Il record dell'Italia al G7: tasse raddoppiate in 50 anni

Il rapporto Ocse: ai tempi del boom la pressione fiscale era al 24,7%. Ora è tra le più alte d'Europa

Che bello una volta, quando le tasse non ci strangolavano, lo stipendio ci bastava, ci compravamo la macchina nuova con allegria, la casa anche senza arrivare alla liquidazione e le imprese galoppavano verso un futuro di investimenti sempre più roseo.

Che belli, quegli anni '60, in cui la pressione fiscale era bassa, bassissima rispetto ad oggi, al 24,7%, sì davvero non ve lo ricordate? Ora che l'Italia è al 43,3%, ci sembra quasi impossibile.

Erano gli anni della crescita, dell'impulso e dell'ottimismo, ognuno aveva fiducia nelle sue possibilità di migliorare col tempo la propria condizione. Il lavoro aveva un fine a portata di mano, da realizzare presto, con una vita più bella. Il mondo girava, persone e aziende giravano con lui e si poteva sognare.

In questo 2017, invece, le ultime tabelle Ocse spietatamente ci ricordano che in 50 anni il nostro mondo si è capovolto, fiscalmente parlando. Adesso ogni cittadino ha sulle spalle un macigno enorme di debiti non suoi ed è condannato come Sisifo a portarlo su per poi vederlo rotolare al punto di partenza. Deve pagare le tasse in misura sproporzionata, sempre. E tante.

I numeri? Il gettito fiscale in rapporto al Pil è passato da quel magico 24,7% del 1965 all'opprimente 43,3% del 2015. Un balzo enorme, schiacciante per ogni residua ambizione di riscatto, un balzo di oltre 18 punti percentuali. Ineguagliato. È un primato che non vorremmo avere, eppure l'Italia è al top G7 per incremento della pressione fiscale in 50 anni e al secondo posto per gettito in rapporto al Pil.

Ci potremmo consolare aggrappandoci all'ultimo dato sulla pressione fiscale del 2016 diffuso dall'Istat: 42,9% (al 42,3 con la riclassificazione come bonus Irpef degli 80 euro in busta paga). Forse qualcosa inizia a muoversi, forse s'inverte la tendenza? E invece no, assicurano implacabili gli esperti, nessuna speranza: sul caso italiano quel dato incide ben poco. Come dire: si andrà avanti così, non illudetevi. Se non peggio.

Così, vuol dire male, malissimo. E a poco serve guardare quei pochissimi che stanno peggio. L'ultimo Revenue Statistics 2016 dell'Ocse mette al primo posto per pressione fiscale tra i Sette Grandi la Francia, al 45,5% nel 2015, dal 33,6% del 1965 (con una crescita di quasi 12 punti). Comunque ben al di sotto del nostro 18%.

Guai, poi, a guardare chi sta meglio, anche se di poco. In Canada il gettito in rapporto al Pil si attesta al 31,9%, rispetto al 25,2 del 1965 (circa 6 punti in più). Peggio a confrontarci con l'asse Londra-New York. Il Regno Unito, al solito, fa storia a sé e ci sbatte in faccia una stabilità che fa assonanza con superiorità. La pressione fiscale è sostanzialmente stabile da 50 anni: al 32,5% nel 2015 dal 29,3% (circa 3 punti in più). Stesso trend negli Usa al 26,4% nel 2015 dal 23,5% dell'era Johnson. Riprendiamo fiato col Giappone? Stava benissimo 50 anni fa, con il 17,8%, ma è arrivato al 32% nel 2014 (ultimo dato disponibile), con 14 punti di incremento. Sì Nel resto dell'Ue, ai primi posti per pressione fiscale in rapporto al Pil c'è la Danimarca al 46,6%, con una crescita forte rispetto al 29% del 1965 (17 punti), però non facciamo confronti sui servizi pubblici. Come in Svezia, al 43,3% dell'Italia, con un più 12 punti dal 31,4% del '65. Meglio guardare la Spagna, salita da un bassissimo 14,3% al 33,8% (19). O al Portogallo (18 punti) dal 15,7% al 34,5%, ma ricordiamoci che ha dovuto scongiurare il default.

