Sardegna, Tajani: "Segnale chiaro: gli italiani vogliono cambiare"

Il vicepresidente di Forza Italia: "Un altro segnale che va in una direzione chiara"

Si aspettano i risultati ufficiali dalle elezioni in Sardegna. Ma dopo la pubblicazione degli exit poll sono già diversi i commenti politici sugli effetti che il voto regionale potrà avere a livello nazionale.

Il M5S, che secondo gli exit poll è dato intorno al 18%, avrebbe perso quasi venti punti rispetto alle elezioni politiche e si sarebbe attestato al di sotto della soglia considerata "limite" del 20%. A uscire confermata è invece la coalizione di centrodestra, come già emerso in Abruzzo. Perché se - exit poll alla mano - tra i due candidati di Solinas e Zedda è ancora testa a testa (gli scrutini iniziano domani alle 7), le rilevazioni sui risultati della coalizioni sembrano marcare un vantaggio più netto del centrodestra. Lega, Fdi e Forza Italia sono dati tra il 43 e il 47%, mentre il centrosinistra si attesta tra il 27 e il 31%.

Anche per questo da Forza Italia sembra pronto il pressing nei confronti di Matteo Salvini. "Gli italiani - ha spiegato anche Antonio Tajani a 'Che tempo che fa' su Raiuno - vogliono cambiare. Se i dati reali corrispondono agli exit poll c'è un crollo del M5S, così come c'è stato in tutte le elezioni regionali e locali. Vuol dire che c'è qualcosa che non va, la principale forza del governo sta perdendo consenso. Non credo che le elezioni sarde possano determinate la caduta del governo - ha aggiunto - ma è un altro segnale che va in una direzione chiara".

Dalla Lega, però, arrivano rassicurazioni all'alleato di governo pentastellato. "Il governo nazionale è differente dalle elezioni regionali, non è in pericolo il contratto di governo", dice il parlamentare sardo della Lega, Guido De Martini, rispondendo a una domanda sul pressing di Fi su Matteo Salvini per abbandonare il M5S al governo. "A livello regionale ci sono le coalizioni classiche, si conferma lo schema".

Commenti
Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 25/02/2019 - 01:11

Certamente gli Italiani vorrebbero un cambiamento, togliendo il bel Paese dalle mani degli incompetenti. Tajani ha perfettamente ragione, però anche per lui vorremo un cambiamento. Speriamo che Silvio si svegli

Ritratto di Montagner

Montagner

Lun, 25/02/2019 - 01:21

Calma, sono solo exit poll. . . . Meno esaltazione e più umiltà !

apostrofo

Lun, 25/02/2019 - 01:27

Allora Ttajani guardatevi un po' intorno. E decidete. Così si perde tempo e forze, oltre che far aumentare i problemi che ci ha lasciato il precedente governo, il vero dramma di questo governo

buri

Lun, 25/02/2019 - 07:20

meno male ogni tanto c'è una buona notizia

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Lun, 25/02/2019 - 07:21

Bene che il M5s si "depuri"!Con una Lega fortemente maggioritaria "trainante"(non come oggi,che è fortemente minoritaria),un M5s,fortemente "depurato"/"ridimensionato",e con il contributo di FdI,si potrebbero fare ancora migliori cose....

Nick2

Lun, 25/02/2019 - 08:02

Il crollo del M5S era prevedibilissimo. Io mi stupisco di come persone che fanno di mestiere sondaggi e indagini di mercato cerchino le più disparate motivazioni per spiegarlo. Poco c’entra l’inesperienza dimostrata al governo. Semplicemente, almeno un terzo del 32% dei voti ottenuti alle politiche viene da ex elettori del PD, che non digeriscono l’alleanza con i neofascisti. Questi si rifugiano nel non voto o tornano a liste di sinistra. La componente di destra del M5S si sente più in sintonia con la Lega e va ad incrementare i voti di Salvini. E’ un semplice calcolo aritmetico. Il centrodestra è un ibrido pazzesco, che funziona a livello regionale, ma che non può più funzionare a livello nazionale. Sia Berlusconi, sia Tajani si sono dichiarati inequivocabilmente europeisti e non possono convivere con chi vuole uscire dalla moneta unica e dall’UE. Queste sono posizioni basilari, che non si possono cambiare per adeguarsi al partito di maggioranza della coalizione…

Dordolio

Lun, 25/02/2019 - 08:10

Se gli italiani desiderano cambiare, caro Tajani, non lo vogliono certo fare tornando al vecchio. Forza Italia è bollita. Fattene una ragione.

Angelo664

Lun, 25/02/2019 - 08:37

Ma va .. cambiare forse ma non con il vecchio ..