Quella riforma sotto dettatura. Governo in mano a Jp Morgan

Un dossier della banca d'affari chiedeva modifiche poi finite nel ddl Boschi. Napolitano, interrogato, tace

John Pierpont Morgan è morto nel sonno mentre era in vacanza a Roma il 31 marzo del 1913, all'età di 75 anni. A dicembre di quello stesso anno nasceva la Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti. C'è chi dice che questi due eventi siano in qualche modo collegati. Soprattutto perché JP Morgan fu molto più potente dei presidenti della Fed. Oggi ritroviamo il colosso da lui creato, che nel 2015 ha registrato 24,4 miliardi utili, nel mezzo di molte partite importanti per il nostro Paese. Dal salvataggio di Mps, di cui peraltro la banca d'affari è stata consulente anche in passato, a quello dell'Ilva passando per la riforma costituzionale al centro del referendum del 4 dicembre.

Cosa c'entra la riforma - in casa nostra - con Jp Morgan? Ebbene, martedì scorso la Repubblica ha ospitato un confronto ravvicinato fra Salvatore Settis, archeologo e storico dell'arte, e l'ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, sostenitore della riforma costituzionale varata da Renzi. Fra le domande, Settis ha ricordato che mentre Napolitano era ancora in carica un accreditato commentatore politico, Marzio Breda, scriveva sul Corriere della Sera (1 aprile 2014) un articolo dal titolo «Da Napolitano un segnale sul percorso delle riforme». In esso, citando una nota del Quirinale, Breda scriveva che «la riforma per il capo dello Stato è importante, anzi improrogabile», e va «associata alla legge elettorale». Ricordando che a questo proposito, sarebbe bastato rileggersi uno studio diffuso da Jp Morgan il 28 maggio 2013 in cui veniva fotografata la crisi economica europea indicando nella «debolezza dei governi rispetto al Parlamento» e nelle «proteste contro ogni cambiamento» alcuni vizi congeniti del sistema italiano». La domanda di Settis è dunque: «Quell'analisi della banca americana può valere, come alcuni vorrebbero, come un argomento per riformare la Costituzione? ». Napolitano non ha risposto.

Eppure la ricetta degli americani pare calzare a pennello con la riforma voluta da Matteo Renzi (grande fan di Tony Blair, che oggi lavora proprio per Jp Morgan), e sponsorizzata dall'ex inquilino del Quirinale. Cosa suggeriva la banca d'affari? Smontare la Costituzione perché troppo socialista, asservire il Parlamento al governo, una legge elettorale bipolare. Per chi mastica la finanza, non è inusuale che le banche d'affari propongano soluzioni o forniscano scenari ideali per garantire la crescita di una società o anche di un Paese. Ma la mancata risposta di Napolitano fa rumore anche perché va ad aggiungersi ai rapporti sempre più fitti fra gli americani e Palazzo Chigi dove a luglio è stato accolto in pompa magna il numero uno mondiale di Jp Morgan, Jamie Dimon arrivato a Roma per festeggiare i cento anni di attività della banca in Italia. Incontro cui è seguito un articolo apparso sul Sunday Telegraph in merito a una soluzione studiata dalla stessa banca d'affari contattata appunto dal governo italiano per risolvere il nodo dei crediti deteriorati del Monte. In cambio di laute commissioni.

L'asse Renzi-Jp Morgan - allargato anche a Davide Serra e all'altro advisor in pista sul Monte ovvero la Mediobanca guidata da Alberto Nagel su cui il premier aveva scommesso, perdendo, nel match contro Cairo su Rcs - starebbe irritando i piani alti della Bce ma anche le altre banche d'affari concorrenti. Tanto che lo stesso pesante attacco alle riforme renziane lanciato martedì dal Financial Times (e arrivato a poche ore dall'editoriale di fuoco sulle ingerenze del governo nella vicenda senese firmato da Ferruccio de Bortoli sul Corriere) andrebbe letto in questa chiave.

Tornando alla storia di John Pierpont Morgan, in pochi sanno che nel 1902 finanziò anche la nascita dell'International Mercantile Marine Company, una compagnia di navigazione che puntava a controllare i trasporti oceanici. La Immc possedeva anche il transatlantico Titanic. Ed è proprio il suo affondamento a segnare la strada verso il fallimento della compagnia.

