Scilipoti si inventa una nuova vita: "Vado a fare il missionario in Africa"

L'ex parlamentare nominato "Ambasciatore del Vangelo"

A sessant'anni passati Domenico Scilipoti ha deciso di cambiare vita. Dopo aver mutato professione, da ginecologo a politico, esser passato a un altro partito, dall'Italia dei Valori al Popolo delle Libertà poi confluito in Forza Italia, aver trasformato il proprio cognome in Scilipoti Isgrò (raccogliendo l'eredità del padre), Domenico ha deciso di imbarcarsi verso un altro continente: l'Africa. E così Scilipoti, perché noi ce lo ricordiamo sempre solo così, cambia, di nuovo.

Accostato a personaggi come Giuda, Bruto e Don Giovanni, perché accusato di trasformismo, Scilipoti ha trasformato la propria vita dopo aver cambiato un pezzo di storia della politica italiana. Tre le tappe fondamentali della sua esperienza tra i palazzi del potere: 2008, 2010 e 2018. La prima fu quella in cui venne eletto a Montecitorio a rappresentanza della circoscrizione Sicilia 2, dopo anni passati nell'amministrazione locale di Messina. La seconda, e forse più importante, quella in cui appoggiò il IV governo Berlusconi mandando a quel Paese l'Italia dei valori che lo aveva eletto; e il terzo, infine, la volta in cui rimase primo tra i non eletti per cercare di ripopolare le aule del Senato. Fine della politica, ma non della storia.

A quel punto Domenico si è ricordato dei suoi momenti passati in Brasile come professore, cercando invece di scordarsi dei periodi in cui, quando prendeva parola alla Camera, s'alzava il coro «monnezza, monnezza». Domenico si è ricordato di quell'aria esotica che si respira nei Paesi lontani, cercando di dimenticarsi di quelle voci ormai familiari che lo chiamavano scilipota, voltagabbana, traditore. E così, dopo anni passati nella vita da palazzo, ha deciso di sporcarsi le mani per lavarsi di dosso le critiche che gli erano state mosse contro. Ha insomma salpato per l'Africa, cercando di dimenticarsi della disfatta di Canne per cercare di arrivare alla sua vittoria della battaglia di Zama. Rimanendo in tema #10yearschallenge, che ormai impazza sui social, nel 2008 vedevamo uno Scilipoti incerto che attraversava il Transatlantico e oggi, 10 anni dopo, quel transatlantico lo ha metaforicamente preso per segnare la quarta tappa della sua vita: quella del missionario. Scipione l'africano, ops, scusate, Scilipoti l'africano.

Commenti

aldoroma

Dom, 20/01/2019 - 10:04

ma vai dove ti pare..................

8

Dom, 20/01/2019 - 12:41

Riceveremo molti "richiedenti asilo" da quelle zone

Totonno58

Dom, 20/01/2019 - 12:47

Che personaggio...inviterei però molti amici che scrivono qui a non dimenticare che Berlusconi, nel 2010, si aggrappò ai ricattucci di quest'uomo e di altri 4-5 sedicenti "Responsabili"(non avendo più maggiornanza) per galleggiare ancora per un anno...altro che golpe, spread, ecc.ecc.ecc..

Ritratto di Flex

Flex

Dom, 20/01/2019 - 13:16

Parti subito.

Ritratto di Nahum

Nahum

Dom, 20/01/2019 - 13:40

Sporcarsi le mani per lavarsi di dosso, a parte che si dice levarsi di dosso, bell’artificio linguistico

maurizio50

Dom, 20/01/2019 - 13:53

Purchè ci vada per davvero e non a chiacchiere come il Santo Veltroni!!!!

venco

Dom, 20/01/2019 - 14:02

Difensore del vangelo? si del suo vangelo personale.

baronemanfredri...

Dom, 20/01/2019 - 14:12

PORTATI BOLDRINI TUTTO IL PD E IL PAPA

frapito

Dom, 20/01/2019 - 15:03

Scilipoti, lapidato e denigrato perché fece naufragare il colpo di stato ordito da Fini e Napolitano. Colpo di stato che riuscì qualche anno dopo con Monti. Certo ai sinistri questo non fece piacere, e non fa piacere ricordarlo. Ma la storia, anche se in tanti ci tentano, non si cancella.