"Scontro fra placche Impossibile escludere nuovi fenomeni"

Il sismologo: "Situazione complessa. La zona è sotto stress"

«Il terremoto che ha colpito Città del Messico è avvenuto in un'area caratterizzata dal movimento di subduzione della placca di Cocos che sta scendendo sotto quella centroamericana». La spiegazione scientifica è di Salvatore Stramondo, direttore del Centro Nazionale Terremoti.

Questo movimento quali sismi causa?

«Generalmente crea eventi sismici molto energetici e distruttivi, come i due che a distanza di pochi giorni hanno colpito il Messico. Si tratta dello stesso movimento, ma nessuno può avere la certezza che il primo abbia causato il secondo».

Le scosse sono destinate a ripetersi?

«In caso di forti terremoti si verificano solitamente anche degli eventi successivi al sisma principale, non lo possiamo escludere».

Perché l'area di Città del Messico è così colpita? Ci sono differenze con l'evento del 1985?

«Città del Messico è stata costruita su un paleolago, quindi su un luogo soggetto a compattazione. Le onde sismiche rallentano quando attraversano i sedimenti ma aumentano l'ampiezza delle oscillazioni, cioè aumentano gli effetti di amplificazione locale. La dinamica è la stessa del terremoto del 1985, che si sprigionò a circa 350 chilometri dalla città ma ebbe una forza maggiore».

Si possono in qualche modo prevedere i terremoti?

«Noi sappiamo dove i terremoti si verificheranno ma non il quando perché oggi non c'è la capacità per fare previsioni deterministiche. L'Italia è all'avanguardia nel mondo per lo studio sismico. Noi, come tutti gli istituti di ricerca del mondo, sappiamo che il terremoto è un fenomeno complesso. Bisogna fare attenzione a chi propone soluzioni semplicistiche».

Commenti
Ritratto di ateius

ateius

Gio, 21/09/2017 - 10:44

il mondo dei sismologi è un mondo interessante. non servono praticamente a Nulla, se non a descriverci le cause dei disastri che ogni volta ci distruggono. non fanno previsioni non danno indicazioni..come gli sciacalli attendono gli eventi e i morti, per intervenire. talvolta intervengono anche prima.. a Sproposito, come successo all'Aquila nel 2009. dove anche le loro colpe si sono mischiate ai morti e alle macerie.