Anche i grandi banchieri a volte scommettono sul cavallo sbagliato.

Commenti

idleproc

Gio, 06/10/2016 - 09:53

Cosa pensavate? Pensavate che fossero in grado di fare una qualsiasi genere di riforma da soli? Li avete senti o almeno visti anche di sfuggita? Del resto, che il loro ruolo storico sia sempre stato quello dei tirapiedi dovrebbe essere noto e verificato empiricamente. Hanno solo cambiato padroni, lo hanno nel DNA.

beale

Gio, 06/10/2016 - 09:55

sono sempre più convinto che occorra votare ogni anno. non si deve lasciare il tempo per creare la rete di relazioni che possano indurre alla corruzione.

antipifferaio

Gio, 06/10/2016 - 09:59

Che sia il governo delle banche ormai lo sanno anche le pietre...ma la cosa che mi lascia perplesso è che molti sinistrati nonostante lo sappiano ne siano felici...insomma sono vacche felici di essere spremute (di tasse) e poi macellate...

maxfan74

Gio, 06/10/2016 - 10:00

Ma allora è vero abbiamo un governo...

Ritratto di orione1950

orione1950

Gio, 06/10/2016 - 10:09

Che il nostro governo sia servo delle banche pare abbastanza chiaro. Che l'ex fantoccio dei poteri forti, a capo dello stato, fosse pure asservito, era pure chiaro. Votare No é l'unico modo per sconfiggerli.

Ritratto di orione1950

orione1950

Gio, 06/10/2016 - 10:09

Che il nostro governo sia servo delle banche pare abbastanza chiaro.Che l'ex fantoccio dei poteri forti, a capo dello stato, fosse pure asservito, era pure chiaro. Votare No é l'unico modo per sconfiggerli.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Gio, 06/10/2016 - 10:13

Non mi addentro nel merito per mancanza di competenze, ma leggendo l'articolo viene da pensare che una riforma che presenta molti lati oscuri o grigi forse non è proprio tutta farina del loro sacco (Renzi & C.). Per loro stessa ammissione si poteva fare meglio, anche se poi il loro meglio è stato farla passare a suon di "fiducia". Anche questa ostinazione nel difenderla, nel non accettare alcuna critica mi pare abbastanza forzata e forse avvalora la tesi espressa nell'articolo.

unosolo

Gio, 06/10/2016 - 10:14

esistevano dubbi ? mamma santissima come siamo ignoranti e non pensiamo mai male , come diceva ? qualche volta ,,,,,,,,,,

Gaeta Agostino

Gio, 06/10/2016 - 10:16

Il fatto che i nostri politici, tutti, fossero inetti e corrotti era palese e notorio. Ma che questo pagliaccio al governo fosse portato con la manina dalla finanza americana a scegliere come dovessimo morire noi italiani, è una cosa che si sapeva ma non notoria. E questi comunisti pentiti ancora chiedono i voti alla gente.

fedeverità

Gio, 06/10/2016 - 10:20

Complimenti...un'altra bella figura Renzi &c...per la Boschi...ma che saputella!!

Eraitalia

Gio, 06/10/2016 - 10:23

NON CI SONO PAROLE! (SOLO PAROLACCE)

unosolo

Gio, 06/10/2016 - 10:23

quando usi soldi non tuoi è facile fare i nababbi , scannati come stanno tra debiti e lavori non pagati ancora come partito spendono e buttano soldi rubati ai cittadini , fossero soldi delle sole tessere potevo capirlo ma qui si usano soldi dei rimborsi elettorali e dei super stipendi dei parlamentari , ovviamente viene da solo pensare che man mano con studiati rimborsi i parlamentari del PD rientreranno con interessi , capito come funziona lo spreco istituzionale ?

glasnost

Gio, 06/10/2016 - 10:24

L'Italia della sinistra di Renzi (Napolitano,Mattarella e compagnia bella) è un paese governato dai poteri finanziari americani che speculano su noi italiani (Soros & Co). Lo vedono tutti e quelli che fanno finta di non vedere sono quelli che, in malafede, ne traggono vantaggio.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 06/10/2016 - 10:33

Per il bene del Paese molto meglio Jp Morgan che essere nelle mani dell´autoritario italico sudiciume, ottuso, ignorante, prepotente e mafioso.

