Quelle congiure contro se stessa Ecco dove la sinistra dà il meglio

Da D'Alema ai 101 di Prodi, i tradimenti più celebri di Palazzo

La congiura in politica è un eterno ritorno. Sgambetti e coltellate alle spalle costellano la nostra storia. Una vera carrellata, descritta da Bisogna saper perdere-Sconfitte, congiure e tradimenti in politica da De Gasperi a Renzi, il nuovo libro dei giornalisti di Sky Tg24 Filippo Maria Battaglia e Paolo Volterra (Bollati Boringhieri). Ci sono i leader che non sanno perdere, ma anche le grandi congiure della Repubblica. Molte a sinistra.

Rimini, 4 febbraio 1991. Al primo congresso del Pds manca la «formalità» dell'elezione di Achille Occhetto a segretario. La Quercia è già un concentrato di «intrighi, colpi di scena, congiure e scene madri». E c'è la trappola: «Occhetto risulta non eletto, per mancanza di quorum». Un «colpo di mano». Achille è «furente», «attraversa a piene falcate il congresso in disarmo e si rifugia al bar. Dove ordina un whisky, un Johnnie Walker che berrà in un paio di lunghe sorsate». Trova «un colpevole per quell'assassinio politico: Massimo D'Alema», coordinatore della segreteria. Ecco la cronaca di Claudio Velardi, allora braccio destro di D'Alema: « Si realizzò un meraviglioso imbroglio messo in piedi, anche con un qualche talento, bisogna ammetterlo, dal sottoscritto. Feci tutto di concerto con gli uomini che coordinavano le altre due correnti. Dopo che erano state aperte venti o trenta schede, non di più, mi sono fatto la mia griglia di proiezione sullo scrutinio e sono andato a dire a Massimo: Guarda che questo non ce la fa!». Dopo, in macchina, « Massimo era carico di adrenalina e ogni tanto ripeteva ad alta voce : È morto! È morto!».

Chi più di Romano Prodi conosce le congiure? I 101 del Pd che nel 2013 gli sbarrano la strada del Colle sono solo un esempio. Nel 1996 è premier con una maggioranza ostaggio di Rifondazione. «Avverte i suoi: Attenti. Sta per iniziare la caccia alla volpe». Nel 1998 «il casus belli è la Finanziaria, la prima finanziaria normale la definisce il ministro del Tesoro Ciampi. L'amico Bertinotti vorrebbe invece una legge più di sinistra. Annuncia: Togliamo la fiducia». Dirà Prodi: «La crisi del mio governo non è stata un complotto, ma quasi». Nel 2006 un'altra «via crucis». Il Pd nasce «nel momento più delicato della vita dell'esecutivo. Ma piuttosto che rafforzarlo, finisce per accelerarne il declino». Ha «in sé difetti e contraddizioni del vecchio Ulivo, compresa la divisione in correnti». Tutto precipita con l'uscita dal governo di Clemente Mastella. In Aula manca di nuovo la fiducia. Il Professore confessa: «Dal Pd, da Veltroni non è arrivato il sostegno che ci aspettavamo».

Nel 2012 Matteo Renzi perde le primarie, rende onore a Pier Luigi Bersani con un concession speech stile Usa e lo appoggia alle Politiche. Nel settembre 2013 però sentenzia: «Negli ultimi mesi forse era spompo . L'ho visto a Palermo ed era distrutto». Cattivo viatico. Il voto, col Pdl a un passo, sciocca Bersani: «Non abbiamo vinto, anche se siamo arrivati primi». La «non vittoria» intossica ancora oggi il Pd: D'Alema dà dell'«arrogante» a Renzi, i renziani gli rispondono che «è finito come Occhetto». E Bersani, rassegnato: «Renzi governa comodamente con i voti che ho preso io».

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 31/10/2016 - 09:11

Orribile visu ,non mangerò più mortadella in vita mia.

VittorioMar

Lun, 31/10/2016 - 09:39

..altro motivo per votare "NO"!!!

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Lun, 31/10/2016 - 09:41

Ma come fa questo parassita ad essere ancora a mezzo dopo tutti i casini che ha creato ????

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 31/10/2016 - 09:58

La mortadella, mi piace molto, MA se vedo questo brutto ceffo, mi viene in vomito!!! Che la politica sia sporca, è risaputo, e Macchavelli hà loro insegnato per bene, ma questi si sono specializzati ai doppiogiochi ed a prendere per il culo la popolazione, QUELLA POPOLAZIONE DA LORO STESSA RESA IGNORANTE ED ANALFABETA E CHE ORA SE NE APROFITTANO PROMETTENDO MARI E MONTI, """CHE NON SI AVVERERANNO MAI"""!!! È DAL DOPOGUERRA CHE PROMETTONO E PIÙ CHE SOCIAL-FACIO-COMUNISTI,(TRANNE Berlusconi, CHE HANNO DETRONATO CON UN GOLPE ALLA Napolitano!!!), NESSUN ALTRO PARTITO È SALITO AL POTERE. CHI ARRICCHISCE, SONO LE MAFIE, TRA CUI QUELLA PARLAMENTARE, DI CUI DOVREBBERO FAR SAPERE """CON QUANTO DANARO SONO ENTRATI IN PARLAMENTO E QUANTO È STIMATO IL LORO CONTO BANCARIO OGGI COME OGGI!!! Nessun altro stato hà GENTE INFAME AL GOVERNO COME I NOSTRI RAPRESENTANTI E C`È PURE GENTE CHE LI VOTA!!!

