Il rapitore vuole scappare e la procura lo accontenta

Il decreto di espulsione è scaduto ma l'indiano chiede una deroga e arriva l'ok. Così sfuggirà al processo

Ragusa Si è presentato ieri pomeriggio in commissariato a Vittoria (Ragusa) per chiedere la propria espulsione, in ottemperanza al decreto emesso un anno fa dal questore. È Ram Lubhay, l'indiano 43enne con precedenti per droga e ricettazione, accusato di avere tentato di rapire lo scorso 16 agosto sul litorale di Scoglitti (Ragusa) una bambina di 5 anni.

Il termine ultimo per adempiere al provvedimento che pendeva sul suo capo scadeva alla mezzanotte di ieri, visto che l'ordine di lasciare l'Italia era stato rinnovato il giorno in cui l'indiano è stato arrestato dopo un'ora di caccia all'uomo, per il reato di tentato sequestro di persona e sottrazione di minore, da parte dei carabinieri della Compagnia di Vittoria, che hanno messo a ferro e a fuoco l'intera frazione balneare iblea dopo il tentativo di rapimento della bimba denunciato dai genitori. L'uomo ha riferito di essere stato minacciato di morte da un passante, per cui ha chiesto sicurezza e protezione. La procedura prevede che il questore chieda alla procura il nullaosta per l'espulsione e il conseguente accompagnamento dell'uomo in un centro di identificazione ed espulsione con tanto di decreto di espulsione dal Paese emesso dal prefetto e l'ordine finale del questore. Il vicequestore vicario di Ragusa, Nicola Spampinato, ha firmato ieri la richiesta di trasferimento in un Cie. Il trattenimento nel centro viene disposto dal questore per 30 giorni e fino ad un massimo di proroga di 18 mesi quando non è possibile eseguire con immediatezza l'espulsione.

Ora spetta al ministero dell'Interno indicare in quale struttura trasferire l'uomo. Ad ogni modo è compito della procura di Ragusa decidere se concedere il nullaosta o meno e questo è stato concesso.

Il caso, che è balzato alle cronache nazionali perché l'indiano è stato rilasciato per due volte come indagato a piede libero sul territorio, non è destinato a sgonfiarsi con facilità. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, a cui si era rivolto con un editoriale-lettera aperta il direttore Alessandro Sallusti, ha disposto «verifiche preliminari» sulla vicenda con l'invio di ispettori in procura a Ragusa. Se un reato resta allo stato di tentativo, come lo è quello commesso dall'indiano Ram, il nostro sistema non consente il provvedimento di fermo, ma una qualche misura meno restrittiva sì nel caso in cui il magistrato ne ravveda gli estremi. Così non è stato nella vicenda del tentativo di sequestro di persona e sottrazione di minore da parte dell'indiano che, interrogato in caserma a Vittoria dal pubblico ministero Giulia Bisello, la stessa che aveva rimesso in libertà l'indagato dopo sole 24 ore di carcere, si è professato innocente e vittima di un fraintendimento.

Tentativo di rapimento versus sequestro di persona e sottrazione di minore sventato dalla prontezza dei genitori che hanno inseguito l'indiano che aveva in braccio la loro figlia fino a riprendersela. Sta in questa diversa interpretazione di quanto avvenuto il nocciolo della questione su cui dovranno far luce gli ispettori inviati dal Guardasigilli.

La procura di Ragusa fa quadrato attorno all'operato del sostituto procuratore e si sarebbe aspettata la solidarietà del ministro. «Credo che sia interesse di tutti che la ricostruzione dei fatti avvenga tramite le forme previste dalla legge, cioè tramite l'accertamento che il ministero dispone». Così il ministro. «Da un lato bisogna valutare se c'è stata correttezza nell'azione della magistratura e dall'altro evitare che si celebrino processi paralleli o processi al processo che non sono previsti nel nostro ordinamento». E aggiunge: «È importante che la valutazione degli atti sia fatta non in modo emozionale e intuitivo ma sulla base dei fatti che il ministero sta raccogliendo».

