Renzi a caccia del tesoro Pd: vale 500 milioni

Circa 2400 immobili, 410 opere d'arte. Ben settanta fondazioni nate per non pagare 200 milioni di debiti. I soli immobili appartenuti al Pci-Pds valgono circa 500 milioni

Un passo alla volta, la scalata di Matteo Renzi al Partito democratico è arrivata a un momento chiave. Ha conquistato rapidissimamente le primarie, la segreteria, Palazzo Chigi e sta per piazzare un amico suo al Quirinale. Gli manca un ultimo obiettivo, determinante: i beni, il patrimonio, il tesoro degli ex comunisti. Soldi, edifici, terreni, società immobiliari, opere d'arte per un valore che supera il mezzo miliardo di euro. Il compagno Ugo Sposetti, vecchia scuola Pci, ha chiuso tutto in 70 fondazioni-cassaforte sparse per l'Italia, intitolate alla nomenclatura comunista (Longo, Berlinguer, Natta, Chiaromonte, Quercioli, Vittorio Foa e altri minori) o a simboli come il Tricolore, Bella ciao, la Quercia, Rinascita. Enti morali senza scopo di lucro, proliferati grazie a una leggina del 2006 (governo Prodi), affidati ad amministratori di provata fede e soprattutto separati dal partito. Riuscirà il nostro eroe a metterci le mani sopra?

Piatto ricco, mi ci ficco. Anzi, piatto ricchissimo. I beni transitati dal Pci ai Ds - ma non al Pd - sono un'enormità. Poche persone ne conoscono la consistenza reale. Sicuramente tre: lo stesso Sposetti, l'archivista che li ha catalogati tra il 2007 e il 2008 e cioè la professoressa Linda Giuva e il di lei marito, Massimo D'Alema. Un censimento pubblico non c'è, con tanti saluti alla trasparenza. Le fondazioni fanno capo a un'associazione nazionale presieduta da Sposetti che porta il nome di Enrico Berlinguer; una sorta di holding che si è data un semplice compito di coordinamento senza obblighi di rendicontazione, e meno che mai tenuta a redigere un bilancio consolidato con la consistenza patrimoniale complessiva.

Ogni ente fa quello che gli pare. Pochi hanno un sito internet e nemmeno tutti v'inseriscono i bilanci; soltanto una minima parte elenca gli indirizzi degli stabili con l'elenco degli affittuari ma non dei canoni incassati. Della stragrande maggioranza non si sa nulla, zitti e mosca. Nemmeno le regioni, che devono vigilare sugli enti non-profit, pubblicano i bilanci delle fondazioni. Tutto tace anche sulle attività che dovrebbero essere la loro vera ragione di esistenza, cioè le iniziative per «valorizzare il patrimonio culturale» del Pci-Pds-Ds. Al massimo si registrano la «notte rossa», qualche serata per il film Quando c'era Berlinguer di Walter Veltroni e rare presentazioni di libri di D'Alema.

Sono manifestazioni sporadiche che fanno capire qual è il vero business delle fondazioni: la gestione degli immobili. Edifici sparsi in tutta Italia, città grandi e piccoli paesi, palazzi centrali, stabili di periferia e cascine di campagna, le «case del popolo». In questo calcolo non sono comprese 410 opere d'arte, una collezione vastissima soprattutto di quadri e opere grafiche dal secondo dopoguerra in poi, un insieme di grandi maestri e artisti dilettanti in cui spiccano lavori di Guttuso, Mario Schifano, Renato Birolli, Ernesto Treccani, Piero Dorazio, Giò Pomodoro. Questo tesoretto non è finito in mano alle fondazioni.