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 31/10/2016 - 12:58

Sono tanto attaccati al potere e paranoici che quando sono al potere dopo aver distrutto gli avversari cominciano a scannarsi tra loro.

agosvac

Lun, 31/10/2016 - 14:02

Purtroppo queste cose abiette non avvengono solo a sinistra! nel 2008 Berlusconi con la maggioranza che aveva avrebbe potuto realmente cambiare l'Italia. Ma c'era fini!!!!!

Tuthankamon

Lun, 31/10/2016 - 14:27

La sinistra nasconde sotto il grande manto del "bene del popolo", ogni sorta di coltellate alla schiena. Dimostrando di portare avanti tanti interessi inconfessabili come tutti gli altri, ahinoi!

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 31/10/2016 - 15:29

Per conto mio il prode Prodi deve essere posto al vertice dei massacratori del bel paese; Renzi segue a distanza. Come “lui” non c'è nessuno, anche perché Rita Pavone non c'entra affatto.

sergio_mig

Lun, 31/10/2016 - 15:33

@Agosvac Non è varo che succede solo a sinistra, a destra succede ma in altro modo, il motivo è sempre lo stesso: il potere e mantenere la poltrona. Cosa succede a destra? Che ci sono i traditori che cambiano casacca e schieramento politico, vedi ALFANO e tutto il nuovo centrodestra, Verdini, doppiamente traditori perché permettono di mantenere in vita QUESTO governo e parlamento illegittimo benché se ne dica non eletto da nessuno ma imposto da un golpista traditore che si chiama Napolitano, quindi un paese gestito da dittatori che si scannano non nell'interesse degli italiani ma per interessi di casta arrogante ladri a cui non interessa se siamo alla canna del gas. Votare no al referendum non cambia le cose ma almeno facciamo un tentativo di mandarli tutti a casa nella speranza di poter votare. Votare si sarebbe molto peggio anzi non riusciremo più a liberarci di questi truffatori.

Totonno58

Lun, 31/10/2016 - 15:49

Verissimo...ma aspettiamo il secondo capitolo, quello sulle congiure nel centrodestra...

geronimo1

Lun, 31/10/2016 - 15:58

Un covo di vipere, ma nessuno tradisce veramente come a Destra.... Non c'e' confronto tra la fedeltà a Sinistra (il voto in fondo non viene mai fatto mancare...) alla specie di TRADITORI che caratterizza il Centro Destra... Ci sara' pure un motivo per kui i komunisti sono capaci a konquistare ma soprattutto a MANTENERE il potere...!!!!!!!!

Tarantasio

Lun, 31/10/2016 - 16:32

Personaggi dell'inizio del secolo scorso come quello della foto hanno campato con la famiglia, quella di costui è una vera tribù, di trame e inghippi, tresche e raggiri interplanetari. Uomo dalle sette pensioni e quattordici incarichi, un pò stagionato per un insaccato ma ancora buono per il dopo Mattarella, da qui la querelle con d'alema, che pure lui ci tiene tanto, poverino....

mareblu

Lun, 31/10/2016 - 16:33

LEI HA PORTATO L'ITALIA VERSO IL PRECIPIZIO.

odifrep

Lun, 31/10/2016 - 17:47

@ sergio_mig (15:33) - infatti, proprio questo diceva l'ago del Vaccaro, e cioè, che Gesù non avrebbe dovuto far sedere Giuda sul terzo scranno. Non avrebbe avuto la possibilità di tradire.

sparviero51

Lun, 31/10/2016 - 18:21

NON ESISTE AL MONDO ZOCCOLA PIÙ SPORCA DELLA POLITICA !!!

nunavut

Lun, 31/10/2016 - 19:35

@ geronimo1uan domanda che ti può uccidere con la risposta.I komunisti (come scrive lei) alla fin fine Vogliono assolutamente mantenere il LORO ptere a destra ci sono dei personaggi che purtroppo non sanno fare a meno sia della poltrona,sia per incapacità cronica(Fini,Casini,Verdini,Alfano...)sai per la paura di perderla = mercenari della politica senza alcun rispetto per i voti ricevuti e per il bene del popolo,lasciamo perdere l'articolo della della costituzione(benigni la + bella del mondo) che permette queste transumanze (vocabolo scelto espressamente x mettere in risalto la mia opinione).Spero che questa abbiate la gentilezza di postarla una su 5 o 6 non é chiedere la luna.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 31/10/2016 - 20:56

E pensare che l'inno nazionale italiano inizia con ... fratelli d'Italia ... peccato che Mameli doveva aggiungere Caino e Abele ecc..

Ritratto di Paper_

Paper_

Mar, 01/11/2016 - 13:05

meno male che ci sono le congiure altrimenti questo brutto ceffo sarebbe andato al colle. Una vera disgrazia ambulante, prima fece di tutto per entrare nell'euro, poi visto che era una fregatura, ne voleva uscire, sempre che nel frattempo non abbia cambiato idea.

Abraracourcix

Mar, 01/11/2016 - 15:33

Purtroppo c'è del vero. La destra italiana non si è mai rafforzata per merito proprio, ma sempre e solo per demerito altrui.

Roberto47

Mar, 01/11/2016 - 17:19

Non illudiamoci che dalle nostri parti vada meglio: qualche nome sparso, i primi che mi vengono in mente: Kossiga, Bossi, Casini, Follini, Fini, il compagno Alfano, Verdini, Schifani, Bondi, ecc.