I rom brindano ai funerali di Ermes

L'ultimo schiaffo al robivecchi vicentino stroncato dal crepacuore per le troppe ingiustizie dello Stato. La rabbia della gente: "Carnefici trasformati in vittime"

Il duomo di San Michele Arcangelo ad Arsiero (Vicenza), semidistrutta durante la Prima guerra mondiale, conserva la grandiosa pala de «L'Apparizione». Sotto, incorniciata dai fiori, c'è la bara di Ermes Mattielli. Dolore composto nel tempio, ma rabbia palpitante nei cuori. Sul sagrato i «duri» della Liga Vente accusano i parlamentari leghisti di essere dei «mollaccioni». I parroco ordina: «Via le bandiere politiche».

Poi comincia la messa. Commozione. Funerali «di» Stato? No, questo è il funerali «dello» Stato. E la differenza è sostanziale. Qualcuno piange di rabbia. Poi applaude all'arrivo deol feretro. Altri, nell'accampamento rom di Schio dove vivono i due rom-ladri feriti da Ermes, brindano: «Quello lì ha fatto la fine che meritava...». Una storiaccia cominciata male e finita peggio. Paradossi che si accavallano gli uni agli altri. Ermes che si becca 5 anni e 4 mesi di carcere per essersi difeso la sera del 13 giugno 2006 dall'ennesima irruzione dei ladri (loro condannati invece a solo 4 mesi). Ermes chiamato a risarcire 135 mila euro a chi lo hanno derubato per 20 volte in dieci anni. Due rom che, probabilmente, andranno a vivere nella casa di Ermes: quella stessa casa dove i nomadi avevano preso l'abitudine di entrare, rubare e andarsene via. Impuniti. Sempre.

Questo è il dramma di un uomo che non aveva nulla, ma a cui i suoi carnefici (che qualcuno ha trasformato in «vittime») hanno rubato tutto. Compreso un'eredità consistente in una catapecchia e un magazzino pieno di rottami. Poca roba. Nulla a che fare con la ben più ricca eredità - morale - di Ermes. E c'è mancato poco che i due rom-ladri, di cui sopra, si impossessassero anche dell'assegno con cui ieri sono stati pagati i funerali del 54enne robivecchi di Arsiero (Vicenza) stroncato da un infarto cinque giorni fa. Un assegno di 2mila euro che porta la firma particolare: Graziano Stacchio. Stacchio (ieri presente ai funerali) è il benzinaio di Ponte di Nato (Vicenza) «collega di sventura» di Mattielli. Ad accomunali non solo l'origine vicentina, ma soprattutto l'assurdità del groviglio giudiziario che ha soffocato entrambi. Mattielli ci ha rimesso al pelle; Stacchio è vivo, ma in un grave stato di prostrazione fisico-mentale.

Le loro vicende sono ormai note. Graziano Stacchio la sera del 3 febbraio scorso, sparò ad un gruppo di banditi (uno di loro morirà poi in ospedale) mentre stavano compiendo una rapina nella gioielleria accanto al suo esercizio commerciale. Il benzinaio per questa vicenda dovrà' affrontare un processo per eccesso colposo di legittima difesa. Mattielli, invece, era già stato condannato a 5 anni e 4 mesi per aver ferito due ladri che, per la ventesima volta in dieci anni, avevano tentato di portargli via le sue misere cose. Non solo. Mattielli avrebbe dovuto anche risarcire i due ladri con 135 mila euro. Una storia che fini sulle prime pagine di tutti i giornali. Partirono le collette a sostegno di Ermes. Anche Stacchio offrì un assegno, inviandolo al comitato pro-Mattielli.

Con questi soldi ieri sono stati pagati i funerali di Ermes, morto in miseria. La sua eredità (una catapecchia e un magazzino pieno di rottami) finirà nelle mani dello Stato, che poi la «girerà» ai due rom in qualità di «beneficiari del risarcimento disposto dal l'autorità giudiziaria» (ma un gruppo di sindaci vicentini sta già lavorando per una soluzione alternativa, destinare gli immobili ai senzatetto della zona). L'assegno di Stacchio si è miracolosamente salvato grazie al fatto di essere finito in un fondo a sostegno di Mattielli, ma non intestato direttamente al lui. Nel vergognoso ribaltamento di ruoli vanno segnalate anche le parole di Sonia Caris, la madre di uno dei malviventi feriti da Ermes in quella maretta sera del 13 giugno 2006: «Se dicessi che la sua morte mi dispiace, direi una bugia. Nessun perdono (dice così, «perdono») per l'uomo che ha tentato di uccidere mio figlio, ma non ho augurato il male a nessuno (notare la magnanimità ndr).