Libertà75

Gio, 06/10/2016 - 10:33

è evidente che il PD non è un partito di sinistra, ma il braccio armato della finanza internazionale

Keplero17

Gio, 06/10/2016 - 10:33

Che renzi sia telecomandato non ne avevo alcun dubbio. Che ci sia dietro solo J P Morgan, non credo, il progetto è molto più ampio, si tratta di neutralizzare la volontà del popolo, almeno per una durata sufficiente per poter innescare un processo di asservimento degli stati ad organizzazioni. Chi si oppone, come la Russia viene aggredito. Guardate il caso dei migranti in cui ci dicono che hanno le mani legate. Da chi? Uno stato non ammette autorità superiore a se stessa, ma se si ribella scattano sanzioni ed emarginazione.

Ritratto di alex274

alex274

Gio, 06/10/2016 - 10:38

Scherzando un po': e se qualcuno pensasse ad una azione militare contro JP Morgan e simili?

elgar

Gio, 06/10/2016 - 10:43

Ma che sinistra è mai quella di un governo asservito alle banche? Peccato che ai propri elettori la stessa sinistra parli di diritti dei lavoratori, che è per i deboli, che è contro il capitalismo, i ricchi (anche i ricchi piangano diceva un manifesto affisso per le strade) e ovviamente contro tutto ciò che li rappresenta ovvero le banche. I fatti però dicono tutto il contrario. Un governo che ha salvato Banca Etruria con buona pace dei piccoli risparmiatori ed è di sinistra! Dico ma che razza di sinistra è? Poi in piazza i bravi ragazzi dei centri sociali distruggono i bancomat. Ma lo sanno che sono rappresentati da questi?

Accademico

Gio, 06/10/2016 - 10:43

Il Presidente della Repubblica non può rimanere indifferente di fronte a una situazione di fatto, divenuta intollerabile.

paviglianitum

Gio, 06/10/2016 - 10:48

e intanto chi commenta contro le banche porta i suoi soldi in banca. IPOCRITI NAZICOMUNISTI!!!

lambi65

Gio, 06/10/2016 - 10:52

Napolitano, Monti, gruppo bildenberg, il figlio di Monti vice presidente deutshebank, ecc..I quattro cavalieri bancari (Bank of America, JP Morgan Chase, Citigroup e Wells Fargo) possiedono i quattro cavalieri del petrolio (Exxon Mobil, Royal Dutch/Shell, BP Amoco e Chevron Texaco), in tandem con Deutsche Bank, BNP, Barclays e altri vecchi colossi monetari europei. Ma il loro monopolio sull’economia globale non si ferma sull’orlo del pozzo petrolifero. Secondo i 10mila documenti societari depositati alla SEC, i quattro cavalieri bancari sono tra i primi dieci titolari di azioni di praticamente ogni società di Fortune 500. Così sono gli azionisti delle banche centrali.

Ritratto di wciano

wciano

Gio, 06/10/2016 - 11:00

Eppur era Berlusconi a dire e ripetere che il governo non ha abbastanza potere. E quella volta tutti daccordo perchè l'aveva detto il padrone. http://www.ilgiornale.it/news/sfogo-berlusconi-premier-non-ha-poteri-siete-daccordo.html

zenzalino54

Gio, 06/10/2016 - 11:09

la politica di questo governo ha venduto il suo popolo al mercato delle vacche, lavoriamo solo per sopravvivere, stiamo perdendo tutte le conquiste sociali acquisite con molte lotte e fatica. Il colpo di grazia ci verrà assestato da questa migrazione senza controllo, ci faranno lavorare per un tozzo di pane. Questo vuole la grande oligarchia della finanza internazionale: ricordate il film 007 la "spectre". Allora era un film ora purtroppo è una realtà.

