Quirinale, botta e risposta tra Salvini-Renzi sul nuovo presidente della Repubblica

Nel libro di Bruno Vespa le dichiarazioni di Matteo Salvini e Matteo Renzi in merito alla crisi di governo e all’elezione del prossimo presidente della Repubblica

Mancano ancora alcuni anni per l’elezione del prossimo presidente della Repubblica, eppure le schermaglie politiche per il nuovo inquilino del Quirinale sono già iniziate, tanto che il tema è stato al centro del dibattito durante la formazione del governo Conte bis.

Nel libro di Bruno Vespa "Perchè l'Italia diventò fascista (e perchè il fascismo non può tornare)" in uscita il 6 novembre da Mondadori- Rai Libri, i leader Lega e Iv, Matteo Salvini e Matteo Renzi, duellano a distanza sulla possibilità che il prossimo presidente sia un esponente sovranista.

"Quando dice che questo governo deve sopravvivere fino alle prossime elezioni per il Quirinale, Renzi fa affermazioni arroganti e volgari. Oggi i poteri del capo dello Stato sono ben definiti dalla Costituzione e il presidente non può essere protagonista attivo della politica nazionale”, ha dichiarato Salvini. Per il leader della Lega, inoltre, “in linea teorica il presidente della Repubblica dovrebbe rispecchiare il sentimento del Paese. Se il sentimento prevalente è “prima gli italiani” se sovranista significa mettere “prima gli italiani” non capisco dove stia il problema nell'eleggere un presidente sovranista". Salvini, aggiunge che se Renzi e Zingaretti pensano a Prodi come prossimo presidente della Repubblica, allora “prenderebbero in giro gli italiani..."

Il leader di Italia viva, non perde occasione di attaccare Zingaretti, Gentiloni e Calenda che volevano andare al voto con l’intenzione di perdere con un buon risultato per, poi, ricostruire un nuovo Pd. “Ma questo ragionamento si scontra con un dato di fatto. Salvini sarebbe andato a palazzo Chigi con i “pieni poteri” che aveva chiesto, con una maggioranza utile a cambiare la Costituzione e soprattutto a eleggere all'inizio del 2020 il nuovo capo dello Stato", ha sottolineato l’ex premier.

Renzi ammette che in questo caso“non avremmo più sentito parlare di Conte e Di Maio ma la presidenza della Repubblica sarebbe stata la ciliegina sulla torta sovranista”. Secondo l’ex rottamatore la scelta era pensare ai fatti nostri o pensare all'Italia. “Per me pensare al Paese significava bloccare il diktat di Salvini. Umanamente mi è costato tanto, politicamente è stato un capolavoro".

Commenti

ziobeppe1951

Ven, 01/11/2019 - 18:52

Con i sinistrati..le disgrazie non hanno mai fine

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Ven, 01/11/2019 - 19:07

I soliti sinistri, pronti a tutto per il potere. Ora per riprenderselo stanno ingoiando baliate di sterco, si sono ridotti a vivere in una biologica, ma non si rendono conto che è tutto inutile. A gennaio la cara Emilia-Romagna seppellirà definitivamente ogni velleità.

paolo1944

Ven, 01/11/2019 - 19:09

Il Ciarlatano ago della bilancia di un governo rimasugli PD-5 stalle, un incubo per la democrazia. Ma Renzi ci sguazza, incurante del disprezzo degli italiani per lui e l'ammucchiata indegna che ha creato.

necken

Ven, 01/11/2019 - 19:10

che dire Renzi ha talento politico!

Ritratto di rebecca

rebecca

Ven, 01/11/2019 - 19:10

sempre più antipatico!

maurizio50

Ven, 01/11/2019 - 19:13

Ha ragione il conta balle. E' stato un capolavoro: sì di imbrogli, porcherie e disonestà, non tanto nei confronti di Salvini che si è fatto "fregare" da quella banda di magliari a nome PD; quanto della maggioranza degli Italiani che si sono visti imporre un governicchio di intrallazzisti e manovratori di sagrestia. Anche se poi hanno l'ardire di definirsi "democratici"!!!!

Gianni11

Ven, 01/11/2019 - 19:15

Cambiare la costituzione e cacciare la sinistra dalla magistratura sono due passi obbligatori per salvare l'Italia e il popolo italiano dalla distruzione programmata. Tizi come renzi dovranno scappare per non finire al confino. Sanno benissimo cosa meritano.

newman

Ven, 01/11/2019 - 19:19

Le fesserie che Renzi ha fatto come capo di governo sono costate molto agli italiani, umanamente, finanziariamente e politicamente. E difatti hanno mandato Renzi a quel paese ....

manente

Ven, 01/11/2019 - 19:28

Il fatto che Renzie e l'entità pidiota vogliono scongiurare la nomina di un PdR "sovranista", conferma che il Capo dello Stato non è affatto "super partes", quanto al contrario in possesso di poteri tali da riuscire a controllare e condizionare fortemente la politica, fatto ampiamente dimostrato da PdR come Ciampi e Napolitano che di "indipendente" non hanno avuto nulla !

