate a casa e ricominciate da capo. Fatemi una telefonata, ha detto Mattarella, soltanto «quando sarete pronti», ossia quando ci sarà un documento finale, ufficiale, sulle cose da fare e non una brutta copia. Magari datemi notizie entro lunedì, come avete promesso, perché adesso pure il tempo comincia a scarseggiare: dal programma di cambiamento al cambio del programma. Ma non basta, ha aggiunto, quando chiamate portatemi anche il nome di un premier, un personaggio credibile per Palazzo Chigi che sia frutto della «sintesi politica» dei due partiti. Infatti - questo è il senso della piccola ripetizione istituzionale che il capo dello Stato ha tenuto ai sui allievi un po' somari - per fare nascere un governo occorre presentare tutto il pacchetto insieme, sia il «contratto» che il candidato, e che la procedura segua un ordine preciso: l'indicazione al Colle di un nome o di una rosa contestualmente al programma, la scelta del presidente e l'incarico, l'accettazione con riserva, il ritorno al Quirinale per la consegna della lista con i ministri da concordare, il giuramento, il voto di fiducia alle Camere.

E non si tratta di bizantinismi protocollari, ma di sostanza. Come può esistere un elenco condiviso di impegni senza la persona che incarni l'intesa politica? E deve essere un profilo alto, robusto. È l'uomo che entrerà nella stanza dei bottoni e avrà il potere esecutivo, non può certo fare la marionetta in mano ai due leader, come Pinocchio stretto tra i due carabinieri col pennacchio.

Ma i nomi che circolano sono di serie B. Da qui nascono i tanti dubbi presidenziali sulla consistenza dell'operazione Jamaica. Il premier è ancora un ologramma senza volto e chissà se uscirà fuori. La bozza poi, sarà pure stata cambiata, quella consegnata sarà pure «la preistoria», però i venti internazionali, con lo spread che risale e Bruxelles che ci ricorda gli impegni europei, non stanno creando un clima favorevole all'esperimento giallo-verde, tanto più ora che sembra perdere la benevolenza di Silvio Berlusconi e quindi del Ppe. Mattarella è «preoccupato» per la tenuta del Paese e dei conti pubblici e, più passa i giorni, più aumentano i suoi timori.

Poi c'è il fattore tempo. Dopo tanti supplementari e recuperi la partita è alla stretta finale ma nessuno vede la porta. Se la settimana prossima Lega e grillini non quaglieranno, il presidente, che qualcuno accusa di troppo immobilismo, dovrà mettere in piedi un governo elettorale per votare in autunno e intanto rappresentare l'Italia al vertice Ue. Il traghettatore non sarà Paolo Gentiloni, scaduto una legislatura fa.

Commenti

amedeov

Gio, 17/05/2018 - 08:52

Sig. PDR non le sembra che gli italiani si sono stancati di essere presi in giro da salvini e di maio? Se mi permette la colpa di tutto questo credo che sia sua perchè , se è vero che la costituzione asserisce nel primo articolo, che la volontà del popolo è sacra, doveva affidare l'incarico alla coalizione che, per legge elettorale è risultata prima alle votazioni e cioè al CDX anche se non aveva la maggioranza dei voti in parlamento. li poteva trovare oppure fare un governo di minoranza e alla fine, se non vi era accordo, si tornava subito alle elezioni con una nuova legge elettorale fatta dal parlamento, bastava aggiungere una riga dicendo di dare il premio di maggioranza a chi avesse preso un voto in più.

Ritratto di venividi

venividi

Gio, 17/05/2018 - 08:59

Avesse incraricato il Cdx adesso non sarebbe in questa impasse

flip

Gio, 17/05/2018 - 09:08

nel programma mi pare non vernga trattato l'argomento scuola. completamente ignorato? o dimenticanza? attusalmente a scuola entrato somari ma escono ASINI! anche sono "laureati"(sic)

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Gio, 17/05/2018 - 09:26

Credo che la verità stia nel fatto che la deve leggere prima Napolitano. Nell'URSI (Unione Repubbliche Socialiste Italiane) è la prassi in uso.

