Quei cristiani perseguitati che nessuno vuole salvare

Nell'islamico Sud Sudan 700 mila profughi: i bambini costretti a pregare Allah per mangiare. E le Ong tacciono

I bambini cristiani nei campi profughi del musulmano Sudan, in fuga dalla guerra civile, sono costretti a recitare i versi del Corano se vogliono la razione di cibo e sopravvivere. Nessuna grande Ong, che si strappa le vesti per i migranti in Libia, denuncia vessazioni del genere. I piccoli cristiani sono lontani, non fanno notizia e la loro fede è d'intralcio nel nome del politicamente corretto che non ama puntare il dito sulle discriminazioni religiose perpetrate dagli islamici. Gli unici a denunciare tali nefandezze sono le organizzazioni cristiane, come Aiuto alla chiesa che soffre (Acs), fondazione pontificia. «I bambini cristiani nei campi profughi sudanesi sono costretti a recitare le preghiere islamiche per ricevere il cibo» ha rivelato una fonte locale protetta dall'anonimato per timore di ritorsioni.

Almeno 700mila cristiani del Sud Sudan sono in fuga dall'orribile guerra civile dello stato indipendente da pochi anni e hanno trovato un rifugio precario sul territorio controllato dal governo islamista di Khartoum di Omar al Bashir. I profughi sono costretti a vivere in condizioni drammatiche confinati in campi poco degni di questo nome «perché il governo - spiega la fonte di Acs - non li permette di proseguire verso nord e raggiungere le città». Nei campi le razioni di viveri sono spesso insufficienti. La quantità fornita ogni mese a ciascuno famiglia dura appena per due settimane. Il motivo della scarsità di viveri è semplice: gran parte degli aiuti arrivano dalle agenzie per i rifugiati dell'Onu, ma vengono in gran parte trafugati e venduti al mercato. Spesso sui sacchi di aiuti in vendita sono ben visibili i marchi dell'Onu, che li ha donati per i rifugiati.

Acs denuncia che «il governo impedisce alle organizzazioni umanitarie di vigilare sulla distribuzione degli aiuti e non permette alle associazioni legate alla Chiesa di offrire alcun sostegno ai rifugiati».

Non stupisce che i cristiani non solo si trovino ad affrontare la miseria, ma pure la discriminazione se non persecuzione. In questo contesto si sono verificati i casi dei più piccoli costretti a recitare versi del Corano per ottenere il cibo quotidiano.

La discriminazione religiosa è «una piaga purtroppo diffusa in tutto il Paese afferma il direttore di Acs-Italia Alessandro Monteduro -. Nel Sudan guidato dal regime islamista di Al Bashir, in cui vige la sharia islamica, la persecuzione anti cristiana ha raggiunto livelli gravissimi».

Diverse donne sono state arrestate all'uscita dalle chiese per «abbigliamento indecente» ovvero semplici pantaloni o gonne. I rappresentanti pastorali di 2 milioni di cristiani hanno inviato in maggio una lettera aperta al governo denunciando a chiare lettere la discriminazione. E protestando per le demolizioni delle chiese, la confisca di proprietà ecclesiastiche, l'impossibilità di costruire nuovi edifici di culto e le restrizioni agli spostamenti dei rappresentanti religiosi. Almeno 17 chiese sono state distrutte con la scusa che non rispettavano le norme vigenti. «E molte altre rischiano di essere abbattute continua Monteduro - La motivazione addottata da Khartoum è la violazione dei piani regolatori, ma è ben noto l'intento di al-Bashir di eliminare la presenza cristiana dal Paese». Non a caso il Sudan è nei primi posti della lista nera dei paesi nel mondo per il mancato rispetto della libertà religiosa. FBil

www.gliocchidellaguerra.it

Commenti

ohibò44

Dom, 10/09/2017 - 18:32

Papa Francesco ha troppo da fare per salvare i musulmani Rohingya

paolonardi

Dom, 10/09/2017 - 22:08

I cristiani, secondo il falso papa, devono porgere l'altra guancia oltre alle due che il padreterno ci ha fornito mentre gli islamici devono, sempre secondo il falso papa, accolti ed amati come nostri fratelli. Follia allo stato puro.

