Renzi pronto addio al Pd: l'annuncio della scissione a Porta a Porta

L'ex segretario del Partito Democratico è prossimo ad andarsene: i fedelissimi pensano che l'annuncio sarà dato da Bruno Vespa

Dopo anni in cui se ne è parlato un giorno sì e l'altro pure, la scissione del Partito Democratico è ormai (quasi) realtà. Salvo clamorosi (ed ennesimi) ripensamenti dell'ultima ora. Matteo Renzi, dopo essere stato il primo promotore dell'inciucio tra il Pd e il Movimento 5 Stelle, è pronto a dire addio alla compagine dem.

L'annuncio della rottura dovrebbe arrivare domani martedì 17 settembre durante la sua ospitata a Porta a Porta, su Rai Uno. Alle ore 18 inizierà la registrazione del programma e nel salotto di Bruno Vespa l'ex premier ufficializzerà il divorzio. È quanto assicurano fonti molto vicine all'ex segretario piddì, come riportato dall'Huffington Post. Ma i fedelissimi fanno anche sapere che "con Matteo non si sa mai fino all’ultimo…", motivo per il quale non è neanche impossibile che Renzi ci ripensi. Così come ci ha già ripensato sul M5s, aprendo incredibilmente all'alleanza di governo giallorossa.

Certo è che il 20 ottobre, a Firenze, si terrà la Leopolda, l'appuntamento renziano per eccellenza che dovrebbe appunto (ri)lanciare l'azione politica del senatore, grazie – appunto – a un nuovo partito. Ecco, anche sul nome aleggia il mistero.

Dal Pd si è alzato un coro di voci preoccupate che chiedono all'ex leader di non rompere: dal segretario Nicola Zingaretti al neo ministro Dario Franceschini, dal sindaco di Firenze Dario Nardella alla neo sottosegretaria allo Sviluppo economico Alessia Morani.

Nelle scorse ore il renzianissimo Ettore Rosato ha parlato di "separazione consensuale", rimandando tutto alla Leopolda. Ma l'impressione è che il 20 ottobre sia troppo lontano e che le carte del divorzio verranno portate e firmate da Renzi su una poltrona dello studio di Vespa.

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 16/09/2019 - 15:34

Lotta interna di potere? A Roma si direbbe: "nun me ne po' frega' de meno!"

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 16/09/2019 - 15:52

Ma non aveva detto che si sarebbe ritirato? Vai a credere ai politici...

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 16/09/2019 - 15:52

Renzi gioca di fino: vuole mantenere in vita questo governo finchè gli farà comodo, con qualche aggiunta di voti al senato (della Carfagna e del suo seguito?) per la sua compagine, per poi dar vita al suo programma politico. Se è quello cui accennò Cuperlo nell'agosto 2016 (partito di potenti..), allora siamo proprio a posto!

Ettore41

Lun, 16/09/2019 - 15:55

E se questa mossa diventa come "Muoia Sansone con tutti i Filistei"? Non e' che Renzi politicamente le abbia azzeccate tutte.

jaguar

Lun, 16/09/2019 - 16:00

Nei giorni scorsi Renzi ha detto che in caso di scissione sosterrà ugualmente il governo giallorosso. Ma se è in disaccordo col partito, perchè puntellare a tutti i costi Conte e la sua combriccola?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 16/09/2019 - 16:03

Al pensiero di questa autentica tragedia che si sta prefigurando temo che non riuscirò a dormire, questa notte. E, con un po' di buona volontà, pure le successive.

dante59

Lun, 16/09/2019 - 16:17

Fonzie da Rignano. Pare si ispiri alle finte di corpo di Garrincha e alle performance trasformiste di Arturo Brachetti. Un modo innovativo e creativo di interpretare la politica che non piace trasversalmente da destra a sinistra, ma che lo vede comunque protagonista da bosco e da riviera. Finché lo votano...

dagoleo

Lun, 16/09/2019 - 16:22

se si separa secondo me guadagna voti. il centro sinistra del resto è lui. e la sinistra sx non la vota più nessuno.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 16/09/2019 - 16:24

Attenti che mister strategia non la racconta giusta. Si separa con quale scopo? Una separazione consensuale non è un divorzio;la spaccatura c'è ma è sibillina,prima o poi le spaccature potrebbero risanarsi. L'idea del demagogo Renzi,a mio parere, è di staccarsi momentaneamente come costale del pd per diventare un gruppo autonomo,soft,più verso il centro che a sinistra,cercando di aggraziarsi i voti del centro. Così facendo aumenterebbero il numero di deputati e senatori più moderati che potrebbero contrastare enormemente l'ascesa di Salvini.