Commenti

steacanessa

Mar, 23/08/2016 - 08:34

La penso come la mamma della bimba.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 23/08/2016 - 08:52

Indispensabile una modifica della magistratura. Per cominciare occorre separare la magistratura inquirente da quella giudicante, come negli SU, dove non sono certamente più fessi di noi. Poi prevedere una seria possibilità di agire contro le sopraffazioni attualmente possibili, se non addirittura usuali.

Beaufou

Mar, 23/08/2016 - 08:54

Le procure abbondano di individui che non hanno mai lavorato in vita loro, e hanno esclusivamente spulciato testi, codici e codicilli. Sarebbe ora che nelle procure ci mettessimo gente provvista di buon senso, che badasse un po' meno ai formalismi e molto più alla realtà.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mar, 23/08/2016 - 08:55

I provvedimenti si prendono in base a convinzione politica o ideologica, in base a frequentazioni e convenienze, in base a coscienza personale...cos'è questa storia di un magistrato che applica la legge? Il ministro, giustamente, ci vuole vedere chiaro!

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 23/08/2016 - 08:56

Paghiamogli anche il biglietto aereo per tornarsene in India, purché senza ritorno.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 23/08/2016 - 08:57

Ma quanta brava gente abbiamo nei tribunali,sinceramente non mi ero mai accorto.Avanti così e l'itaglia rifiorirà.

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mar, 23/08/2016 - 08:57

Personalmente da ciò che leggo, non vedo fraintendimento, come sostiene l'indiano, che evidentemente fa l'indiano! Il ministro Orlando, dovrebbe essere più presente, anche personalmente, ad esempio a Taranto, per il processo Misseri, a Ragusa e in tante altre Procure, dove insistono magistrati che applicano gli articoli di legge, secondo una loro libera interpretazione.

nem0

Mar, 23/08/2016 - 08:58

Vorrei che il giudice e la procura tutta schierata in sua difesa spiegassero quale guerra c'è in india tale da giustificare il soggiorno di questo avanzo di galera nel nostro paese e l'evidente benevolenza nei suoi confronti, precisa precisa a quella della magistratura indiana verso i maro' ... se gli indiani ci hanno preso per i fondelli un motivo ci sarà...

exioba

Mar, 23/08/2016 - 09:01

Io mi chiedo se non sia il caso di introdurre un limite di età minimo per i sostituti procuratori. Dato che i nostri giudici provengono da un percorso per concorsi ed esami, credo che molti di loro non abbiano maturità ed esperienza di vita adeguati per formulare giudizi e prendere decisioni che possano essere determinanti per i singoli e per la collettività. In altre parole poco più di 30 anni mi sembrano veramente pochi.

unz

Mar, 23/08/2016 - 09:03

delle due l'una: o non è successo niente ed allora tante scuse, o l'uomo voleva rapire la bambina. Nel qual caso DEVE andare in galera perchè potrebbe reiterare il tentativo su altre bambine. Esiste il reato di tentato omicidio ma non di tentato rapimento? Nell'attesa che il nostro parlamento risolva il vuoto normativo i magistrati interpretino questi casi secondo Giustizia anzichè secondo legge. Non è difficile. La Giustizia è quella che tutela i diritti fondamentali universalmente percepiti: l'intangibilità della persona, l'inviolabilità del domicilio, la priprietà privata. Al contrario della legge, che puó essere qualsiasi cosa.

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 23/08/2016 - 09:08

Italia, il paradiso per i delinquenti. Abbiamo Renzi e la magistratura più "buona" del mondo: venite tutti da noi e i troverete benissimo.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 23/08/2016 - 09:08

Quindi tradotto in parole povere siccome non è riuscito nel suo intento di portare via la bambina,ma non perchè si è ravveduto ma perchè è stato bloccato prima che potesse mettere fine al suo gesto.Ora si va da 1 mese a 18 mesi e poi magari altra proroga.Non sarà tutta colpa delle toghe,forse la maggiore è nel legislatore poco attento ai veri problemi,ma come si fanno, le leggi possono essere cambiate.Mi ricordo di un passaggio sui conti correnti in una notte dal beneamato presidente Amato con sottrazione di percentuale dei soldi depositati,senza per altro dare proroghe.

Poldo51

Mar, 23/08/2016 - 09:10

La legge sembrerebbe paradossalmente tutelare piu' i malfattori dei cittadini onesti. Qualcosa non va. La politica non sta facendo il suo mestiere e la magistratura nemmeno.

