Il regalo del "fisco umano" ai terremotati: rinvio mini, pagheranno le tasse a Natale

Stop ai versamenti di soli 120 giorni. Incertezza su Tasi, Iva e contributi

Roma Oltre al danno anche la beffa. Sarà pure un luogo comune, ma quando si tratta di fisco non c'è terremoto che tenga, nessuna pietà per gli sfollati e i danneggiati dal sisma del 24 agosto: le tasse vengono prima di tutto. Il decreto firmato dal ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, per la sospensione degli adempimenti tributari nei diciassette Comuni di Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo colpiti dalle scosse il 24 agosto, sebbene in attesa di pubblicazione, lascia già intravedere alcune problematiche che non sarà semplice risolvere. Ma soprattutto potrebbe rivelarsi l'ennesima occasione persa per mostrare il volto umano dell'amministrazione finanziaria.

In primo luogo, il termine per la ripresa dei versamenti è fissato al 20 dicembre. La sospensione, pertanto, è destinata a durare 120 giorni. Circa la metà dei 238 giorni concessi dal governo Berlusconi ai terremotati dell'Aquila nel 2009 (dal 6 aprile al 30 novembre). Uno sforzo analogo, insomma, avrebbe anche potuto essere fatto. Il ministero dell'Economia ha una scusante tecnica: un decreto ministeriale non può superare i termini dell'anno solare senza una copertura prevista in bilancio. Dunque un'eventuale proroga, sulla falsariga del passato, sarà demandata a un apposito stanziamento nella prossima manovra. Proroga quantomai necessaria per evitare la tagliola dell'acconto Iva il 27 dicembre prossimo. «I contribuenti delle zone terremotate spiega Paolo Duranti, fiscalista dello Studio Mazzocchi & Associati di Milano si troverebbero in una situazione di grande difficoltà poiché due dei tre criteri per la determinazione degli acconti sono basati sul fatturato, un parametro quasi impossibile da determinare nel caso di attività che sono state bloccate a causa dei danni conseguenti al sisma».

Nel 2009, inoltre, l'esecutivo di centrodestra varò un provvedimento a più ampio raggio che, oltre alla sospensione di sanzioni, interessi di mora e attività di accertamento, comprendeva anche la sospensiva dei versamenti dei contributi consortili, previdenziali, la proroga della validità delle tessera sanitarie in scadenza (utili soprattutto agli anziani) e l'irrilevanza ai fini fiscali delle rendite degli immobili lesionati. «L'articolo 53 della Costituzione e numerose sentenze della Cassazione fanno riferimento alla capacità contributiva del cittadino come misura dell'imponibile: se si è perso il patrimonio e non si è più in grado di produrre un reddito, i debiti fiscali andrebbero cancellati», aggiunge Duranti. Un chiaro riferimento a Imu e Tasi, ma anche ai canoni di concessione di beni demaniali eventualmente devastati. Per evitare spiacevoli sorprese, in ogni caso, basterà denunciare all'Agenzia delle Entrate che quello che una volta era un immobile residenziale o commerciale è diventato un rudere.

Commenti

Fjr

Sab, 03/09/2016 - 09:24

Paga e taci, il fisco non si ferma nemmeno davanti ai morti, ma tassa i vivi in quanto unita' biologiche con ancora un codice fiscale esistente, a nulla serve dimostrare che oramai non hai più' nulla, non una casa, un lavoro una famiglia ,perché' quella famiglia è' rimasta sotto le macerie, più' giusto invece riconoscere la nazionalità' ai figli di quelle donne che violentate prima di partire, partoriranno sul suolo italico ,ecco lì invece di tasse non se ne parla perché' loro fuggono dalla guerra ,della nostra di guerra contro la natura e contro chi non ha provveduto a mettere in sicurezza le abitazioni non frega niente a nessuno in special modo a chi adesso chiede il conto perché' comunque hai un tetto seppur di tela sulla testa.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 03/09/2016 - 09:29

