Renzi senza maggioranza

Quaranta senatori Pd firmano 7 emendamenti: o cedono loro o cede il premier

Si complica lo scontro dentro il Pd sulla riforma del lavoro. Quaranta senatori Pd, con la benedizione di Bersani, hanno firmato sette emendamenti che annacquano il testo preparato dal governo e sul quale il premier si è detto fino ad oggi indisponibile a modifiche significative. Se quel testo venisse votato oggi, Renzi non avrebbe quindi la maggioranza e, di conseguenza, il governo cadrebbe con tonfo molto rumoroso. I casi sono tre. Renzi si rimangia parte della riforma, accetta gli emendamenti e la dà vinta ai suoi oppositori interni. Oppure: tiene duro e conta sull'aiuto di Forza Italia, che ha già annunciato di votare sì al suo testo. Oppure ancora: pone la fiducia e rischia il tutto per tutto, costringendo probabilmente i ribelli a fare un passo indietro per salvare seggio e stipendio.

Nel primo caso – la retromarcia del premier – si scriverebbe la parola fine sul sogno, coltivato da alcuni, che un uomo venuto dalla sinistra potesse cambiare questo Paese. Una riforma dimezzata, infatti, non sarebbe utile né ai lavoratori né alle imprese, ma solo alla sopravvivenza formale di un partito, il Pd, prigioniero del suo passato e del sindacato. Nel secondo – la linea dura e vincente del premier – si sancirebbe più che una spaccatura, probabilmente sarebbe l'innesco di una vera e propria scissione a sinistra. Senza contare che un voto decisivo di Forza Italia (cioè dell'opposizione) su un provvedimento tanto delicato, imporrebbe a tutti (Napolitano compreso) una riflessione politicamente ben più ampia sullo scollamento tra governo e maggioranza parlamentare.

In ogni caso, quindi, siamo arrivati alla prova del nove del renzismo. Non tanto per quello che potrà succedere al governo nel Parlamento (negli anni abbiamo visto tanti di quei papocchi che nulla più può sorprenderci), ma ci riferiamo a quello che potrebbe succedere a noi, cioè rimanere impantanati nell'indecisionismo e in quel «fare e non fare» che ha reso l'Italia il Paese dei gattopardi. E smacchiamolo, una volta per tutte, 'sto gattopardo. Sperando di avere più successo di quello che un illuso Bersani ottenne con il giaguaro Berlusconi.

Commenti

LucaRA

Mer, 24/09/2014 - 16:45

Continuo a riflettere sul fatto che qualcuno dìa ancora FI all'opposizione quando è più fedele a Renzi del PD stesso. Boh.

mbotawy'

Mer, 24/09/2014 - 17:42

Renzi sei ancora giovane, Vai a Casa.

mbotawy'

Mer, 24/09/2014 - 17:43

Renzi,sei ancora giovane.Vai a Casa! Non hai la grinta e la capacita'di un Benito Mussolini.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mer, 24/09/2014 - 18:46

Tanto casino nel 2011 da parte di pannolone Napolitano per eliminare Berlusconi.Tre tentativi del solito pannolone Napolitano: Avvoltoio Monti,il nipote scemo di gianni Letta ed ultimo ma non ultimo,cicciobello Renzi.Una domanda si pone: ma se la sinistra non è in grado di proporre uno straccio di governo in grado di governare veramente,ma perche' non si torna a votare?

Ritratto di Civis

Civis

Mer, 24/09/2014 - 19:50

Renzi ponga la fiducia. Al voto col Consultellum ci guadagnerebbero solo i partitini, ma ormai sono pochi e piccoli. Con l'Italicum e primarie PD regionali, la minoranza PD potrebbe avere più eletti rispetto a quel che potrebbe ottenere presentandosi da sola col Consultellum in elezioni anticipate.

Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Mer, 24/09/2014 - 20:01

Se tutto va bene io non proverei a dare fastidio allo smacchiatore di giaguari poiché il rottamatore si troverebbe a dover fare i conti con lo smaltimento dei rifiuti pericolosi; di questi tempi tra Valutazioni di Impatto ambientale, paesaggistica, archeologia e chi più ne ha più ne metta, resterebbe con una sedia vuota in Parlamento ed una a Firenze. Meno male che Silvio c'è e tra non pochi mesi ritornerà più libero di un uccello ed i comici alla Benigni, alla Grillo, alla Celentano e alla Litizzetto avranno materiale in abbondanza per guadagnarsi la strozza (la strozza si chiama così per indicare il pane per mangiare). Shalom Gente e scusate se sono stato assente per un pò ma gioco forza ho dovuto accudire il mio cane per due mesi.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 24/09/2014 - 21:05

BERSANI ATTUALMENTE NON RIUSCIREBBE A SMACCHIARE NEANCHE UNA LUCERTOLA...E' UN COMUNISTA INUTILE E DANNOSO PER LA SALUTE DEGLI ITALIANI, E CON LUI ANCHE LA CAMUSSO CHE E' COME LA PESTE QUANDO TI SI ATTACCA NON TI MOLLA PIU' ED E' DIFFICILE GUARIRE.

Ritratto di sgnorrossi

sgnorrossi

Gio, 25/09/2014 - 12:03

@mbotawy'se sei un vecchio (nostalgico) stacci a casa!

Gianni Cinarelli

Gio, 25/09/2014 - 13:05

Calma! Alla fine la vincerà, come al solito, il commediografo Staiano: "Senza di noi non ci sare(s)te voi e senza di voi non ci sare(m)mo noi"

Ritratto di dlux

dlux

Gio, 25/09/2014 - 13:50

Sì, ma il terzo caso? Pone la fiducia e tutti i pecoroni con le orecchie basse a sfilare, ipocrite marionette, ed ad obbedire. E tutto rimane nella melma attuale.