A metà degli Anni 90 la stima del patrimonio artistico era di 10 miliardi di lire, cioè cinque milioni di euro. Quasi vent'anni dopo, si può ritenere che il valore sia quasi raddoppiato. Le più famose sono due gigantesche tele di Guttuso, entrambe proprietà della direzione nazionale Ds: I funerali di Togliatti (3,4 metri per 4,4) in deposito permanente al Museo di arte moderna di Bologna, e La battaglia di Ponte dell'Ammiraglio (5 metri per 3) esposta alla Galleria nazionale di arte moderna di Roma. I compagni di Schifano (2 metri per 2) venne invece comprata dall'attore Gianmaria Volonté che la regalò alla sezione Pci di Trastevere.

Guttuso era un militante convinto, premiato con un seggio in Parlamento, che spesso pagava la tessera con un dipinto o una litografia. E così, dice la leggenda, si è alimentato il patrimonio immobiliare rosso: attraverso le autotassazioni, le feste dell'Unità, i lasciti e i sacrifici dei compagni che passavano il tempo libero a edificare le case del popolo. Vero, ma in parte. Di molti beni il Pci s'impossessò durante la Resistenza. Altri, ingenti, furono comprati con l'«oro di Mosca»: finanziamenti dall'Unione sovietica e tangenti sugli scambi commerciali con i Paesi dell'est nella lunga stagione della guerra fredda.

Questo business durato decenni ha consentito al Pci di strutturarsi come nessun altro partito in Italia. Fassino, D'Alema e Sposetti, nel 2007, si rifiutarono di conferirlo al Pd. Ma dietro questa ibernazione di un patrimonio immenso stanno anche altre ragioni meno nobili. Dieci anni fa i post-comunisti erano pieni di debiti come oggi, quasi 200 milioni di euro secondo gli ultimi rendiconti Ds, coperti in piccola parte con la vendita dei palazzi storici che ospitavano le federazioni locali. Furono clamorosi i casi di Botteghe Oscure o del palazzo alle Frattocchie, sede della scuola politica.

Di quel passo i Ds si sarebbero mangiati rapidamente anche il resto. La scelta di creare le fondazioni non fu dunque dettata soltanto dalla diffidenza (reciproca) verso la Margherita: il patrimonio fu messo al riparo soprattutto dalla voracità dei compagni indebitati fino al collo e dalle brame dei creditori, in testa le banche pronte ai pignoramenti. Da Efibanca a Unicredit, che pure fu guidata a lungo da un banchiere amico come Alessandro Profumo, vari istituti hanno impugnato alcuni atti di donazione di immobili dai Ds alle fondazioni, le quali formalmente non hanno legami con il partito. Per ora le banche creditrici devono farsi bastare il pignoramento di qualche rimborso elettorale.

Fu Bologna il laboratorio che mise a punto il sistema delle fondazioni per sottrarre gli immobili alle fauci dei tesorieri diessini: la Fondazione Duemila, che ha un bilancio di 20 milioni di euro (immobili per 13 milioni di euro e partecipazioni in società immobiliari per altri 7), fu istituita un anno prima della fusione tra Ds e Margherita, nel giugno 2006. In autunno il Parlamento a maggioranza Ds-Rifondazione consentì ai partiti di costituire «fondazioni politico-culturali» per gestire anche patrimoni immobiliari che godono di un vantaggio fiscale perché in caso di vendite non pagano la tassa di registro. Attenzione: le fondazioni non hanno scopi di lucro, ma le immobiliari da loro controllate sì. Sull'asse Lombardia-Emilia Romagna-Toscana quasi tutti gli enti agiscono in questo modo.

E sono casseforti blindate, a prova di grimaldello politico, perché i responsabili sono nominati a vita. Che paradosso: il partito della collettivizzazione ha privatizzato i propri beni affidandoli a enti amministrati da persone che non rendono conto a chi ha costruito (almeno in parte) quel patrimonio ma semplicemente a chi li ha nominati. A chi appartengono quei beni che hanno fatto la storia della sinistra italiana? Al partito, ai militanti, alla casta dei compagni che non sbagliano? Al momento sono saldamente in mano agli anti-renziani.