Ma li hanno informato sugli interessi a percentuali di Equitalia? Forse sarebbe meglio pagarle subito. Mi sa che andranno dalla padella alla brace, conoscendo i furbetti al governo.

magnum357

Sab, 03/09/2016 - 09:37

Ma vi pareva che i pdioti governanti rinuncino alle loro prebende ? Pretenderanno il pagamento posticipato anche a chi ha perso tutto, gente che ha sempre versato il dovuto !!!!! Per loro però non c' è spazio negli agriturismo e negli hotels, già occupati dalle sboldriniane risorse, che all' Italia non verseranno mai neanche un cent di tasse !!!!!!

rudyger

Sab, 03/09/2016 - 09:42

Non è il fisco infame, ma gli uomini che lo gestiscono sono diabolici esseri immondi. Hanno subito strombazzato la sospensione. adesso paghino anche i morti (gli eredi entro i termini di legge)

semprecontrario

Sab, 03/09/2016 - 09:56

pallonaro avevi promesso sei un pallonaroooooo

vince50_19

Sab, 03/09/2016 - 10:00

Ah .. l'odore dei soldi ..

routier

Sab, 03/09/2016 - 10:17

Per qualcuno che ha perso i suoi cari, la propria casa, e magari anche una attività commerciale o artigiana, una dilazione di alcuni mesi, è una manna dal cielo o una presa per i fondelli? Evidentemente che gestisce il fisco ha perso il senso del ridicolo.

Ritratto di gammasan

gammasan

Sab, 03/09/2016 - 10:28

Spieghiamolo meglio: la riscossione è stata bloccata perché si è sbriciolato l'ufficio postale: appena rimetteranno a posto, alla meglio, gli sportelli si dovrà ricominciare a pagare..

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Sab, 03/09/2016 - 10:39

Una volta c'era il pacco dono natalizio, il governo oggi vuole riproporre questa bella tradizione. Cari terremotati, l'importante é il gesto non il contenuto del pacco. Ci mancherebbe altro che si faccia gli schizzinosi.

Giulio42

Sab, 03/09/2016 - 11:34

Speriamo li facciano votare.

Ernestinho

Sab, 03/09/2016 - 11:37

Neanche in occasioni come queste un briciolo di umanità. VERGOGNA!!!!

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Sab, 03/09/2016 - 11:54

SECONDO IL FISCO I COMMERCIANTI DI AMATRICE A NATALE SARANNO GIA' PRONTI PER LAVORARE...ROBA DA MATTI. SIAMO GOVERNATI DA DEI BUFFONI.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 03/09/2016 - 12:05

Un nuovo regalo di Natale: il pacco!

karpi

Sab, 03/09/2016 - 12:06

A Roma devono organizzare le Olimpiadi, hanno bisogno di soldi per far bella la città (come da intervento di un vicemistro ad Agorà qualche giorno fa)

Tarantasio.1111

Sab, 03/09/2016 - 12:06

Gian Maria ti sei dimenticato di dire che questa popolazione terremotata: che va aiutata...comunque oggi i loro problemi li stanno risolvendo aiutati dal governo che abbiamo cioè, da quella parte politica che loro hanno sempre sostenuto

unosolo

Sab, 03/09/2016 - 12:33

questo governo è incapace a gestire disastri ma ottimo incassatore di soldi , ha preso soldi fermi regalandoli senza incentivare crescita produttiva , quella che ha reso ricca la nostra Nazione , ebbene sono sicuro che nelle indagini partite a razzo su questo ultimo disastro faranno arrestare i morti e forse i figli o eredi dovranno risarcire i danni che la casa ha causato, hanno preso soldi dei risparmiatori , dei pensionati e ora anche dai morti ? ancora qualcuno pensa che questo sia un governo responsabile ? .questo governo pensa solo al SI per continuare a derubare il popolo .

titina

Sab, 03/09/2016 - 13:00

Spero che i terremotati appendano i bollettini ( non pagati) delle tasse all'albero e li facciano rimanere lì. hanno perso tutto che devono pagare?

unz

Sab, 03/09/2016 - 13:33

che schifo alla fine il socialismo ha vinto