La profezia di Tremonti: "Il peggio deve ancora arrivare"

L'ex ministro dell'Economia, ospite di Floris a DiMartedì, vede grigio: "Sta sera arrivare una crisi peggiore di quella del 2011…"

"Il peggio deve ancora venire...". Ecco la (nera) profezia di Giulio Tremonti. L'economista, nella serata di ieri, è stato tra i protagonisti della puntata di DiMartedì, condotta da Giovanni Floris nel prime time di La7.

Il giornalista-conduttore gli ha chiesto lumi sulla Legge di Bilancio giallorossa e sulla congiuntura economica e l'ex titolare del Mef (nei governi di Silvio Berlusconi) ha parole non certo tenere e ottimiste.

L'accademico, infatti, bolla così la Finanziaria di Movimento 5 Stelle e Partito Democratico: "È solo un caos di provvedimenti che in teoria va a vantaggio di tutti, e in pratica va a danno di tutti".

Floris, dunque, citando il libro di Tremonti "Le tre profezie-Appunti per il futuro", lo interroga appunto sul futuro. E Tremonti, dopo il caustico giudizio che boccia senza mezzi termini la Manovra M5s-Pd, fa la sua grigia profezia: "La quarta profezia è che ci hanno beccato…e per questo sta arrivando, io credo, una crisi peggiore di quella che abbiamo già visto. Non sono ottimista e realisticamente penso che il peggio debba ancora arrivare…".

Commenti
Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mer, 23/10/2019 - 12:28

Dopo la profezia l'apocalisse. Il governo ombra trama. Siamo solo burattini nelle mani di pochi. Non c'è bisogno della sfera di cristallo di Tremonti per sapere cosa ci aspetta nel futuro...

maxfan74

Mer, 23/10/2019 - 12:35

Credo abbia ragione, visto che è in atto la corsa a comprare oro da parte di molte Nazioni, ed alcune lo stanno facendo rientrare in patria, poi si vendono dollari e treasury americani scaricandoli. La guerra America-Cina sui dazi non farà bene a nessuno. La Cina sta cambiando linea economica ed i problemi arriveranno di sicuro.

HARIES

Mer, 23/10/2019 - 12:41

Bene bene! Floris è contento, dato che nella sua trasmissione ci sono sempre argomenti che promuovono discordia e disinformazione. Poi, che Giulio Tremonti sia un guru di economia, questo è scontato. Io l'ho sempre detto: Tremonti è il top. A ruota vengono Savona, Bagnai e Borghi. Chi altri esistono in Italia (di sinistra) alla loro altezza? ULISSE!

JosefSezzinger

Mer, 23/10/2019 - 12:47

Siamo in un'enorme crisi da debito privato frutto della speculazione finanziaria più selvaggia; le Banche Centrali hanno fatto il possibile per nascondere l'enorme voragine che è dentro il sistema bancario americano e nord-europeo: hanno immesso quantità immense di liquidità, acquistando non solo titoli di Stato ma anche obbligazioni societarie; non è bastato e ha provocato quello che ora è sotto gli occhi di tutti: caduta verticale del livello di fiducia e quando manca la fiducia nessuno si fida più di nessuno ergo nemmeno le banche si prestano più soldi fra di loro perchè sanno che si è aperto il gioco delle seggiole e qualcuno rimarrà in piedi senza sedia e col cerino acceso in mano.....Tutte le menate sul contante nasconde questo: il timore che i risparmiatori si allarmino e chiedano i denari alle banche, come già avvenne negli anni '30 del secolo scorso. Risolveranno chiudendoci dentro la moneta elettronica ?

lorenzovan

Mer, 23/10/2019 - 12:52

a parte il fatto che lwe recessioni ormai sono cicliche..dayo il sistema economico e finanziario mondiale... che non puo' che fun zionare cosi'..a cicli.. Tremonti ha rivelato il V segreto di Fatima..che tutti anche i meno esperti in economia sapevano...

Ritratto di scapiddatu

scapiddatu

Mer, 23/10/2019 - 13:16

Enrico Sassoon, rilevante comproprietario della Casaleggio srl, si colloca a lato di certi soggetti dell’Aspen Institute Italia,da, Giulio Tremonti,Mario Monti,Romano Prodi,John Elkann,... del gruppo Bilderberg. ???? Casaleggio srl, Grillo e M5S, si avvale di un socio cosi potente dentro una fondazione gremita di soggetti che dovrebbero effettivamente risultare oppositori.Mah!! M5Ss.r.l./ csx: una grande coalizione incardinata sui grillini, la cui potenza, si noti, proviene da quelle stesse politiche austerity intimate dall’alta finanza.Prima si infievolisce l’Italia con le soluzioni del governo Monti; poi si estende il pericolo,rabbia, cattiveria,odio...etc.etc... con i governi Letta-Renzi-Gentiloni; comparativamente si prepara il batterio che dovrà assassinare il degente infievolito: E' il Movimento 5 Stelle/ centro sinistra, dilatato a dismisura dalle politiche dei previi esecutivi “europeisti”. La tattica appena esposta non è assolutamente nuova. (Cum grano salis)

agosvac

Mer, 23/10/2019 - 13:19

Temo che Tremonti abbia ragione: il peggio deve ancora arrivare. Ma non arriverà in Italia per l'Italia. Arriverà in Italia dal botto che è destinata a fare la Germania. Senza dimenticare la Francia che ha un'economia del tutto instabile.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 23/10/2019 - 13:36