Commenti

Zizzigo

Lun, 10/04/2017 - 10:12

Bellissimo, quanto inutile, elenco di numeri, privi di significato... quale italiano, di quelli che sopravvivono con redditi da fame, ma ci pagano sopra quasi il 50% di tasse, sarebbero disposti a pagare anche il 60% di tasse, se il loro reddito fosse di 200 mila euro l'anno? Senza la pietra di paragone (non il PIL, ma il reale reddito personale) le "percentuali" dicono un bel nulla.

audionova

Lun, 10/04/2017 - 10:20

si era al 24%,da allora pero'i politici e i cittadini si sono fregati tutto,giusto morire politicamente e economicamente.

Ritratto di Azo

Azo

Lun, 10/04/2017 - 11:21

La cittadinanza Italiana, potrà avere un minimo di colpa, MA la malapolitica della maggior parte dei politicanti Italiani, che dal 60 in qua hanno governato, dovrebbe pagare le conseguenze delle loro malefatte!!! INVECE, LA CORRUZIONE CHE HANNO INTRODOTTO IN TUTTE LE ISTITUZIONI STATALI, HA FATTO SI, CHE IL 25X100 DI QUESTI DIPENDENTI STATALI, VIVE CON SALARI "FAVOLOSI E AGEVOLAZIONI INESTIMABILI", IL 75X100 LAVORA QUANDO VUOLE, "MA STIPENDIATO ANCHE SE NULLAFACENTE" E TUTTI SONO RISPETTATI E RIVERITI, MENTRE I LAVORATORI DEL SETTORE LIBERO DEVONO PAGARNE LE SPESE E LE PICCOLE IMPRESE FALLISCONO!!! """PROPORREI CHE A TUTTE LE DIPENDENZE STATALI PENSIONATE VENGANO CONFISCATI I LORO BENI EVENGA LORO DATO IL MINIMO NECESSARIO DI PENSIONE PER POTER VIVERE FINO AGLI ULTIMI GIORNI E CHE I LORO FAMIGLIARI DEBBANO SOPPORTARETUTTE LE PRESSIONI BUROCRATICHE, CHE IL RESTO DELLA POPOLAZIONE SUBISCE"""!!!

Luisigno

Lun, 10/04/2017 - 11:28

Non sarà vero il PD le tasse le abbassa!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

ILpiciul

Lun, 10/04/2017 - 11:45

È ormai arcinoto che i governanti "lavorino" non a favore dei loro popoli; sono degli yes men. Il punto è che noi non riusciamo, per ora, a dire basta! Vorrei vedere se all'unisono puntassimo i piedi. Da veri pavidi, essi, calerebbero le brache, come d'uso.

cgf

Lun, 10/04/2017 - 11:49

Anche meno di 50 anni. l'incremento maggiore negli ultimi 25! Da quando sono state affidate le leve al dottor Sottile, NB uscito indenne dalla bufera precedente ed ancora oggi ha leve che tiene ancora saldamente in pugno. Quando, non come allora ti tassa tutto il tassabile che non era stato ancora tassato prima, notevole il suo contributo per 'incastrare meglio i cittadini' e renderli SUDDITI, è anche colui che contribuì notevolmente alla blindatura dell'adesione CEE, l'art.50 (usato per la Bexit), per sua stessa ammissione, fu messo solo per accontentare la GB, ma non doveva essere usato, tant'è che si stupì del referendum, ancor di più del risultato, talmente sicuro di se che nulla è stato definito a seguito di quell'articolo sul come procedere in caso di reale uscita.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 10/04/2017 - 13:40

avete vinto un guiness in Europa e poi vi lamentate del PD?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 10/04/2017 - 13:41

siete prossimi all ' Oscar che il PD vi farà vincere su tasse disoccupazione e evasione fiscale.

audionova

Lun, 10/04/2017 - 15:45

con questi commenti non c'e' altro da dire,siamo italiani,abbiamo quello che meritiamo.