Ritratto di nando49

nando49

Mar, 23/08/2016 - 09:19

Questa è l'ennesima prova della demenzialita' delle leggi italiane e sempre a favore del criminale di turno. Dicono che l'indiano ha problemi psichiatrici però sa esattamente come comportarsi per minimizzare i rischi. Oltretutto ha diversi precedenti. Rivedere le norme sulle espulsioni è una priorità assoluta ma vanno eliminate tutte le scappatoie.

carpa1

Mar, 23/08/2016 - 09:23

«È importante che la valutazione degli atti sia fatta non in modo emozionale e intuitivo ma sulla base dei fatti che il ministero sta raccogliendo». E così si mette a tacere l'ennesimo episodio che vede il nostro paese ridotto "paese delle attese regolarmente cadute nel dimenticatoio" e intanto la criminalità non solo non ha fine ma aumenta di giorno in giorno in modo esponenziale. Si può avere schifo di un paese che si ha tanto amato, del quale si è andati orgogliosi in giro per il mondo e per il quale si è tanto lavorato? Ebbene sì. Pensate solo a quanti cittadini avete mortificato con i vostri comportamenti demenziali! I più incalliti criminali, prima ancora di coloro che dovrebbero essere ritenuti tali, siete voi che consentite tutto ciò; e non mi riferisco solo ai politici ma a tutti coloro che ... (chi ha orecchie da intendere intenda.)

antonmessina

Mar, 23/08/2016 - 09:34

da non credere !

marcus57

Mar, 23/08/2016 - 09:36

Bossetti è stato condannato per l'omicidio di Iara Gambiraso dopo un processo con prove indiziarie a dir poco discutibili, basti pensare alla mancanza di DNA mitocondriale nella cosiddetta prova regina invocata dai magistrati inquirenti (DNA che può trovare agevolmente anche in resti umani di 100.000 anni fa). La cosa che mi preme qui mettere in evidenza è però altro, ossia il fatto che gli avvocati del Bossetti più volte chiesero di mettere in libertà su cauzione il loro assistito, ma la magistratura ripose sempre picche, asserendo che avrebbe potuto reiterare il reato. Si trattava di un uomo senza precedenti (non come l'indiano dunque); e va da se che tale posizione estremamente rigida e inamovibile già prefigurava il destino al quale sarebbe andato incontro il muratore... Due pesi e due misure...

Amazigh

Mar, 23/08/2016 - 09:41

Una notizia dalle quale dipendono le sorti del nostro paese e di tutta Europa, pertanto é legittimo darle la prima pagina attendendo il coro dell'Antoniano. Si tratta di una constatazione, non di altro, pubblicare prego.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 23/08/2016 - 09:41

io sto pensando quanto dispendio di energie e di denaro che circola vicino a questo unico uomo. Ma quanto ci sta costando questo farabutto!Ma non è possibile che ci sia una burocrazia di questo genere. Prendetelo mandatelo davanti ad un giudice con le uniche prove e sbattetelo in cella come fanno in America, ma facendolo lavorare e non poltrire.

Holmert

Mar, 23/08/2016 - 09:47

Un vecchio adagio dice: le leggi per essere rispettate devono essere rispettabili. E vi pare rispettabile una legge che non mandi in galera uno che ha gettato nel panico i genitori della bambina che ha tentato di rapire? Il tentato rapimento,non riuscito pertanto, non prevede il fermo,la galera,dice il magistrato che applica la legge sic et simpliciter. Con questa legge tutti i criminali sono autorizzati a rapire bambini,se il rapimento riesce puoi chiedere un riscatto o sparire nel nulla,se non riesce la legge ti fa un baffo alla Dalì. Domanda: vi sembra rispettabile una legge del genere? I tre-tre dicevano:" a me me pare 'na strunzxta".

Ritratto di wciano

wciano

Mar, 23/08/2016 - 09:49

La legge è evidentemente sbagliata, ma va applicata così come è. Il giudice segue il codice di procedura penale, mica i commenti di facebook.

VittorioMar

Mar, 23/08/2016 - 09:49

....quando c'è qualcosa o qualcuno che muore,per pietà cristiana si stende un velo pietoso!!...è morta la "FIDUCIA" in tante istituzioni,tante certezze,tante realtà,sul futuro....manca la voglia di elencare!!