stefano.caselli

Gio, 17/05/2018 - 09:32

buongiorno, ho letto con interesse il suo articolo ma, in tutta onestà resto colpito dal fatto che nello stesso non sia evidenziato come tra i poteri attribuiti dalla costituzione al presidente della repubblica ci sia sicuramente quello di nominare il Presidente del Consiglio ma, d'altro canto, non siano ricompresi quelli relativi ad una approvazione (quasi una sorta di veto) sul programma di governo. Grazie e buon lavoro

oracolodidelfo

Gio, 17/05/2018 - 09:49

Massimiliano Scafi, il Presidente Mattarella non ha letto la bozza? ha fatto molto male. Non si leggono le proposte anche se in corso d'opera e da affinare, di coloro che sono stati chiamati dagli italiani a rappresentarli? Il Presidente ha schiaffeggiato ed umiliato il popolo. L'uomo che incarnerà l'intesa dovrà essere di alto profilo e robusto? Non può fare la marionetta stretta fra due carabinieri col pennacchio? Perchè sarebbe una marionetta? Ed il popolo italiano cosa dovrebbe essere? il punching ball? Il Presidente Mattarella ascolti, consigli e conceda tutto il tempo necessario ai rappresentanti del popolo, i quali, con profondi cambiamenti, stanno attuando la sua volontà. Quando è in gioco il suo destino, il popolo Sovrano, si prende tutto il tempo necessario ed il Presidente....aspetta! Il popolo è Sovrano e le Istituzioni tutte, sono al suo servizio e se qualche Istituzione si è messa in testa di fare il Monarca Assoluto, se lo levi di mente.Chiaro?

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 17/05/2018 - 10:01

ma fatela finita, fateli provare!! siamo reduci da 5 anni di governi servi di Bruxelles NON ELETTI, questi HANNO I VOTI!! c'è comunque la lega che su immigrazione svoltera' e ne abbiamo bisogno, Berlu..si allinea a Bruxelles...il pd pure!! senza questa opportunità c'è_,Bruxelles!!

Gwynplaine

Gio, 17/05/2018 - 10:09

Aria fritta. I nomi che ha fatto circolare Mattarella per il suo governo-fantoccio erano di profilo infimo. E donde uscì, a suo tempo, Monti che nessuno conosceva e la cui immagine è stata poi gonfiata come il serpente di Pinocchio? Purtroppo è invalso l'uso di disattendere le indicazioni del voto e Berlusconi, che di tale abuso fu la prima vittima, ora vorrebbe farsi complice!

cangurino

Gio, 17/05/2018 - 10:21

@Massimiliano Scafi. Siamo proprio sicuri che il PDC "... non può certo fare la marionetta in mano ai due leader, come Pinocchio stretto tra i due carabinieri col pennacchio"? Se penso a Mario Monti, direi invece con assoluta certezza che il pdc può fare la marionetta. I due carabinieri, all'epoca, non erano i segretari dei partiti più votati democraticamente, ma Merkel e Sarkò. Forse era un pochino peggio, o no?

sereni

Gio, 17/05/2018 - 10:22

mA FATELA FINITA DI INVENTARE QUELLO CHE HA DETTO MATTARELLA. IN QUESTI GIORNI NON SI LEGGONO CHE FILM FATTI DAI GIORNALAI. nESSUNO SPUNTO DI REALTà!

tosco1

Gio, 17/05/2018 - 10:28

Devo dire la verita', non ho mai visto male l'approdo fra M5S e Lega,perche' ho sempre pensato che ci fossero molte convergenze di idee. Il fatto che ,per partorire 40 pagine di accordo, ci sia voluto il tempo forse impiegato a Dante per scrivere la Divina Commedia, mi fa rimanere molto perplesso e dubbioso. Sembra far trapelare la congiunzione tentata fra due corpi quasi estranei.Speriamo bene. Mi preoccupa anche Mattarella che a sua volta e' preoccupato di una possibile valanga,da lui ipotizzata, che lui teme possa travolgere il sistema stagnante e conformista a lui ,evidentemente, assolutamente confacente. Berlusconi e' preoccupato, la UE pure, e gli italiani?.Sembrano tranquilli perche' hanno presente il detto "Toccato il fondo con il PD ed il sistema attuale, si puo' solo risalire."

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 17/05/2018 - 10:30

A quelli che se la prendono con Mattarella, non volendo prendersela con il CDX che NON e` riuscito a VINCERE le elezioni (perche' se le avesse VINTE non saremmo qui a discuterne), dico che Mattarella sta incarnando perfettamente il suo ruolo Costituzionale, cosi` come fece anche Napolitano. Nessuno dei due potra` MAI essere accusato di avere infranto i dettami Costituzionali nel loro operato. (La prova e` che NESSUNO dei partiti li ha mai accusati di cio`. Lo hanno fatto solo quelli che, per ignoranza della Costituzione, o per disonesta` intellettuale, hanno inscenato una propaganda fuorviante diretta alle menti deboli e facilmente influenzabili a cui si rivolgono). Gli aspiranti eversori hanno sempre trovato, e sempre troveranno, un argine alle loro oscene ambizioni.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Gio, 17/05/2018 - 10:54

Il programma lo possiamo scaricare tutti (c'è anche il capitolo scuola) e leggerlo. 40 pagine, 29 punti in ordine alfabetico: restano fuori solo Roma capitale, Sport, Vaccini. Il programma è ottimo, ma forse i due volenterosi hanno fatto i conti senza l'oste, che è il PD. Non resta che chiedere aiuto alla chioccia Berlusconi.

