Se l'odio per Israele uccide la verità

La propaganda più è sgangherata e più viene bevuta dalle masse acritiche

Vista da lontano la guerra nella Striscia di Gaza suggerisce una considerazione forse ingenua: se quelli di Hamas lanciano missili su Israele, ovvio che gli israeliani non stiano con le mani giunte, ma rispondano militarmente agli attacchi e non si limitino a difendersi. Giova ricordare una banalità: la guerra si fa almeno in due, l'uno contro l'altro. Quanto ai motivi dei conflitti armati che nella zona si susseguono da oltre 60 anni, è vero che sono molto complessi, un miscuglio di torti e di ragioni, ma volendo semplificare si può dire che la nascita di Israele comportò una durevole emarginazione dei palestinesi. Gli attriti cominciarono subito. Una risoluzione dell'Onu raccomandava una cosa semplice: l'istituzione di due Stati, uno israeliano e l'altro palestinese.

Il secondo non ha mai visto la luce, perché il Piano di partizione approvato dalle Nazione Unite nel 1947 fu respinto dai Paesi arabi. Mentre il primo nel giro di pochi lustri si è sviluppato ed è diventato un'enclave occidentale nel Medioriente. Una civiltà avanzata nel deserto non poteva che creare dissidi. A parte ciò, bisogna riconoscere che un popolo senza patria (i palestinesi) coltiva i semi dell'odio. E l'odio prima o poi (o periodicamente) esplode. Fra due Stati si sviluppano spesso rapporti di buon vicinato. Ma fra una nazione organizzata e moderna e un popolo allo sbando la compatibilità è difficile. Senza farla tanto lunga, la vicenda è questa. Se aggiungiamo che la Stella di David ha vinto ogni battaglia nell'area, si comprende ancor meglio la rabbia di chi ha sempre perso. Ma comprendere non significa giustificare.

Israele, in fondo, reclama solo il diritto di esistere che, di fatto, gli viene negato. L'aspirazione (varie volte dichiarata) dei Paesi di quell'area geografica è quella di distruggere i nemici ebrei, i quali per evitare di essere massacrati si armano fino ai denti e, quando sono minacciati, reagiscono, alimentando l'antisemitismo internazionale, ancora molto forte, che trova ospitalità anche in Italia sia in certa sinistra, sia in certa destra, specialmente fascista, sia nella maggioranza della stampa. Cosicché in modo assai rozzo, gli israeliani vengono fatti passare - a causa di una propaganda disgustosa - per cattivi, e i palestinesi per povere vittime. Sorvoliamo per brevità su tutte le guerre che hanno insanguinato quelle terre, ma non sui tentativi di istituire uno Stato palestinese che avrebbe consentito una pace duratura. Tentativi immancabilmente falliti.

Una maledizione? Il sospetto è che in Medioriente prevalga l'interesse a tenere alta la tensione e a impedire in Israele la costruzione di un assetto definitivo, non insidiato dai nemici storici. L'antisemitismo gioca un ruolo fondamentale (in Europa e in Italia) nella demolizione sistematica della reputazione israeliana. Un esempio emblematico: se si tratta di celebrare la Shoah, ci sentiamo tutti fratelli degli ebrei e deprechiamo i nazisti e i fascisti che li sterminarono; ma non appena esplode un colpo di fucile lungo i confini dello Stato ebraico, il sentimento di solidarietà nei loro confronti si trasforma subito in antipatia se non in autentico razzismo. In questi giorni ne abbiamo sotto gli occhi la prova.

Hamas fa piovere missili sulla testa dei cittadini di Israele e se costoro rispondono mirando a obiettivi militari, i terroristi obbligano i civili (anche i bambini) della Striscia a proteggerli a costo della vita. Dopo di che si grida allo scandalo perché gli israeliani uccidono i fanciulli. La mistificazione funziona a meraviglia. Tant'è che una parte cospicua dell'opinione pubblica è convinta che gli ebrei abbiano imparato da Hitler a essere crudeli, e massacrino i palestinesi per questioni di dominio territoriale. La disinformazione produce effetti impressionanti, e la propaganda più è sgangherata più viene bevuta dalle masse acritiche. Che ignorano perfino che Hamas è una banda di terroristi che fa del male soprattutto ai palestinesi.

Commenti

CHAIIM

Mer, 23/07/2014 - 18:14

ONORE ALLA VERITA' E ALLA OBIETTIVITA', COSA DIFFICILE DA LEGGERE AI NOSTRI GIORNI,DOVE UN ARCAICO PREGIUDIZIO RIESPLODE E ACCIECATI DALL ODIO SI FALSA LA REALTA'

Dany

Mer, 23/07/2014 - 18:16

Interessante notare che: A) Le foto che sono pubblicate sui giuornali sono state scattate in Siria dove c'è una guerra civile e nella quale i civili bamnini compresi vengono ammazzati in quantità industriale b) Sempre parlando di Siria i nostri trinaricciuti non si scandalizzano affatto perchè i crimini vengono commessi da arabi contro arabi c) I sinistronzi , dopo che la loro casa madre è fallita, hanno sostituito il comunismo con l'islam tanto per poter continuare ad odiare se stessi e l'occidente tutto.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 23/07/2014 - 18:16

Israele fai vera Giustizia ... In mezzo alla ottusa e ignorante bassezza difendi la Veritá ... Siamo con te.

pgbassan

Mer, 23/07/2014 - 18:21

Ineccepibile.

monitor

Mer, 23/07/2014 - 18:29

Grazie Feltri.

eloi

Mer, 23/07/2014 - 18:33

Mi si lasci pensare e srivere che: Se in mediooriente non fosse esistito l'odio fomentato dai capi religiosi, esisterebbero due stati, uno israeliano ed uno palestinese e, sarebbero due paesi ricchi. Chi non ricorda il Libano anni 50 ed inizio anni 60 il quale veniva definito "La Svizzera medioorentale" Concludendo le peggiori guerre sono state storicamente, quelle con copertura religiosa la quali hanno sempre fatto presa sul (popolino, carne da macello).