Holmert

Mar, 23/08/2016 - 09:49

Un vecchio detto dice:le leggi per essere rispettate devono essere rispettabili. E una legge del genere vi sembra rispettabile? I tre-tre dicevano:" a me me pare 'na strunzata".

massimobordiga

Mar, 23/08/2016 - 09:50

rimesso in libertà perchè ha fatto "UN TENTATO RAPIMENTO???" allora chiunque faccia una RAPINA e all'uscita del luogo della rapina viene fermato ANCHE QUESTO E TENTATA RAPINA e quindi viene lasciato libero !!!! ho questo fatto è PIU' GRAVE DI UN RAPIMENTO e quindi vieni arrestato ?!?!

Ritratto di wciano

wciano

Mar, 23/08/2016 - 09:50

e comunque, con quel faccino, l'indiano merita tutta la fiducia del mondo, si vede che è un bravo ragazzo (sono ironico)

Gius1

Mar, 23/08/2016 - 09:51

Gli avvocati che consigliano certi assassini, rapitori, e gentaglia varia, non dovrebbe avere lavoro dagli italiani. Guarda caso lo stesso giorno scadeva l' Ultimo giorno per il rinnovo, poi sempre consigliato decide di rapinare una bambina, e l' Ultimo giorno qualcuno lo minaccia di morte. Sono sicuro che quest' individuo restera' in Italia. Scomettiamo?

stamicchia

Mar, 23/08/2016 - 09:59

Veniamo ai fatti. La mamma si distrae per circa un minuto. Quando cerca sua figlia, la trova in braccio a questo indiano, fermo a 10 metri da lei (lo riferisce un testimone oculare che ha depositato la sua testimonianza in procura). Potrebbe essere un rapimento ma potrebbe pure essere il gesto istintivo e paterno di un uomo che tenta di rassicurare una bambina impaurita perché non trova i genitori. Andiamo cauti con le sentenze.

Gianluca_Pozzoli

Mar, 23/08/2016 - 10:02

siamo noi italiani i peggiori nemici degli italiani...vero boldrini? vero renzi? vero cari cardinali di santa romana chiesa? che paese di M

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 23/08/2016 - 10:15

Ma il ministro orlando(non furioso) cosa potrà mai fare nello specifico ed in altri casi ,oltre a percepire un lautissimo stipendio. La magistratura è una gamba del potere cattoprogressista compagnocomunista perciò !!!!!

igiulp

Mar, 23/08/2016 - 10:17

Quando una magistratura passa da un "NON POTEVA NON SAPERE" ad un "POTEVA NON FARE", con la stessa disinvoltura con cui si mangia un panino, significa che questa è allo sbando più completo. Rimettere subito mano al codice penale che eviti ogni umorale interpretazione dei giudici.

Arsen

Mar, 23/08/2016 - 10:19

Scusate, ma siamo in italia di cosa ci meravigliamo? mettiamo in libertà addirittura mafiosi e omicidi, abbiamo un governo che discute la nostra beneamata costituzione senza essere democraticamente eletto, una magistratura al di sopra della legge i cui elementi non sono mai o quasi giudicabili e spessissimo dalla casta passano alla politica (solitamente di sinistra). l'unica flebile speranza è uscendo di casa , quando non ti vengono direttamente dentro a rubare o rapinare, non ti succeda nulla perché non abbiamo leggi adeguate a punire chi commette reati e ipocriti buonisti pronti sempre a perdonare chi rompe i 00 al prossimo. che paese di m3rda.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Mar, 23/08/2016 - 10:25

Campa cavallo che anche in questo caso la giustizia di codesta magistratura e, soprattutto, di codesto stato arriva di sicuro! L'accertamento della verità e del rispetto delle procedure giudiziarie da parte di questo governo abusivo? Sì, come no. E quante verità o risultati ci sono giunti da accertamenti precedenti, addirittura ed anche con governi democraticamente eletti? Figuriamoci con questo. E poi, più verità di quella vissuta da chi ha subìto la violenza, chi può raccontarla? Questa può forse provenire da qualche altra parte? A questo punto è sicuro che l'accertamento porterà solo ad una verità edulcorata per salvare il clandestino criminale e la procura stessa, che ha agito come sappiamo. Proprio quello, a leggere l’articolo, che in effetti si vuole nei piani sedicenti alti, per salvare capre e cavoli. Sempre a danno però del cittadino italiano e per tappare la bocca a Sallusti. Grande giustizia questa!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 23/08/2016 - 10:25