@ JosefSezzinger 12:47 - Esposizione precisa e corretta, la sua, con la quale concordo al 100%. Inizio seriamente a preoccuparmi, perchè G.Tremonti è uno dei pochi in Italia che in materia economica capisce qualcosa. Ma comunque lo sapevo, perchè la BOLLA finanziaria è ormai sempre più GRANDE ed inarrestabile nella sua vorace richiesta di liquidità. Le banche centrali hanno così tanto drogato il sistema che quest'ultimo non ne può più fare a meno. Poco più di un anno fà in USA annunciavano un piano di rialzo del tasso interessi, ultimamente la Fed si è dovuta arrendere all'evidenza, hanno dovuto forzatamente riaprire il QE per finanziare le molte soc. zombies destinate a crollare altrimenti e a trascinare con esse tutto il resto dell'economia reale. Resta da vedere finchè riusciranno a stampare carta (dollari) restando credibili: quella carta alla fine rimane carta, pur garantita dallo Stato sovrano num.1 al mondo.

antipifferaio

Mer, 23/10/2019 - 13:41

Sono anni che lo dice, ma questo peggio ancora si fa attendere. Comunque sia è dal 2011 che siamo in crisi...anzi ci sono bambini nati con la crisi ed ora fanno la terza elementare. Forse per il diploma la crisi sarà finita... Scherzi a parte, un peggioramento della crisi perenne può solo portare a una crescita esponenziale dei populismi e...addio Europa, con probabili conflitti...Fatto sta che torneremo indietro di almeno 30 anni e persino l'euro potrebbe dissolversi insieme alle banche che l'hanno creato. Vedremo se Tremonti avrà ragione oppure è l'ennesima sparata di un "economista" al declino.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 23/10/2019 - 13:45

Aggiunta al mio intervento precedente: non è certo un caso, se la Cina dal 2015 si è messa a rastrellare e a comprare furiosamente tutto l'ORO fisico che trova in circolazione per il mondo; gli ultimi dati 2019 parlano di quasi 2000 Tonn. di ORO raccolti, che la proiettano ai primi posti come riserve auree mondiali, dietro solo ad USA DE e ITA (quest'ultima con 2500 Ton). Non solo la Cina, anche la Russia dal 2015 stà seguendo la stessa strategia di accumulo; qualcuno potrebbe chiedersi perchè: ve lo dico subito, alla fine valute come $, €, Yen, UK pounds, CHFr rimangono carta (oppure un numero digitale su un monitor), pur garantita dai rispettivi Stati emettitori, ma se dovesse avvenire un CRACK a livello mondiale, l'ORO (FISICO, non certificati cartacei) rimane sempre ORO, vale a dire la materia più preziosa cui l'uomo ha dato valore sin dall'antichità. Tutto il resto è fuffa.

titina

Mer, 23/10/2019 - 14:02

per forza, con tutti i regali che fanno a debito, falliremo.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 23/10/2019 - 14:03

@ antipifferaio : "Sono anni che lo dice, ma questo peggio ancora si fa attendere." - Non è ancora avvenuto IL PEGGIO, perchè le Banche Centrali hanno continuato a sostenere il sistema (la FINANZA, non l'economia reale) da 10anni a questa parte con oltre 15.000 mila miliardi di $ elargiti in svariati QE, senza contare quelli nuovi che Fed e BCE hanno appena varato nel 2019; la conseguenza di tutta questa gigantesca massa di liquidità immessa è avere AZZERATO i rendimenti obbligazionari (FMI avverte che stiamo per raggiungere i 19.000 mila miliardi di obbligazioni sovrane a rendimento NEGATIVO, non so se ci rendiamo conto di questo dato...). Finchè le BC sosterranno il sistema, iniettando liquidità, il sistema pur agonizzante riuscirà a tirare avanti senza crollare, infatti la vera domanda è: fino a quanto le BC potranno continuare questa strategia (stampare carta a go-go come fossero coriandoli) restando credibili?

carpa1

Mer, 23/10/2019 - 14:09

Il peggio deve ancora venire.... specialmente se lasciamo durare questo governo di mentecatti fino alla scadenza, consentendo così che nomini, per la quarta volta consecutiva (interrotta la serie solo col grande Cossiga), il presidente della repubblica scelto tra i loro amici e prima che si possa modificare la costituzione più anti democratica al mondo in modo che il capo dello stato venga eletto dai cittadini.