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mer, 23/07/2014 - 18:37

Chissenefrega della verità. Quale poi? Quella dei fiancheggiatori di Hamas e di ogni altro tipo di tagliagole? L'importante è che Israele questa volta vada in fondo. Non deve concedere nessuna tregua sino alla vittoria finale. I terroristi islamici vanno schiacciati come i pidocchi, visto che arrivano spudoratamente e sistematicamente a farsi scudo dei figli minori solo per salvare la propria pelle e tentare di suscitare compatimento nel resto del mondo. UCCIDETELI TUTTI!

k012

Mer, 23/07/2014 - 18:37

Una civiltà avanzata nel deserto? Terroristi? Anzitutto io ho i miei dubbi che a sparare i razzi siano i palestinesi: militarmente e politicamente strategia suicida. Poi la storia dei bambini messi a scudo è davvero ridicola in un paese con la più alta densità abitativa al mondo ed un tasso di natività altrettanto importante dove dovrebbero metterli, in spiaggia? Guardatela come volete ma se davvero vogliamo credere che ci siano le trame fondamentaliste islamiche dietro a questi inutili lanci di razzi forse è il caso di rileggere cosa scriveva Feltri sulle rivoluzioni in Libia, in Egitto, in Tunisia, in Siria, in Iraq. Feltri Feltri

marcomdc

Mer, 23/07/2014 - 18:40

verità elementare

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mer, 23/07/2014 - 18:40

Che famiglia palestinese,felice e festante nell'attesa di un razzo israeliano.Tutti sorrisi e manine festanti,mentre gioiosamente gridano : "grazie Hamas!!!"

Ritratto di pravda99

pravda99

Mer, 23/07/2014 - 18:41

"Israele, in fondo, reclama solo il diritto di esistere". No Feltri, Israele esiste gia` ma si e` arrogato il diritto di espandersi ILLEGALMETE, di deportare i palestinesi dai loro territori, di affamare la popolazione, di togliere i servizi a piacimento (acqua, eletricita`, etc), di strozzare la fragile economia palestinese, e soprattutto di commettere palesi crimini di guerra, con l'incoraggiamento e la copertura di tutti gli Stati Occidentali. Questo NON e` "diritto di esistere". Certo detto da chi come lei scrive, ben prezzolato, secondo cio` che gli viene ordinato, ha una credibilita` uguale a zero, come il resto della sua calunniosa produzione "giornalistica" da metodo-Boffo.

Ritratto di pravda99

pravda99

Mer, 23/07/2014 - 18:42

Io vorrei sapere dalle anime belle che dicono che Israele si deve difendere, anche se poi ammazza centinaia di civili: Ma se un gruppo di criminali si barricasse in una SCUOLA DELLA VOSTRA CITTA` con centinaia di bambini dentro, e cominciasse a sparare all'impazzata verso la polizia che lo assedia e i passanti, sareste d'accordo per bombardare la scuola in modo da fermare il gruppo criminale? La risposta e` SI` o NO. Prego.

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 23/07/2014 - 18:45

Purtroppo nei tiggì sembra che Israele sia l'impero del male. TG3 poi, batte tutti.

cecilia nizza

Mer, 23/07/2014 - 18:47

Grazie, Feltri! Come sempre, nel suo stile semplice e immediato, lei è capace di svelare la verità che, se non perdurasse il pregiudizio antiebraico, che purtroppo trova spazio anche nei commenti dei lettori del Giornale, dovrebbe essere chiara a tutti.

emulmen

Mer, 23/07/2014 - 18:49

è da tempo che lo dico io: assodato che gli israeliani non sono certamente dei mostri assetati del sangue dei bimbi palestinesi, allora c'è qualcosa che non va. Perchè quando sentono il rombo dei jet non vanno a nascondersi in qualche rifugio? perchè su un tetto c'erano bimbi che giocavano? di certo gli F16 della IDF non li hanno presi di mira apposta, quindi la conclusione è una sola: QUEI VIGLIACCHI DI HAMAS COSTRINGONO I PALESTINESI A NON NASCONDERSI PER FARSI AMMAZZARE E DIMOSTRARE CHE ISRAELE=NAZISMO!

