Renzi gioca d'azzardo: referendum su se stesso per oscurare le Comunali

Pd in difficoltà nei sondaggi, il premier cambia orizzonte e sfida i nemici: "Bocciate le riforme e mi mandate a casa"

A chi non vede l'ora di cacciarlo da Palazzo Chigi, Matteo Renzi regala parole sue «un incentivo»: «Se perdo il referendum costituzionale - scandisce - considererò fallita la mia esperienza politica», annuncia, mettendo sul piatto della roulette la propria intera leadership. Un azzardo che sposta la suspense politica al prossimo autunno (il referendum confermativo sulla riforma del Senato si terrà ad ottobre, dice), e che serve anche forse soprattutto a derubricare le prossime elezioni amministrative e a depotenziarne i possibili esiti non gloriosi per il suo Pd. Del resto, sottolinea Renzi, «le amministrative servono ad eleggere i primi cittadini, non i primi ministri». Qualunque sia il risultato, i suoi avversari esterni ed interni sono avvertiti: il governo non ne sarà toccato. Ma è la prima volta che il presidente del Consiglio fa esplicitamente una scommessa così chiara, e non senza margini di rischio visto che quel referendum sarà davvero una partita di tutti (da Berlusconi a Grillo, passando per la sinistra, la Lega e persino un pezzo di Pd) contro Renzi. E anche il definitivo passaggio parlamentare della riforma, soprattutto al Senato, non sarà così indolore. Per il varo finale è necessaria la maggioranza assoluta dei senatori: 161 voti. L'ultima fiducia sulla Stabilità, fanno notare gli stessi renziani, è passata con appena un voto in più. Alla conferenza stampa di fine anno Matteo Renzi si è portato anche le slide con i gufetti stilizzati, per illustrare i traguardi superati nonostante gli uccelli del malaugurio. Ma se nel suo bilancio il 2015 si chiude in bellezza («meglio delle nostre stesse previsioni», assicura, col Pil «che torna a crescere», con una serie di «capolavori parlamentari» come l'Italicum portati a casa, con l'Italia che «torna a sedere ai tavoli che contano» nel mondo), il 2016 sarà pieno di insidie.

Così il premier, com'è suo metodo, cerca di dettare l'agenda dando priorità al suo referendum e si sceglie una nutrita batteria di avversari con cui misurarsi: il primo della lista, a giudicare da quante volte la evoca, è la Germania di Frau Merkel, con la quale avrà pure «uno splendido rapporto personale», come dice, ma cui non risparmia una frecciata via l'altra: «Se quelli prima di me avessero fatto per le nostre banche un ventesimo di quel che ha fatto la Merkel per le banche tedesche non sarebbe tutto più semplice?», chiede ironico, ribaltando su Berlino l'accusa di sostegno pubblico agli istituti di credito. In ogni caso, giura, «non cambierei il sistema bancario italiano con quello tedesco neanche dietro pagamento», perché «la prima banca italiana vale almeno il doppio della prima tedesca». La critica alle regole economiche europee è aspra: «Non ho dichiarato guerra alla Ue, ma questo modello di politica economica non funziona: lo dimostra il fatto che gli Usa crescono e l'Europa no. Servono flessibilità e investimenti, non austerity». Sulla vicenda banche, assicura che «i cittadini truffati avranno lo Stato con loro», ma ridimensiona la portata della vicenda: «È più circoscritta del racconto che ne è stato fatto», e in ogni caso «non c'è un rischio sistemico per le banche italiane, che sono solide». Sulla commissione d'indagine o d'inchiesta però svicola: sarà «il parlamento a decidere», il governo si tira fuori. L'altro avversario sono «i populisti», categoria che va da Grillo a Salvini, quelle opposizioni che «speculano anche sui morti», come ha fatto l'ex comico di Genova sullo smog «superando il limite della decenza». Ma il premier si mostra sicuro: «Con le riforme approvate quest'anno la politica ha battuto il populismo, quattro a zero. E così sarà anche alle elezioni, scommette quando gli rinfacciano i sondaggi in calo: «Ho preso il Pd al 25% e l'ho portato al 40 ricorda e i sondaggi di oggi sono equivalenti a quelli della vigilia delle Europee, il che mi fa dire che le prossime elezioni le vinceremo al primo turno». La prossima battaglia, annuncia, sarà quella «per i diritti». A cominciare dalle unioni civili: «Vanno approvate presto, perché si è già discusso troppo. È una questione di giustizia e di equità». E, gettando nel panico gli alleati Ncd, promette: ci sarà anche la stepchild adoption.