Mio figlio merita giustizia (dice proprio così: «merita giustizia»), ha sbagliato, certo, ma questo non significa che dovesse morire. Con 9 pallottole in corpo è un miracolo che sia sopravvissuto». Fin qui il «miracolo». Quanto all'incubo, quello lo ha subìto solo Ermes: la vittima che l' (in)giustizia ha trasformato in carnefice. Anche per questo Mattielli è morto. I medici dicono per «infarto»; gli amici per «crepacuore».

Commenti

Ggbs

Mar, 10/11/2015 - 08:07

a casa subito e senza proferire una sola parola!!! Altrimenti ci arrabiamo..

vince50

Mar, 10/11/2015 - 08:11

In estrema sintesi,non è affatto colpa dei rom ma nostra a tutti gli effetti.Potrà sembrare un paradosso,purtroppo non lo è affatto.

Ritratto di ohm

ohm

Mar, 10/11/2015 - 08:15

Mi raccomando quando vedete i rom dategli l'elemosina! E ascoltete quello che vi dice la ue: un popolo da salvare e da integrare ....mi raccomando osservate questa regola.

Giorgio5819

Mar, 10/11/2015 - 08:16

Questo e' lo schifo disegnato e costruito dall'ideologia malata dei comunisti che ci governano. Questo e' il frutto della malattia mentale di soggetti come boldrini, pisapia,marino,renzi,napolitano,vendo la, e tutte le metastasi rosse che stanno minando lo stato italiano. Questo e' il trionfo dell'illegalità sulla gente onesta. E c'è ancora qualche bestia che definisce razzista chi vuole mettere fine alla delinquenza legalizzata degli zingari...

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Mar, 10/11/2015 - 08:24

viene una rabbia dentro a leggere ste cose...

Un idealista

Mar, 10/11/2015 - 08:39

Le vicende relative a Stacchio e a Mattielli, per quanto dolorose, uniscono l'Italia, quella buona, giusta, onesta, lavoratrice, il perno di una vita degna di essere vissuta, al contrario di quell'Italia che dietro una facciata ipocrita vuole far apparire l'ingiustizia come giustizia, il male come bene, e ogni altra condotta errata come il rovescio di quello che effettivamente è. Io sono per Stacchio e Mattielli, cioè per la prima Italia, quella che non ha bisogno di nascondersi dietro ipocrisie.

cabass

Mar, 10/11/2015 - 08:40

Io ho molta più considerazione per i lombrichi che per questa gente.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Mar, 10/11/2015 - 08:55

Squallidi, miserabili sciacalli, amati solo dalla boldrina.

oicul44

Mar, 10/11/2015 - 08:58

pace a lui e che vadano al iferno i suoi canefici

Tuvok

Mar, 10/11/2015 - 09:08

L'Italia e' diventata uno STATO-GHETTO. Nel GHETTO sono i delinquenti che la fanno franca, mentre gli onesti sono gli "sfigati" che devono subire e star zitti altrimenti vengono puniti. In Italia succede la stessa cosa, i delinquenti prosperano, pestano i poliziotti che non gli possono torcere un capello e se arrestati vengono scarcerati o se la cavano con poco. E chi si difende viene immediatamente PUNITO.

VittorioMar

Mar, 10/11/2015 - 09:10

...la gioia dura un momento breve..le avversità..la tristezza..il dolore ..e le Maledizioni ..TUTTA LA VITA!!!...Senza Rancore..

alby118

Mar, 10/11/2015 - 09:18

Avranno rubato anche i bicchieri con cui hanno brindato.

ziobeppe1951

Mar, 10/11/2015 - 09:47

Sono vicino alla famiglia nel dolore

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mar, 10/11/2015 - 10:07

"La casa di Ermes Mattielli probabilmente andrà ai rom" Non è detto, perché le disgrazie sono sempre dietro l'angolo, potrebbe prendere fuoco o essere colpita da un fulmine tanto da venir distrutta e resa pertanto inagibile a quei delinquenti, chissà cosa riserva la vita!

yulbrynner

Mar, 10/11/2015 - 10:08

solo in italia puo' accadere cio' ma il popolino italico ha i politiciche si merita che son olo specchio della societa' italiana fatta da tanti furbetti del quartierino.. ci si lamenta sempre dei politici ognuno dovrebbe farsi un bell'esame di coscienza e' insito nel dna dell'italico la raccomandzione la tangente il paraculismo la furbata la disonesta' il metterlo al culo al prossimo altrimenti sei un povero idiota buonista e sensibile.. e poi ci meritiamo e di indignamo x notizie come questa??? ma x piacere

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mar, 10/11/2015 - 10:24

"Siate orgogliosi della vostra cultura" (cit.). E ora il capannone di Ermes in risarcimento diventi proprietà dei Rom, per stanziare la refurtiva dei capannoni adiacenti.