elgar

Gio, 06/10/2016 - 11:12

Poi la sinistra ha sempre parlato della Resistenza come un valore indiscutibile. Ebbene la Costituzione è nata dalla Resistenza. Ripeto che sinistra è quella che vuole riformare la Costituzione sol perchè definita dalle banche "troppo socialista"? Napolitano tace. Mattarella tace. L'ANPI tace. Benigni fa "il testimonial" del SI. Allora son tutti d'accordo. E ci vengono a dire che è in ballo la democrazia. O, come ha detto Benigni, col NO sarebbe peggio della Brexit. Si dà il caso che dopo quel referendum l'Inghilterra non stia affatto male. Anche se nessuno lo dice.

geronimo1

Gio, 06/10/2016 - 11:16

Si maxfan74 abbiamo un governo.... Hai detto un cosa giusta...!!!! Solo che il governo non e' quello che i pekoroni pensano.... Quello immaginato e' solo una accozzaglia di sguattere (e sguatteri) del Guatemala (con grave offesa per le guatemalteche..n.d.r.) e quello vero e' costituito dai poteri descritti.... Comunque la domanda e': meglio una barca senza timoniere alcuno o governata da qualcuno che in piccolo (ma veramente in piccolissimo) sembra il cugino scemo di Ernst Stravo Blofeld responsabile SPECTRE di BONDIANA memoria?????

vince50_19

Gio, 06/10/2016 - 11:32

Non vedo il mio commento: riprovo. Non disdegnerei l'attenzione verso queste riforme neanche da parte di Gol.-Sa. Che certa nostra politica governativa sia "consigliata" gruppi bancari in odore di massoneria non mi pare una novità (uno strano "odore" lo hanno ben manifestato De Bortoli e Letta jr. a proposito dell'affaire Mps .. il rapporto Carboni/Etruria, tutto volto a mettere una pezza a discapito dei correntisti. La leggina salva cda di certi enti dice a chiare note quanto supposto in precedenza. Ma far intendere ste cose a certi beati beoti innamorati del giglio è cosa molto complicata, praticamente irrealizzabile.

Una-mattina-mi-...

Gio, 06/10/2016 - 11:56

DICONO CHE CI FU UN ANNUNCIO ECONOMICO: "PUPAZZI INTERCAMBIABILI CERCASI, ACCENTO FIORENTINO GRADITO, NESSUNA ESPERIENZA SPECIFICA RICHIESTA. RICHIESTA CIECA DIPONIBILITA' E OBBEDIENZA, COMPENSO COMMISURATO ALL'OTTENIMENTO DEI NOSTRI FINI"

Ritratto di RoseLyn

RoseLyn

Gio, 06/10/2016 - 12:16

Un motivo in più per votare NO.

Lugar

Gio, 06/10/2016 - 12:21

E' scioccante, per la prima volta mi rendo conto di essere stato raggirato dalle istituzioni. Ora mi rendo conto che tutto quello che ci succede è frutto di questa dittatura.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Gio, 06/10/2016 - 12:29

Keplero17 concordo in tutto e aggiungerei "chi si oppone come la Russia o Silvio Berlusconi viene aggredito e perseguitato"..

agosvac

Gio, 06/10/2016 - 12:42

Secondo me è proprio lo stesso concetto di "banca d'affari" che è sbagliato. Le Banche non devono fare affari per conto loro, devono essere istituti finanziari che diano sostegno agli "altri" per fare affari. Il compito delle banche deve essere l'intermediazione, guai quando agiscono per loro stesso conto.

Ritratto di combirio

combirio

Gio, 06/10/2016 - 12:52

@alex274... Non credo che scherzando abbia detto una banalità! Di sicuro la Guerra c' è l'ha stanno facendo loro. Senza bombe, ma con le armi dell' imbroglio e della Finanza. Hanno corrotto una grossa parte delle nostre istituzioni e politica per attuare i loro disegni. Prendiamo ad esempio una Grossa banca florida un tempo, come Il Monte. Gli hanno permesso di fare delle speculazioni enormi come l' acquisire Banche fallite pagandole molte di più del loro valore, perché? Quanti miliardi sono rimasti attaccati nelle tasche di dirigenti e politici? Inoltre adesso gli Americani adesso per quattro soldi possono rilevarla. Non è una guerra non convenzionale?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 06/10/2016 - 13:57