Da un lato dunque c'è la proprietà di case e palazzi, dall'altro il partito che ha preso in affitto le sedi dalle fondazioni pagandolo con i denari del finanziamento pubblico. A Bologna la Fondazione Duemila ha come inquilino il Pd in oltre metà degli 87 spazi posseduti, una proporzione che si ripete anche nel resto del Paese. Il Pd paga ai Ds un «affitto politico»: 28 euro il metro quadrato per gli uffici, 24 per le sale riunioni, 20 per i magazzini. In sostanza, una sede di 100 metri quadrati versa sui 3.000 euro di affitto annuo. E ugualmente in molte zone d'Italia il Pd è un inquilino moroso, come testimoniano la crescita dei crediti per insolvenza accantonati nei bilanci delle fondazioni e le numerose minacce di sfratto. I Ds che cacciano il Pd: una metafora della lotta interna al partito tra la vecchia guardia e Renzi. La diffidenza con cui sette anni fa i Ds consideravano la Margherita è la stessa con cui la minoranza Pd guarda al rottamatore di Firenze.

Un 15 per cento degli immobili rossi ospita, sempre a pagamento, associazioni, circoli Arci, coop, sindacati, centri sociali. Un altro 20 è concesso a privati a prezzi di mercato: bar, uffici postali, negozi, palestre, perfino sale giochi. Il resto è da ristrutturare. In un anno la Fondazione Duemila (anche attraverso l'Immobiliare Porta Castello spa controllata al 99,95 per cento) dichiara di incassare circa 2 milioni di euro dai canoni di affitto. Per gli eredi del Pci il mattone resta un ottimo investimento nonostante la crisi. Fra le entrate si trova anche una piccola voce, il 5 per mille: tutte le fondazioni rosse hanno chiesto di incassarlo in quanto «enti di volontariato», un sistema di finanziamento indiretto al partito. Su internet la raccolta del 5 per mille è spesso l'unico contenuto dei siti. Ma i militanti non sono troppo generosi: a Bologna appena 1.709 euro. Come cantava Gianni Morandi, artista cresciuto nelle case del popolo emiliane, si può dare di più.

Commenti
Ritratto di ersola

ersola

Lun, 24/11/2014 - 13:45

oggi ancora vedo i commenti dei varii mortimer,raddrizzabanane,scipione,bruna amoroso ecc. insomma i fedelissimi del contaballe nazionale.

Ritratto di ersola

ersola

Lun, 24/11/2014 - 13:50

comunque bisogna dirlo,il pd vince perchè è il partito che tra i suoi elettori ha più degli altri, quelli che con la politica ci mangiano,impiegati statali riconoscenti al loro ufficio collocamento.

moshe

Lun, 24/11/2014 - 13:54

Volendo semplificare, si potrebbe tranquillamente dire che il pd è una associazione a delinquere!

Ritratto di Fabmastro

Fabmastro

Lun, 24/11/2014 - 14:05

facciamo una bella patrimoniale sulle fondazioni. i compagni che invocano il pagamento (giusto)!delle tasse da parte degli enti religiosi, reclamino a gran voce la fine delle fondazioni. Le quali oltretutto non svolgono alcuna funzione sociale...

sergio_mig

Lun, 24/11/2014 - 14:16

Adesso cosa fa, mette il "patrimonio" rubato agli italiani a nostra disposizione? Sporchi SCIAGURI comunisti, tutti sfruttatori del popolo, e poi si vantavano di essere difensori dei lavoratori, dei poveri, degli ultimi. Vigliacchi mentitori e ladri

Atlantico

Lun, 24/11/2014 - 14:17

Il Giornale è veramente impagabile ! In prima pagina oggi i perdenti sono Renzi ( Renzi ! ) e Grillo. Il vincente è Salvini ( ma non si dice mica che ha doppiato Forza Italia, eh ! ) mentre Forza Italia è desaparecida ! E poi chiedono perchè si viene qui ! Altri giornali di destra come Libero e Il Tempo non nascondono la testa sotto la sabbia. STRUZZI !

