Per le saudite nuovo (piccolo) passo avanti Saranno informate del loro divorzio via sms

Fino a oggi il matrimonio poteva finire senza che ne sapessero nulla

Può un sms contenente una comunicazione di divorzio essere una buona notizia? Può, se siamo in Arabia Saudita, uno dei Paesi più retrogradi del mondo. E se fino a questo momento le donne saudite non avevano diritto nemmeno a questa squallida ma pur sempre efficace comunicazione.

La novità è in vigore da ieri. Secondo quanto reso noto da avvocatesse locali una nuova direttiva impone ai tribunali di informare le donne delle sentenze che confermano il divorzio, mettendo fine all'assurda pratica dei «divorzi segreti», quello in cui i martiti mettono fine al matrimonio in maniera unilaterale e senza comunicarlo alle (ex) mogli. In questo modo se non altro le donne scaricate potranno far valere i propri diritti in materia di alimenti. «Questo - spiega un avvocato divorzista citato da un organo di stampa locale - metterà fine a ogni tentativo di imbrogliare o impadronirsi dell'identità delle donne per assumere il controllo dei loro conti bancari e proprietà, usando procure precedentemente emesse». Non sono rari i casi di donne che continuano a vivere con il marito ignorando il fatto di essere divorziate da lui.

Pare che la novità sia stata voluta fortemente dal principe ereditario Mohammad Bin Salman allo scopo di accontentare le istanze alla modernizzazione della socità saudita e probabilmente anche di lucidare la sua immagine decisamente arrugginita dopo la vicenda dell'assassinio del giornalista Jamal Ahmad Kashoggi, ucciso nel consolato saudita a Istanbul lo scorso 2 ottobre e del quale il principe è accusato di essere stato il mandante. Una delle misure a cui è stata data più pubblicità è rappresentata dalla fine al divieto per le donne di guidare. Ma la verità è che i passi avanti sono lenti e alle donne saudite sono negati tuttora tantissimi diritti che in Occidente sono dati per scontati (e ci mancherebbe, aggiungiamo): le donne ad esempio non hanno alcun diritto a un processo equo e la loro testimonianza non ha lo stesso valore di quella di un uomo; non hanno diritto a gestire in proprio le loro risorse economiche e per questo, ad esempio, non possono aprire liberamente un conto corrente o possedere una carta di credito; non possono sposarsi senza l'approvazione del loro tutore, chiamato wali; in caso di eredtià hanno diritto a una quota inferiore a quella ad esempio dei loro fratelli maschi; non possono vestirsi liberamente, dovendo aderire a un codice di abbigliamento molto restrittivo; non possono interagire liberamente con gli uomini, di solito venendo confinate in spazi e in codici di comportamento decisamente ristretti; non possono ottenere la custodia dei bambini in caso di divorzio, potendolo fare soltanto fino all'età di 7 anni per i maschi e di 9 anni per le femmine; non possono viaggiare liberamente; e non possono nemmeno sottoporsi a interventi chirurgici senza il via libera di un parente.

Commenti
Ritratto di L'Informista

L'Informista

Lun, 07/01/2019 - 09:32

L'idea che una donna possa venire a conoscenza del divorzio tramite sms,mi fa ridere a pensare che questo possa essere riconosciuto come un diritto. E' semplicemente una comunicazione che presuppone il fatto che le donne non conservano e non vedono riconosciuto alcun ruolo decisionale, non rappresentano una controparte per valutare le ragioni del rapporto matrimoniale. Sono soggetti passivi e basta. Sono esempi come questi che mi fanno pensare che le grandi organizzazioni ed associazioni umanitarie, quelle che lottano per i diritti, dovrebbero rivolgere il loro sguardo a tali realtà, piuttosto che fare la morale a quelle civiltà che i diritti li hanno creati. Propongo un grande corridoio umanitario a favore di tutte le donne saudite.

AngeloErice

Mar, 08/01/2019 - 14:02

Bene. Questo dimostra che sono autorizzate ad avere un cellulare e che non sono state interdette di imparare a leggere.