No alle spose-bambine

Dopo aver costretto la figlia 15enne a sposarsi, il bengalese voleva obbligarla, in Italia, ad avere rapporti sessuali col marito

La Corte di Cassazione ha ordinato un nuovo giudizio davanti al tribunale di Padova per il bengalese che, dopo aver costretto la figlia quindicenne ad un matrimonio nel suo paese d'origine, voleva obbligarla, in Italia, ad avere rapporti sessuali con il marito. Gli ermellini hanno giudicato insufficiente la pena di un anno e dieci mesi inflitta dal Gup, che l'imputato aveva ottenuto grazie al patteggiamento, e hanno stabilito che andrà giudicato, con rito ordinario, non solo per il reato di maltrattamento in famiglia ma anche per quello di violenza sessuale, che il padre come tutore dell'adolescente avrebbe dovuto impedire e non addirittura organizzare in casa sua. A prima vista, in nome del relativismo culturale, si potrebbe pensare che la Cassazione sia stata esageratamente rigorosa. Il padre metteva in pratica un uso della sua cultura d'appartenenza, il matrimonio combinato tra adolescenti ed adulti. Gli usi e i costumi di un'altra cultura possono costituire un esimente quando si configurano come veri e propri abusi dei diritti umani? La ragazzina aveva espresso la sua contrarietà ai genitori e aveva informato la scuola che frequenta in Italia. Grazie ad un esposto dalla preside e della sua insegnante è stato possibile evitare che la sottomissione e la violenza continuassero ad essere perpetrati. Gli ermellini hanno rimproverato al Gup di giustificare l'ingiustificabile attribuendo al padre una patente di subcultura, nonostante sapesse delle dichiarazioni della minorenne e dalla sua volontà di sottrarsi al dominio cui era sottoposta. In Bangladesh la situazione femminile è tra le peggiori del mondo. Le donne vivono in uno stato di povertà e di abbandono assoluti. È il paese in cui le acidificazioni si ripetono con più frequenza, anche contro bambine di soli dieci anni. La violenza domestica e i soprusi avvengono in un clima dove l'isolamento sociale non è eccezione ma quasi la regola. La cultura è elemento fondante di ogni convivenza sociale perché seleziona comportamenti accettabili e disciplina le azioni che altrimenti sarebbero guidate soltanto da stati emotivi, come la rabbia o l'attrazione sessuale, che possono generare devianza e discriminazione. La cultura occidentale e i suoi valori si fondano sull'uguaglianza tra uomini e donne, tra condotte sessuali, tra atei e credenti. La crescente islamizzazione in senso radicale del Bangladesh si sta evidenziando con stupri di gruppo su donne e omosessuali, con la pratica delle spose bambine, con l'omicidio degli intellettuali che rivendicano la loro laicità. Se davvero si vuole favorire l'integrazione, hanno fatto bene i giudici di Cassazione. La convivenza è possibile non dove vige l'anomia, ma dove le regole e le norme sociali sono rispettate da tutti.

Commenti

blackindustry

Sab, 08/10/2016 - 10:40

Strano, l'Islam e' religione di amore e tolleranza, non discrimina le donne e tollera le differenze...

Lapecheronza

Sab, 08/10/2016 - 11:38

Rimuovere l'incapace che sentenzia in nome del popolo italiano ?

Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 08/10/2016 - 13:54

BOLDRINI DOVE SEI, QUEST GIOVANE DONNA, NON è CARNE DA MACELLO PER I TUOI SPORCHI INTRALLAZZI, DOVE GIUSTIFICHE QUESTE BARBARE USANZE,E NOI DOVREMMO ADEGUARSI ALLE LORO USANZE, SEI SOLO UNA VOLGARE BALDRACCA DA gra

Ritratto di ateius

ateius

Sab, 08/10/2016 - 15:42

Aspettiamo la Boldrini e compagnia cantante ideologizzata, che evochi per queste situazioni la " Libertà di Culto". e prima o poi nel segno dell'integrazione ne legalizzi anche il comportamento, così diverso rispetto alla nostra cultura e tradizione.