Salvini già festeggia: "Sul palco il centrodestra, occasione memorabile"

Salvini sull'ex premier: "Sono contento che ci sia, porta compattezza". In piazza pure Bossi

«Sarà una giornata memorabile», si entusiasma Matteo Salvini

La preparazione della prova di piazza di domenica a Bologna è al suo acme: treni, pullman, truppe leghiste pronte a calare sotto le due torri. «Ci aspettiamo almeno 150mila persone», dicono gli organizzatori, che assicurano che anche il Sud darà il suo contributo: «Noi con Salvini», la ruota meridionalista del Carroccio, ha garantito la spedizione di almeno 30 corriere verso nord.

Ma il capo leghista sottolinea anche l'importanza politica di una prova di unità del centrodestra (tanto più se con le sue bandiere), e celebra la scelta di partecipazione fatta da Silvio Berlusconi dopo vari tira e molla e nonostante i pareri diversi all'interno di Forza Italia: «Ne sono contento. È uno che ha fatto tantissimo e che molto altro di importante potrà fare», dice del Cavaliere. «Rappresenta ancora milioni di italiani, porta compattezza. È questo il valore aggiunto che porta. Renzi vince se gli altri sono divisi». Insomma, «sul palco ci sarà tutto il centrodestra e questo mi dà soddisfazione. E nessuno sarà subalterno». Anche il governatore lombardo Maroni celebra l'evento: «Berlusconi alla fine ha sciolto la riserva. È importante che ci sia per la prima volta una manifestazione che vede riunita una parte importante del centrodestra». Certo, sottolinea Maroni, manca ancora un pezzo, quello di Ncd «che in Lombardia governa con noi e a Roma con Renzi: una dissociazione politica che va risolta». Ma di certo, dice, l'appuntamento bolognese «potrebbe essere una svolta, almeno per le Amministrative». E dal fronte berlusconiano, Mariastella Gelmini (che non aveva nascosto le sue perplessità sulla adesione alla manifestazione leghista) ora spiega: «Non è e non era in discussione l'alleanza con la Lega. La scelta di Berlusconi va interpretata come un gesto di generosità, destinato a cementare l'alleanza del centrodestra»

Del resto è chiaro anche al leader leghista Salvini che da solo e senza un recupero ad ampio raggio del voto moderato che si è riversato per decenni su Forza Italia, non va da nessuna parte in vista delle prossime tornate elettorali. Nonostante i progressi fatti fare al proprio partito, che - come ricorda con una punta di malizia Bobo Maroni - «è stata portata al 14%». Che certo non basta a vincere, anche se - sottolinea Salvini - «è già un miracolo essere dove siamo ora, dopo aver preso la Lega al 4%» dal medesimo Maroni. Le polemiche interne al Carroccio saranno però decisamente messe in sordina, per l'occasione bolognese, tanto che - nonostante gli scontri sanguinosi anche in sede processuale - anche il fondatore Umberto Bossi sarà alla manifestazione. «Chi prova a mettere in dubbio la mia onestà o trasparenza, come dice il Papa, lo prendo a ceffoni», tuona Salvini a proposito della querelle sull'uso dei rimborsi elettorali, ma a chi gli chiede se la minaccia sia rivolta anche a Bossi, che ha chiamato in causa la sua gestione, replica: «Guardate che lui non ha mai eccepito sulla mia regolarità, ce l'aveva con i giudici».

La scelta di sfidare il centrosinistra nella sua antica roccaforte, ora traballante, provoca minacce di boicottaggio, e già si annunciano molteplici contro-manifestazioni di vari gruppi. «Le contestazioni ci stanno, in democrazia», dice Salvini. «Però quando uno comincia a mettersi il passamontagna e a sfasciare tutto, passa dalla contestazione alla delinquenza e quindi il suo posto è la galera, non la piazza».

Commenti

Luigi Farinelli

Sab, 07/11/2015 - 09:14

Circa le contro-dimostrazioni, è vero, come dice Salvini che "...quando uno comincia a mettersi il passamontagna e a sfasciare tutto, passa dalla contestazione alla delinquenza e quindi il suo posto è la galera, non la piazza..." ma è altrettanto vero che questi "contestatori" (delinquenti che vogliono passare per paladini della solidarietà), pur armati di spranghe, sampietrini e bombe molotov troveranno sempre l'appoggio della sinistra (radicale e non) anche quando danno dei "fascisti" a chi partecipa a manifestazioni autorizzate, persino a quelle delle sentinelle in piedi, con tanto di pacifiche famiglie con donne e bambini, menando e sfasciando tutto pur di impedire la parola altrui e imporre la loro. Bell'esempio di democrazia E in galera non ci andranno mai o solo per pochi minuti.

alkt90

Sab, 07/11/2015 - 10:21

occasione memorabile davvero..

Giampaolo Ferrari

Sab, 07/11/2015 - 11:49

PIU TAFFERUGLI FANNO PIU VOTI PRENDE SALVINI,LA GENTE NORMALE DI BOLOGNA NE A PIENE LE SCATOLE DEI COMUNISTI BUONISTI CON LA PELLE DEGLI ALTRI,SI SONO RESI CONTO CHE LE LORO TANTO AMATE COOP SALTANO UNA DOPO LALTRA LASCIANDO IL POPOLO SENZA RISPARMI E SENZA LAVORO,I BRAVI COMPAGNI.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Sab, 07/11/2015 - 12:03

Salvini siamo con te anche al Sud!