Annunci
Commenti

michetta

Mer, 30/12/2015 - 09:04

Cara Cesaretti,sono d'accordo su tutto quanto segnalato nell'articolo,tranne il motivo conduttore,che genera la sicurezza di quel marpione di Renzi,sul referendum di ottobre prossimo. Il pagliaccio sorridente,messo lì,da un colpo di mano del presidente comunista dal 1946 (prima, fascista dalla nascita, pero'), prometterebbe di andarsene da Palazzo Chigi,qualora il referendum per la diminuzione del Senatori, dei loro stipendi e per la "designazione" da parte delle Regioni, dei rappresentanti i 100 senatori stabiliti. Ovvio,il risultato che si otterra',dalla Nazione,sull'approvazione della diminuzione di tante spese ed incarichi! Il furbacchione, appunto come dice lei,se ne frega di quanto accadra' alle Amministrative,perche' sa' benissimo come andra' a finire,specialmente a Roma,che di elettori ne possiede di piu'! ANDIAMO TUTTI A VOTARE E CANCELLIAMOLO!!!!

Ritratto di suorAddolorataDelleAncelleDelBambino

suorAddolorataD...

Mer, 30/12/2015 - 09:19

le SCHIFORME DEGLI ABUSIVI PD2ISTI NON PASSERANNO, renzie A CASA

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 30/12/2015 - 09:30

CARO BUFFONE IL PRIMO A SPECULARE SUI MORTI E' STATO LEI PARLANDO DEL BAMBINO SIRIANO MORTO IN RIVA AL MARE, LA GENTE NON DIMENTICA LE BUGIE CHE CONTINUA A DIRE E LE MALEFATTE CHE HA COMBINATO. HA FATTO SPARIRE I SOLDI AI PENSIONATI, HA RUBATO SOLDI AI RISPARMIATORI E SI VANTA DEL PIL POSITIVO QUANDO ABBIAMO UNA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE AL 40% E UN DEBITO PUBBLICO STRATOSFERICO, LA SMETTA DI ESSERE BUGIARDO PERCHE' RIMARRA' PER SEMPRE UN BUFFONE CLANDESTINO INSIDIATO A PALAZZO CHIGI DA UN COMUNISTA....

pv

Mer, 30/12/2015 - 09:40

Cesaretti chi? Quella che alla conferenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha fatto una figura mxxxa abissale con un intervento al limite del cretinismo?

antipifferaio

Mer, 30/12/2015 - 09:44

Più si aggrappa per rimanere più presto arriva la fine. E' chiaro che chi non ha paura non se ne inventa una ogni mattina ed è anche chiaro che la corda troppo tesa si spezza. Ma che si spezzerà il contabelle lo sa già e lottare fino alla morte (del PD) è normale per chi si sente idoloatrato dalle banche e messo li' di proposito a schiavizzare la gente. L'unica cosa è lasciarlo macerare o arrostire a fuoco lento (come preferite). Tanto come il classico pollo cadrà da solo....