Giulio42

Gio, 17/05/2018 - 10:57

Il Presidente non ha detto di riscrivere il contratto ma che Lui non legge le bozze. Abbiamo avuto Governi che ci hanno distrutto le fabbriche e creato disoccupati, riempito le strade di stupratori e delinquenti. Adesso, il problema è se ci mettono cinque o sei giorni per scrivere un contratto che tutti possono leggere e giudicare. Signori, dove eravate mentre si firmava il trattato di Dublino ecc.

anfo

Gio, 17/05/2018 - 11:13

pravda99, noto con piacere che come a tutti i trinariciuti ha dei rigurgiti di bile! Stia sereno che comunque nel rispetto della Costituzione il nostro Presidente non riuscirà a darci un Governo di sinistra anche se ci ha provato!

Albius50

Gio, 17/05/2018 - 11:27

IL COLPEVOLE PRINCIPALE E' IL PRESIDENTE, bastava che in prima battuta avesse dato il mandato al CDX che era il vincitore.

cangurino

Gio, 17/05/2018 - 11:27

il titolo dell'articolo è fantasioso, a riprova che in questo momento, salvo La Verità, tutti i quotidiani sono dichiaratamente critici (e dico poco) verso il costituendo governo. La cosa divertente è che nonostante questo martellamento mediatico a senso unico, la Lega continua a crescere ed i 5* sono stabili. La somma dei voti di 5* e Lega alle elezioni era 50% circa, venerdì scorso i sondaggi davano un 57%. Considerando che 5* e Lega nei sondaggi pre elezioni mediamente venivano accreditati di un 5% in meno del risultato reale, si potrebbe ipotizzare che questo ipotetico governo gode oggi dell'approvazione di due terzi degli elettori e del 2% degli organi di informazione. Veramente molto interessante, molto simile a ciò che è successo negli USA su Trump ed in Francia.

gabrieleforcella

Gio, 17/05/2018 - 11:44

L'articolo trasuda boria e supponenza e non coglie la questione fondamentale e cioè che bozza o non bozza il presidente non ha un solo nome che possa ricevere la fiducia dal parlamento e al massimo può indire nuove elezioni, con l'aggravante di non avere nemmeno fatto il tentativo dell'incarico al cdx. E'interessante vedere le facce terree e gli atteggiamenti pieni di livore delle solite anime belle.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 17/05/2018 - 11:58

Tra i famigerati disastri del PD, non c'è solo la legge elettorale che non funziona per colpa di una persona Mattarella che, dopo aver messo i bastoni tra le ruote all'Italia, mena il cane per l'aia, per ghermire il gettito fiscale, ma soprattutto c'è lo "Story telling", cioè la falsa testimonianza, data al consesso delle Nazioni, alla UE, ma quel che è peggio alle influenzabili, giovani generazioni onde piegarle all'ateismo marxista, per cui la proprietà privata non esisterebbe. Che il diavolo se li porti.

oracolodidelfo

Gio, 17/05/2018 - 12:04

Pravda99 10,30 - la Costituzione recita che il popolo è Sovrano. Chiunque non ne tenga conto è un traditore, chiunque esso sia!

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Gio, 17/05/2018 - 12:05

Quando vogliono fanno miracoli organizzati,adesso mattarella fa il difficile,ma sa leggere?

VittorioMar

Gio, 17/05/2018 - 12:12

...POTEVA SCRIVERLO PERSONALMENTE SENZA PERDERE TROPPO TEMPO !!..PROBABILMENTE SAREBBE SERVITO A PD+M5S !!...COMUNQUE,PUO' SEMPRE FARLO !!..NE HA FACOLTA' !!

blackbird

Gio, 17/05/2018 - 12:22

Mattarella, osp! Il Prsidente Mattarella nominerà chiunque gli venga paroposto. Non può fare altro dpo aver supinamente accettato la Fedeli all'Istruzione! Sinceramente dopo i ministri degli ultimi 2 governi, anche degli impreparati potrebbero far meglio! Se poi andiamo a ripescare il Presidente Monti e il suo governo sfascista... E quelli erano "i migliori" che la nomenclatura del Paese poteva annoverare tra le proprie file!

mich123

Gio, 17/05/2018 - 12:59

Il Quirinale non é un fermo-posta. Mattarella deve rispedire al mittente ogni documento. Come doveva rispedire al mittente la famosa lista dei ministri. Il ridicolo dei 5s sta contagiando tutti.