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 24/11/2014 - 14:19

MA; IL PARTITO DEI KOMUNISTRONZI; NON É IL PARTITO DEGLI ONESTI???!!!.

elalca

Lun, 24/11/2014 - 14:23

#ersola: ha proprio ragione quando dice "quelli che con la politica ci mangiano" quindi significa ladri. sempre più ragione quando cita "impiegati statali" i.e. fancazzisti ma "riconoscenti al loro ufficio collocamento" significa fare a mezzo delle prebende con chi ti ha raccomandato?

disaccordo

Lun, 24/11/2014 - 14:25

@Atlantico se aspetti ancora 3/4 giorni il prontissimo rame sfornerà un sondaggio su misura dove potrà rasserenare mortimer e raddrizzabanane con un "stabile forza italia"...

rickard

Lun, 24/11/2014 - 14:28

Compagno tu lavori e io magno. Chiamali scemi. Scemi erano quelli che gli credevano e sono quelli che ancora gli continuano a credere.

magnum357

Lun, 24/11/2014 - 14:29

Tra le altre pure una fondazione di D'Alema riesce a ciucciare soldi dalla UE !!! In pochi anni ha messo le mani su circa 15-18 milioncini di euro !!!! Ma dovuti a che cosa ? Sono una delle mille stranezze della sinistra che comincio' a derubare l' Italia mettendo le mani su gran parte dell'oro di Dongo che i Tedeschi stavano portando in Germania nell'Aprile 1945 ma che poi, per timore della popolazione, consegnarono ai locali; il partito di Togliatti ebbe piu' di 30 kg d'oro ed oltre 30 milioni di lire dell'epoca !! Da li' costruirono le proprie fortune !!!

Ritratto di ALESSANDRO DI PROSPERO

ALESSANDRO DI P...

Lun, 24/11/2014 - 14:30

PENSO QUASI SICURAMENTE CHE SARA' VERO SE NON DI PIU'. ALTRO CHE MANOVRE FINANZIARIE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER AFFAMARE IL POPOLO ITALIANO POVERO E MEDIO POVERO GIA' STRENATO DA PIU' ANNI.

dementina1

Lun, 24/11/2014 - 14:33

e poi parlano di conflitti d interesse???????????????ladroniiiiiiiiiiiiiiii e coglioni chi li vota

morghj

Lun, 24/11/2014 - 14:35

Non penso proprio che su questo patrimonio immobiliare paghino l'IMU, da loro fortemente voluta a scapito di tutti gli altri. E' la solita storia della sinistra radical chic: fare i froci con il culo degli altri. Ps. A titolo personale, nonostante tutti i soldi che percepiscono a vario titolo, ben pochi possiedono titoli, conti bancari attivi ed immobili, chissa mai perchè???

moichiodi

Lun, 24/11/2014 - 14:36

Depistare, depistare,depistare.... . Manca un articolo sul vili degli asini

Ritratto di bobirons

bobirons

Lun, 24/11/2014 - 14:36

Il PD ha il capitale di cui a questo articolo. L'ex Margherita ha un capitale tale che non si accorsero neppure che qualcuno fregava milioni a go-go. Gli altri partiti immagino siano nelle stesse situazioni. Son comunque tutti denari pubblici derivanti da versamenti dello stato, e quindi dalle nostre tasche. DOMANDO: E se fossero incamerati dall'Erario, in altgre parole ritornati ai primi donatori, non sarebbe un bell'aiuto a sanare il deficit pubblico ? Seconda domanda: Perchè partiti defunti, vedi la succitata Margherita, Alleanza Nazionale, la Quercia, quello del bifolco abruzzese di cui non ricordo il nome, altri, non sono obbligati a restituire i capitali ricevuti e chiaramente non impiegati ? Ed inoltre, se i partiti ricevono tanti versamenti da supplire alle loro spese e ne resta ancora per accumulare patrimoni, perché si seguita ad elargire loro fondi che la volontà popolare ha determinato non sborsabili ?

