Renzi vuol comandare ancora: governissimo oppure le urne

Oggi in Senato la fiducia alla manovra. Il premier uscente: io non vivacchio, tutti siano responsabili

Mosse e contromosse. La mattinata di Matteo Renzi comincia con un blitz sulla manovra economica. Bisogna andare di fretta per convincere il Quirinale a non improvvisare governi di scopo. Il piano A del premier è andare alle elezioni appena possibile e sul calendario ha segnato i giorni di fine febbraio o inizio marzo. È per questo che ha anticipato il passaggio al Senato. Si va in scena oggi. Solo che Renzi non ha fatto i conti con timori del suo partito, Franceschini su tutti, e soprattutto con i dubbi del Capo dello Stato. Mattarella ci ha ripensato, ha scosso la testa e ha usato la propria influenza: non è il caso di correre troppo. Non sulla manovra, chiaramente, che va liquidità il più presto possibile, ma sulle elezioni. Non si può andare alle urne senza sapere come si vota: serve una legge elettorale. Le pressioni presidenziali hanno avuto qualche effetto, ma le concessioni di Renzi sono minime. Oggi alla direzione del Pd indicherà un bivio: o un governo di responsabilità nazionale con la più ampia partecipazione delle forze politiche oppure si va al voto. Il Pd non ha alcuna intenzione di farsi rosolare a fuoco lento. Quelli che hanno votato No devono assumersi le proprie responsabilità. È un messaggio a Grillo, Salvini, Meloni, Berlusconi e alla minoranza del Pd. Non sarà lui a rincollare i pezzi che il No ha mandato in frantumi. Non sarà lui ad affrontare da solo questa situazione critica. Renzi sa che i suoi avversari faticheranno a dire sì a un governo di emergenza nazionale. Il suo piano di fatto non cambia, ma in questo modo dimostra al Quirinale buona volontà ma soprattutto che l'unica strada possibile è andare al voto. Renzi accontenta Mattarella ma prosegue per la sua strada, quella veloce. Questo è il finale della giornata, l'inizio è appunto la manovra economica. La decisione era nell'aria e ieri ha preso corpo con una votazione a maggioranza della conferenza dei capogruppo del Senato. La manovra, licenziata dalla Camera dei deputati, passerà direttamente all'Aula di Palazzo Madama, saltando il passaggio nelle commissioni della camera alta. Il governo ha posto la fiducia ed è intenzionato a tirare dritto, come dimostra il no alla richiesta delle opposizioni del Senato di rinviare perlomeno di una settimana il voto finale.

Testo chiaramente blindato, senza possibilità di modifiche, come ha confermato il capogruppo Pd in commissione Bilancio Giorgio Santini: «Il testo non si riapre rispetto a quello della Camera». Il governo è stato costretto a ricorrere alla fiducia per il muro delle opposizioni. I capigruppo di Forza Italia al Senato e alla Camera, Paolo Romani e Renato Brunetta, hanno subito cercato di fermare il governo: «Le strane ipotesi che circolano su un possibile congelamento della crisi del governo Renzi, con l'approvazione accelerata della legge di Bilancio grazie addirittura a cosiddette fiducie tecniche, sono del tutto impraticabili».

La richiesta di Forza Italia, condivisa della Lega e poi anche del M5S, era quella di stralciare i «piccoli e grandi finanziamenti di mero sapore elettorale che oggi compongono il testo della legge all'esame del Senato». Cioè le mance pre referendarie. In compenso, ci sono molte modifiche alla legge che erano state annunciate dal governo e che ora saltano. Quella che colpisce di più è il ripristino del fondo da 50 milioni per l'emergenza sanitaria a Taranto, scatenando l'ira del governatore pugliese Michele Emiliano. Altra modifica attesa era la stabilizzazione dell'ecobonus per la riqualificazione energetica degli edifici. Senza la modifica del Senato l'incentivo è garantito solo fino al 2017. Anche i precari dell'Istat erano in attesa di un emendamento che avrebbe consentito la stabilizzazione. Dettagli, nella più consolidata tradizione politica italiana che vede il merito delle politiche subordinato alla lotta di potere.

Commenti
Ritratto di filatelico

filatelico

Mer, 07/12/2016 - 08:15

A CASA SUBITO !!!!