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 17/05/2018 - 13:06

anfo - Trinariciuto ci sara` lei. Evidentemente non ha altri argomenti. Pieta`.

machete883

Gio, 17/05/2018 - 13:11

imbalsamato ma cavilloso..... ???

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 17/05/2018 - 13:15

oracolodidelfo - "La sovranità appartiene al popolo che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione". Capisce la differenza con la sua assunzione che il popolo comanda e basta? Quello che ho scritto e` esattamente questo: che i due Presidenti citati hanno sempre agito nei limiti Costituzionali. Mi dica lei, se puo`, in quale occasione NON avcrebbero tenuto conto della sovranita` popolare, o sarebbero andati contro la Costituzione, e quindi avrebbero "tradito". E non risponda "non dando l'incarico a Salvini" (perche' Salvini e` quello che e`, ma non e` stupido, e sapeva, come sapeva Mattarella, che non avrebbe MAI trovato i voti in Parlamento), o dando l'incarico a Monti o a Letta, perche' anche in quel caso nessuno aveva i voti sufficienti, e questi li ha dati Berlusconi. Se ho scritto qualcosa di errato mi faccia sapere, e attendo fiducioso la sua risposta alle mie domande. Grazie.

Luchy

Gio, 17/05/2018 - 13:59

Possiamo scrivere tutto il male possibile nei commenti, ma purtroppo ha ragione lui e non sapete cosa mi costa doverlo scrivere. Questa è la ragione che mi porta a sottoscrivere tutti i commenti che chiedono a Salvini di ripensarci, di tornare a chiedere il mandato al CDX o il mandato del Presidente già pronto, così quando non avrà la fiducia, si riaprono i giochi per elezioni anticipare entro il prossimo settembre o nei primi 15 giorni di Ottobre.

GioZ

Gio, 17/05/2018 - 14:24

Fra due allievi impreparati e un professore venduto scelgo i primi: gli uni potranno rimediare con l'applicazine e lo studio, l'altro è marcio dentro e non ha speranze.

claudio faleri

Gio, 17/05/2018 - 14:30

flip...concordo alla grande il programma scuola è molto importante, senza istruzione un popolo diventa schiavi quini non va avanti, noi in europa siamo indietro di decenni, grazie alla sinistra

Ritratto di ...paoloDaPadova.

...paoloDaPadova.

Gio, 17/05/2018 - 14:53

SUBITO L'IMPEACHMENT PER ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE

Ritratto di ...paoloDaPadova.

...paoloDaPadova.

Gio, 17/05/2018 - 14:54

questo è ALTO TRADIMENTO

oracolodidelfo

Gio, 17/05/2018 - 16:38

Pravda99 13,15- buon giorno. Devo risponderle con altra domanda. Dove si dice in Costituzione che il PdR può nominare senatori a vita nella notte, costringere alle dimissioni un premier che aveva ancora 1 voto di maggioranza (1 ma c'era), non dare l'incarico a Salvini (37%) anche se in coalizione, volere fare un Governo del Presidente, mettere becco (se è vero) nelle trattative M5S+Lega, snobbare la bozza di intenzioni dei due? Sulla Costituzione, dagli art. 83 al 92 ho cercato di leggere le attribuzioni del PdR. Mi pare che gli ultimi due PdR si siano allargati di brutto. Se ho tralasciato qualche articolo e me li indicherà, li leggerò più che volentieri.

elpaso21

Gio, 17/05/2018 - 18:03

Ma cosa c'entra. Il programma il Presidente lo può anche leggere ma non va concordato. Il Presidente non ha voce in capitolo con l'indirizzo politico del Governo. I trattati internazionali possono essere modificati anche unilateralmente.

Lollob

Gio, 17/05/2018 - 18:07

Non rientra tra i poteri e le competenze del PdR quello di valutare, o decidere se approvare o meno il programma di governo. Il presidente della repubblica deve semplicemente verificare se esiste una maggioranza in parlamento in grado di dar vita ad un esecutivo. Mi pare che Mattarella si stia ponendo fuori, e oltre le competenze che la costituzione gli attribuisce. Mi pare che stia prendendo la strada (brutta strada), che presero prima di lui Scafaro, e più recentemente Napolitano.