Il programma "moderato" degli islamici: "La poligamia è un diritto che ci spetta"

Il fondatore dell'Ucoii sbeffeggia il sindaco di Milano: "Meglio noi delle unioni omosex"

Chissà se c'è scritto anche sulla carta di identità. Professione: «islamico moderato». Tanto «moderato» da affermare esageratamente: «La poligamia è un nostro diritto civile». Ma dove, nei paesi arabi? «No, in Italia». Parola di Hamza Piccardo, fondatore dell'Unione delle comunità islamiche italiane (Ucoii) e padre di Davide Piccardo, figura di spicco del Coordinamento delle Associazioni Islamiche di Milano (Caim).

Piccardo senior e Piccardo junior sono ormai dei «portavoce di Maometto» che i salotti televisivi si contendono, anche se i Piccardo's - più che integrasi alla nostra cultura - vorrebbero integrare noi a quella del loro amato Profeta. E non solo sul fronte religioso, ma pure su quello delle relazioni sentimentali. Così ieri il signor Hamza Piccardo ha detto la sua in tema di unioni civili. «Anche la poligamia è un diritto», il titolo del post su Facebook, accompagnato dalla fotografia del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, gran cerimoniere delle prime unioni omosex regolamentate dal ddl Cirinnà. «Una grande e storica giornata», l'ha definita un eccitatissimo Sala; decisamente più accorata la valutazione di Piccardo: «Io e milioni di persone non condividiamo la relazione tra persone dello stesso sesso». Il fondatore dell'Ucoii, più che le unioni gay, vede di buon occhio le unioni poligame: «Siamo una minoranza. L'intera società può accettarci tutti».

Quando Piccardo parla di «intera società», si riferisce ovviamente all'intera società italiana dove, anche per colpa di una legislazione ambigua, la poligamia è, se non accettata, quantomeno tollerata.

Secondo una ricerca condotta dall'Associazione donne marocchine in Italia, presieduta dall'ex parlamentare del Pdl, Suad Sbai, nel nostro Paese i bigami sono circa 20mila (non esistono statistiche ufficiali ma solo stime di riferimento), di cui la metà tra Lombardia e Veneto. Un esercito di «mogli di riserva» o «mogli di scorta» (senza nessun diritto per la nostra legge), frutto perverso di quel Corano e di quella Sharia che consente agli islamici di avere fino a 4 donne. Un fenomeno che - come dimostrato da una recente inchiesta del Giornale Controcorrente - sta crescendo in maniera esponenziale sull'onda dell'arrivo massiccio della popolazione musulmana. Un impatto cui lo Stato italiano mostra di essere inadeguato sotto il profilo normativo. La nostra giurisprudenza, in tema di poligamia e concubinaggio, ne è una prova clamorosa. La conferma viene dal giudice Dembele Diarra, ex vicepresidente della Corte penale internazionale: «In Italia è possibile essere poligami di fatto senza violare formalmente la legge, anche se essa sanziona il reato di bigamia». L'alto magistrato ha recentemente presieduto un summit fra esperti di diritto di famiglia di sette Paesi (Turchia, Italia, Francia, Mali, Bulgaria, Israele, Senegal). Le parole più sferzanti l'alto magistrato le ha riservate proprio al nostro Paese, dove «le donne sono vittime di questa gravissima forma di violenza che si chiama poligamia». Il motivo? «La vostra legge non è chiara e finisce col legittimare i matrimoni religiosi all'interno delle moschee: riti celebrati da imam privi di scrupoli che non richiedono nessun tipo di certificazione civile».

Una procedura contra legem che Ali Abu Shwaima, ex imam della moschea di Segrate, «poligamo praticante» (con due mogli e sette figli), non ha difficoltà a confermare: «Personalmente ho celebrato decine di matrimoni religiosi. Non mi sento assolutamente in colpa. Il problema è solo di voi italiani. La legge è infatti dalla nostra parte».

Con la benedizione di Allah.

Commenti

Anonimo (non verificato)

Ritratto di gian td5

gian td5

Dom, 07/08/2016 - 12:28

Cara "redazione" ti invito a documentarti prima di scrivere fesserie, la cosa può anche non piacere, ma l'Italia, facendo parte dell'UNESCO ha accettato la "Dichiarazione Islamica dei Diritti dell'Uomo" (Parigi 19 settembre 1981) per la quale un islamico ha diritto a non rispettare le leggi del paese che lo ospita, se queste sono in contrasto con la shari'a. Conclusione: ha ragione il sig. Piccardo e a dirla tutta anche io, quando sostengo che siamo governati da fessi incapaci.

joecivitanova

Dom, 07/08/2016 - 12:59

..mah, a me sembra che i 'sinistrumenti', per avere più carte con cui giocare, abbiano mischiato il mazzo di carte da briscola con quello da ramino, ed ora vorrebbero fare il banco e condurre il gioco, tenendo pure la cassa in mano, ovvio. Provate un po' Voi ora ad immaginare quello che possa venir fuori..!?..perché io non ci riesco..eh..!! g.

MarioDeDominicis

Dom, 07/08/2016 - 18:41

Piccardo dovrebbe andare a farsi sodomizzare in islam da tutti i beduini impestati come lui.

buri

Lun, 08/08/2016 - 09:00

vengono senza essere imvitati e pretendono di imporci i loro costumi, prima di parlare di diritti impaeino a rispettare le leggi in vigore che non prevedono la poligamia o in alternativa tornino a casa, nessuno li trattiene