Roma, Comune boccia il progetto del nuovo stadio a Tor di Valle

Nella nota inviata alla Regione Lazio sono elencate le condizioni per ribaltare il giudizio da non idoneo a idoneo

Il progetto del nuovo stadio della Roma

"In data odierna, l'amministrazione comunale di Roma Capitale ha consegnato alla Regione Lazio le valutazioni sul progetto dello Stadio della Roma. Il parere unico di Roma Capitale sul progetto definitivo dello Stadio della Roma è non favorevole", così si è espesso il comune di Roma relativamente al progetto definitivo dello stadio della Roma a Tor di Valle inviando il parere unico alla Regione lazio.

Le criticità sono state rilevate in vari aspetti del progetto come quelli legati alla sicurezza stradale e a quella idraulica (con zone definite a rischio per fenomeni idraulici); quelle legate alla carenza di funzionalità legata alla viabilità, parcheggi, trasporto pubblico e quelle legate alla carenza di documentazione relativamente al progetto sul tpl e alla mancanza del progetto definitivo con la regione Lazio. Carenze sono state trovate anche sui progetti relativi al commercio, all'ambiente, all'urbanistica, all'edilizia e alle strutture in essere.

Le condizioni per cambiare il giudizio

Il comune di Roma nel suo parere esplicita anche quali sono le condizioni per ribaltare il giudizio da non idoneo a idoneo e cioè: assicurare livelli di sicurezza stradale, assicurare adeguati livelli di servizio delle infrastrutture stradali, completare la documentazione progettuale con le elaborazioni mancanti e colmare le carenze di contenuti rilevate oltre che ridefinire il perimetro delle zone che interessano le aree di sedime dell'intervento in questione.

Le reazioni

"Ancora una volta Virginia Raggi e il confuso ideologo del no a tutto, l'assessore Paolo Berdini, hanno imbrogliato Roma e i romani - ha commentato Marco Miccoli, deputato del Pd - Due giorni fa hanno chiesto un mese di tempo e il rinvio della Conferenza dei Servizi della Regione per poter valutare ancora meglio il progetto dello Stadio della Roma e le eventuali proposte di varianti ed oggi hanno dato parere non favorevole seppellendolo definitivamente. Sapevano benissimo che avrebbero detto no, come hanno fatto con tutto ciò che può essere sviluppo e occupazione a Roma. Hanno detto no consapevoli di stare ingannando i romani, i tifosi e gli investitori. Questa banda di cialtroni sta affossando la Capitale, ribadendo un no a 20mila posti di lavoro, a opere pubbliche per milioni di euro tutte a carico del privato, alla riqualifica di un'area oggi diventata una pericolosa discarica. Hanno scelto oggi di confermare questa decisione solo per coprire le disavventure legali dell'indagata sindaca di Roma. È una vergogna, proprio mentre i tifosi si stanno organizzando con mobilitazioni e raccolta di firme per chiedere il Sì al progetto dello Stadio della Roma".

Commenti

moammhedd

Gio, 02/02/2017 - 18:05

ancora con gli stadi mancano strade e fogne ,un problema che non interessa a nessuno,,bravi bravi

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Gio, 02/02/2017 - 18:22

Marco Miccoli, deputato del Pd pagliaccio avete finito di fare Mafia Capitale...date alla Raggi ancora 6 mesi e Vi ripiana Roma come dovrebbe essere...Voi invece pidioti state zitti e muti che siete stati il Disastro di Roma Mafia Capitale...x 30 anni buffoni ipocriti...

cir

Gio, 02/02/2017 - 18:27

una societa' sana non ha stadi del calcio.