Ma non si è detto fino alla nausea che i CIE non sono centri di detenzione? Evidentemente vogliamo concedere l'ennesima chance all'indiano.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 23/08/2016 - 10:28

Che metodi farraginosi per condurre l'operazione. Non lo si vuole incarcerare? Bene, allora visti i precedenti, lo si spedisca in giornata al suo paese d'origine, che è così fiscalissimo nei nostri confronti. Purtroppo è facile invece scommettere su come andrà a finire.

46gianni

Mar, 23/08/2016 - 10:35

chissà se ipoteticamente avesse rapito la figlia del magistrato(magistrato)per dire, come si sarebbe comportato

Fjr

Mar, 23/08/2016 - 10:35

Anche gli avvocati che difendono i crminali hanno il loro tornaconto, ad esempio quello di essere portati alla ribalta per mettersi in evidenza e scalare cosi' le vette in attesa di un caso importante che li spari nel firmamento degli avvocati che contano e che quindi hanno parcelle da urlo, in passato abbiamo avuto esempi di questo genere

MassimoR

Mar, 23/08/2016 - 10:54

La penso come il passante.

aldoroma

Mar, 23/08/2016 - 11:03

sono risorse... per loro tutto per noi solo TASSE.

Ritratto di Overdrive

Overdrive

Mar, 23/08/2016 - 11:17

se faccio un ricorso ci vogliono 2 mesi solo xche venga esaminato...a questo lo stesso giorno? che paese di babbei

vince50_19

Mar, 23/08/2016 - 11:23

Il pesce, quando puzza, puzza sempre dalla testa. Ovvero chi è che fa le leggi? Il parlamento. Se le leggi non sono adeguate e/o lasciano troppo potere decisionale e/o spazio a convinzioni personali a chi deve farle rispettare, non credo ci sia molto da aggiungere.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Mar, 23/08/2016 - 11:31

Può sempre farsi un volo aereo a nostre spese (ovviamente accompagnato da operatori di sicurezza a nostre spese), poi rientrare con falso nome in un altra regione tra qualche mese, essere mantenuto a nostre spese e ricominciare una nuova vita a mostre spese. Le risorse vanno e vengono (in proporzione uno a cento) finché il cittadino italiano continua silenzioso a sostenerne le spese.

Una-mattina-mi-...

Mar, 23/08/2016 - 11:40

LA SITUAZIONE DA GRAVE E' DIVENTATA TRAGICA, PER FINIRE, OGGI, NEL RIDICOLO. IL TUTTO E', OVVIAMENTE, SEMPLICEMENTE SCANDALOSO

ziobeppe1951

Mar, 23/08/2016 - 12:04

Stamicchia...secondo te il clandestino con precedenti di droga e ricettazione con foglio di via ma ancora sul suolo italico avrebbe avuto il nobile senso civico di prendersi in braccio il bimbo alla ricerca dei genitori? BOCCALONE!!

stamicchia

Mar, 23/08/2016 - 12:12

Quali sono i fatti accertati? Per i due magistrati «l’indiano si è limitato a tenere in mano la bimba per meno di un minuito, sotto gli occhi del padre che se l’è fatta subito restituire. Senza che l’indiano opponesse diniego, senza fuga...».

antonio54

Mar, 23/08/2016 - 12:23

Anziché imbarcarlo sul primo volo diretto verso il proprio paese, a spese di questo galantuomo pluripregiudicato, si continua a cincischiare con cavilli di ogni genere. La colpa è sempre dei politici, abbiamo un parlamento con quasi 1000 persone, scrivono delle leggi così contorte che nemmeno uno scienziato riesca a districarsi... è veramente disarmante.

nordest

Mar, 23/08/2016 - 12:26

Dentro a l'aereo che porterà questo bandito in India mettete anche il PM perché questa nazione non ha bisogno di pesi morti ma di persone responsabili.

