Salvini: "Noi mai con il Ncd di Alfano"

Il leader della Lega: "Con Berlusconi abbiamo riaperto il dialogo, ma non vogliamo accanto al nostro il simbolo di un partito che ha scelto Renzi"

"Non è possibile che il simbolo della Lega Nord sia affiancato da quello dell’Ncd, simbolo di un partito che ha scelto Renzi". Parola di Matteo Salvini, che mentre riapre il dialogo con Silvio Berlusconi, chiude definitivamente le porte ad Angelino Alfano.

"Con tutto il rispetto possibile per la sensibilità di ciascuno e fatte salve le esperienze di governo insieme nelle Regioni e nei Comuni, dove i patti vengono rispettati lungi da noi romperli, ma laddove si rinnovano questi patti, non posso propormi di governare" con chi fa parte del Governo Renzi, ha detto Salvini ammettendo però di aver ricevuto richieste di aderire alla Lega da parte "diversi deputati e senatori, che verranno valutati caso per caso a seconda delle loro storie". "Non voglio fare né nomi, né numeri, ma provengono da diversi partiti, anche da Ncd, M5S e FI", ha precisato il leader del Carroccio, "Sono alcuni, non sono tutti quelli che sta prendendo Renzi, ma non siamo più Calimeri come fino a un anno fa".

Nel frattempo va avanti una trattativa con Forza Italia: "Con Berlusconi ricominciamo a parlare ma da qui a dire che c’è un accordo a 360 gradi, questo no", ha sottolineato Salvini, "Ci è stato detto che Fi ha deciso di essere all’opposizione e questo ci riempie di gioia, sperando che l’opposizione duri almeno una settimana. Ora si può discutere, cosa fino a ieri impensabile: da domani verifichiamo se è una crisi passeggera". Banco di prova sarà il voto sulla riforma costituzionale: "FI, la vediamo in Aula nei prossimi giorni: è chiaro che chi voterà per la ricentralizzazione di tutto nelle mani dello Stato, non potrà pretendere di allearsi con noi".

Ma non si parla ancora di coalizione: "Se ci fossero domattina le elezioni Politiche, andremmo da soli da nord a sud", ha detto, rivelando però che la Lega Nord ha chiesto a Berlusconi di sostenere i suoi candidati governatori alle prossime Regionali, non solo in Veneto ma anche in Liguria e Toscana.

Commenti

opinione-critica

Lun, 09/02/2015 - 21:27

Sono d'accordo con Salvini. Alf-Ano si è già prostituito e non può riacquistare verginità politica. Il centro-destra deve fare a meno di simili indivui.