Cowpuncher

Mer, 23/07/2014 - 18:49

Concordo perfettamente

Paul Bearer

Mer, 23/07/2014 - 18:49

E a proposito di propaganda ma perchè ogni volta gli "inviati sensibili al problema dei palestinesi" (praticamente tutti nel panorama italiano) ci fanno vedere i servizi si deve sempre vedere il solito carretto carico di bimbetti sbrindellati e tirato da un asino? Ma i motorini non ce li hanno? Li comprassero invece di comprare i kassam.

gianrico45

Mer, 23/07/2014 - 18:50

Anche gli americani d'America durante le guerre indiane reclamavano il diritto di esistere.

giottin

Mer, 23/07/2014 - 18:50

...i terroristi obbligano i civili (anche i bambini a proteggerli)... e dove sta il problema? Vorrà dire che si anticipano solo i tempi: un giorno quei bambini saranno i terroristi per cui....

ben39

Mer, 23/07/2014 - 18:54

Grande feltri!

ben39

Mer, 23/07/2014 - 18:55

Grande feltri!

pastrito

Mer, 23/07/2014 - 18:55

Caro Feltri, l'odio viene proprio da Israele: ha mai letto le dichiarazioni (pubbliche) di Peres, Ben Gurion o Golda Meir sui Palestinesi? Parlano senza mezzi termini di cancellazione del popolo palestinesi, di distruzione delle loro case. Si legga un qualsiasi libro di geopolitica prima di scrivere certe cose, grazie.

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Mer, 23/07/2014 - 18:56

Si diceva, un tempo che la "razza" ebraica aveva intelligenze superiori alle altre genti. Alla prova dei fatti, hanno eccelso in svariati campi, e gli ariani meno dotati, non accettarono questo fatto. Cominciò l'odio di stirpe. Oggi basterebbe citar gente come Gad Lerner per far capire che la supremazia ebraica è una bufala e che gli idioti antisionisti, ci sono anche tra loro. Allora, amici israeliti, che ci volete fare: rassegnamoci.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mer, 23/07/2014 - 18:56

Più che la verità uccide gente inerme,indifesa.Sia israeliana che palestinese.

Ritratto di mina2612

mina2612

Mer, 23/07/2014 - 18:57

Come sempre, dott. Feltri i suoi chiarimenti sono esaustivi, e anche questa volta non fanno un plissè. La grande maggioranza della popolazione, come scrive, non ha capito ancora la differenza tra la Palestina e la Striscia di Gaza, ossia tra i palestinesi e i terroristi di Hamas. Se non tutti hanno la capacità o la voglia di risalire alle origini, leggere la storia di quest'ultimo secolo, non hanno neppure il supporto dalle informazioni dei media: tutti i quotidiani e tutti i telegiornali aprono con le notizie del bilancio dei morti, delle famiglie e dei bambini massacrati dalle bombe israeliane, facendo passare Israele come un Paese guerrafondaio e i veri criminali terroristi come povere vittime, quando la verità sta esattamente all'opposto.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mer, 23/07/2014 - 18:57

Più che la verità uccide gente inerme,indifesa.Sia israeliana che palestinese.

pastrito

Mer, 23/07/2014 - 18:57

Caro Feltri, l'odio viene proprio da Israele: ha mai letto le dichiarazioni (pubbliche) di Peres, Ben Gurion o Golda Meir sui Palestinesi? Parlano senza mezzi termini di cancellazione del popolo palestinesi, di distruzione delle loro case. E comunque, non sono gli israeliani a rispondere ai razzi palestinesi, ma semmai i palestinesi a rispondere con i razzi alle violenze di Israele, anche io mi farei saltare in aria se uccidessero la mia famiglia, bruciassero la mia casa e mi cacciassero dalla mia terra (non si rigiri la frittata). Si legga un qualsiasi libro di geopolitica prima di scrivere certe cose, grazie.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mer, 23/07/2014 - 18:57

Più che la verità uccide gente inerme,indifesa.Sia israeliana che palestinese.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 23/07/2014 - 19:02

amor di patrio..sembra una famiglia di terroni con la differenza che i terroni ne hanno di più figli.Israeliani assassini, perchè non se la prendono con i tedeschi? non cercano vendetta dopo 70 anni fa?

carlodigaeta19

Mer, 23/07/2014 - 19:03

Ognuno porti pure l'acqua al suo mulino, ma Feltri scorda che: - ci sono risoluzioni ONU vecchie di 50 anni che impongono ad Israele di abbandonare i territori illegittimamente occupati, regolarmente ignorate; - ci sono risoluzioni ONU che condannano Israele per invadere sistematicamente il territorio Palestinese e distruggere le case degli abitanti trasformandoli in profughi. - ci sono risoluzioni ONU che impongono ad Israele di abbattere il muro in cui sono stati confinati i Palestinesi a Gaza. - ci sono risoluzioni ONU che impongono la cessazione immediata dell'embargo israeliano contro Gaza - ci sono risoluzioni ONU che impongono ad Israele risarcimenti miliardari nei confronti dei palestinesi per tutte le violazioni di diritti umani perpetrate in loro danno. Ma a voi dei fatti ve ne fotte sega. Voi volete solo tifare per il genocida, più è ricco meglio è. Almeno fatelo con cognizione di causa. E riflettete: COSA AVREBBE FATTO ISRAELE AI MARO'???

carlodigaeta19

Mer, 23/07/2014 - 19:03

Ognuno porti pure l'acqua al suo mulino, ma Feltri scorda che: - ci sono risoluzioni ONU vecchie di 50 anni che impongono ad Israele di abbandonare i territori illegittimamente occupati, regolarmente ignorate; - ci sono risoluzioni ONU che condannano Israele per invadere sistematicamente il territorio Palestinese e distruggere le case degli abitanti trasformandoli in profughi. - ci sono risoluzioni ONU che impongono ad Israele di abbattere il muro in cui sono stati confinati i Palestinesi a Gaza. - ci sono risoluzioni ONU che impongono la cessazione immediata dell'embargo israeliano contro Gaza - ci sono risoluzioni ONU che impongono ad Israele risarcimenti miliardari nei confronti dei palestinesi per tutte le violazioni di diritti umani perpetrate in loro danno. Ma a voi dei fatti ve ne fotte sega. Voi volete solo tifare per il genocida, più è ricco meglio è. Almeno fatelo con cognizione di causa. E riflettete: COSA AVREBBE FATTO ISRAELE AI MARO'???

