Scalfari, Bertinotti, Pomicino. Ecco i papponi del vitalizio

Un'inchiesta di Bechis svela lo spread tra i contributi versati e il vitalizio percepito dagli ex parlamentari

“Pochi se lo ricorderanno. Eugenio Scalfari, il più famoso giornalista italiano vivente, è stato anche un politico in una parte assai breve della sua lunga carriera. Eletto nel partito socialista, fece il deputato fra il 1968 e il 1972, quattro anni prima di fondare Repubblica”. Inizia con un j’accuse contro il fondatore di Repubblica l’inchiesta di Franco Bechis su Libero sui vitalizi degli ex parlamentari che, nel corso degli ultimi decenni, hanno percepito molto di più di quanto hanno versato.

Grazie a questi pochi anni da deputato Scalfari prende ogni mese un assegno lordo di 2.162,52 euro. “Non è un granché, e Scalfari – scrive Bechis - manco se ne accorgerà: le sue finanze dipendono sicuramente da altro. Però tutti insieme quegli assegnini- il famoso vitalizio degli ex onorevoli- hanno fatto negli anni un assegnone, superiore ai 908mila euro”. Una cifra ben superiore di quella che “la Camera stessa gli aveva messo da parte durante quella legislatura che fu pure sciolta anticipatamente”. “Fra quello che allora fu versato e quello negli anni incassato – spiega Bechis - c'è una differenza da 847mila euro, che mettono Scalfari ai primi posti della classifica dei re del vitalizio. Anche merito della sua buona salute e della evidente longevità”.

Gli ex parlamentari, anche quelli che magari hanno fatto solo una o due legislature, si ritrovano ugualmente un gran bel vitalizio. In base alle vecchie regole, poi, si poteva percepire il vitalizio anche a 50 anni, mentre ora la pensione da politico spetta a 65 anni con soli 5 anni di contributi, e a 60 anni con 10 anni. Altri nomi illustri sono quelli di Paolo Cirino Pomicino che è rientrato in Parlamento anche nella Seconda Repubblica e per il quale “fra il vitalizio preso fino al 30 aprile scorso e i contributi versati (che per lui non sono pochi) c’è comunque una differenza di 775 mila euro a suo favore. Dovuta all'assegno che è più del doppio di quello di Scalfari: 5.231,07 euro lordi al mese”. Pure l’ex campione del Milan Gianni Rivera gode di un vitalizio che supera i 5 mila euro che, considerati i contributi versati, “gli ha dato “un vantaggio di 547mila euro”. L’ex ministro Giuseppe Guarino, invece, che ci ha guadagnato 496mila euro, mentre Sandra Bonsanti, ex giornalista di Repubblica, ha uno spread a suo favore di 411mila euro di spread. Per Vittorio Dotti, avvocato ed capogruppo di Forza Italia nel ’94, c’è un guadagno pari a 310mila euro. Tra gli altri nomi illustri anche Chiara Ingrao, l’avvocato Carlo Taormina, Fausto Bertinotti e Sergio Chiamparino che, secondo i calcoli di Bechis, hanno “un dividendo da vitalizio che supera i 100 mila euro e arriva fino a 200 mila”.

Commenti
Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 17/05/2015 - 14:02

Il magna magna accomuna tutti i partiti,da Fini sino a mario Capanna.Quello che rende indigeribile quanto accade a sinistra è il fatto che il "partito dei lavoratori" non senta il bisogno di riavvicinarsi ai suoi elettori,che non senta il bisogno di un'iniziativa che sia DA partito del lavoratore:blocco delle pensioni "allegre" ai politici e l'introduzione di un tetto,con meccanismi da definire,di 10 mila euri dal presidente della repubblica a scendere.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 17/05/2015 - 14:58

Non stiamo a fare nomi ,tanto in questa mangiatoia attingono tutti sia da vivi che dopo.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 17/05/2015 - 15:16

gianniverde lei ha ragione ma a volte taluni idealizzano certi personaggi politici che,necessariamente,devono tornare con i piedi a terra.

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 17/05/2015 - 17:26

TRANQUILLO CURRIDORI!! Ce lo ricordiamo eccome!! Un approfittatore di ben nota fama,di quelli che la CARITÀ PELOSA e la SOLIDARIETÀ in SOLIDO, devono SEMPRE FARLA GLI ALTRI!! Ovvero un PRETONE COMUNISTA di quelli che PREDICANO BENE e RAZZOLANO MALE!! NON HO MAI COMPERAT REPUBBLICA e me ne vanto. Saludos dal Leghista Monzese

Ritratto di gianniverde

Anonimo (non verificato)

mifra77

Dom, 17/05/2015 - 21:26

Questo bellimbusto, amico di Napolitano, caldo fautore del governo Monti e subito dopo del governo Letta,appoggiato dai gestori di slot machine e sale giochi rovinafamiglie. Una cricca di persone indegne!

masbalde

Dom, 17/05/2015 - 22:41

Scalfari si è "legalmente" ricoperto di vergogna per il resto dei suoi giorni: visto che è anche altrimenti ricco, potrebbe rendere allo Stato quanto percepito oltre i contributi versati e salvarsi la faccia dopo tanto veleno scritto da Lui sui politici di destra.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 18/05/2015 - 00:45

Sarebbe più importante risalire a chi nei meandri della burocrazia ha inventato le regole che permettono allo stato di dilapidare così vergognosamente i soldi dei cittadini. Alla luce di queste rivelazioni possiamo concludere CHE PAGHIAMO LE TASSE NON PER MIGLIORARE IL PAESE MA PER INGRASSARE QUESTE SCHIFOSE SANGUISUGHE.

Ritratto di sitten

sitten

Lun, 18/05/2015 - 14:06

L'Italia,repubblica nata dalla resistenza, quelli che veramente resistono sono i poveracci non politici.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 18/05/2015 - 14:25

A prescindere dal vitalizio, il barbetta, già fascio-littorio, quindi emerito comunistissimo, deve ancora decidersi se propendere per Renzi o per Bersani. Quando si dice tenere il piede in due scarpe...

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 18/05/2015 - 14:35

Gli italiani colla storia della resistenza(un grande inchino ai soldati USA che hanno dato la vita)stanno tenendo in piedi una classe politica di parolai col portafoglio gonfio,e di poveri trinariciuti che non hanno ancora capito nulla dall'esperienza vissuta a mantenere questi privilegi ai politici(onorevoli ?? ma de che)