Raffica di sbarchi a Lampedusa: l'hotspot è al colasso

Non si arresta l'ondata di arrivi nell'isola al largo della Sicilia: nella notte sono arrivati 53 migranti tunisini

Sbarchi su sbarchi. Lampedusa sta vivendo l’ennesima e incontrollata ondata di profughi. Le barche arrivano senza sosta: nella notte, in tre diversi approdi, sono arrivati 53 migranti di nazionalità tunisina. Cinquantatré persone che si sommano agli ottanta dell’altra notte e a quelli delle notti precedenti. E così via. Il risultato? Negli ultimi giorni a Lampedusa sono sbarcati più di trecento immigrati, un numero insostenibile per la struttura di prima accoglienza locale.

Con gli ultimi arrivi, infatti, il numero degli ospiti all’interno dell'hotspot è salito a 301, a fronte di una capienza massima di 95 persone. Insomma, 206 persone "di troppo". Una situazione di vera e propria emergenza. Motivo per il quale un primo gruppo di 75 migranti è stato imbarcato sul traghetto di linea che arriverà in serata a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento. Se non ci saranno nuovi arrivi, quindi, nella struttura di accoglienza dell'isola resteranno in 230, comunque più del doppio della massima capienza consentita, almeno in teoria.

Agli sbarchi in terra sicula, si sommano quelli in Calabria dove 75 extracomunitari – tra cui dodici minorenni non accompagnati da genitori, sono sbarcati all'alba sulla spiaggia di Sellia Marina, nella costa ionica della provincia di Catanzaro, a bordo di un veliero: sono tutti maschi e di nazionalità pachistana.

Numeri insostenibili che nelle ultime ore hanno fatto sbottare l'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini, che si è scagliato contro la nuova linea morbida sull'immigrazione: "In sole tre settimane questo governo rosso ha aumentato gli sbarchi del 152% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. A fronte dei 947 sbarchi di prima, ora siamo a 2.400. Coil ministro Lamorgese di cui non si hanno notizie: non parla, non fa, non racconta. Insomma, hanno deciso di trasformare l'Italia in un campo profughi…".

Commenti
Ritratto di illuso

illuso

Mer, 02/10/2019 - 12:52

Companatico per le Coop e Onlus... faranno crescere il PIL.

Cyroxy80

Mer, 02/10/2019 - 12:55

La maggior parte dei migranti sono Tunisini.. Non ci son guerre e non c'è motivo di richiedere lo status.. rimpatrio immediato senza nemmeno passare dal via.

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 02/10/2019 - 12:56

Ancora pochi. Per l'allarme Bruxelles ha detto almeno 10.000 al giorno

rudyger

Mer, 02/10/2019 - 12:58

avanti popolo alla riscossa bandiera NERA trionferà.

Ritratto di aresfin

aresfin

Mer, 02/10/2019 - 13:38

Scappano dalla guerra??? Allora sono dei disertori, ma forse sono solo dei furbastri che vengono a cazzeggiare nel nostro Paese e a farsi lautamente mantenere a vita. Solo i pidioti non capiscono questo semplice fatto.

Renee59

Mer, 02/10/2019 - 13:47

Venite, venite, più soldi per tutti!

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Mer, 02/10/2019 - 13:59

Ringraziate i grullini.

Malacappa

Mer, 02/10/2019 - 14:04

Bene bene i lampedusani saranno felici

agosvac

Mer, 02/10/2019 - 14:36

Tunisini a Lampedusa, pachistani in Calabria. Non mi risulta che in Tunisia o in Pakistan ci siano guerre. Che diritto hanno all'asilo??? Forse la signora Lamorgese lo dovrebbe spiegare in Parlamento! Ovviamente NO: il PD ama i fasulli perché fanno arricchire le loro coop rosse a spese degli italiani!!! Mi aspetto, quanto prima , che aumentino i famigerati 35 euro a fasullo almeno a 100 euro, così le coop diventano sempre più ricche e gran parte va al PD!!!

tonyfire

Mer, 02/10/2019 - 14:48

Signore abbi pietà di loro!

mozzafiato

Mer, 02/10/2019 - 14:54

Aspettiamo il commento della zecca rossa di turno con il quale si da la colpa a Salvini per la ripresa dell'invasione. I dementi infatti fingono di non capire che i DL sicurezza che chiudevano i porti SERVIVANO ANCHE E SOPRATTUTTO COME EFFICACISSIMO DETERRENTE nei confronti delle varie organizzazioni a delinquere preposte all'invasione. Infine solita domanda: perché venire in europa (in italia) clandestinamente QUANDO CI SI PUÒ VENIRE (PER CERCARE LAVORO) NEL RISPETTO DELLE REGOLE VIGENTI ? Ancora non pervenuta NESSUNA RISPOSTA CREDIBILE

Ritratto di ohm

ohm

Mer, 02/10/2019 - 14:58

CERTO....MA NON DEVONO VENIRE A ROMPERMI LE SCATOLE A ME ALTRIMENTI LI MANDA A FARE IN C....PARDON A QUEL PAESE !

Anticomunista75

Mer, 02/10/2019 - 14:59

apriamo i portafogli gente, ci toccherà mantenere anche questi.

ilrompiballe

Mer, 02/10/2019 - 15:00

Avanti signori, tanto paga Pantalone!

Ritratto di ohm

ohm

Mer, 02/10/2019 - 15:02

CIOE' FATEMI CAPIRE ....SI DICE CHE IL 70% SONO TUNISINI ! MA CHE CA..O VENGONO A FARE QUI IN ITALIA ? C'E' GUERRA A TUNISI? NO ... EALLORA VENGONO QUI DA NOI PERCHE' QUALCUNO GLI HA DETTO...ANDATE E FERMATEVI IN ITALIA TANTO LI' CI SONO I FESSI CHE VI PAGANO VITTO ALLOGGIO E VI SISTEMANO PER SEMPRE....ED IO DICO ....STATE ATTENTI CHE LA PAZIENZA E' FINITA...VI ABBIAMO SMASCHERATO QUINDI ...ATTENZIONE CHE IL VENTO PUO' CAMBIARE E POTRESTE RITONARE AL VOSTRO PAESE A CALCI NEL C..O....SE VI VA BENE!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 02/10/2019 - 15:15

A che serve la nostra gloriosa Marina Militare? Altrove, nei confronti di natanti che entrano nelle acque nazionali in maniera illegale, si apre il fuoco.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mer, 02/10/2019 - 17:11

Signora Lamorgese spieghi in parlamento cosa ci fanno tunisini ,pakistani e diversamente colorati che non scappano da nessuna guerra in terra italiana. Attendiamo sue notizie visto che si è resa latitante da tempo

rudyger

Mer, 02/10/2019 - 19:00

signora lamorgese lei disattende il decreto sicurezza. la sua coscienza già la condanna.

jeffwalker

Mer, 02/10/2019 - 19:06

Memphis35, hai perfettamente ragione, gli altri si fanno rispettare e non devono ubbidire a leggi assurde, hanno a cuore l'orgoglio e quindi la loro Terra, rispettano in pieno il giuramento e non hanno tempo per gli ipocriti e gli idioti, e non lo dico perché anch'io sono un fan di Elvis, lo dico perché questa purtroppo è la nostra realtà. Già se ne sta accorgendo questa generazione, figuriamoci la prossima...