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 01/11/2019 - 19:32

Non può sempre eleggere i lPresidente la sinistra. Non sarebbe democrazia.

bernardo47

Ven, 01/11/2019 - 19:49

tutta fuffa dei due cialtroni; per farsi vedere in giro.

Alfa2020

Ven, 01/11/2019 - 20:03

Renzi sei il pagliaccio piu grande d'italia caro renzi da lultima batosta non ti sei piu ripreso la parola voto ti mette orrrore

Renadan

Ven, 01/11/2019 - 20:25

La paura di perdere la poltrona e' tantissima e gli italiani intanto continuano a prenderlo nel sedere

Ritratto di ohm

ohm

Ven, 01/11/2019 - 20:50

renzi forse non ha capito che gli italiani non lo vogliono più nè sentire nè vedere ....quindi sciò ...nesuuno lo ha chiamato!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Ven, 01/11/2019 - 21:39

Ha ragione Maurizio50:quello di Renzi è stata un'autentica porcheria politica ,avendo fatto nascere un governo apolitico che non si interessa assolutamente di quello che vogliono gli italiani. Si spera che la rossa Emilia cambi colore al più presto per non vedere più in giro certe facce. Comunque c'è di buono che il pinocchio di Rignano ha fatto il miracolo:è riuscito a far resuscitare tutti gli zombi di sinistra che si erano assopiti in questi anni.

Ritratto di Risorgeremo

Risorgeremo

Ven, 01/11/2019 - 21:53

Politicamente un capolavoro la Lega al 34% o Italia Viva al 3,4% ?

ST6

Ven, 01/11/2019 - 22:02

Vespa, la parrucchiera del Parlamento italiANO. E le due zitellone si prendon a capelli (di sotto). Il vuoto cosmico. Punto

mifra77

Ven, 01/11/2019 - 22:06

Le parole di Renzi non danno adito ad interpretazioni fantasiose; lui sa benissimo e con certezza che gli elettori non sono più(ammesso che lo siano mai stati) con questo governo. La realtà è che lui stesso ci narra che se si dovesse andare a nuove elezioni, il centrodestra vince con maggioranza e va al governo, senza dare al capo dello stato la scusante che i 5* hanno si meno voti di una coalizione di centrodestra ma sono il partito con più preferenze. oggi non è più così e Renzi ricorre a vecchi trucchi, ammanetta la democrazia ed il suo garante, approfittando della miopia di colui che pur con prove concrete alla mano, copre i suoi giochetti.

Luigi Farinelli

Sab, 02/11/2019 - 00:24

Renzi dimentica che fermare i "diktat" di Salvini, significa fermare la volontà del popolo sovrano che si sta esprimendo chiaramente su chi voglia al potere. Questa sinistra di zecche rosse ancorate disgustosamente sul corpo della società italiana deve essere annichilita democraticamente, ridimensionata e finalmente estirpata per evitare che, come tutte le zecche, sia causa di infezioni irreversibili per il Paese (ricordatevi dell'immigrazionismo senza regole, della sottomissione masochistica dell'economia alla massoneria Ue, di Bibbiano, Modena e del Forteto, del gender che vogliono imporre a scuola, del disgustoso femminismo antagonista che marcia a braccetto con l'anarchismo degli squadristi rossi contrastanti con la violenza manifestazioni e conferenze sgradite, delle ideologie laiciste protette e fatte diffondere, dall'aborto all'eutanasia al matrimonio gay all'utero in affitto. Il rigetto di tutto ciò è ormai palese.

Ritratto di abj14

abj14

Sab, 02/11/2019 - 02:33

bernardo47 19:49 scrive : "tutta fuffa dei due cialtroni; per farsi vedere in giro." - - - Molto bene; in tal caso, mi dica chi sarebbe il "non cialtrone" nel suo ampio portafoglio politico.

acam

Sab, 02/11/2019 - 04:21

sette o otto anni fa Renzi regnante il generale Haftar aveva chiesto aiuto all'italia per contrapporsi all'incipiente avanzare dello stato islamico in Libia ma il pavido ragazzino viziato non voleva prendere tale decisione per non si conosce quale ragione. dei buoni trattati con quel generale avrebbero permesso di controllare le coste libiche e impedire la partenza di centinaia di migliaia di migranti. russi ed arabi hanno tutto l'interesse che il mediterraneo non venga controllato dall'italia che è proprio nel centro. il partito di renzi faceva ottimi affari con con lo stato supportando l'immigrazione difatti vorrebbe continuare. quei governi mezza tacca non vollero spendere miliardi per proteggere i nostri interessi in libia che pur erano molto grandi. come sempre il nostro dispiegamento militare vuole botte piena e moje mbriaca senza successo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 02/11/2019 - 05:43

Dalle percentuali sembra più italia morta che italia viva.

Papilla47

Sab, 02/11/2019 - 08:32

Caro Renzi anche se sei pieno di idee e conosci tutti i trucchi sai anche che per metterli a segno non potrai mai farlo attraverso il voto degli italiani quindi organizzati diversamente.