angelomaria

Mer, 23/07/2014 - 19:04

la differenzauno si difende laltro usai bambini come scudo ed alimenterai lle varie medie palestinesi che nacondono il fatto chei civili ricevino volantini telefonate quqndo arrivano le incursioni quello che parte del mondo vedw sono le a=scene verw o fald di bambini feriti o uccisi dsgli'israeli mamessi li da loro!!!!!nonsono gl'israeliani che sparano razzi dalle capacita sempe piu'estese ed ora droni rurri rimbrati iraqe tunnel kilometrici da smbrare sotteranei infiniti alcuni lunghi kilometri altri che si apreono a 50/100 metrei dei giardini pronti a rapire civili e uccidere se riescono il tutto facendo parte d'un governo ???immaginate averli nella citta o paese vicino cosa fareste???non e'tutto oro quello che luccicaed hamas non sono angeli oforse si! della morte!!!

Frank.brownies

Mer, 23/07/2014 - 19:05

E' una situazione troppo difficile da giudicare da fuori, come si fa a dire chi ha ragione ? Sicuramente la causa Palestinese e' giusta e comprensibile cosi' come il diritto ad esistere di Israele ma il modus operandi delle due parti non portera' mai ( forse volutamente ) a nessun tipo di accordo duraturo...si potranno avere tregue piu' o meno lunghe ma la pace non esistera' mai in quella terra

onurb

Mer, 23/07/2014 - 19:05

Tutti coloro che accusano Israele di crimini di guerra non conoscono o fingono di non conoscere il diritto internazionale umanitario, che detta le regole per la condotta delle operazioni belliche. Il diritto internazionale umanitario vieta, tra l'altro, tutti i mezzi e metodi di guerra che non consentono di distinguere tra i combattenti e i non combattenti. Tale divieto è inteso a proteggere la popolazione civile, il personale civile e i beni di natura civile. E' evidente che Hamas non rispetta il diritto internazionale, perché disloca i suoi missili all'interno degli agglomerati urbani e obbliga i civili, donne e bambini inclusi, a rimanere nei luoghi che saranno bombardati. Il diritto internazionale definisce atti di perfidia i comportamenti adottati da Hamas. Israele ha tutto il diritto di bombardare i luoghi dove sono dislocati gli armamenti e la migliore riprova di ciò è il fatto che, a parte le solite sceneggiate giornalistiche di una certa stampa, nessuna organizzazione o tribunale internazionale, ONU in testa, ha mai potuto intraprendere qualche azione contro Israele o i suoi governanti.

moichiodi

Mer, 23/07/2014 - 19:07

qualche domanda a feltri: lei pensa veramente che l'esistenza di israele sia in pericolo?; lei pensa che in caso di pericolo USA GB UE non interverrebero militarmente per difenderla? se israele pensasse solo al suo diritto di esistere perchè non accetta tutte le risoluzioni dell'Onu che TUTTE le garantirebbero l'esistenza anche attraverso l'interposizioni di cuscinetto di sicurezza tra il suo territorio e quelli palestinesi. ma israele ha preferito sempre il fai da te essendo uno stato armato fino ai denti contro un popolo che è disarmato(abbiamo mai visto un carro armata palestinese del tipo israeliano andare a fare un giro per i quartieri israeliani? invece con scuse varie va rosicando territorio ogni anno. ed in effetti dopo l'abbandono delle colonie negli anni 60, è rimasto l'unico stato che pratica il colonialismo. chissà perchè ogni volta che si avvia un processo di pace, qualche giorno dopo il governo autorizza nuove colonie.

Massimo Bocci

Mer, 23/07/2014 - 19:08

La foto di quella finestra, dove con una giovanissima mamma si vedono 7 fratelli, cioè una SACRA FAMIGLIA IN CRESCITA ESPONENZIALE!!!, dato la mamma giovanissima (fertile) presto si prevedono l'ottavo, il nono, il decimo,ecc.ecc. (non mettiamo limiti ad Allah),e qusta è una tipica famiglia tipo Jialista di Hamas,dunque si può centinaia mi migliaia, milioni di innocenti alla nascita ma subito indottrinati TERRORISTA!!, da una CULTURA DI ODIO CRIMINALE,MISTIFICATRICE di PURO ODIO, viscerale (UNA VERA CULTURA MODELLO COMUNISMO ISLAMICO,CRIMINALE) che renderà subito, questi sventurati infanti, inermi in mano di CRIMINALI DI PROFESSIONE ISLAMISTA, nell'infamia utilizzati come scudi umani e bombe ambulanti, in adolescenza se qualcuno di loro ci arriva, in esperti terrorismo Internazionale dei tutto fare,che spargeranno la loro MERDA come il COMUNISMO nel MONDO!!!, Per infettare menti di psico labili, un unica certezza hanno oggi 7 sventurati in INCREMENTO, oltre all'esistenza di MERDA E ODIO, è che non dovranno temere mai è rimanere ESODATI COMUNISTI!!, senza un occupazione STATUALE, PERCHE' COME NEL COMUNISMO SON TUTTI CONDANNATI A MORTE CERTA!!! Cioè senza pensione,e pensieri,e per la sussistenza, anche questa assicurata da pseudo organizzazioni CRIMINALI DI SFRUTTAMENTO!!! VERE PANTOMIME UMANITARIE PER LUCRO CRIMINALE!!!, che hanno FATTO FORTUNE MILIARDARIE SFRUTTANDO questi diseredati ,.....ONLUS-ONU.