Augusto9

Mar, 10/11/2015 - 10:30

VERGOGNA!!!!STATO ITALIANO VERGOGNA!!!!! GOVERNO ITALIANO VERGOGNA!!!!! E VERGOGNA ANCHE A NOI POPOLO ITALIANO, CHE DOPO TUTTI QUESTI ANNI, NON SIAMO ANCORA RIUSCITI A BUTTARE FUORI TUTTI QUESTI DELINQUENTI, COMPRESA LA FECCIA CHE A ROMA DOVREBBE RAPPRESENTARCI.!

gian paolo cardelli

Mar, 10/11/2015 - 10:38

Ricordo ai partecipanti più giovani che per la "sinistra" (leggere chiaramente: figli politici dei comunisti finanziati dai sovietici fino al 1989) vigono i seguenti principi inderogabili: 1) LA PROPRIETA' E' UN FURTO; 2) ai "borghesi" non importa se un ladro muore; 3) i ladri sono "proletari che sbagliano", ma essendo proletari sfruttati dai padroni-borghesi-capitalisti vanno giustificati. Cosa vi aspettate quindi dai magistrati "di sinistra", dai "politici di sinistra", dai "commentatori di sinistra"? non chiamateli ne considerateli imbecilli: seguono semplicemente e coerentemente le idiozie sfascia-stati a cui sono stati addestrati!

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 10/11/2015 - 11:17

Se la casa di Ermes è. veramente una catapecchia dubito ci andranno mai ad abitare inoltre non è detto che finisca nelle loro mani..... si sa i veneti son pieni di risorse.... magari di notte qualcuno.......

Ritratto di mbferno

mbferno

Mar, 10/11/2015 - 11:23

@zanzaratigre mi ha letto nel pensiero.... piu o meno quello che ho scritto e sottinteso nel mio post precedente.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 10/11/2015 - 11:29

i 2 rom vanno al deposito di mattielli con l'intento di rubare- si accorgono della presenza del mattielli ed essendo disarmati decidono di darsi alla fuga- il mattielli armato di pistola li insegue e comincia a sparare all'impazzata ad altezza d'uomo- li colpisce-i 2 rom finiscono a terra in una pozza di sangue- implorano il mattielli di smettere di sparare ma lui continua- sparerà in tutto 14 colpi-uno dei rom colpito nove volte- questa per voi è legittima difesa oppure tentato omicidio? andatelo a chiedere al giudice più di destra che conoscete e vedete cosa vi risponde- salut

Ernestinho

Mar, 10/11/2015 - 11:33

Che il sangue del povero ERMES ricada su tutti i responsabili: i malfattori, i politicanti che fanno leggi demenziali ed i giudici che le applicano a modo loro. In questa italia schifosa c'è garanzia soltanto per i delinquenti, non per le loro vittime. Il povero ERMES è stato tradito dagli italiani e poi ammazzato per colpa degli stessi! ERMES, perdonaci!

Ernestinho

Mar, 10/11/2015 - 11:37

In questa italia (sempre volutamente in minuscolo) c'è garanzia solo per i delinquenti! Mai per le loro vittime! E da parte del "renzi" NESSUN commento!

yulbrynner

Mar, 10/11/2015 - 11:41

e' veramente una vergogna una vera schifezza che i beni di un uomo defunto servano a risarcire i ladroni cose da pazzi cose da pazzi e poi ci indignamo se del popolo italico ridono anche gli zulu' IL BUON SENSO in Italia E' DEFUNTO DA MOOLTO TEMPO E grazie a politici incapaci furbetti ladri incompetenti vari e paraculi sara' sempre peggio

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mar, 10/11/2015 - 11:45

Inutile arrabbiarsi e lamentarsi ; finchè il potere è in mano alla sinistra queste sono le regole . I black block Domenica hanno assalito i poliziotti con spranghe ed hanno fatto 2 ore di carcere circa. Pensate alla condanna ad Ermes. Soluzione : andate a votare e votate Lega. Oppure tacete tutti perché la realtà della sinistra è nota ed è questa che viviamo tutti i giorni.

Ernestinho

Mar, 10/11/2015 - 11:50

X "elkid". Avresti dovuto essere nei panni del povero ERMES, mai difeso, da anni, dallo stato. Anche tu e coloro che la pensano come te siete responsabili della SUA morte. VERGOGNA. A proposito, l'hai letta quella notizia di quei due rom che hanno massacrato quelle due povere anziane? Cosa ne pensi?