Ritratto di milan1899

milan1899

Mer, 07/12/2016 - 08:18

domanda: la suprema corte ha fissato per il 24 gennaio la discussione sulla legge elettorale....ma che Dio mi fulmini non si poteva fare prima....oppure già sono in ponte per Natale....va bene..ok il ponte finisce il 7 gennaio ma perche arrivare al 24....hanno messo altre feste nel calendario e non me ne sono accorto ???? Non hanno capito che il popolo è stanco di non votare è he altri Governi di inciucio non vanno bene. Quindi al voto a febbraio e non se ne parla più. E si sbrighino nel centro destra a trovare il leader...che ne dite se per una volta lo fà una donna con gli attributi...vai Giorgia che da me il voto lo prendi....

Iacobellig

Mer, 07/12/2016 - 08:21

IL BUFFONE, INSIEME ALLA BOSCHI MADIA PINOTTI GIANNINI, DEVE SPARIRE SENZA PIÙ FARSI VEDERE.

linoalo1

Mer, 07/12/2016 - 08:34

Mattarella è telecomandato da Renzi e,quindi,si farà solo quello che vuole Renzi!!Innanzitutto,pur di non fare Elezioni subito,per paura,per me,fondata,del M5S,ha fatto slittare il Giudizio della Consulta sul Sistema Elettorale,quasi a Fine Gennaio,con conseguente ritardo delle Elezioni!!Nel frattempo,cercherà di convincre i suoi che l'unica soluzione per non perdere l'Italia e VENTI anni di Guerra contro Berlusconi,è quella di un Reincarico!!Mattarella lo sa bene ed è pronto ad obbedire al Suo Padrone Renzi!!Altrimenti,cosa credete che sia andato a fare Renzi da Mattarella,di recente e più di una volta???

timoty martin

Mer, 07/12/2016 - 08:49

L'arrogante e bugiardo fiorentino non vuole rinunciare al potere. Quello si chiama dittatura !! Gli Italiani NON lo vogliono più.

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 07/12/2016 - 08:49

Renzi non parla più ma nel suo partito c'è chi è convinto di aver vinto e di poter stravincere data la bontà e la validità assoluta delle loro riforme! non si tratta di cercare di dimostrare al mondo di poiter comandare anche col soppruso ma semplicemente di convalidare un risultato popolare che condanna un bilancio che di positivo ha solo l' alto quoziente di boriosa presunzione all' esercizio del potere a proprio esclusivo piacimento.

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 07/12/2016 - 08:52

la riuchiesta di Forza Italia è quanto mai logica: nel 2017 matureranno fin dall' inizio dell' anno, le assolute incongruenze finanziarie di questo Renzi che ubbidisce cecamente alle regole dettate da un antico proverbio: chi si loda si sbrodola: e lui sa che con i nodi che stanno per venire al pettine l, la cosa piu saggia è di ricorrere ad un governo di transizione su cui scaricare tuttwe le responsabilità; che sia dunque ancora lui a subirne le conseguenze!

giginonapoli

Mer, 07/12/2016 - 09:01

Babbeo vattene a Rignano.

Ritratto di CloroFilla

CloroFilla

Mer, 07/12/2016 - 09:02

Oggi come oggi l'unico modo che ha una forza politica per ottenere il consenso degli Italiani è quello di risolvere il problema dell'immigrazione clandestina. Possiamo raccontarci tutte le storie che vogliamo, ma questa è la sola e unica preoccupazione del popolo. Tutto il resto, casa, lavoro, sicurezza, etc, è legato intimamente e indissolubilmente a questa problematica.

carvan1234

Mer, 07/12/2016 - 09:11

Mi sembra piu' che normale che ora la palla sia nelle mani del fronte del NO. Onori e oneri. Spesso questo fronte da D'Alema, a Parisi, a Berlusconi, a Grillo ci hanno detto che una nuova riforma su puo' fare "in pochi giorni", di conseguenza una nuova legge elettorale dovrebbe essere, grazie a loro, fatta nel giro di poche ore. A mio avviso tutta questa accozzaglia, se insieme, dopo anni non riusciranno nemmeno a fare due uova al tegamino, comunque staremo a vedere ! E' arrivato il momento dopo tante critiche a Renzi, che ci dimostrino le loro capacità !

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 07/12/2016 - 09:13

Sono del parere che il "governissimo" non abbia nessun senso, ci siamo già dimenticati di quello "Monti"?.Un governo tecnico, a tempo, avrebbe senso se fosse completamente autonomo nelle sue decisioni e non ingabbiato nelle sue decisioni dai politici e dalla politica fallimentare che ne ha determinato la necessità. Meglio elezioni a febbraio.