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Mar, 23/08/2016 - 12:37

@Overdrive 11:17 - Ma lei è italiano...

Zizzigo

Mar, 23/08/2016 - 12:46

Ma, se la giustizia è decisamente strabica, il malvivente clandestino la farà franca e gli italiani, innocenti, ne pagheranno tutte le conseguenze.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 23/08/2016 - 12:47

@stamicchia - Tutte le persone presenti in spiaggia sostengono la stessa cosa. Lei invece è titubante, anzi pensa al contrario, come i suoi compagni, perchè gli italiani non sono credibili, secondo voi?

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Mar, 23/08/2016 - 13:26

Vuole tornarsene a casa, bene accontentatelo entro ventiquattro ore, altrimenti mettetelo in gattabuia, il resto sono solo chiacchiere da bar dello sport!

Ritratto di Alsikar.il.Maledetto

Alsikar.il.Maledetto

Mar, 23/08/2016 - 13:46

In questa vicenda - sintomatica di ciò che è diventata l'Italia di oggi - ciò che ne viene fuori è costituito solo da balle proferite a volontà. Quelle che racconta l'avvocato d'ufficio per difendere in tutti i modi, anche inverosimili, il suo assistito, quelle inventate dai magistrati per giustificare il loro maldestro operato, quelle che propina il ministro in questione il quale vuole far credere di cadere dalle nuvole, quelle propalate dai vari articoli apparsi un po' su tutte le testate nazionali, compresi anche i vari, tanti, telegiornali d'Italia. Di tutti questi soggetti, nessuno che abbia il coraggio di dire la verità: ovvero che siamo in pieno regime ipergarantistico dovuto ad una degenerazione incontrollata del concetto di 'diritto'. Il resto è costituito appunto da tante, troppe, chiacchiere a vuoto che vengono vergognosamente dette in scandalosa libertà.

Ritratto di abj14

abj14

Mar, 23/08/2016 - 14:04

Si attengono strettamente alle leggi anche quando decine di criminali, o giudicati tali, tornano liberi perché il magistrato di turno, evidentemente oberato di lavoro, dopo un anno non ha ancora motivato la sentenza. – Non fa una grinza.

scalette

Mar, 23/08/2016 - 14:18

il CSM deve essere eletto dal popolo e deve avere la durata di sette anni.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 23/08/2016 - 14:28

Fino a quando in Italia continueranno ad esserci ed a VOTARE, COCOMERIOTAS come quelli che qui MINIMIZANO i fatti e SCUSANO i delinquenti, non potrete mai migliorare, continuerete a veder peggiorare la vostra vita,ed a pagare sempre piu tasse per mantenere tutti i DELINQUENTI del mondo che si faranno TRASPORTARE li AUGURIII!!!

Ritratto di karmine56

karmine56

Mar, 23/08/2016 - 14:42

Kafka era un dilettante nei confronti dei nostri magistrati.

Angiolo5924

Mar, 23/08/2016 - 14:43

Ultime notizie! L'Anm interviene a difesa della procura di Ragusa dichiarando che le speculazioni che vengono fatte si basano su un approccio e una conoscenza dei fatti errati. Falso!!! Quando leggo di un fatto diciamo così razziale tra extracomunitari e locali, so già prima che se ne abbia notizia quali saranno i provvedimenti che la magistratura prenderà. A prescindere da ogni altra considerazione. Se è un italiano che aggredisce un extracomunitario, va in galera. Subito. Se è un extracomunitario che accoltella un italiano. Va fuori Subito (intendiamoci, dal carcere, non dall'Italia; qui ci potrà restarci a vita nonostante provvedimenti di espulsione e vaneggiamenti assortiti). Il resto sono chiacchiere, da magistrati inetti e irresponsabili.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Mar, 23/08/2016 - 14:53

signori questo a malapena parla italiano, compie una sfilza di reati, richiede delle deroghe e gli vengono concesse... se io chiedo una deroga per la multa mi arriva la penale da pagare...