Maver

Mar, 10/11/2015 - 12:19

@elkid è risaputo che gl'invalidi (con protesi o gambe di legno) quando devono inseguire qualcuno (soprattutto i ladri) corrono come lepri. Quanto ai suoi eroi (i ladri appunto) poiché svolgono un lavoro onesto (a suo giudizio) hanno diritto ad una reazione della vittima circoscritta nei risicatissimi limiti della legittima difesa, vero? La paura, il terrore della vittima? C..zzi suoi, vero? "Scusate signori ladri dovrei intimarvi di andarvene, se permettete sparo un colpo in aria poi decidete voi se rimanere o meno". @elkid io mi auguro che le giunga per intero tutto il mio disprezzo.

Ritratto di DASMODEL

DASMODEL

Mar, 10/11/2015 - 12:25

Troppa rabbia per commentare.@Sig.gian paolo cardelli d'accordo con Lei-

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 10/11/2015 - 12:48

@maver-"i ladri miei eroi"?--da dove lo evince? mai detto-lei non sa leggere "poichè svolgono un lavoro onesto(a suo giudizio)"- dove avrei scritto questo? lei ripeto non sa leggere- non ha capito un fico secco del mio intervento- ho solo detto che sulla base dei nostri codici non c'è giudice al mondo che possa considerare questa vicenda come legittima difesa- continuate pure coi vostri bla bla bla-per tutto il resto c'è mastercard

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 10/11/2015 - 13:01

X Ernestinho - ho letto pure del fidanzato diciottenne che ha fatto il far west stendendo i futuri suoceri della sua ragazza 16enne e quindi?- ogni fatto fa storia a sè-per fortuna- ed i giudici sono chiamati a pronunciarsi caso per caso-sempre per fortuna

unosolo

Mar, 10/11/2015 - 13:02

Mi chiedo se il suo avvocato possa impugnare la sentenza e chiedere il ricorso e ricominciare da capo ? anche se è deceduto l'avvocato se ha la possibilità deve chiedere almeno per ritardare la consegna del bene e aspettare varie anni come accade in molti processi , se può lo faccia , almeno in memoria di un personaggio che ha cercato di difendere una sua piccola proprietà dai continui furti.,.,

Ernestinho

Mar, 10/11/2015 - 13:55

X "elkid" Dal suo modo sgrammaticato di scrivere capisco il suo modo di pensare. Completamente illogico e fuori da ogni forma di umana intelligenza!

mvangon

Mar, 10/11/2015 - 14:17

Un grande ringraziamento a Lady boldrini e alle risorse che hanno problemi ad integrarsi. Si, nella vita civile e rispettosa delle leggi italiani, che Lady B nega in continuazione. Per questi sciacalli invece.....diciamo piu pacatamente, FUORI TUTTI dall'Italia

angeli1951

Mar, 10/11/2015 - 15:50

Notizia che non viene riportata nè on-line nè sull'edizione stampata da "larepubblica" nè da "ilfattoquotidiano" e neppure nel blog di "beppegrillo"; così per meditare chi sta dalla parte degli infami.

claudio63

Mar, 10/11/2015 - 17:49

elkyd, il mattielli non era nuovo queste visite, sempre degli stessi, i due ladri hanno avuto 4 mesi . Il Mattielli aveva una gamba di legno ed i 14 colpi sono stati sparati mentre questi scappavano il particolare di loro in una pozza di sangue che chiedono pieta' dove lo ha letto? per caso nei verbali dei carabinieri accorsi?Il codice prevede l'eccesso di legittima difesa,ma non il risarcimento a due delinquenti che sapevano benissimo cosa rischiavano.Giudice di destra o di sinistra, il buon senso non dovrebbe mancare e leggiti le motivazioni della sentenza, GIUNTA DOPO OLTRE SETTE ANNI,mentre i due sono ancora a piede libero. fammi sapere, anima bella.

ARGO92

Mer, 11/11/2015 - 00:17

GRAZIE A QUESTA MAGISTRATURA DA VOMITO

Roberto2015

Mer, 11/11/2015 - 12:28

D'accordo su buona parte del contenuto. Mi sembra importante inasprire le pene per i furti in casa, specialmente in presenza di chi ci vive (processo per direttissima; carcere obbligatorio, presunzione di minaccia fisica e quindi di legittima difesa). Un commento a parte: "a chi lo HANNO derubato" è uno strafalcione indegno di un giornale serio. Difendere la nostra lingua è anche promuovere il rispetto della nostra cultura, p. A molti pare una pignoleria, ma non lo è.