Raggi, anniversario amaro: processo per falso e abuso

Indagini chiuse: la sindaca di Roma rischia la sbarra per la nomina di Marra, fratello del suo ex fedelissimo

Odore di processo per Virginia Raggi. Il sindaco pentastellato di Roma festeggia il primo anno al Campidoglio rischiando di andare alla sbarra. Motivo, le famigerate nomine di Salvatore Romeo (a responsabile della segreteria politica) e Renato Marra (promosso da vigile urbano a capo dipartimento Turismo del Campidoglio), per le quali ieri la procura ha inviato l'avviso di chiusa inchiesta, che di norma prelude a una richiesta di rinvio a giudizio.

Secondo i magistrati capitolini, la sindaca avrebbe commesso abuso d'ufficio nella nomina di Romeo, e falso in atto pubblico quanto alla promozione di Marra, fratello dell'allora capo del personale Raffaele, che Raggi disse di non aver nemmeno consultato, decidendo in autonomia. Per i pm, mentendo. Nel primo caso, quello che riguarda Romeo (indagato pure lui per abuso d'ufficio da febbraio), era emerso anche che il responsabile della segreteria della Raggi aveva scelto come beneficiario di ben tre polizze vita, per un valore di 41mila euro, la stessa prima cittadina. Per gli inquirenti, però, quella serie di stipule assicurative in favore della Raggi (che reagì con un esposto in procura, sostenendo di non aver saputo nulla della questione) non sono comunque elementi di reato. A «spingere» la carriera di Romeo, che si vide la busta paga lievitare grazie al nuovo incarico da 39mila euro lordi annuo a 110mila (poi corretti al ribasso dall'Anac, che fissò lo stipendio a 93mila) secondo la procura sarebbe stato invece il legame di amicizia e contiguità politica tra Raggi e Romeo, che avevano iniziato pressoché insieme la militanza nel Movimento 5 Stelle. Un rapporto che avrebbe spinto la sindaca a quella promozione «palesemente illegittima», senza tenere conto di svariati e autorevoli pareri contrari.

Il falso, come detto, è l'accusa contestata in relazione alla nomina di Renato Marra, il cui fratello - l'ex capo del personale del Campidoglio, Raffaele - è già a processo per corruzione insieme al costruttore romano Sergio Scarpellini e potrebbe ritrovarsi alla sbarra - per abuso d'ufficio - anche per la nomina del parente a capo dipartimento del Campidoglio. Qui nel mirino degli inquirenti è finita una nota spedita dal sindaco alla responsabile anticorruzione del Campidoglio, nella quale la Raggi minimizzava il ruolo di Raffaele Marra nella nomina del fratello, sostenendo si fosse trattato della «mera pedissequa esecuzione delle determinazioni da lei assunte», senza insomma partecipare all'iter decisionale e di valutazione, cosa per i magistrati palesemente «contraria al vero».

Inevitabile, visto il vento di bufera che soffi sul sindaco, che qualcuno si tolga ora un sassolino dalla scarpa. Come l'ex assessore all'Ambiente di Virginia, Paola Muraro, «silurata» a dicembre scorso dopo aver ricevuto un avviso di garanzia dalla procura di Roma. «Se Raggi dovrebbe dimettersi in caso di rinvio a giudizio? Io l'ho fatto, poi però il Movimento 5 Stelle ha cambiato pelle», sibila l'ex assessore. «C'è anche da dire che la Raggi è un politico mentre io ero un tecnico - prosegue Muraro - ma dopo le mie dimissioni hanno cambiato il codice etico. Io mi sono dovuta dimettere perché indagata, e per coerenza lo farei ancora adesso, ma capisco anche che il M5S ha fatto una mutazione genetica». Generoso il leader leghista Matteo Salvini, che a sorpresa commenta che «la Raggi non deve dimettersi, si è colpevoli se condannati», pur bocciando il suo primo anno da prima cittadina: «I romani che sento speravano in qualcosa di meglio».

Commenti

Accademico

Mer, 21/06/2017 - 09:26

Di tutti questi personaggi in cerca d'autore, dei loro maneggi, della loro incapacità, della loro insipienza, ma anche delle loro appartenenze politicanti, mi infischia poco, anzi, niente. Piango per Roma, per la più bella città del mondo, ridotta a rango di camerino da circo equestre alla mercé di un branco composito di clown, nani e ballerine, incapaci di fare spettacolo. Il peggio del peggio di tutto quanto - di peggio - già si fosse visto in precedenza. Uno schifo. Che vergogna!

alfiuccio78

Mer, 21/06/2017 - 10:42

Povera Roma...e comunque speriamo che la vicenda della Raggi indebolisca il M5S alle Politiche :)

gian paolo cardelli

Mer, 21/06/2017 - 10:47

Chissà se adesso Grillo si sarà pentito di aver definito un certo Cav. "psiconano"...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 21/06/2017 - 11:59

Si avvicinano le elezioni. Stesso trattamento usato per i collusi di mafia capitale? Per il precedente collega Marino? Ah, no, a prescindere.

Ritratto di falso96

falso96

Mer, 21/06/2017 - 12:22

Mi sembra di rivedere il Cavaliere quando era al governo, non lo lasciavano governare ed era attaccato da decine di procure . La differenza con la Raggi? è che adesso anche FI usa gli stessi metodi.

restinga84

Mer, 21/06/2017 - 12:36

Bisognerebbe mandare alla sbarra tutti coloro che hanno catapultato la Raggi a sindaco di Roma.Ma si puo`?!Indubbiamente gl` Italiani hanno perduto il lume della ragione nel dare le redini di una citta, come Roma,nelle mani di una sprovveduta,come la Raggi ha dimostrato essere.Era da prevedere!

xgerico

Mer, 21/06/2017 - 12:59

A.A.A. Massimo con tutti i virgolettati messi nell'articolo, praticamente hai scritto una "non notizia"!?