Pinozzo

Mar, 23/08/2016 - 15:07

Proprio non vi entra in quella testa dura che il magistrato deve far rispettare le leggi? Se la legge dice che non puo' essere incarcerato prendetevela con i fannulloni e gli incapaci che stanno in parlamento (d'altronde se deve scrivere le nostre leggi Razzi..) non contro chi non puo' far altro che farle rispettare. Questa frase poi, "il nostro sistema non consente il provvedimento di fermo, ma una qualche misura meno restrittiva sì" e' di un'ignoranza e di una superficialita' uniche.. Quale sarebbe "una qualche misura meno restrittiva" che porterebbe all'arresto o al fermo del sospetto?

Angiolo5924

Mar, 23/08/2016 - 16:08

Non so. Forse una palla al piede. E poi chi dice che i magistrati fanno rispettare le leggi? Dove? Quando? Ma se in un'infinità di casi (tanto per dire Berlusconi e De Benedetti) si è vista applicare la stessa legge in maniera diametralmente opposta. Addirittura per Berlusconi si è coniata la formula mentecattoide NON POTEVA NON SAPERE. Mentre tutti gli altri (di sinistra) hanno potuto non sapere tutto quello che gli pareva. I magistrati fanno valere le leggi che pare loro, quando non si tratta di interpretarle per gli amici (di sinistra, ripeto). E, se del caso, se le inventano.

Holmert

Mar, 23/08/2016 - 16:18

Certo che il magistrato deve far rispettare le leggi, ma siccome le nostre leggi sono interpretabili,fatte di punti ,di virgole di e oppure o etc. il magistrato usa il suo libero arbitrio. Ed allora viene fuori "non poteva non sapere" oppure "poteva non sapere" ...insomma la legge dei due pesi e delle due misure a seconda delle simpatie,soprattutto politiche o che altro. Ed ecco che dire i magistrati applicano la legge è sbagliato..i magistrati applicano la legge a cxzzx e comodo loro. E guai a criticare,loro sono la moglie di Cesare. Sono lo stato parallelo con carta bianca. Hanno il potere di rovinarti o no,che tu sia colpevole o meno. A piacere loro.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Mar, 23/08/2016 - 16:39

Ho capito una sola cosa, se qualcuno prende tuo figlio e scappa, e poi inseguito molla l'infante non può essere arrestato, se poi il soggetto è accusato di altri reati e vive clandestinamente, non può essere nemmeno respinto all'istante perchè occorre che la burocrazia impieghi il suo tempo per svolgere le pratiche! Qualcuno conosce il Santo a quale possiamo rivolgerci per ottenere la grazia...?

Amazigh

Mar, 23/08/2016 - 16:39

Leonida55: guardi che stando alle notizie la cosa sarebbe successa la sera mentre salivano nell'edificio dove abitano. La madre, piuttosto distratta, pensava che la figlia fosse salita col marito. La gente in spiaggia? mah ..

angelovf

Mar, 23/08/2016 - 17:45

Si può fare un tentavo di rapina ad una banca e se si viene arrestati si torna a casa propria, magari il bandito penserà, sarà per la prossima volta, dove è scritto domando ai giudici che si può tentare di rapire, tentare di uccidere, far scoppiare un palazzo, inutile girarci intorno il rapimento è avvenuto, e merita la condanna. Spero che non ci sono solo le testimonianze dei genitori, ma mi auguro che le persone in spiaggia in quei momenti si facciano avanti per la loro preziosa testimonianza.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 23/08/2016 - 17:52

ATTENZIONE qui abbiamo un TESTIMONE OCULARE che ha visto TUTTO. Lui scrive che NON è successo in spiaggia ma all'entrata della casa della bambina, quindi cio fa cambiare completamente il capo d'accusa, in quanto la bambina NON si era "persa" in spiaggia, ma era davanti a casa sua e quindi LA RISORSA che intenzioni poteva avere se non quella di portarsela via????? Ma per la "principessa" del CAVILLO che non ha capito un TUBO non ci sono le condizioni per detenere un DELINQUENTE!!! VIVA L'ITAGLIAAA!!!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 24/08/2016 - 09:22

A NEMICO CHE FUGGE PONTI D'ORO

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mer, 24/08/2016 - 09:24

E DI QUELL'EGIZIANO CHE NON NE VOLEVA SAPERE DI RESTARE SENZA LA PAGHETTA QUOTIDIANA E SI È RIBELLATO COME UN MONELLACCIO CHE CE NE FACCIAMO?