Libertà75

Mer, 23/10/2019 - 14:12

@josef, @aorlansky, tutto vero quello che dite, il punto è che ora ci sono segnali di crisi con un largo anticipo. I segnali della crisi dei mutui subprime furono evidenti 3 anni prima. Diciamo che ora siamo più in quella condizione e in pratica ci sono circa 2-3 anni buoni per salvare la baracca. Nel frattempo se l'UK completasse l'uscita, rischierebbe di più la tempesta speculativa l'euro che la sterlina probabilmente, perché un conto è gestire una moneta a difesa di un'economia abbastanza omogenea, un conto è per una eterogenea con forti egoismi di posizione.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 23/10/2019 - 14:19

@ Lorenzovan "Tremonti ha rivelato il V segreto di Fatima..che tutti anche i meno esperti in economia sapevano..." - Purtroppo non è come dice; perchè i media (carta Tv e web) si sono guardati bene dal mettere in guardia l'uomo comune di "main street" e l'opinione pubblica in genere, sul tremendo potenziale problema che incombe sul mondo intero. La propaganda USA -per mezzo dei media locali- e le stesse autorità monetarie ripetevano da alcuni anni che "va bene, stà migliorando ogni anno che passa" emettendo dati regolarmente taroccati "sul livello di consumi, sul livello di occupazione, etc etc"; SE LE COSE ANDAVANO COSI' BENE COME DICEVANO, perchè mai J.Powell (governatore Fed) in tutta fretta VEN 11 OTT -senza nemmeno attendere la prossima riunione FMOC in programma a fine mese- ha annunciato la ripresa in pompa magna del QE in USA ($ 60 miliardi/mese di acquisti titoli governativi e corporate)???...

ulio1974

Mer, 23/10/2019 - 14:24

...questo lo prevedono, e sanno, tutti, non c'è bisogno di essere degli economisti, basta solo non essere PD (PerDaball)e/o 5balle.....

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 23/10/2019 - 14:32

Tremonti parla così perché ha una personale e diretta esperienza del crollo economico del "bel Paese". Da cittadino anziano, che ne ha viste tante, direi che ogni crisi economica ha sempre una partecipazione dell'insipienza governativa. Vecchio e già due volte vittima di un taglio della mia pensione, ne aspetto un'altra a breve, dal governo più "sballato" della Storia!

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 23/10/2019 - 14:32

@ Libertà75 : in tutto il marasma attuale verso la tempesta economica che si prepara, io credo che quelli più esposti siamo noi europei. Non è difficile da comprendere il perchè: tra tutti i maggiori players mondiali, siamo quelli più divisi politicamente. Tutti gli altri (USA Cina Russia JAP CH Norge, e UK prossima all'uscita dall'UE) possono contare SULLA PROPRIA BANCA CENTRALE e SULLA PROPRIA DIVISA MONETARIA, mentre noi Europei siamo un carrozzone di 27 tenuti insieme "con scotch e spago" per mezzo dell'€; chi come la Russia non può vantare una divisa forte può vantare un territorio immenso ricolmo di risorse (tutte le MATERIE PRIME necessarie all'industria, proprio quelle che mancano all'Europa). Altro aspetto non secondario: USA Russia e Cina posseggono gli APPARATI MILITARI più imponenti al mondo, lo stesso dicasi per UK e FR; il resto dell'Europa fà ridere a confronto, peraltro l'UE non è stata nemmeno capace di predisporre un esercito Europeo unito, figurarsi.

gedeone@libero.it

Mer, 23/10/2019 - 14:38

Insomma, belle prospettive non c'è che dire. Se tutto va bene siamo rovinati anche perché in Italia abbiamo un governicchio formato da dilettanti allo sbaraglio e forcaioli a senso unico che hanno l'intento di punire ed uccidere l'unica mucca che fornisce il latte. Dovremmo ribellarci ma i moderati non siamo in grado purtroppo di farlo. Campicchiamo attendendo moderatamente la fine.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 23/10/2019 - 15:48

@ gedeone@libero.it - Per ciò che il ns Paese rappresenta attualmente (una indiscussa debolezza) l'Italia necessita di uno stretto alleato tra i PAESI FORTI del mondo. L'indicazione più ovvia sarebbe tra quelli UE, salvo notare che negli ultimi anni Francia e Germania hanno fatto "guerra" all'Italia (su vari temi, a cominciare da quello MIGRANTI) quindi non c'è da aspettarsi molto in prospettiva futura da due paesi come quelli che peraltro hanno perseguito esclusivamente gli interessi propri. Fuori dall'UE rimane solo USA, per vari motivi: sono quelli che stanziano sul ns territorio 12.000 militari permanenti, distribuiti in oltre 100 basi militari NATO; gli USA hanno come nemici storici Russia [e Cina ultimamente] per cui stringere alleanze commerciali con questi potrebbe essere visto assai negativamente dagli USA. L'apertura fatta da Conte alla Cina ad inizio 2019 è stato un grave errore strategico in questa prospettiva.

Libertà75

Mer, 23/10/2019 - 16:27

@aorlansky, vero quello che dici, non dimentichiamoci però che il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi. Il primo QE della BCE ha spostato in banca d'Italia il 10% del debito pubblico italiano, si è quindi fatta una manovra di oltre 200 miliardi di euro. Se si facesse una identica operazione, mentre gli altri curano la finanza privata, noi cureremo quella pubblica. In sostanza, se cadesse la UE si ritroverebbero più in crisi i Paesi con alto debito privato piuttosto che quelli con alto debito pubblico.