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 30/12/2015 - 10:07

Vediamo se le pseudopposizioni boicotteranno il referendum bidone. Visto l'astensionismo, visti i voti di m5s fi lega dovrebbe essere essere facile. Tanto anche se perde non molla la cadrega. Per senso di responsabilita', ovvio.

un_infiltrato

Mer, 30/12/2015 - 10:13

Il Nostro sente il terreno tremargli sotto ai piedi e non sa cos'altro inventarsi pur di rimanere a galla. Non aveva previsto che, a lungo andare, perfino gli innominabili galleggianti classici, alla fine si disfano e precipitano a fondo.

HappyFuture

Mer, 30/12/2015 - 10:26

Matteo, fermo restando che "tu" NON sei adeguato per la nazione. Accetto la tua "onestà intellettuale"! Sono anni che sto dicendo che la scelta economica Europea e doppiamente quella Italiana è perdente. Meno male che l'hai riconosciuta: "questo modello di politica economica non funziona: lo dimostra il fatto che gli Usa crescono e l'Europa no." Adesso datti da fare!

unosolo

Mer, 30/12/2015 - 10:44

x pv 09,40 , lei parla prende di petto , sono convinto che lei sappia che il PCM accetta solo domande concordate , quindi scriva lei un articolo o chieda lumi al PCM. chi lavora deve essere rispettato , sa anche che le occhiate di compiacenza che il PCM ha continuamente fatto come occhietto e accenni se andava bene verso i suoi giornalisti accreditati è stato solo un comizio per salvarsi siu determinate domande non consentite , buana giornata . ricordi comunque che il PCM non ha mai concesso interlocutorio libero.,

Ritratto di malatesta

malatesta

Mer, 30/12/2015 - 11:05

Quell'esercito di elettori scontenti che ritiene il proprio voto inutile e ininfluente,(della serie"meglio non andare a votare tanto se ne fregano dei cittadini")sbaglia di grosso in quanto favorisce sempre di piu' l'attuale governo.La cosa migliore e' andare a votare per ridare la voce agli elettori, da troppo tempo inascoltata.

Iacobellig

Mer, 30/12/2015 - 11:34

IL PIÙ GRANDE IMBECILLE INCAPACE CHE LA REPUBBLICA ITALIANA POSSA RICORDARE. I COMUNISTI PUR DI NON PERDERE IL POTERE/POLTRONA LO SOSTIENE ANCHE COL NASO TURATO, NNONIDTANTE FACCIANO DANNI AL RESTO DEL PAESE!

Atlantico

Mer, 30/12/2015 - 11:36

1) Il governo Renzi in nemmeno due anni ha fatto più cose dei governi degli ultimi 20 anni tutti insieme. 2) Agli illustri costituzionalisti qui sopra chiedo cortesemente di leggersi l'art. 92 della Costituzione e poi di farne l'esegesi. Senza prima toccare il fiasco dl vino, però, perché le scemenze già scritte da loro sono davvero tante.

Duka

Mer, 30/12/2015 - 11:51

Il bullo lo si può definire un megalomane che si crede furbo . Dopo aver usurpato la poltrona di premier con un colpo di mano vergognoso ma degno del comunista DOC ora trucca le carte all'inverosimile esclusivamente per rimanere sul seggiolone il più a lungo possibile. A lui Nulla importa se l'Italia dopo questa indecente esperienza dovrà faticare decenni per riprendersi.

VittorioMar

Mer, 30/12/2015 - 11:59

...sono gli addetti ai lavori e i Media che non devono farsi "DISTRARRE" né devono distrarre gli elettori...quei pochi facilmente influenzabili.....

