Razzi, bombe carte e pietre: attacco No Tav agli agenti

L'attacco sferrato da un centinaio di antagonisti No Tav. L'incendio al cancello di sicurezza, poi le bombe carta contro i poliziotti

Razzi, bombe carte e pietre. Un centinaio di manifestanti No Tav, tutti con il volto coperto, hanno preso d'assalto il cancello che si trova sul sentiero "Gallo Romano" che da Giaglione porta al cantiere dell'alta velocità di Chiomonte (guarda il video). Le forze dell'ordine, che si sono improvvisamente trovati sotto un fitto lancio di oggetti, hanno risposto con lacrimogeni per fermare l'attacco degli antagonisti da sempre tanto cari ai Cinque Stelle.

Fortunatamente, negli scontri di ieri sera, nessuno è rimasto ferito. Rimane agli atti l'ennesima azione eversiva del movimento "No Tav". Gli agenti della Digos di Torino hanno individuato e identificato 24 militanti che sono denunciati per avere oltrepassato la zona rossa. Dieci di questi dovranno anche rispondere per non aver rispettato le prescrizioni del foglio di via obbligatorio disposto dal questore di Torino e per aver appiccato l'incendio al cancello. Per Nicoletta Dosio, 73enne No Tav recentemente raggiunta da un ordine di carcerazione per violenza privata e blocco autostradale per una dimostrazione del 2012 sull'autostrada del Frejus, "la repressione è segno della loro debolezza e della nostra forza". "Sono anni che vengono criminalizzate le giuste istanze di persone che diffondono il diritto alla nuda esistenza - ha poi aggiunto ai microfoni dell'agenzia Agi - la vera forza sta nel popolo che lotta".

L'assalto di ieri sera ha avuto inzio intorno alle 19 quando un centinaio di antagonisti si sono radunati al campo sportivo di Giaglione. Da lì hanno percorso in corteo il sentiero "Gallo Romano" violando l'ordinanza firmata dal prefetto di Torino. Hanno, quindi, raggiungeto la cancellata metallica che era stata preventivamente predisposta a circa un chilometro dal cantiere di Chiomonte e, dopo aver ammassato numerosa legna, le hanno dato fuoco. L'incendio è stato immediatamente spento dalle forze dell'ordine con alcuni mini idranti. A quel punto, come ricostruito dall'agenzia Adnkronos, è partito l'attacco vero e proprio: una quarantina di attivisti, dopo essersi coperti il volto per non essere riconosciuti, hanno lanciato, anche tramite fionde, bombe carta, ordigni rudimentali e razzi con batterie multiple e pietre. Le forze dell'ordine, che all'improvviso si sono ritrovate sotto la fitta sassaiola, hanno usato i lacrimogeni per disperdere i facinorosi.

Fallito l'attacco al cancello, che porta al cantiere della Tav, i manifestanti si sono ricompattati lungo il sentiero Gallo Romano e sono, quindi, rientrati a Giaglione intorno alle 22. "Nella circostanza - fa sapere la Digos della Questura di Torino - sono stati riconosciuti 25 militanti del centro sociale Askatasuna". È a loro che gli inquirenti riconducono gli episodi violenti di ieri sera. E, mentre da Susa oggi è partita un'altra manifestazione per "resistere ancora una volta" all'Alta velocità, proseguono le indagini per individuare, tramite le diverse immagini che sono state realizzate dal personale specializzato della Squadra Indagini Tecnologiche della Digos, gli antagonisti dal volto mascherato che ieri sera hanno colpito gli agenti.

Commenti
Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Dom, 08/12/2019 - 15:40

Era da un po' che non si facevano sentire i valligiani matti...

blackbird

Dom, 08/12/2019 - 16:10

Ma tanto, la Cassazione ha annullato una sentenza di condanna. Mi pare dicesse che avevano risposto a una ingiusta profocazione della polizia. Fatica inutilo della DIGOS e degli agenti, meglio lasciarli fare e ritirarsi in buon ordine prima di dover pagare i danni a qualche malmenato, torturato o peggio, e forse finire in galera.

Ma.at

Dom, 08/12/2019 - 16:32

Non ci sono problemi tanto la linea ferroviaria che unirà Mosca e San Pietroburgo a Lisbona passerà da Austria e Svizzera mentre l'Italia comunista sarà ancora una volta tagliata fuori.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 08/12/2019 - 16:43

Ai sinisrti tutto è permesso, compresa la violenza pura e senza alcun fine. La demcrazia non sanno neppure cosa significhi.

marinaio

Dom, 08/12/2019 - 17:05

Questi non sono NOTAV, sono NoTutto. Della TAV non gliene frega nulla, è solo una scusa per fare casino, tanto sanno che la magistratura è dalla loro parte.

Brutio63

Dom, 08/12/2019 - 17:15

Pacifisti in azione per la democrazia!

salmodiante

Dom, 08/12/2019 - 17:40

In Nevada se pensi di entrare nell' "area 51" vengono a casa a prelevarti per mandarti in una prigione federale. L' Italia invece, il paese dei "bravi guaglioni"!

VittorioMar

Dom, 08/12/2019 - 17:57

.scommetto che li HA ORGANIZZATI quel VIOLENTO RAZZISTA FASCISTA di SALVINI !!

Ritratto di Elvissso

Elvissso

Dom, 08/12/2019 - 18:12

Metteteli in galera!!!

sparviero51

Dom, 08/12/2019 - 18:27

FECCIA DI RISERVA DEI GRILLIPIDI DA USARE OGNI TANTO PER MANTENERE ALTA LA TENSIONE !!!

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 08/12/2019 - 19:16

In questi casi, """LA POLIZIA, DEVE SPARARE AD ALTEZZZA D`UOMO, PERCHÈ È GUERRIGLIA"""!!!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 08/12/2019 - 19:27

mannaggia @VittorioMar, possibile che qualcun arrivi prima di me a fare la stessa battuta? Ma le sardine hanno detto che loro non sono violenti.........ora, poi si vedrà,per me sono della stessa razza.

Renadan

Dom, 08/12/2019 - 19:27

Questi spno i '' Democratici'' bravi buoni e belli. Loro non diffondono Odio. Merde schifose

ziobeppe1951

Dom, 08/12/2019 - 19:56

Figli di quella scrofa sempre incinta

Ritratto di pascariello

pascariello

Dom, 08/12/2019 - 21:18

Questi di Askatasuna, sono dei beneamati del Comune di Torino che tollera la loro occupazione di un edificio di proprietà pubblica da 30 anni (da Castellani alla Appendino) senza chiedere lo sgombero alla magistratura Torinese, la quale nonostante siano stati ripetutamente denunciati ma non li porta mai alla sbarra per finalmente condannarli e fare si che alla prossima volta si presentino da recidivi. Nei locali illegalmente occupati ospitano spesso anarcoidi e "antagonisti" italiani e stranieri ...

Ritratto di IlMerovingio

IlMerovingio

Lun, 09/12/2019 - 21:50

Cosa c’è di meglio per digerire una apericena NO TAV che un pò di lancio di pietre e petardi al cantiere?Avete fatto almeno il ruttino post prandiale?Questi mentecatti sono incredibilmente prevedibili,in qualsiasi altro paese sarebbero dietro le sbarre con i precedenti che molti di loro hanno,altro che arresti domiciliari,obblighi di firma e fogli di via.Sono curioso di leggere i commenti di chi avrà il coraggio e l’incoscienza di prendere le loro difese.