CidCampeador

Dom, 10/09/2017 - 22:53

il primo che non spende una parola decisa in merito e' proprio l'imam del vaticano

Ritratto di aiachiaffa

aiachiaffa

Dom, 10/09/2017 - 23:16

Quei cristiani perseguitati che nessuno vuole salvare Nell'islamico Sud Sudan 700 mila profughi: i bambini costretti a pregare Allah per mangiare. E le Ong tacciono ******************************************************************** In prospettiva, purtroppo, vedo un simile destino per noi cattolici italiani !!!

zeuss

Dom, 10/09/2017 - 23:42

Ma papa Bergoglio, questo lo sa, oppure non gli e lo raccontanto? Se conosce le vicende dei musulmani, ed interviene autorevolmente, strano che non conosce i suoi fedeli e non interviene?

clamor

Dom, 10/09/2017 - 23:54

Che orrore, chissà dove sono finite le varie "boniste" Ong, Emergenzy, il buon Gino Strada, con i suoi sermoni Saviano e l'inutile ONU. Del papa Franceshiello è ormai risaputo che delle due pecorelle ha scarso interesse . Per me i primi colpevoli sono comunque i vari media prezzolati, obbedienti al volere del pensiero unico comune e silenti e conniventi per non essere islamicamente corretti !

clapas

Lun, 11/09/2017 - 00:13

Ma quale papa Francesco, bergoglio (minuscolo) è ora che cominci a vergognarti

Marcolux

Lun, 11/09/2017 - 02:25

Certo che le ONG tacciono! Tace anche Bergoglio....non sono mica islamici! Non c'è niente da lucrare e guadagnare...quindi dei cristiani chi se ne frega! A quella specie di Papa golpista non passa neanche per la testa di spendere una sola parola per quei poveri disgraziati. Dovrebbe prima o poi nominare l'innominabile Islam, quindi...meglio far finta di niente!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 11/09/2017 - 05:58

Con tutte le persone caritatevoli che abbiamo in italia, ma solo verso i musulmani, nemmeno uno che si occupa dei cristiani, manco il vaticano.

adgarliveri

Lun, 11/09/2017 - 06:02

Il Papa pensa ai musulmani...UE che pensa a come aiutare i musulmani...ONG pensano solo a salvare i musulmani....ma fa che io ho scelto la religione sbagliata ??

Popi46

Lun, 11/09/2017 - 06:44

Si è capito ormai che le Ong sono covate di speculatori e stop

Alex1970

Lun, 11/09/2017 - 07:01

Siete falsi. Se venissero con i barconi parlereste di invasione

unz

Lun, 11/09/2017 - 07:12

una notoxia cosi dovrebbe arrivare e risuonare per mille volte. Invece non accade. Sarebbe accaduto trent'anni fa, quando la presenza musilmana era pressochè inesistente. Adeso non bisogna fomentare le tensioni....

mstntn

Lun, 11/09/2017 - 07:34

Come, i dottori Strada e Agnoletto non sono lì ad aiutarli? Come? Non ci sono perché impegnati in tv?

marcinco64

Lun, 11/09/2017 - 07:35

Purtroppo la papa mobile è troppo "soffice"

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 11/09/2017 - 07:40

é vergognoso come la politica induca anche un papa a cercare solo indulgenza nei confronti di chi non merita nemmeno comprensione!

Zorz.zorz

Lun, 11/09/2017 - 07:57

Paolo bardi,lei di certo sa che è proprio così.Noi cristiani dobbiamo amare il nemico e porgere sempre l'altra guancia.E' per questo che il cristianesimo e' una religione " aliena". Amare la persona piacevole è da tutti e non porta merito....

People

Lun, 11/09/2017 - 10:57

Egregio Zorz, allora si dovrebbero amare anche i seguagi delle sette sataniche, i pedofili, gli stupratori etc. Si sbaglia di grosso. Non è questo l'amore cristiano. La difesa dal malvagio non solo è sempre ammessa, ma anche dovuta, per proteggere il prossimo meritevole di carità. Si ricordi l'operato dei cavalieri templari, di malta e del santo sepolcro.

Zorz.zorz

Lun, 11/09/2017 - 12:21

People.Proprio perché il cristianesimo non è per umani,ma è un indirizzo,una strada da seguire,non per niente Gesù è vittima.Lui però non era solo un uomo... Per quanto riguarda i crociati legga quello che ne dice Cardini ,forse il massimo esperto vivente...Dal malvagio ci si difende,certo.Ma in nome del "bene"nella storia si è sempre fatto troppo "male",primo esempio il comunismo....

Ritratto di bassfox

bassfox

Lun, 11/09/2017 - 16:31

è brutto essere minoranza in un paese che non ti vuole...... a CHIUNQUE capiti...