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Mer, 30/12/2015 - 12:15

RENZI.....millantatore......l'Italiano NON E' STUPIDO e sa perfettamente cosa votare alle prossime Amministrative. Forse è per questo che pensa solo al Referendum?? e Perchè ad OTTOBRE e non in concomitanza con la mministrative per RISPARMIARE EURI IMPORTANTI PER IL PAESE???

perSilvio46

Mer, 30/12/2015 - 12:26

Sono mosse dettate dalla disperazione. Il PD è in crollo verticale e persino Di Maio (che non ha mai combinato niente in vita sua prima di essere miracolato dai seguaci del guru Casaleggio, un tipo che vuole far chiudere tutti i barbieri, tanto per capirci) supera Renzi. Ormai Renzi ed il PD sono il passato, verranno travolti dal referendum e perderanno tutte le grandi città (Fassino a torino è odiatissimo, il peggior sindaco di sempre, a Milano e Roma addirittura non c'è partita), restano i "balordi", come li ha marchiati SILVIO. E sono un pericolo reale, non solo per le farneticazioni folli del loro guru, ma perché sono incapaci nullafacenti che usano sistemi nazisti per sopprimere il dissenso: incapaci, balordi, nazisti. Il CD Unito è la sola speranza per l'Italia. P.S. Bravissima Cesaretti! Nella penosa conferenza stampa del ballista lo ha smascherato con un ficcanti e intelligenti domande. Ancora brava, lo ha distrutto con l'arma della VERITA'.

michetta

Mer, 30/12/2015 - 16:08

E' proprio a quell'infiltrato di "PV",che vorrei tanto,si rivolgesse la platea degli aficionados Silvio-Matteo (Salvini)-Giorgia,per far capire,che non sara' certo la sala-stampa comoda a Renzi,quella,che riuscira' a far cambiare idea alla massa della popolazione,ormai esausta. Esausta delle bugie,imbrogli, turlupinature e quant'altro di osceno, sia stato mai possibile, aver combinato da lui ed i suoi amici, voluti, ricordiamolo sempre, da quel comunistaccio napoletano dal 1946 (prima fascita dalla nascita, pero') nel periodo teste' trascorso ed in ricordo futuro. Ricordo, che non verra' cancellato da alcunche', passassero anche i 2 anni che lui tanto ambisce trascorrere,ancora a Palazzo Chigi. Che Dio,lo strafulmini,insieme a tutti i suoi amici e colleghi di partito. ANDIAMO A VOTARE, TUTTI!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 30/12/2015 - 16:57

Atlantico 11e36 vedo che le spiegazioni non le leggi. Come Ti ho gia spiegato ieri le modifiche Costituzionali, Noi le avevamo gia fatte nel 2005 ed erano anche meglio, perche oltre al Senato, avevamo anche TAGLIATO del 50% il numero dei Deputati. RICORDI???? Poi specialmente da parte di F.I.fu fatto l'errore di NON spiegare ai propri elettori che in quel REFERENDUM ABROGATIVO, bisognava andare al mare e non a votare. Ora nel 2016 avremo di nuovo un referendum CONFERMATIVO e questa volta BISOGNERA ANDARE A VOTARE e votare CONTRO in modo che FROTTOLO se ne vada e con lui tutti i FINTI PROFUGHI che stiamo mantenendo e che NON ci pagheranno MAI le pensioni. Feliz año se riusciremo.

Giovanmario

Mer, 30/12/2015 - 17:14

eppure, cara dottoressa cesaretti, tra un giovane politico (dott. matteo renzi) che in vita sua ha vinto molti soldi da mike bongiorno, sicuramente perchè ben preparato culturalmente e un anziano politico (dott. silvio berlusconi) che in vita sua ha prima immaginato e poi realizzato ben due città guadagnando pure lui molti soldi e meritandosi (badi bene non comprandosi) il titolo di cavaliere.. a me, sarà perchè sono anziano anch'io, dà molta più fiducia il secondo..

cucu1936

Mer, 30/12/2015 - 17:33

Le leggi sono in discussione e si vanta di averle già fatte. Promette un referendun per convalidare cosa? Solo una mente malata può pensare di avere già vinto ...

Atlantico

Mer, 30/12/2015 - 19:19

hernando, ti avevo detto di mollare il fiasco ! Nel 2005 avete perduto il referendum, datti pace. Se no continua a farmi ridere, vecchio ubriacone ! :-) Buon anno a te !