Dani57

Lun, 24/11/2014 - 14:39

Caro Matteo Trova il tesoretto donalo ai poveri italiani massacrati dalla crisi e dai governi du dx e sx dal dopoguerra ... e anche io ti voteró alle proosime elezioni

Sapere Aude

Lun, 24/11/2014 - 14:40

Se il ferroviere Sposetti e l'archivista Giuva in Baffino hanno messo sotto chiave il patrimonio possiamo celebrare una Cosa Nostra II, questa volta non più targata Lupara ma Botteghe Oscure. La prima vittima, caduta accidentale da palazzo Salimbeni.

Cinghiale

Lun, 24/11/2014 - 14:41

@ersola Lun, 24/11/2014 - 13:50 - Finchè saranno mantenuti e ben pasciuti non morderanno la mano, ma di questo passo i soldini finiranno e allora voglio vedere.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 24/11/2014 - 14:41

certo che è a caccia del tesoro è per darlo ai cittadini poveri darli si ma sui denti.Si Pasquale è il partito degli italiani.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Lun, 24/11/2014 - 14:42

Il vero e più grande !bottino" del PCI, PDS, DS, PD, Fonzie Renzi non lo troverà mai perchè ben custodito in paradisi fiscali inviolabili. Si dovrà accontentare delle briciole che, comunque, non sono bruscolini!

Cinghiale

Lun, 24/11/2014 - 14:43

Fortuna che i terremotati in Emilia sono in tanti sotto il cielo, altrimenti sarebbe stato ancora meglio, o peggio, dipende dai punti di vista.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 24/11/2014 - 14:46

Allora, volendo riepilogare Matteo Renzi é un Ministro senza....Portafogli?, certo che i komunistronzi in Italia sono tutti dei poveri Cristi HAI HAI!, Beppe Grillo non niente da dichiarare al fisco ANCHE AVENDO SOCIETÁ E MILIARDI!,il PDPCI non ha un soldo in Cassa,Ma i 28 miliardi di euro che si sono pappati per lo scandalo MPS dove minkia sono?! é quel,altra paccata di 20 Miliardi di euro fregati a Telecom Italia dove sono finiti?!. Comunque, se Matteo Renzi ha bisogno di soldi, basta che lui si rivolga a D,alema che si é fregato 100 Miliardi di vecchie lire per la Missione Arcobaleno, oppure a Pier Luigi Bersani che insieme a Penati si é pappato la bellezza di 140 Milioni di euro per la Milano-Serravalle!!!.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Lun, 24/11/2014 - 14:49

rickard .."Compagno tu lavori e io magno"...ha,ha..rickard mi dispiace ma questa te la frego..

Libertà75

Lun, 24/11/2014 - 14:51

Cioè fatemi capire una cosa. I notabili pensatori di sinistra accusano le agevolazioni fiscali trasparenti (documentate e certificate) riservate alla Chiesa e poi in casa loro fanno tutto di nascosto? E come è che nel 2006 Prodi fece una legge ad partito? Io non capisco... non gli bastavano i 4miliardi di MPS?

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Lun, 24/11/2014 - 14:51

ermona..flop dello Scimmione..è rientrato nella gabbia..se adesso vuoi assistere ai comizi ti devi recare a Genova..comprare il biglietto d'ingresso al bioparco..e lanciarli le noccioline per farlo uscire dalla tana!!..ha,ha.

Ritratto di viwajmass0n1

viwajmass0n1

Lun, 24/11/2014 - 14:53

il famoso tesoro di alì babà e compari

Duka

Lun, 24/11/2014 - 15:02

OCCHIO!!!!!!!! PER LE TRUFFE DI STATO NON LI BATTE NESSUNO

Libertà75

Lun, 24/11/2014 - 15:10

@atlantico, sei in grado di esprimere una tua opinione in merito alla questione dell'articolo? lo chiedo, perché altrimenti appari come una persona priva di intelligenza propria che si abbevera alla fonte della propria sede di partito (o tramite un giornale privato che vi fa da scuola guida). Penso sia abbastanza intelligente da esprimere un pensiero in coerenza con l'articolo. Mi dica se sbaglio a chiamarla intelligente.

ilfatto

Lun, 24/11/2014 - 15:10

@RaddrizzoLeBanane....il bananone di oggi non lo digerisci nemmeno tu che sei avvezzo a calibri non indifferenti...grazie di esistere mi risollevi sempre la giornata...che dio ti protegga e mantenga co sta capoccia!

mariett

Lun, 24/11/2014 - 15:15

Beh, cari ragazzi del Cav, cosa non si fa pur di non parlare di Forza Italia al 9% !!!

