Renzi va al mercato dei senatori Ma sui transfughi è rivolta Pd

Palazzo Chigi fa campagna acquisti tra i "verdiniani", che puntano a qualche poltrona in commissione. L'ex capogruppo Pd Speranza: "Folle riedizione dei responsabili"

Il nome della nuova formazione non è ancora stato stabilito, anche se si ragiona su alcune ipotesi, come Azione liberale per le autonomie oppure Alleanza per le riforme. Alla Camera ad aderire al nuovo progetto dovrebbero essere Luca D'Alessandro, Massimo Parisi, Monica Faenzi, Ignazio Abrignani e Giovanni Mottola. Al Senato si dovrebbe arrivare a quota 12 (grazie anche alle tre «tosiane» Patrizia Bisinella, Raffaella Bellot e Emanuela Munerato uscite dalla Lega) anche se quelli provenienti da Fi dovrebbero essere 8, mentre Sandro Bondi e Manuela Repetti continueranno a stare nel Misto, pur essendo ormai vicini a posizioni renziane. La promessa è quella di votare solo per le riforme istituzionali, ma gli stessi parlamentari verdiniani non escludono la possibilità di formare un rassemblement alle prossime elezioni politiche con Scelta civica e Area popolare. In queste ore concitate circolano voci su possibili contatti in corso tra i «fittiani» e gli uomini vicini a Matteo Renzi. Ma i parlamentari vicini all'europarlamentare pugliese smentiscono con decisione e accusano i verdiniani di mettere in giro queste voci. Una puntualizzazione chiara arriva da Cinzia Bonfrisco. «Siamo impegnati a costruire l'alternativa a Renzi e al suo governo. Non siamo mai stati interessati, né tantomeno lo siamo ora, a soluzioni opache contraddittorie rispetto al mandato elettorale, in cui non si capisce chi stia al governo e chi stia all'opposizione».

C'è poi il capitolo dei malumori assortiti della sinistra Pd legati alla possibile «sostituzione» con i verdiniani. Roberto Speranza, sul Corriere , definisce «folle» una riedizione dei «Responsabili», «un ruotino di transfughi guidati da Verdini e D'Anna come arma per evitare la discussione con chi rappresenta una posizione diversa». Il Pd, spiega, si trasformerebbe in altro, «il partito dove c'è dentro tutto e il contrario di tutto e dove scompaiono i confini tra destra e sinistra. È un'idea sbagliata, non sfonda sul fronte moderato e rischia di farci perdere un pezzo dell'elettorato tradizionale».

In teoria la maggioranza, accogliendo i transfughi e mantenendo i 25 della minoranza dem potrebbe attestarsi al Senato attorno a quota 183-184 contro i 126 dell'opposizione. In soccorso al premier sono arrivati negli ultimi giorni due parlamentari ex M5S: Alessandra Bencini e Maurizio Romani, diventando tre con Michelino Davico. Sopra quota 180 quindi ci si arriva sommando i 113 del Pd (che senza i 25 sarebbero però 88), i 36 di Ncd (35 se Azzollini andrà ai domiciliari), i 12 verdiniani (più Bondi e Repetti), i 2 di Gal che votano con la maggioranza e i 19 delle Autonomie. È ovvio, però, che la tenuta di questo azzardato cocktail di parlamentari è davvero tutta da verificare.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 14/07/2015 - 09:01

ma diteci, cari idioti di sinistra, se Berlusconi è stato condannato proprio a causa della compravendita dei senatori, come mai il PD fa proprio la compravendita e non risulta indagata per lo stesso reato? :-) qualcosa ci sfugge, non è vero? :-)

vince50_19

Mar, 14/07/2015 - 09:02

Daje .. Il fine, pur fra distinguo ed altre min@@@@te del genere, giustifica sempre qualsiasi mezzo usato per raggiungerlo. Verdiniani e tosiani (Verdini è massone e non lo ha mai negato, ma c@@@o pure alcuni leghisti??? Poltrona docet?) compresi - http://popoffquotidiano.it/2014/11/20/renzidalla-massoneria-toscana-alla-superloggia-newyorkese/ - E poi c'è chi ancora si ostina disperatamente a giocare a dx contro sx e cavolate del genere. Poareti! Saluti

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Mar, 14/07/2015 - 09:19

Siamo alle solite pagliacciate. Politici da quattro soldi, saltimbanchi, persone senza onore ne patria. Una volta eletti carpendo la fiducia degli elettori, mordono la mano che li fa mangiare, se ne vanno dove gli pare e piace a seconda delle loro esclusive convenienze. PAGLIACCI che non fanno ridere.Questa é truffa ideologica, si cari i miei pagliacci, siete stati eletti in un partito ,con delle precise indicazioni politiche, ad esse dovete attenervi altrimenti, se non siete d'accordo dovete dimettervi. PAGLIACCI disonesti.

Duka

Mar, 14/07/2015 - 09:21

E' un classico dei furbi. Quando non riescono più ad imbambolare allora passano all'imbroglio plateale.

onurb

Mar, 14/07/2015 - 10:11

Urge cambiare la costituzione e rendere obbligatorio il vincolo di mandato, anche per far sì che i parlamentari non impegnino la maggior parte del loro tempo a fare inciuci anziché a studiare e cercare di risolvere i problemi dell'Italia.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 14/07/2015 - 10:28

e pensare che tutte queste atomizzazioni politiche non ci sarebbero se solo vi fosse piu' responsabilita' da parte dei grandi.L'urgenza sono le riforme,dovrebbero farle insieme eppoi ridare la parola al popolo.Invece si gioca allo sfascio come al solito,uno sfascio che paghiamo noi in tutti i sensi.

unosolo

Mar, 14/07/2015 - 10:55

ma dai , da tempo che gli si sono offerti in cambio di ,,,,, spetta solo a loro dire quante e chi , il resto sono solo chiacchiere da bar , i giochi sono pronti come i vari spostamenti a tutti i livelli anche Nazionali , basta dire " pronti " e il numero da piazzare . ladri.