Giulio42

Mer, 07/12/2016 - 09:27

Renzi ha già fatto tutto il danno possibile. Confido sul Presidente che ci mandi al voto con una legge condivisa e che sia la stessa per Camera e Senato.

moshe

Mer, 07/12/2016 - 09:29

Ciarlatano vattene, sei odiato dagli italiani !

nonna.mi

Mer, 07/12/2016 - 09:34

L'altra sera su un programma televisivo che annunciava le Dimissioni irrevocabili date da Matteo Renzi, Alessandro Sallusti ha detto di avere la certezza che l'attuale Presidente del Consiglio avrebbe disdetto ciò che aveva appena affermato:la reazione dei vari presenti verso il Direttore del Giornale è stata una sarcastica smentita della sua previsione: temo che Sallusti abbia profondamente Ragione! Myriam

mcm3

Mer, 07/12/2016 - 09:48

Subito al Voto, senza perdere altro tempo, questa e' l'unica azione da fare per riprendere credibilta'. Cambiare la legge elettorale, perche' non conveniente a qualcuno, conferma il pensiero della gente che vede la casta muoversi solo per interessi personali, Votiamo e chi vince governera'

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 07/12/2016 - 09:57

in questi ultimi anni è aumentato il lavoro.........SI,per l'impiantista di allarmi, per chi produce porte blindate e serrature, assicurazioni contro il furto, gli armaioli e tutto per la difesa.

Libertà75

Mer, 07/12/2016 - 10:00

ma non aveva detto che se ne andava? è già tornato?

mifra77

Mer, 07/12/2016 - 10:02

Il trucco c'è e si vede dallo spazio; l'arrogante PdC dimissionario per finta non si è degnato neppure di registrare la sconfitta. A parole ha detto di essere colpevole di errori ma ha già un tranello a portata di mano per non lasciare poltrona e benefici. Il suo asso nella manica? Il nulla che regna tra i Pidioti che ormai parlano e razzolano con il portafoglio e non con il cervello.

giolio

Mer, 07/12/2016 - 10:09

Comunque deve rimettersi in gioco con le dovute corretture e l‘esperienza fatta credo che diventerá un politico bravo e magari ridiventerà presidente del consiglio regolarmente eletto

Ritratto di deep purple

deep purple

Mer, 07/12/2016 - 10:11

Scusi Signorini, lei e tutti quelli che hanno votato no, di che vi lamentate? E' questo il sistema italiano! Quello che avete salvato col referendum.

Cesare46

Mer, 07/12/2016 - 10:13

a fino a quando dovremo sopportare questi che la sera dicono una cosa e il mattino dopo ne dicono un'altra ? I governanti non dovrebbero essere i piu seri e coerenti del paese ? Fino a quando dobbiamo sopportare le prese per il lato B da questi individui ? Ora non ci dicano che i governanti è l'espressione del popolo perchè nessuno di questi è stato votato dal popolo. A casa tutti basta basta basta.

Cesare46

Mer, 07/12/2016 - 10:15

leggo qui sopra: "Bisogna andare di fretta per convincere il Quirinale a non improvvisare governi di scopo". Come se non fossero tutti daccordo per inciuciare e intrallazzare alle nostre spalle.

il sorpasso

Mer, 07/12/2016 - 10:18

Basta torna a casa e magari vai ai giardinetti con Napolitano.

Giunone

Mer, 07/12/2016 - 10:21

Naporenzone ormai la presunzione non ti fa accettare la evidenza più che chiarissima: gli Italiani non ti vogliono PIU'!!!! fuori dal comando tu e tutto il tuo gruppettino. Avete fatto fin troppi danni, risparmiate al popolo ulteriori danni dal vostro governo dilettante e presuntuoso. Ha vinto il RENXIT ritorna a Rignano e rimane lì!

clandestino48

Mer, 07/12/2016 - 10:23

Presidente Mattarella , non dimentichi che non vogliamo più Renzi, ne tanto meno questo governo, per cui è inutile tentare di far fare un governo a qualcuno gia complice di questo governo.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 07/12/2016 - 10:34

Il governissimo sarebbe una buona soluzione. Quando è partita la campagna referendaria già pensavo che, se avesse vinto il “NO”, bisognasse appunto fare un governo di unità nazionale (e già lo diceva Berlusconi) per uscire dall’impasse che si sarebbe creata. Un’ampia maggioranza dei 2/3 del Parlamento può approvare in pochi mesi una riforma costituzionale, e senza referendum. Nel merito, si tratterebbe secondo me di adottare la soluzione che già era stata prospettata nella bicamerale con D’Alema e poi nel documento dei saggi di Napolitano, e cioè il semi-presidenzialismo alla francese, con relativa legge elettorale. Basterebbe quindi solo correggere l’Italicum (introducendo i collegi uninominali al posto di quelli plurinominali coi capilista “bloccati”), e introdurre il sistema semi-presidenziale. Più facile a dirsi che a farsi.