Che novità è ? Ancora qualcuno non sa che i governi in occidente sono solo fantocci e comanda la plutocrazia dei banchieri USA? Sveglia...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 06/10/2016 - 14:00

Vado spesso all'estero e vi dico che fuori dalla bolla di disinformazione in cui vive l'occidente, tutti sanno che l'occidente altro non è che una dittatura delle elite finanziarie.

lavieenrose

Gio, 06/10/2016 - 14:09

Caro CADAQUES non è che JPMorgan sia l'unica banca al mondo. Io per esempio ne preferirei un'altra. Riforma della costituzione? Si sono dimenticati di inserire questo articolo: alle elezioni politiche si candideranno un tot di banche e tra queste gli italiano sceglieranno da chi vogliono essere governati.

guido.blarzino

Gio, 06/10/2016 - 14:16

Il debito pubblico italiano ha preso slancio dagli anni 70 dopo la ricostruzione post bellica che ha prodotto benessere. Così è cominciata l'abbuffata politica che ci ha portato alla carità. E pinocchio chiede flessibilità all'EU che significa continuare a sprecare ovvero rubare con onestà sinistra. Se una persona non rimborsa il debito finisce in mano agli usurai. Questo il ns presente e il ns futuro con buona pace degli Italiani indecisi sul referendum che sperano nella manna dal cielo. Meno ideologia e più pragmatismo. Se sbagliamo il referendum spalancheremo le porte ai sinistrati ed agli usurai globali per demenziale popolare. Auguri a tutti

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 06/10/2016 - 14:38

Riforme serie da parte di Renzi, colui che poco tempo fa imitava i deficienti versandosi un secchio d'acqua in testa?! Ma siamo seri e ci si decida a mandarlo a casa, anzi a scuola dalla moglie, che "insperatamente" è passata di ruolo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 06/10/2016 - 14:43

@cadacques - equivale ad aver detto: per il bene del paese molto meglio Jp Morgan che Jp Morgan: il succo quale è?

leopard73

Gio, 06/10/2016 - 15:09

IL BISCHERO STA VENDENDO L'ITALIA E NOI COMPRESI A JP MORGAN ATTENZIONE!!!!

paviglianitum

Gio, 06/10/2016 - 15:16

ma ogni tanto fare un articolo serio, no, eh?

gianni.g699

Gio, 06/10/2016 - 16:32

Ma perchè c'è ancora qualcuno che crede che questo esecutivo sia formato da esseri dotati di materia grigia funzionante ???

dot-benito

Gio, 06/10/2016 - 17:00

dove sta la novità? il vecchio maledetto ci vuole ridurre in miseria ma speriamo che riesca ad andare per sempre in viale della rimembranza

g-perri

Gio, 06/10/2016 - 18:03

JpMorgan ha già fatto un sacco di danni in tutto il mondo e purtroppo in Italia abbiamo dei tipi poco raccomandabili che sono al governo e gli danno ancora ascolto. Se il governo italiano ha ascoltato i consigli di Jp Morgan per predisporre la riforma della Costituzione, allora è un ulteriore motivo per andare a vota NO!

Libertà75

Gio, 06/10/2016 - 18:07

@wciano, capace di commentare l'articolo senza dare sfogo di analfabetismo funzionale? JpMorgan, questo è il soggetto, Berlusconi non c'entra nulla. Poi se bisogna dare massimi poteri all'esecutivo allora perché abbiamo abbandonato il fascismo?

terzino

Gio, 06/10/2016 - 18:11

Strano che ce se ne accorga solo ora.

st.it

Gio, 06/10/2016 - 23:26

@wciano è evidente la brevità (di comodo) della sua memoria , ciò di cui parlava Berlusconi era la elezione a suffragio universale del presidente della repubblica/premier , il maggior potere era da ascrivere al numero di consensi ,e comunque il tutto doveva essere frutto di democratiche (nulla a che fare col partito) elezioni. L'infingardo è li solo per intrallazzi e non ha nessuna ragione di fare qualsivoglia cambiamento.