La prossima piaga saranno le zecche

Sempre più diffuse, vivono in ogni continente. Anche nell'Antartico

Altro che cavallette, Sars, Ebola e Zika. La prossima minaccia per la salute globale sono le zecche. Si trovano in ogni continente, perfino nel gelido Antartico. E accumulano microbi patogeni. Ecco perché sono una delle specie animali più pericolose. La loro ubiquità e le loro pessime abitudini rappresentano un mix davvero letale.

Uno dei motivi per cui i rischi che si portano dietro sono stati finora sottovalutati è che le zecche sono state studiate poco fino a oggi. Ogni anno vengono scoperte nuove specie e la lista dei microbi che si trovano al loro interno cresce in maniera esponenziale. È stato solamente nel 1975 che si è scoperta la malattia di Lyme, causata da un batterio che infesta le zecche, che a loro volta possono trasmetterlo all'uomo e agli animali. I luoghi nei quali è più facile contrarla sono le zone boscose e ricche di cervi, dal momento che queste rappresentano l'habitat ideale per i parassiti.

Tra le altre ragioni per cui le zecche sono diventate sempre più minacciose ci sono i cambiamenti dell'ecosistema, che le stanno spingendo in crescente contatto con gli esseri umani. E i cambiamenti climatici. Con l'innalzarsi delle temperature a livello globale, i parassiti trovano sempre più zone fertili in cui proliferare. In sostanza, l'influenza dell'uomo sull'ambiente circostante sta favorendo la diffusione delle zecche, che portano con loro una lunga sfilza di patogeni, virus, batteri e protozoi.

Oltre alla malattia di Lyme, la Babesiosi è una delle «piaghe» nate dalle zecche, che può provocare anche la morte, causata dai protozoi chiamati Babesia e difficilmente diagnosticabile dai medici, tanto che potrebbe essere molto più diffusa di quanto si creda.

La difficoltà a fermare la diffusione delle zecche e delle malattie che possono provocare dipende anche dal mondo interconnesso in cui viviamo. Il 21esimo secolo, ancora più del passato, quando la Spagnola e la peste nera fecero migliaia di vittime, è diventato un tempo rischioso in cui vivere.

Commenti

giovanni951

Ven, 26/01/2018 - 09:35

in italia abbiamo fin troppe zecche rosse ( la peggior specie).

Ritratto di navajo

navajo

Ven, 26/01/2018 - 09:40

Ancora con la tavanata che il riscaldamento globale è colpa dell'uomo. !! mila anni fa la Tasmania divenne un'isola perché il mare si innalzò notevolmente a causa dello scioglimento di gran parte delle calotte polari sommergendo la lingua di terra che la univa all'Australia Non c'erano industrie, auto, e tutto il resto, ma la temperatura si innalzò notevolmente.

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Ven, 26/01/2018 - 10:14

Sembra la descrizione dei dipendenti delle agenzie delle entrate.

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Ven, 26/01/2018 - 10:15

@navajo - le prove che il riscaldamento globale è in atto e che è opera dell'uomo sono piuttosto convincenti. Non so se il riscaldamento sia una cosa buona o no, però è assodato che le cause più significative derivano dalle attività umane. Hai ragione a dire che ci sono stati altri periodi di riscaldamento e di raffreddamento del pianeta, ma queste variazioni sono state causate da altre cause; il fatto che già in passato ci siano stati riscaldamenti non smentisce minimamente quello che sta succedendo adesso.

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Ven, 26/01/2018 - 10:22

@navajo, ci sono anche altre cause dietro all'innalzamento delle temperature. In passato questo è successo per variazioni nella composizione dell'atmosfera, per eruzioni, per lo spostamento delle masse di acqua, per impatti di asterodi, ... Adesso l'innalzamento è dovuto soprattutto alle attività dell'uomo. Non vedo il motivo di negare quello che sta succedendo.

il sorpasso

Ven, 26/01/2018 - 10:23

In Italia sono già presenti e sono di color rosso!

Ritratto di glucatnt73

glucatnt73

Ven, 26/01/2018 - 10:28

In Italia ce ne sono a migliaia, basta andare in un centro sociale....

g-perri

Ven, 26/01/2018 - 10:37

Il problema non sono quelle ad otto zampe (che possono essere studiate e debellate), ma sono le zecche bipedi provenienti da ogni dove, che distruggono tutto ove si insediano e chi prova a difendersi viene tacciato di razzismo.

giovanni235

Ven, 26/01/2018 - 10:45

Che prossime piaghe,le abbiamo già:Boldrini,Boschi,Mogherini,la rossa dai capelli rossi,ecc.ecc.

pardinant

Ven, 26/01/2018 - 10:46

In effetti il problema sussiste in quanto se nella mia vita fino a una quindicinaa di anni addietro non mi sono mai ritrovato una zecca attaccata alla pelle, ultimamente i casi sono stati una decina al punto da farmi cambiare le abitudini di vita, stando lontano da boschi e prati in particolare se frequentati da pecore, ma sicuramente altri animali selvatici ne sono portatori e forse anche alcuni uccelli come i piccionni di ui abbiamo le città invase. Poi purtroppo cani e gatti per ogni dove, fanno il resto.