flip

Mer, 07/12/2016 - 10:41

se ne dovrebbe andare anche mattarello!

jenab

Mer, 07/12/2016 - 10:54

renzi a casa, silvio, salvini e m5s hanno vinto e devono farsi carico del governo di transizione fino al settembre 2017

Ritratto di kikina69

kikina69

Mer, 07/12/2016 - 10:59

quoto in toto l'intervento di Clorofilla. Per questo, lo ribadisco anche qui, Salvini si deve tenere alla larga da un Berlusconi che accetti i traditori in forza italia..perché in tal modo salteranno tutti i bei proclami sulle iniziative per contrastare l'immigrazione che è il problema clou

Ritratto di orione1950

orione1950

Mer, 07/12/2016 - 11:16

Questo PAGLIACCIO fa i conti senza l'oste. Crede che il 40% del refendum siano tutti voti suoi. Non ha capito che nel momento che farà la lista dei candidati alle elezioni, dopo aver fatto fuori tutti i comunisti, il pd si spaccherà ed i comunisti faranno un altro partito; il 40% diventerà un sogno. Il suo intento é rifare la democrazia cristiana e, percio', non andrà oltre il 25% mettendo insieme i cattocomunisti ed i traditori del cdx. L'astensionismo é ancora alto ma, se tornasse a bassi valori, anche il 25% sarebbe un sogno.

giolio

Mer, 07/12/2016 - 11:44

Con il 40% dei suffragi, anche se non voto partiti di sinistra , fa bene a rimettersi in campo e farsi legittimare degli elettori .

ego

Mer, 07/12/2016 - 11:48

per CloroFilla---Credo anch'io che il problema grosso sia l'immigrazione clandestina. Ma vede, la soluzione non è alla portata di una sola nazione; men che meno alla portata dell'Italia, circondata com'è dal mare. Mentre ad altri Paesi dell'entroterra (Austria,Ungheria,Rep.Ceka) vien facile erigere un muro (fra le proteste della UE), noi che possiamo fare?Se non c'è la volontà della UE (e fors'anche dell'ONU) di bloccare all'origine i barconi, già sulle coste del nordafrica col dispiegamento di tutta la marina europea, c'è poco da fare.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 07/12/2016 - 11:59

Il governissimo sarebbe un’ottima soluzione. Quando è partita la campagna referendaria già pensavo che, se avesse vinto il “NO”, bisognasse appunto fare un governo di unità nazionale (e già lo diceva Berlusconi) per uscire dall’impasse che si sarebbe creata. Un’ampia maggioranza dei 2/3 del Parlamento può approvare in pochi mesi una riforma costituzionale, e senza bisogno di referendum. Nel merito, si tratterebbe secondo me di adottare la soluzione che già era stata prospettata nella bicamerale con D’Alema e poi nel documento dei saggi di Napolitano, e cioè il semi-presidenzialismo alla francese, con relativa legge elettorale. Basterebbe quindi solo correggere l’Italicum (introducendo i collegi uninominali al posto di quelli plurinominali coi capilista “bloccati”), e introdurre il sistema semi-presidenziale. Più facile a dirsi che a farsi.

unosolo

Mer, 07/12/2016 - 12:26

la borsa dice cosa ne pensa la UE con la caduta del PCM; ebbene solo lui non si rende conto di aver indebitato la Nazione per suo solo ideale di galleggiare su un aereo inservibile , lo spreco infinito del bamboccione , deve risarcirci del danno , ancora vuole parlare ? senza responsabilità e senza idee di come si crea lavoro ,. falso e basta,.,

agosvac

Mer, 07/12/2016 - 12:54

Il solito renzi vorrebbe un governissimo, ovviamente, a guida renzi. Ma chi lo ha detto che deve esserci renzi alla guida???

Ritratto di EstiqaatsiX

EstiqaatsiX

Mer, 07/12/2016 - 13:01

Fuori dai cxxxxxxi il cabarettista toscano con tutti i suoi compagni di merende!

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 07/12/2016 - 13:07

IL BUFFONE AVEVA PROMESSO DI SPARIRE E INVECE E' ANCORA QUI A ROMPERE LE PALLE AGLI ITALIANI.

Pensobene

Mer, 07/12/2016 - 13:09

A volte ritornano.

