Scandalo Csm: Lotti tira in ballo l'Eni, gli atti a Milano

Secondo le rivelazioni dell'Espresso la Procura di Milano starebbe indagando su intercettazioni in cui Lotti dice di aver ricevuto dall'ad di Eni Claudio Descalzi documenti contro il magistrato Paolo Ielo

Nelle ultime ore anche la procura di Milano avrebbe cominciato a lavorare sullo scandalo del Csm, espandendo gli intrecci del caso che sta incrinando la magistratura italiana.

I nuovi sviluppi pubblicati sul sito dell’Espresso rivelano che i pm di Perugia, impegnati nel filone principale d'indagine su Luca Palamara, avrebbero inviato a Milano alcune intercettazioni di potenziale interesse della Procura meneghina. In questi passaggi l’ex consigliere del Csm, e Luca Lotti, ex sottosegretario del governo Renzi, discuterebbero di un dossier contro Paolo Ielo, il magistrato che ha chiesto il rinvio a giudizio dello stesso deputato Pd per favoreggiamento in merito alla fuga di notizie sul caso Consip.

Gli atti sono stati trasmessi a Milano perché l’ex ministro Lotti, in questa conversazione passata ora al setaccio, dice di essere in possesso di alcuni documenti su Domenico Ielo, fratello di Paolo, che gli sarebbero stati girati, secondo quanto riportato dall'Espresso, da Claudio Descalzi, cioè l’amministratore delegato dell’Eni, imputato nel capoluogo lombardo per una presunta corruzione internazionale in Nigeria.

Scenari che porterebbero a sviluppi sempre più sorprendenti, se possibile, nelle indagini, ma che sono ancora tutti verificare. Lo specifica nell’anticipazione lo stesso settimanale, in uscita con l’inchiesta il 23 giugno, definendo le intercettazioni al vaglio della Procura di Milano ancora in “fase preliminare, di riscontro”.

Claudio Descalzi fa sapere di essere totalmente estraneo alle rivelazioni scritte sul settimanale: "Eni smentisce in modo categorico che l'Amministratore Delegato, Claudio Descalzi, abbia mai consegnato al Dottor Lotti documentazione relativa al fratello del Dottor Paolo Ielo (pm della procura di Roma, ndr). A questo proposito, considerata l'estrema gravità delle affermazioni rese pubbliche dalla testata senza alcun supporto di prova o riscontro, l'amministratore delegato di Eni si riserva di intraprendere le opportune vie legali a tutela della propria reputazione".

Dal cantuo suo anche Luca Lotti smentisce in una nota quello che è scritto sul settimanale: "Nego di aver ricevuto qualsiasi pezzo di carta o informazione dal dott. Descalzi con il quale, oltretutto, non ho contatti dal 2016".

Nella riunione della notte del 9 maggio 2019 tra Lotti, Palamara e i cinque componenti del Csm sembra si volesse puntare sulla carta dei parenti per gettare discredito sui magistrati del pool romano e giustificare così l’approdo a capo della preziosa Procura della Capitale del loro candidato Marcello Viola.

Le accuse nei confronti di Paolo Ielo predenrebbero spunto da un esposto, teoricamente segreto, presentato contro di lui al Csm dal pm romano Stefano Fava nel quale denuncia il collega di “conflitto d’interessi per la gestione di alcune inchieste e per alcune consulenze professionali del fratello Domenico, avvocato di un importante studio che ha lavorato anche con l’Eni e per una società di costruzioni, Condotte.”

Commenti

HARIES

Gio, 20/06/2019 - 21:11

Se non ricordo male, volevano dare l'incarico di responsabile dei Servizi Segreti proprio a Lotti. O sbaglio? Mamma mia che personaggi abbiamo in Italia. Fortunatamente abbiamo Mattarella, che celebra ogni giorno le giornate mondiali della... etc. etc. etc.

diesonne

Gio, 20/06/2019 - 21:17

DIESONNE IL BANDOLO DELLA MATASSA E' SEMPRE PIU' LUNGO AMOE DIFFICILE DA INDIVUARE,SIAMO NELL'ABIRINTO OSCURO E IL NODO E' CALCIFICATO

bernardo47

Gio, 20/06/2019 - 22:22

lotti chi? il compagno di merende di renzi? ah beh!

killkoms

Gio, 20/06/2019 - 23:51

l'eni lavora bene all'estero e i grembiuloni vogliono affondarlo!

Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 21/06/2019 - 06:34

X ARIES: .... sfortunatamente non abbiamo Cossiga!

Duka

Ven, 21/06/2019 - 07:33

Più aumenta il casino, prima finisce sommersa da tonnellate di sabbia.

Ritratto di JOLLY ROGER

JOLLY ROGER

Ven, 21/06/2019 - 07:54

In estrema sintesi: questo tipo, pagato da tutti noi per fare il ministro dello sport (?) occupava il suo tempo per brigare e fare tutt’altro, lecito o non lecito fosse. Ma e’ normale? Dello “sport” chi se ne occupava? Paese senza speranza.