Cowpuncher

Mer, 23/07/2014 - 19:08

Speriamo ci sia una maggioranza silenziosa, equilibrata e non isterica che si renda conto di quanta verità c'è nell'articolo di Feltri e non solo, perchè gli stessi principi li ho letti anche su altre testate non italiane.

gian paolo cardelli

Mer, 23/07/2014 - 19:09

pravda99, la risposta è NO, ed è quello che Israele sta facendo, nonostante Hamas, le cui balle lei se le beve come acqua fresca, sostenga il contrario: infatti se Israele avesse mirato a quella scuola tout-court i bambini mortia sarebbero stati TUTTI, non solo qualcuno... la logica come al solito latita, dalle sue parti, vero? continui pure, lei e gli altri antiebraici, a scrivere sempre le solite corbellerie: qualche risata ogni tanto fa bene alla salute...

diwa130

Mer, 23/07/2014 - 19:10

Lei ha ragione Feltri, c'e' una ipocrisia ignorante e succube di una lettura della storia parziale condita da un cieco anti-americanismo diffuso che si vede anche nella recente tragedia in Ucraina, dove si esita a prendere provvedimenti drastici contro un novello dittatore fascista come Putin, che gode del sostegno di una sinistra che non ha letto neppure una riga di Lenin, ma coltiva il mito della rivoluzione d'ottobre (tradita dopo pochi anni). Israele soffre anche per questa vicinanza con gli USA che nonostante tutto continua a supportare il diritto di questo popolo a vivere in pace. Il nemico maggiore dei Palestinesi sono i paesi arabi ed Hamas in primis. Schifati da tutti i paesi limitrofi, uccisi (3000 morti palestinesi in Siria dei quali nessuno se ne duole, neppure Hamas o Fatah), discriminati i Palestinesi sono funzionali a questi Stati (tutte dittature) per non cedere alla normalita' di uno esempio di stato democratico proprio nel Medio Oriente. Una normalita' pericolosa che se contaggiasse i loro paesi, rotolerebbero molte teste coronate da finte o semi-finte discendenze con il profeta. Povera gente schiacciata sotto il tacco da inetti farabutti che siedono sulla ricchezza piu' grande del paese e finanziano Hamas il quale spende l'80% dei finanziamenti in armi e non i medicine. I palestinesi , ironia della sorte , sarebbero molto piu' sicuri e tranquilli nello stato di Israele che non in mano a questa masnada di delinquenti.

meloni.bruno@ya...

Mer, 23/07/2014 - 19:10

Un articolo pulito e coerente nel riportare la verità dei fatti e lo incorona un principe nobile della penna come sa solo fare il Dott.Feltri!

diegom13

Mer, 23/07/2014 - 19:11

Il discorso tiene, salvo inizio e conclusione. Il titolo: "l'odio per Israele uccide la verità". No, è la guerra ad uccidere la verità, anche quando non è guerra conclamata. Non c'è guerra nella quale ci sia una verità. C'è sempre, invece, una matassa di mezze verità, molte bugie, molta propaganda. E quindi odio, da ambo le parti. Che poi dalle nostre parti si noti più l'antisemitismo dell'odio per gli arabi è un altro tipo di problema. In conclusione, invece, l'articolo tende a gettare sulle spalle dei Palestinesi (e dei loro amici nella regione) il rifiuto degli accordi di pace: ma l'autore l'ha vista la mappa dei territori generosamente offerti alla sovranità (comunque mai completa) dei Palestinesi? vede un possibile collegamento, una possibilità di sviluppo economico, di organizzazione sociale? L'ha visto quel groviera che sono i territori palestinesi? In quanto al riconoscimento di Israele: Fatah vi si è impegnato da tempo, mancava Hamas. I due avevano deciso di appoggiare esternamente un governo d'unità nazionale palestinese, che riunificava la Striscia e la Cisgiordania. Questo governo confermava l'impegno al riconoscimento di Israele, ma Israele quel governo non l'ha mai accettato (perché, per ragioni anche evidenti, non si fida di Hamas). Fatto sta che subito dopo è successo il patatrac, e poco importa che i sabotatori siano dell'una o dell'altra parte. Se si vuole la pace si aiutano i moderati della controparte, se si vuole la guerra si lascia spazio agli estremisti.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mer, 23/07/2014 - 19:14

I palestinesi ospitano Hamas, tutti i palestinesi. Hamas è una banda terrorista che tiene alta la tensione nella zona e lancia missili sulle città israeliane. Dopa Hamas ne verranno altri. Lo scopo non è quello di dare una terra ai palestinesi, che ne hanno diritto, ma di toglierla, tutta, agli ebrei che debbono scomparire. Per questo è pagata Hamas di oggi, di ieri e di domani. Non se ne esce. Hamas lancia i suoi missili dagli ospedali, dalle case, dalle scuole. I palestinesi consentono. Se vengono centrati siti da cui partono i missili di Hamas sarà colpita una scuola, un ospedale, un asilo. Ed i Mentana di ogni dove, che queste cose le sanno benissimo, urlano, strepitano e menano scandalo e "si arricchiscono" come direbbero loro. Totale, gli ebrei non debbono difendersi, mai.