Miraldo

Gio, 02/02/2017 - 19:03

Avete votato il M5s, bene adesso pagate le conseguenze..............

ectario

Gio, 02/02/2017 - 19:10

Non è una priorità per Roma, come non lo sono le olimpiadi, come non lo è la metro "C" bloccata a metà, come non lo è qualsiasi cosa debba coinvolgere questi incapaci a trovare una soluzione costruttiva e di sviluppo. Un altro paio di anni con sti M5S bifolchi di extra sinistra e questa città altro che decadente....Ma, tranquilli, tutto con onestà!!! Comunque, sconcerta che a cavalcare le critiche politiche sia gentaglia del PD.

bruco52

Gio, 02/02/2017 - 19:29

Per una volta tanto sono d'accordo con un esponente del pd, che definisce i grillini "una banda di cialtroni"...sinistri, sinistrati al cubo, ex esponenti di rifondazione comunista, sel e altri variegati movimenti comunistoidi, che scacciati a pedate nel di dietro da ogni consesso politico, si sono riciclati nel MoVimento (pensa che roba) e ora sognano, da frustrati come sono, la rivincita...ancora poche mesi e ritorneranno nel dimenticatoio, nelle fogne, da cui sono usciti solo grazie a un comico che non fa più ridere....

fisis

Gio, 02/02/2017 - 19:49

Basta stadi, ce ne sono abbastanza in giro per l'Italia. I soldi vanno spesi per opere ben più importanti come la difesa del suolo, la messa in sicurezza di scuole che crollano etc. etc.

wotan58

Gio, 02/02/2017 - 20:22

Lo avevano già detto in sede di campagna elettorale che erano contrari. D'altra parte il progetto aveva diversi difetti. Soprattutto per un partito il cui cui background culturale è di estrema sinistra Il primo è che è integralmente a carico di privati. Quindi niente spazio per ruberie. Il secondo è che i privati avrebbero pagato anche quasi 500 milioni di opere pubbliche, migliorando la vita dei romani. Inaccettabile per una komunista. Il terzo è che lo stadio si poteva fare nelle aree "consigliate" dai grandi palazzinari romani come Caltagirone. Si spera in un intervento della Procura, il fido Marra è già in galera...

federik

Gio, 02/02/2017 - 21:44

La Raggi ha fatto benissimo, invece di consumare territorio e denari pubblici e/o privati per eventi futili come il calcio, donateli alle persone colpite dal terremoto.

Franco40

Gio, 02/02/2017 - 21:55

Un altro passo avanti verso la povertà a Roma ed in Italia. Grazie.

tuttoilmondo

Gio, 02/02/2017 - 22:48

Oh, stadio d'a roma! Che me frega se nun magno! Aaa roma! La provincia di Roma s'è riempita di tutto: meridionali, negri, zingari, tutti a tifare roma. I più accaniti sono i calabresi, siculi, abruzzesi, sardi e marchigiani, che arrivati nella capitale hanno subito cercato di camuffare le loro origini tifando pe 'a roma. Mo vonno 'o stadio. Manco fossero il Real Madrid. Ladri di rigori e di galline, vanno sempre in europa per motivi extra sportivi a raccogliere pere a sette a sette. Se vogliono lo stadio devono presentare un cc bloccato da un miliardo e mezzo e non un quintale di fidejussioni farlocche. Poi se ne parla.

TonyGiampy

Gio, 02/02/2017 - 23:14

Ecco perche' vogliono farla fuori!! Con lei gli squali non mangiano piu'!!!! La gente dovrebbe capire e regolarsi di conseguenza!!! Aspetto le prossime elezioni per vendicarmi di questi odiosi comunisti che hanno rovinato l'Italia e l'Europa e vogliono far credere che una simile ragazza madre di famiglia sia una delinquente!!!!!!! Fora di ball!!!!

maxxx666

Ven, 03/02/2017 - 06:38

I pagliacci sono quelli che presentano progetti pieni di "criticità".

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Ven, 03/02/2017 - 08:14

Credo ci sia un po di confusione tra i commenti che leggo. Si parla dello stadio della Roma, quindi della società sportiva Roma, e quindi di proprietà privata che nulla ha a che vedere con opere pubbliche e soldi pubblici. Il no sarà dettato da altri motivi progettuali o strutturali o di compatibilità col territorio, altrimenti per il sindaco sarebbe un abbaglio grottesco. Il degrado romano non c'entra proprio niente con questo stadio .......