SPADINO

Lun, 16/09/2019 - 16:25

SPERO CHE POI FACCIANO CADERE IL GOVERNO

Gatto Giotto

Lun, 16/09/2019 - 16:32

Renzi non è mai stato abituato a essere il numero 2. Se ne va e avrà il privilegio di poter far cadere il governo quando vuole se non verranno accolte le sue richieste. La cosa più bella è che a questo punto il M5s regge al governo grazie al partito di Renzi e della Boschi.

PassatorCorteseFVG

Lun, 16/09/2019 - 16:34

non entro nel merito della scelte future del senatore matteo renzi, casomai ne rispondera se e giusta o sbagliata al corpo elettorale,pero, voglio solo ricordare al sig zingaretti-francecchini, chi di ipocrisia E TRADIMENTO FERISCE di ipocrisia eTRADIMENTO perisce .

sparviero51

Lun, 16/09/2019 - 16:42

MOOOOOLTO BENE. !!!

ItaliaSvegliati

Lun, 16/09/2019 - 16:45

Ma resta nell'inciucio di governo con i 5s?

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 16/09/2019 - 17:05

Forse Zingaretti dovrebbe sentirsi un tantino usato, visto che ora Renzi vuole assumersi la possibilità di dire la sua rispetto alla linea del PD. Questa operazione gli è servita da trampolino di lancio.

maxxena

Lun, 16/09/2019 - 17:17

ma si scinde lui nel senso che da uno diventan due? ..allora si che sono guai...per il Pd

Papilla47

Lun, 16/09/2019 - 17:23

Se fai il botto fallo completo.

drachenbaer

Lun, 16/09/2019 - 17:26

se esce dal PD, i neo-ministri e sottosegretari che cosa faranno? Se affossassero il governo (indipendentemente dal gradimeto dello stesso) sarebbe responsabile di un gravissimo spregio delle istituzionale che peserà su tutti i 60 milioni di cittadini.

zavier

Lun, 16/09/2019 - 18:24

Chi sa che non vada in Patagonia

bernardo47

Lun, 16/09/2019 - 18:25

vada pure e auguri....e figli maschi.

nunavut

Lun, 16/09/2019 - 18:41

Oddio!! saremo i testimoni oculari della nascita della triplice divinità nella "religione della sinistra"= del pd ? zingaretti-renzi-calenda TRE IN UNO,che occasione d'oro da non mancare alle prossime elezioni.

Royfree

Lun, 16/09/2019 - 18:57

Per quando schifo profondamente quest'uomo devo dire che politicamente ha una scaltrezza non comune. Ha pilotato la creazione del nuovo governo mettendo insieme due poveri idioti come Di Maio e Zingaretti sapendo benissimo che sarebbero scoppiati in breve tempo e nello stesso tempo ha programmato la scissione che prenderà i voti di tutta la sinistra, e ne sono tanti, sia dei 5s che del PD che nono mai stati d'accordo a questa alleanza. In breve tempo diventerà un gran partito che riunirà tutta la sinistra anche spostandosi leggermente al centro. Davvero geniale, complimenti.

zen39

Lun, 16/09/2019 - 19:40

E pensare che hanno attaccato Salvini perchè ha abbandonato il partito dei nullafacenti o dei facenti funzione del PD. A forza di scissioni, separazioni e divorzi l'Italia è diventata l'utile idiota del mondo, mentre la Francia compra a piene mani quel poco che ancora c'è rimasto e non solo lei. Tutto avviene in maniera silenziosa con la complicità dei nostri politici che per conservare il loro posticino venderebbero anche l'anima. Intanto mandano i loro figli all'estero così hanno una "sistemazione" al di fuori dei pericoli dell'Italia. Quando saranno vecchi e decrepiti avranno la loro lauta pensione "sudata" con anni e anni di lavoro al telefonino, sul pc a chiaccherare e alle lunghe riunioni dove si parla,parla,parla,parla,parla..... . Ma che lavoro usurante ! Bisogna assolutamente inserirlo nell'elenco per andare in pensione prima di tutti. Renzi stai "sereno" c'è qualcuno che chiacchera meno ma fa di più.

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 16/09/2019 - 20:11

Quanta superbia,pari all'inettitudine politica.

bernardo47

Lun, 16/09/2019 - 21:01

e' davvero ora che renzi si tolga dagli zibidei! e ponti in oro perbacco!

Giorgio Mandozzi

Lun, 16/09/2019 - 21:35

Volevo fare i complimenti all'uomo del giorno: Zingaretti. Si è arreso a Renzi rinunciando alle elezioni che avrebbe perso ma avrebbe conservato il controllo del partito (probabilmente al 25%) e adesso si ritrova con un pugno di mosche. Complimenti, un vero stratega. Alle prossime elezioni dovrà chiedere l'elemosina a Di Maio!

bernardo47

Lun, 16/09/2019 - 21:46

Renzi lo stanno aspettando i 20 milioni di No!