Rossana Rossi

Lun, 24/11/2014 - 15:17

I soliti sinistronzi buffoni che fanno finta di combattere il capitalismo.........e i babbei che ci credono e pure li votano!

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 24/11/2014 - 15:19

alla faccia del proletariato

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 24/11/2014 - 15:20

#raddrizzolebanane. GUARDA; CHE QUESTA BATTUTA (compagno tu lavori é io magno) É VECCHIA DI PIU DI 50 ANNI! É NOI A NAPOLI LA DICEVAMO PER SFOTTERE I KOMPARI KOMUNISTRONZI; QUANDO LORO SNOCCIOLAVANO I LORO SLOGAN ELETTORALI!!!.

Rossana Rossi

Lun, 24/11/2014 - 15:21

Beh Forza Italia in quelle regioni tipicamente sinistronze dove i rossi si votano da soli sarà anche al 9% ma come dice un famoso detto 'pochi ma buoni'...mentre le zecche rosse sono sempre troppe e nefaste........e gli italioti che ancora sono troppi li sostengono pure.....contenti voi......che pirla!!!!!

roliboni258

Lun, 24/11/2014 - 15:26

pagano le tasse con tutti questi immobili,o sono esenti

ilfatto

Lun, 24/11/2014 - 15:28

evvaiiii, ennesimo fumogeno per i decerebrati bananas mentre...bianconi?..."Presidente Berlusconi, le vogliamo bene, ma per il bene di tutti prenda Doris, gli amici del Patto, i volti nuovi, i selezionatori, quelli che si utodefiniscono 'fedelissimi' anche adesso che è sfumata l'ipotesi di una candidatura, e vada a fare il suo nuovo partito lasciando a noi, immeritevoli, ingrati, che osiamo pensare e rispettare gli elettori, il compito di tentare con Forza Italia, finalmente all'opposizione, il riscatto e la rinascita del centrodestra"....e fitto aggiunge che: "Mi auguro che nessuno si azzardi a minimizzare o a cercare alibi per il nostro drammatico risultato in Calabria e in Emilia Romagna, regione in cui siamo stati addirittura doppiati dalla Lega. E sarà bene ricordare, passo dopo passo, tempi e modalità delle scelte che sono state compiute - con clamorosi errori - per definire le candidature e le alleanze".....ehhh si è proprio il PD che è pieno di problemi

angelomaria

Lun, 24/11/2014 - 15:29

LA DIMOSTRAZIONE LAMPANTE DI DA QUANTO TEMPO PROBABILMENTE DALL'INIZIO DELLA REPUBBLICA DI QUANTO ABBIANO RUBATO!!!I MORALISTI DELLE MIE CALZE!!!

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Lun, 24/11/2014 - 15:32

Se la battuta è vecchia di 50 anni..vuol dire che d'allora nulla è cambiato.."Losfatten, Kompagno!tu lavori e io magno"..ha,ha..

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Lun, 24/11/2014 - 15:36

Losfatten..rikordati.."kompagno tu lavori e io magno"..girati e guardati l'orifizio..ormai ci passano gli ICE ad altissima velocità..ha,ha..in Emilia affluenza < del 40%. W la democrazia partecipata..w lo Sfatten!!!

