Sanità, pronti i tagli choc. Oggi il voto sul decreto ma i numeri sono a rischio

Troppe assenze in Senato: slitta la riduzione di spesa per 2,3 miliardi. Regioni del Nord sulle barricate. L'Fmi ci stronca: "Ripresa in 20 anni"

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin

Il governo Renzi cerca di far quadrare i conti delle promesse elettoralistiche del premier mediante i tagli alla sanità. Ci sono, però, due intoppi. Da una parte la proposta dei tecnici della Commissione Ue di introdurre una sorta di «eurotassa» per finanziare il bilancio comunitario. E, dall'altra, la sentenza del Fondo monetario internazionale secondo cui occorreranno venti anni perché l'Italia ritorni alla situazione occupazionale pre-crisi.

Il vero problema, però, è come recuperare quei dieci benedetti miliardi di risparmi nel settore sanitario cui accennava il superconsigliere Gutgeld. Il primo improbo compito è stato affidato al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, che dovrà emanare un decreto attuativo del Dl enti locali. Con il taglio di 2,3 miliardi per le cosiddette «prestazioni improprie» (esami e visite specialistiche non necessarie, ndr ) si dovrebbe arrivare da subito a circa un quarto dell'obiettivo prefissato. Solo che ieri è mancato il numero legale a Palazzo Madama e, quindi, l'ok al decreto slitta a oggi.

Segnale che non solo l'opposizione, ma anche la maggioranza è contraria alla manovra. Dalle Regioni del Nord, inoltre, stanno giungendo risposte negative a qualsiasi ipotesi di riduzione delle dotazioni. Il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha minacciato le «barricate». Secondo il governatore leghista, «se Renzi non vuole uccidere le realtà virtuose come il Veneto, applichi esclusivamente e rigorosamente i costi standard», ha sottolineato precisando che qualsiasi altro mezzo sarebbe «semplicemente scandaloso». Effettivamente le ultime rilevazioni della Fondazione Gimbe hanno messo in evidenza che su 111,4 miliardi di dotazione del Fondo sanitario nazionale, il 23% (25 miliardi) è andato sprecato tra «prestazioni improprie» (7,7 miliardi), frodi e abusi (5,1 miliardi) e acquisti a costi eccessivi (4 miliardi).

In teoria i margini per una razionalizzazione della spesa ci sarebbero, ma come ha obiettato Zaia, in quel modo si penalizzerebbero le Regioni virtuose del Nord (Lombardia, Veneto, Piemonte ed Emilia) che «farebbero fatica ad erogare i livelli essenziali di assistenza». A fronte di un taglio su investimenti, personale e convenzioni (su cui ricadrebbero gli altri 7,7 miliardi di tagli), non sarebbero inoltre più giustificabili aliquote Irpef ed Irap come quelle attuali.

Se per garantire i 5,4 miliardi necessari per tagliare Imu e Tasi sulla prima casa, l'Imu agricola e quella sugli «imbullonati», Renzi si gioca la popolarità a livello locale, il sentiero per recuperare sarà difficile. Soprattutto se poi l'Europa dovesse chiedere ai singoli Stati nuovi sacrifici come una tassa ad hoc per sostenere il bilancio comunitario. La proposta all'esame di una commissione guidata da Mario Monti servirebbe a ripartire equamente gli sforzi senza ricorrere, di volta in volta, a interventi straordinari. Anche il presidente francese Hollande sarebbe favorevole, ma è chiaro che, nonostante le recenti frenate, questa misura servirebbe a Berlino come uno sgravio di responsabilità in casi analoghi a quello greco. Ecco perché il capogruppo alla Camera Renato Brunetta ha chiesto a Renzi di schierarsi: «O con Hollande o con Merkel-Schäuble-Monti».

Ultima ma non meno importante la pagella dell'Fmi che ha sancito l'inefficacia del Jobs Act se non corroborato da riforme come quella della Pubblica amministrazione e della Giustizia civile. L'orizzonte del 2035 per recuperare gli oltre 930mila posti di lavoro persi dal 2008, come ha ricordato la Cgia, suona però come una bocciatura.

Commenti

Duka

Mar, 28/07/2015 - 09:04

La Sanità gestisce l'80% della spesa totale dello stato perciò DEVE essere amministrata da manager capaci e di provata esperienza. Noi siamo talmente idioti da far gestire un simile complicato carrozzone, paradiso della corruzione, da soggetti impoltronati per giochi di palazzo.

Ritratto di nando49

nando49

Mar, 28/07/2015 - 09:38

Tutti i governi hanno usato più volte la sanità per fare cassa.Ormai i cittadini che pagano,pagano le prestazioni quasi per intero,tanto che parlare di ticket mi sembra quasi comico.

giovanni951

Mar, 28/07/2015 - 10:20

vediamo un pó questa minestra é capace di tagliare anche le visite ed esami gratuiti per deputati, parenti ed amici.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 28/07/2015 - 10:34

Dopo averci fatto, per anni, una capa così sul tema della prevenzione ecco, all'improvviso, il rituale: "Contrordine compagni!". La prevenzione è una delle principali voci di spesa! Nel cesso, quindi, colesterolemie, PSA e mammografie. Ed i trattati che indicano in queste ed altre indagini l'arma più idonea nella quotidiana lotta radicale alla patologia. La vita non è bella se non è un po' rischiarella.

Gianca59

Mar, 28/07/2015 - 10:34

Siccome ho sempre sostenuto che il Job acts era una cXXXXXX e non serviva a nulla, bensì doveva essere la ciliegina sulla torta delle riforme che dovevano creare un ambiente favorevole alla creazione del posto di lavoro, chiedereò al FMI di essere assunto da loro visto che in Italia ho poche speranze....

unosolo

Mar, 28/07/2015 - 18:34

che schifo , votano di notte con la fiducia per togliere soldi alla Sanità , ladri se passa i nostri connazionali saranno costretti ad assicurarsi e spendere moltissimi soldi per analisi o interventi mentre migranti ed extra avranno precedenza e tutto gratis come i parlamentari e senza aspettare mesi , precedenza assoluta per loro politici ,mentre noi aspetteremo mesi vedendoli passare sempre davanti . ladri .invece di togliere soldi alla sanità pagate per intero la IRPEF e risanate il divario che avete creato tra il popolo che paga per i servizi e voi che vi mangiate la maggior parte di quei soldi , ladri , se date la fiducia vi condannate come parassiti e lo confermerete.

unosolo

Mar, 28/07/2015 - 18:37

solo i parassiti firmeranno la fiducia ad un decreto che prevede ancora tagli alla sanità , chi dà la fiducia sarà solo un parassita e lecchino che odia chi paga per avere i servizi con le tasse , se date fiducia dimostrate che appartenete al popolo parassita .ribellativi al sopruso della fiducia siate Uomini non pecore .

Duka

Ven, 16/09/2016 - 10:12

Fino a quando la Sanità pubblica manterrà a libro paga migliaia di incompetenti passacarte con il titolo di "medico della mutua" o "di base" che dir si voglia? Il problema della sanità non è certamente solo questo ma altrettanto certo che pesa molto sul bilancio della sanità. Medici buttati fuori dalle Università di provincia con la sufficienza "politica" , nessuna specializzazione , nessun concorso pubblico, ma esagerata raccomandazione. Ecco il problema che la Lorenzin totalmente miope non vede-