forbot

Mer, 23/07/2014 - 19:14

In Palestina c'è spazio abbastanza per poter esistere, e convivere, sia Ebrei che Musulmani e perchè nò ? anche Cristiani. E' solo questione di allargare un pò più la mente per comprendere meglio che l'unica vera ricchezza che l'essere umano possiede, è la capacità di sapersi conservare la vita, che Dio gli ha donato, quanto più a lungo possibile. La guerra in atto, e tutte quante le altre; dimostrazione evidente che non abbiamo ancora capito qual'è la cosa più importante dell'esistenza. Tutto il resto è aria fritta perchè a tutto c'è un rimedio, fuorchè alla morte! Comunque Israele ha il dovere di difendere la vita dei suoi figli, e il diritto all'esistenza, come e fors'anche più di altri.

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 23/07/2014 - 19:16

Se l'0pinione pubblica ......andassero a fan culo sono pure loro responsabili, facili da individuare nella sinistra antioccidentale e filoislamica. Ma i veri responsabili sono tutte quelle associazioni umanitarie e stati, tra cui pure l'Italia che inviano montagne di denaro pro palestinesi. Chiaro dove vanno a fine questi finanziamenti che arrivano ai delinquenti terroristi di hamas. Si noti il tempo che intercorre tra un conflitto e l'altro tra Israele e palestinesi,.....solo il tempo di potersi riorganizzare, pertanto Israele deve andare avanti costi quello che costi anche fino all'ultimo palestinese !!!!!!!

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 23/07/2014 - 19:17

Se l'0pinione pubblica ......andassero a fan culo sono pure loro responsabili, facili da individuare nella sinistra antioccidentale e filoislamica. Ma i veri responsabili sono tutte quelle associazioni umanitarie e stati, tra cui pure l'Italia che inviano montagne di denaro pro palestinesi. Chiaro dove vanno a fine questi finanziamenti che arrivano ai delinquenti terroristi di hamas. Si noti il tempo che intercorre tra un conflitto e l'altro tra Israele e palestinesi,.....solo il tempo di potersi riorganizzare, pertanto Israele deve andare avanti costi quello che costi anche fino all'ultimo palestinese !!!!!!!

Paul Bearer

Mer, 23/07/2014 - 19:21

Ma com'è che mentre gli israeliani bombardano "i bambini" giocano a pallone sui tetti o sulla spiaggia? Ce li mandasse qualcuno con le buone o con le cattive? Fossero quelli di Hamas? Fossero gli stessi che poi vogliono denunciare Israele per crimini di guerra?

gurgone giuseppe

Mer, 23/07/2014 - 19:24

Mi spiace dissentire dal coro. Per me è evidente che il governo di Tel Aviv aveva programmato l'operazione nella striscia di Gaza ancor prima del rapimento dei tre Israeliani e aspettava il "casus belli" per metterla in moto. Una congettura ch'era nell'aria già quando il Papa invitò Peres e Abu Mazen a Roma per "discutere di pace" a Roma. In questo modo si estrometteva l'organizzazione Hamas,che Voi continuate a definire terrorista ma è, per Elezione, legittima rappresentante del popolo Palestinese, e si dava credito ad Abu Mazen, il quale altro non è che il rappresentante degli Arabo-Israeliani, una sorta di borghesia palestinese che fa affari con gli Israeliani e ne condivide gli interessi in quanto inserita nel loro tessuto economico. Un fantoccio, dunque, come lo era Arafat per gli stessi motivi. L'obiettivo di questa operazione sembra essere quello di eliminare o indebolire Hamas e permettere un accordo con abu Mazen, dove i diritti all'autodeterminazione dei Palestinesi, la loro autonomia economica e la possibilita di edificare un vero Stato Palestinese verrebbero azzerati. Questa "pacificazione" della zona, vista nel quadro delle turbolenze che si estendono in tutto il territorio africano, oltre a togliere ostacoli all'espansione degli affari israeliani assume anche valenza di contrasto a un'eventuale saldatura di Hamas con altri Movimenti di liberazione. Tutto questo avviene tra i flebili e ipocriti richiami alla pace di spettatori interessati, i quali aspettano impazienti che si compia il repulisti.

moichiodi

Mer, 23/07/2014 - 19:26

feltri affronta in modo infantile un problema complesso: tu mi spari io ti sparo. la sicurezza di israele non c'entra: infatti è in grado di vincere tutte le guerre essendo armato fino ai denti, mentre i palestinesi non hanno esercito(basta vedere i rapporti ahimè di morti nelle varie guerre (stermini da un lato e poche perdite dall'altro). feltri dovrebbe sapere che non è questa la questione palestinese, ma gli piace ragionare come un bambino azzardando grossolanità che nemmeno gli israeliani azzardano. feltri sa che l'ala integralista israeliana(a proposto gli islamici sono integralisti, mentre gli israeliani sono ultraortodossi o ultranazionalisti come se fosse una "qualita" positiva) ha anche ucciso(Rabin) pur di non avere ostacoli nelle mire ,anche dichiarate, di impossessarsi di tutti i territori a partire da gerusalemme(altrimenti perche distruggere case e tagliare ulivi?)come dimostra il colonialismo strisciante preteso ed ottenuto dalle frange oltranziste che riescono a imporre le decisioni ai vari governi.