Ritratto di toro seduto

toro seduto

Lun, 24/11/2014 - 15:43

poveri bananas anche oggi vi vogliono distrarre...eppure ne avreste da guardare a casa vostra, e poi è il giorno dopo le elezioni mica micio micio bau bau

sergio_mig

Lun, 24/11/2014 - 15:48

Paghiamo ancora il canone Rai a queste merde così possono continuare a foraggiare Benigni, FAZIO, Litizzetto è tutto questo scandaloso partito trasformista che Cambia sempre nome ma non la pelle, e cosa dire dei vari D'Alema, Bertinotti, CAMUSSO, Cofferati e le cooperative rosse?

ilfatto

Lun, 24/11/2014 - 15:50

@RaddrizzoLeBanane..ahahah perdi i colpi ma ti capisco ti stai godendo il giocattolino del fine settimana e non vuoi distrarti troppo! comunque sei consapevole che questo gingillone ti durerà all'infinito si? divertiti caro!

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Lun, 24/11/2014 - 15:52

ma non diceva una volta che avevano fregato l'oro di Dongo e con quello si erano comprati Botteghe Oscure e altro? se vero quell'oro + finanziamenti dall'Unione Sovietica + soldi rubati al popolo, ecco perchè adesso sono ricchi sfondati. questo Sposetti è addirittura uno che spingeva anche per un aumento del finanziamento pubblico ai partiti, se non sbaglio.

Libertà75

Lun, 24/11/2014 - 15:56

@ilfatto, come Atlantico riesci a fare un commento a tema con l'articolo? ti prego non offendere i tuoi compagni intelligenti, dimostra che li voti perché sei intelligente e non perché ti è stata tolta la libertà di pensiero. Commenta l'articolo!

laghee100

Lun, 24/11/2014 - 15:57

dalla patrimoniale che vuole la Camusso , certamente il PD sarà esentato !

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 24/11/2014 - 16:00

#raddrizzolebanane. IO; NON LO VOLEVO DIRE; MA TU HAI DETTO UNA SANTA VERITÁ; LA BATTUTA (kompagno tu lavori e io magno) É VECCHIA DI 50 ANNI! É DA ALLORA NEI CERVELLI DEI KOMUNISTRONZI NON É CAMBIATO PROPRIO NIENTE!; MA TU NON DEVI ESSERE COSI BRUTALE DA DIRGLIELO OGNI VOLTA; PERCHE QUESTA GENTE É UN PÓ "ABBONATA" CHE A NAPOLI VUOLE DIRE "MOLTO STUPIDA O BALORDA" ED IO SCOMMETTO CON TE CHE FRA 50 ANNI LA GENTE COME "LOSFATTEN" É ANCORA PUNTO E DACAPO!; CIAO É NON DARE RETTA A QUESTA GENTE; PERCHE LORO NON SONO DEGNI DELLA TUA ATTENZIONE!!!.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 24/11/2014 - 16:42

patetici! ridicoli! grazie raddrizzolebanane, per le prese in giro che dai a quei cretini PSICOSINISTRONZI :)

ilfatto

Lun, 24/11/2014 - 16:46

@Libertà75..cosa ci sarebbe da commentare? che tutti i partiti storici posseggono un patrimonio immobiliare non indifferente? a presente la diatriba ancora aperta tra gli ex an? o le vicende nella vecchia dc? questo è come la scoperta dell'acqua calda..un articolo messo li per gente come lei...desidera altro?

ilfatto

Lun, 24/11/2014 - 17:06

@Libertà75..ha presente...naturalmente..

Ritratto di pinox

pinox

Lun, 24/11/2014 - 18:53

se renzi vuol dimostrare che è diverso dai sui predecessori li venda, e restituisca la refurtiva al popolo italiano, altrimenti è un gran bastardo come tutti gli altri ex segretari!

Duka

Mar, 25/11/2014 - 09:48

Di sicuro NON finirà un solo centesimo nelle tasche di chi li ha votati per 70anni e che probabilmente oggi ha le pezze al culo.

Libertà75

Mar, 25/11/2014 - 15:18

@ilfatto, semplicemente che vi riempite di morale sui beni della chiesa e poi siete meno trasparenti di cosanostra... sa lapalissiana