Marcolux

Ven, 26/01/2018 - 11:51

Già, qualcuno mi ha fregato la battuta! In Italia abbiamo le zecche rosse, le peggiori sulla faccia della Terra!

Ritratto di nowhere71

nowhere71

Ven, 26/01/2018 - 12:03

l'articolo ha dimenticato la razza di zecche "exmogli" che succhia il sangue come un vampiro.

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 26/01/2018 - 12:12

E perché le definite "prossima piaga"? Ne siamo già infestati,sono tutte di colore rosso e nei weekend si radunano in apposite sezioni dello stesso colore,per farsi lobotomizzare dal pensiero unico sinistrato,che poi ci rovesciano addosso. Ne conosciamo i nomi e cognomi,un buon antiparassitario (per cominciare) ci sarà fornito il 4 marzo.

Ritratto di giordano

giordano

Ven, 26/01/2018 - 12:34

Salvini è da una vita che lo dice. Visto? , pian piano gli date ragione, BRAVI !!!!

Raoul Pontalti

Ven, 26/01/2018 - 13:12

Ragioni ecologiche portano le zecche ad aumentare anche in Europa e a veicolare malattie, nessuna sorpresa dunque, ciò che sorprende invece è la mancata citazione nell'articolo delle malattie da zecche più diffuse in Italia e in particolare di quella che è considerata emergente (ehrlichiosi) a fronte della citazione di una malattia rara nell'uomo (in genere si tratta di soggetti gravemente immunocompromessi o splenectomizzati) come la babesiosi che interessa per lo più i roditori e gli uccelli e poi gli ungulati sia domestici che selvatici e infine i carnivori (cane!). La babesiosi costituisce un problema ecologico, un problema veterinario di preminente interesse zootecnico ma non un problema per la salute umana (salvi i soliti casi eccezionali e particolari situazioni come in certi Stati degli USA a causa di talune babesie dei roditori non presenti in Europa).

acam

Ven, 26/01/2018 - 13:36

si le zecche uns piaga sicuramte meno dannosa dei comunisti parassiti endemici, pericolosi sotto qualsiasi forma si presentino

Malacappa

Ven, 26/01/2018 - 13:55

Da molto tempo esiste sta piaga e' cresciuta col governo traditore che abbiamo,4 marzo e'nato il grande Lucio Dalla e sara' il giorno della liberazione

giottin

Ven, 26/01/2018 - 14:08

Siamo già infestati di zecche, di ogni colore, rosse, nere più o meno chiare, poi ci sono quelle che ci sgovernano, molto pericolose, ma che si potrebbero debellare solo non votandoli, ma purtroppo a troppi piace ancora essere parassitati!

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 26/01/2018 - 16:36

Nella foto un komunista Doc.

Giorgio5819

Ven, 26/01/2018 - 16:48

Le zecche? Ne abbiamo già una miriade in parlamento, soprattutto nelle cariche più alte.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 26/01/2018 - 17:16

@giovanni951 - hai ragione e sono ancora numerose.

giolio

Ven, 26/01/2018 - 17:22

siete forti a pubblicare un articolo sulle zecche prima delle elezioni comunque sono animaletti pericolosissimi se mordono può arrivare la paralisi

Zizzigo

Ven, 26/01/2018 - 17:58

Viva quelli che hanno capito tutto della dinamica termica terrestre! e non hanno mai sentito parlare nemmeno di Zichichi.

emigrante48

Ven, 26/01/2018 - 18:15

La disinfestazione delle zecche, sopratutto quelle di razza rossa e a due gambe, avrá inizio il 4 marzo 2018 e si protrarrá fino alla totale scomparsa di questi immondi parassiti!!

rossini

Ven, 26/01/2018 - 19:05

Perché dite che si tratta della "prossima" piaga? Le zecche ci hanno già invaso. Si tratta delle zecche rosse (pidioti, comunisti e sinistri vari) e delle zecche nere (migranti provenienti dall'Africa).

vince50

Ven, 26/01/2018 - 21:02

Una piaga lo sono già da alcuni decenni,specialmente quelle rosse.

Ritratto di Strong8Sadrinedda

Strong8Sadrinedda

Ven, 26/01/2018 - 23:40

La prossima piaga sono le zecche? Fino ad ora avete dormito? I cani politici nazionali hanno appestato l' Italia intera di zecche e scarafaggi dall' Africa....speriamo eruttino i vulcani

Ritratto di Strong8Sadrinedda

Strong8Sadrinedda

Ven, 26/01/2018 - 23:40

La prossima piaga sono le zecche? Fino ad ora avete dormito? I cani politici nazionali hanno appestato l' Italia intera di zecche e scarafaggi dall' Africa....speriamo eruttino i vulcani

kayak65

Sab, 27/01/2018 - 00:03

giovanni951. hai tolto le parole a milioni e milioni di italiani. il 4 marzo comincia la disinfestazione

Bodrus

Sab, 27/01/2018 - 08:18

che le zecche siano un pericolo lo dico da sempre .. specie quelle a due gambe il cui habitat sono i centri sociali