krgferr

Mer, 23/07/2014 - 19:30

@pravda99-Lei ha scritto: “Ma se un gruppo di criminali si barricasse in una SCUOLA DELLA VOSTRA CITTA` con centinaia di bambini dentro, e cominciasse a sparare all'impazzata verso la polizia che lo assedia e i passanti, sareste d'accordo per bombardare la scuola in modo da fermare il gruppo criminale?” La risposta e`, ovviamente, NO. Ma immagini una piccola, insignificante modifica al suo pensierino così per renderlo più aderente alla realtà contingente: “Se un gruppo di criminali si barricasse in una SCUOLA DELLA VOSTRA CITTA` con centinaia di bambini ( i propri figli ) dentro, e cominciasse a sparare all'impazzata verso la polizia che lo assedia e i passanti, sareste d'accordo per bombardare la scuola in modo da fermare il gruppo criminale? La mia risposta sarebbe sicuramente SI` in quanto la difesa dei pargoli di chi sogna ed opera per l'eliminazione totale mia e dei miei figli non sarebbe di certo responsabilità del sottoscritto. Saluti. Piero

VirgilStarkwell

Mer, 23/07/2014 - 19:44

Credo che la situazione sia ben più complessa di quella dipinta da Feltri (per non parlare del solito livello dei vari commenti dei lettori...). Il dibattito sulla questione israelo/palestinese è avvelenato da troppi dannosi pregiudizi e ridicoli stereotipi: Feltri giustamente ne denuncia la metà (ad esempio Israele=Hitler, i palestinesi dipinti come povere vittime inermi...) ma malauguratamente ne abbraccia l'altra metà. Basterebbe notare che i pregiudizi antisemiti, intollerabili, sono, nella vulgata del dibattito, soprattutto italiano, analoghi ai pregiudizi antiarabi, o che Israele non si limita a "proteggere i propri cittadini" uccidendo centinaia di civili. La verità invocata da Feltri non è uccisa dall'odio per Israele, ma dall'irresistibile tendenza che quasi tutti noi abbiamo per scegliere a priori una parte, e poi difenderla ad ogni costo. Così una certa sinistra è filopalestinese, una certa destra, quella di questo giornale, è filoisraeliana... Ci accontentiamo di questo? Meglio di no, e credo che anche Feltri, se volesse, potrebbe facilmente fare analisi più obiettive, che includessero, ad esempio: - l'entità e le modalità delle risposte militari israeliane sono parte del problema, non un modo per risolverlo. - i palestinesi sono responsabili dell'operato di Hamas, che non è una banda di terroristi (altro stereotipo grossolano), ma l'espressione militare della volontà di gran parte del popolo palestinese, che quindi è responsabile per i loro atti criminali. - la scusa, accampata da entrambe le parti, che stanno solo rispondendo alle violenze dell'altro, è inaccettabile, e provoca un'escalation senza controllo. - USA ed Europa (ed ONU e ...) vogliono dare un contributo di indirizzo politico alla questione o gli basta solo testimoniare sani principi? Infine, permettetemi una parentesi sulle beghe nostrane: appartengo alla categoria dei sinistronzi, come li chiamate voi... Non sarebbe liberatorio e più costruttivo per tutti se provassimo prima ad approfondire le questioni e dopo (o magari mai) a prendere una parte? Io, ad esempio, su questa questione non so davvero che parte prendere, se non quella delle vittime, di entrambe le parti? Sono il solito saccente / sinistronzo / pacifista / terzomondista / cerchiobottista / cattocomunista ...??

Ritratto di mina2612

mina2612

Mer, 23/07/2014 - 19:46

@pravda99. Visto che mi considero un'anima bella, le rispondo. Anzitutto il paragone che ha fatto non regge: come può fare quel paragone? Prenda il caso di Israele e la striscia di Gaza. Nella Striscia si sono insediati i terroristi del gruppo di Hamas, coloro che vogliono l'annientamento di Israele e applicare la jihad, dopo che hanno trucidato e fatto fuggire i palestinesi regolari là residenti. Quelle "povere vittime", come le chiama lei, sono i figli di coloro che sono terroristi loro stessi, d'accordo che ora sono solo bambini, ma presto diventeranno terroristi anche loro e kamikaze pericolosi. Quindi il suo paragone c'entra come un cavolo a merenda.

Ritratto di tenaquila---

tenaquila---

Mer, 23/07/2014 - 19:50

Sarebbe interessante farlo capire ai sinistrati e agl'idioti dei centri sociali che si avvolgono la kefiah per solidarietà ai palestinesi. Perché gl'israeliani rappresenterebbero la destra, ma guai ad ammettere un terrorismo di sinistra.

nonnoaldo

Mer, 23/07/2014 - 19:53

Pravda e soci sinistri, delle due l'una, o sono palestinesi o non hanno la minima capacità di analisi logica dei fatti. Israele non ha mai attaccato nessun paese confinante, è sempre stato attaccato, per cui si è difeso. Forse pravda ritiene che gli oltre milla missili sparati su Israele siano giochi pirotecnici lanciati per festeggiare il ramadan? Se è così è messo peggio di quanto appaia.

