Renzi negli Usa lavora per un seggio all'Onu

Il premier firma l'accordo sul clima di Parigi e intanto tesse la tela per strappare una poltrona al Consiglio di Sicurezza

Roma - Prima la firma per l'accordo sul clima di Parigi poi la visita alla Fondazione di Bill Clinton per testimoniare il suo sostegno per Hillary alla Casa Bianca. Matteo Renzi all'Onu insieme ad altri 170 leader mondiali ha firmato il patto raggiunto a Parigi nel dicembre scorso. «L'Italia sarà protagonista di questo storico accordo per i nostri figli ed i nostri nipoti», ha twittato Renzi. Una cerimonia solenne celebrata nella Giornata delle Terra e presenziata anche dal premio oscar Leonardo Di Caprio.

«Credo che la vera sfida sia chiudere gli occhi e immaginare per i nostri figli un luogo di visione e non di divisione - ha proseguito Renzi- Finalmente diamo un messaggio di speranza». Ora l'intesa (condivisa anche dai principali inquinatori ovvero Europa, Cina, India e Stati Uniti) dovrà essere ratificata dai singoli stati firmatari per poi entrare in vigore soltanto quando almeno il 55 per cento dei paesi avranno depositato la loro ratifica all'Onu. Un mese dopo entrerà in vigore l'accordo che prevede di contenere il rialzo della temperatura del pianeta al di sotto dei due gradi. Il raggiungimento dell'obiettivo sarà costantemente monitorato e possibilmente corretto in meglio. Al tavolo dell'Onu l'Italia ha portato la sua prospettiva sulle energie rinnovabili: eolico, solare, investimenti idrici, geotermico, contatori digitali, efficienza energetica, rinnovo parco bus, raffinazione verde, biomasse, depurazione. Secondo Renzi nel giro di pochi anni il nostro paese sarà in grado di produrre il 50 per cento dell'energia elettrica grazie alle rinnovabili. Prima di incontrare Clinton Renzi ha avuto un «cordiale colloquio telefonico» con Hillary ed ha partecipato ad una cena organizzata dall'ex sindaco di New York Michael Bloomberg.

Ma il soggiorno nella Grande Mela in realtà è servito a Renzi per tessere la sua tela nella prospettiva di vedere assegnato all'Italia il seggio non permanente nel Consiglio di Sicurezza Onu. Le elezioni ci saranno il 28 giugno e l'Italia è in lizza insieme ad Olanda e Svezia. Il premier aveva un calendario fitto di incontri bilaterali con una decina di capi di Stato e di governo fra cui Niger, Angola, Isole Marshall, paesi sudamericani e paesi del Pacifico. Il loro voto è indispensabile allo scopo di raggiungere la maggioranza necessaria per passare al primo turno nel voto per il seggio a rotazione nel biennio 2017-18.

Commenti

unosolo

Sab, 23/04/2016 - 09:17

comincia a perdere sicurezza si evidenzia da come parla in camera e senato prima rideva e faceva battutine oggi urla frasi sconnesse e provocatorie , fine di una scalata , ha perso e cerca soluzione alternativa , peccato solo che i komunisti per paura di sparire si attaccano come sanguisughe a tutto basta che non passa il M5S , paura del NUOVO che avanza inesorabile

Ritratto di Azo

Azo

Sab, 23/04/2016 - 09:24

Con la sua chiacchera e la sua falsità, è la persona adatta e ci passa a pennello, tra parassiti molto colti, scelti tra i "relitti" delle caste statali.

HappyFuture

Sab, 23/04/2016 - 09:38

Ormai non ci fa caso alla SUA ipocrisia. Va a firmare l'accordo sul cambiamento climatico con le mani sporche di petrolio. Matteo dimettiti!

Ritratto di ...AAAcercaNsi..

...AAAcercaNsi..

Sab, 23/04/2016 - 10:11

i seggi onu sono per i padroni non per i SERVI

Ritratto di marione1944

marione1944

Sab, 23/04/2016 - 10:44

Ripeto una cosa già scritta in altro commento. La grande statista inglese, Margaret Thatcher, (la Lady di ferro), una volta disse "lo scopo del primo ministro era di realizzare cose importanti per il bene del suo paese, mentre oggi lo scopo del Primo Ministro è diventare importante per il suo scopo".

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 23/04/2016 - 10:51

Per un seggio nel Consiglio di sicurezza vedo meglio Olanda e Svezia, con governi certamente più concreti. Mi rendo conto che certamente c'è qualche seguace di Renzi che ambisce ad un seggio di tale importanza, ma resto comunque ed a maggior ragione della mia idea.

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

andrea53

Sab, 23/04/2016 - 11:55

Il vero obiettivo è quello di piazzare un'ulteriore pletora di fancazzisti superpagati!

Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Sab, 23/04/2016 - 12:42

Questo ha fiutato aria di sfratto.E si prepara a porre le sue regali terga su una poltrona dell'Onu.Hai capito Fradiavolo?

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 23/04/2016 - 12:44

L'unico "seggio" a cui il renzi-no può ambire è quello della sedia elettrica per alto tradimento per aver consegnato sora Italia in mano di potenze straniere. nopecoroni.it

Anonimo (non verificato)

giuliana

Sab, 23/04/2016 - 14:01

Spudorato e senza dignità cura solo i suoi interessi.