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Mer, 07/12/2016 - 13:26

@agosvac. Nessuno lo ha deciso ancora. La scelta del Presidente del Consiglio è una prerogativa del Capo dello Stato, che in genere decide dopo apposite consultazioni. Certo, Renzi è il Segretario del PD, che è il partito che ha la maggioranza relativa in Parlamento. Quindi sarebbe il candidato maggiormente accreditato, specie se dovesse continuare ad avere l'appoggio del suo partito. Se poi ci dovessero essere problemi, anche una scelta istituzionale - come un incarico al Presidente del Senato Grasso - sarebbe possibile.

unosolo

Mer, 07/12/2016 - 14:38

porta proprio sfiga , appena uscito le borse salite più de 4% e lo spread è sceso , questo è un caso ? ha rovinato la prima al nostro Capo di Stato e ancora non esce dalla politica ? possiamo elencarne di cose a nostro discapito ma non esiste spazio sufficiente ,

petra

Mer, 07/12/2016 - 14:41

Parla come se il quesito referendario avesse previsto di rispondere SI oppure SI.

petra

Mer, 07/12/2016 - 14:43

#milan 1899 Mi perdoni, ma l'ha letto l'articolo piu' sopra?

petra

Mer, 07/12/2016 - 14:49

E' per quello che ha ragione Berlusconi quando dice che l'elezione del prsidente della Repubblica deve essere fatta dal popolo. Se viene nominato dal capo del governo, come in questo caso, il presidente della Repubblica si sentirà sempre in obbligo verso di chi lo ha eletto e tenderà ad assecondarlo. Un grave conflitto di interessi.

zucca100

Mer, 07/12/2016 - 15:00

Agosvac, ma qunato sei ignorante.

flip

Mer, 07/12/2016 - 15:24

liberopensiero. quale "maggioranza relativa" ha in parlamento il pd? chi lo ha votato? è stato un golpe voluto dal napolitanino che ci ha provato con vari insulsi passaggi. Quindi tutti gli atti governativi,la maggioranza( ed anche la nomina del capo dello stato? non sono validi. solo truffe e usurpazione! gli Italiani non sono stupidi e con quasi il 60% hanno dimostrato la loro competenza e mandato un sonoro vaffa.

CarloLinneo

Mer, 07/12/2016 - 15:39

I sostenitori del No hanno sempre, dico sempre, detto, che una nuova riforma si può approvare in 6 mesi e che le leggi possino venir fatte in una settimana, basta che lo si voglia. Allora è possibile votare anche entro febbraio. Basta cambiare qualcosa della legge elettorale, così NON bisogna nemmeno aspettare la decisione della Consulta il 24/1. Temo invece che la casta salvata dal NO se ne freghi del bene degli italiani e pensi al bene del suo portafoglio. Al 16.09.2017 avranno maturato il diritto al vitalizio. E' questa la data più importante per loro.

antoniopochesci

Mer, 07/12/2016 - 15:53

Un'altra bufala, l'ennesima, ha spiccato il volo nella galassia delle praeficae del renzismo. Chi beve la bufala ritiene lo SBRUFFONCELLO padrone di tutto il 40% del SI'. Se i pasdaran del Ronzino non scendono in terra, andranno incontro ad una tranvata epica. Purtroppo resiste una concezione "padronale" del voto che non apparterebbe ai cittadini liberi e sovrani ma ai partiti. Ora se tale tesi è accettabile nelle elezioni, nei Referendum a due sole opzioni è ridicola. Il contributo di Renzi,spalleggiato dall'armata rossa della RAI, giornaloni, banche, governi stranieri( altro che Davide contro Golia!) è quantificabile in un 70% del 40%: quindi il 28%. Così dicasi per il NO, alla cui vittoria hanno sì contribuito (almeno per il 70% ) i partiti sostenitori,ma ad essere determinanti sono stati i cittadini liberi che alla prossime elezioni non li voteranno o si asterranno.

giovanni235

Mer, 07/12/2016 - 16:08

Chiedo scusa,ma ho bisogno dell'aiuto di qualcuno più aggiornato di me.L'Italicum,a detta di Renzi,sarebbe stato copiato da 'almeno mezza Europa',quindi da almeno una quindicina di Stati.Ora,avendo perso la conta,vorrei che qualcuno mi riassumesse gli Stati che hanno copiato l'Italicum.Grazie.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 07/12/2016 - 16:24

Questa crisi istituzionale non fara' altro che evidenziare l'infimo e squallido livello da piazzisti del clown fiorentino e della sua cricca.

linoalo1

Mer, 07/12/2016 - 16:26

Macchè Urne e Urne!!!Lui,i Suoi Sinistrati e Mattarella,sanno benissimo che,votare subito,vorrebbe dire:dare l'Italia in mano a Grillo ed al M5S!!!Giammai!!Quindi,assisteremo ad un Renzi Bis!!!!