Charles buk

Mer, 23/07/2014 - 19:59

Toh, se non parla del suo capo l'amico Feltri riesce pure ad essere obiettivo.

nino47

Mer, 23/07/2014 - 20:06

Anche il popolo italiano e' sgangherato, caro Feltri...lo si capisce da certi commenti. Quindi niente di piu' logico che una propaganda altrettanto sgangherata trovi terreno fertile!!!

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 23/07/2014 - 20:11

franco-a-trier_DE..... ehi terun, ma non ti sembra che i tedeschi a suo tempo non ne abbiano ammazzati abbastanza ??? ehi terun, ma ch-e k...o centri te con i tedeschi visto che quelli come te li raffigurano con un piatto di spaghetti e una p38, hei terun ....ma va dar via el ciap.....

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Mer, 23/07/2014 - 20:25

pastrito: quali sarebbero? quelli che vanno bene a Lei? Hamas ha per statuto la distruzione di Israele o questo le sfugge? vuole che le ricordi Arafat? ma Lei non è certo il primo e nemmeno l'ultimo ad essere realmente accecato da un odio viscerale contro questo popolo. Comunque, continui pure a pensarla come vuole. Mi stia bene. Dalton Russell.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Mer, 23/07/2014 - 20:30

Feltri, a smentire le sue assurdità bastano due cifre: morti civili palestinesi, circa 500; morti civili israeliani, zero. Non c'è altro da aggiungere.

Alessio2012

Mer, 23/07/2014 - 20:31

@ pravda99: smettila di dire idiozie. Tanto non ci casca nessuno. E' inutile che cerchi sempre di confondere le idee... Le cose non sono come dici te.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 23/07/2014 - 20:33

Si, ma i coloni che avanzano per impossessarsi dei territori palestinesi? Nemmeno cenno? Eppure Obama, due mesi fa aveva chiesto di fermare la colonizzazione e Netanyau ha risposto con un secco no.

dave_d

Mer, 23/07/2014 - 20:39

pravda99: non ho mai letto una cosa scritta da te che abbia un minimo senso. E togliti quel nome imbecille....

gianrico45

Mer, 23/07/2014 - 20:40

Feltri studia le guerre indiane.Quelle dei pellirossa per intenderci.

Ritratto di pravda99

pravda99

Mer, 23/07/2014 - 20:41

Dai, non e` poi cosi` terribile. I nazisti avevano una "proporzione di rappresaglia" di 1 a 10, gli israeliani si accontentano di 1 a 5 (bambini).

Ritratto di greysmouth

greysmouth

Mer, 23/07/2014 - 20:42

Feltri è pagato da "ilGiornale"; altri ciarlatani settari e deliranti, pagati dai Kompagni assassini, usano il "se", ipotetico-utopico, per inventare scuole Italiane piene di orde assassine e zombie arnati di bomba ai neutrini...L'altro crucco, campione del Mondo del calcio nelle balle, strafatto di crack, bofonchia frasi sconnesse in una Lingua primordiale. Le risoluzioni contro Israele NON passano per il veto degli S.U., unico baluardo armato a difesa degli Ebrei: così pure Russia e Cina pongone il veto quando si tratta di difendere i LORO amichetti (assassini laureati). Per l'Italia, i suddetti cialtroni, tengono solo quando giuoca al pallone...e portano sfiga.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 23/07/2014 - 20:42

franco.brezzi non è una razza è un popolo altra cosa.Maledetti da Dio si come è scritto nella Bibbia ma è un popolo.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 23/07/2014 - 20:46

LA BASSEZZA, unico mezzo del piú vile e ottuso egoismo dobbiamo avere il coraggio di riconoscerla e di eliminarla, sempre ... Prima di tutto dentro di noi, nella nostra casa, in Italia, nel totalitarismo del Muro di un apparato "pubblico" abnorme e feroce sopra il Paese che avvelenato dalla menzogna e divorato dalla ottusitá e dalla prepotenza muore ... Ma la battaglia per la Veritá ha la Luce e la Forza del Cuore e della Intelligenza, che é capacitá di creare bene e valore per se stessi e per gli altri, ... é battaglia di generositá e di vita di ogni uomo libero del mondo verso tutti gli altri uomini liberi del mondo ... Israele, fai vera Giustizia ... In mezzo alla ottusa e ignorante bassezza difendi il Verbo di Veritá ... Sia la tua mano la Sua ... Siamo con te.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Mer, 23/07/2014 - 20:46

carlodigaeta: le risoluzioni onu? cioè quell'organismo la cui inutilità è pari solo alla grandezza della sede? ma 19 sta per gli anni oppure rappresenta solo il Q.I.? Stia bene. Dalton Russell.

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Mer, 23/07/2014 - 20:46

"...Dopo di che si grida allo scandalo perché gli israeliani uccidono i fanciulli...." Quindi secondo Feltri non è uno scandalo uccidere i fanciulli! Un'opinione a dir poco sgradevole!

Ritratto di CIOMPI

CIOMPI

Mer, 23/07/2014 - 20:47

"...Dopo di che si grida allo scandalo perché gli israeliani uccidono i fanciulli...." Quindi secondo Feltri non è uno scandalo uccidere i fanciulli! Un'opinione a dir poco sgradevole!

Alessio2012

Mer, 23/07/2014 - 20:54

Se un criminale si fa scudo con un bambino o con una donna è un vigliacco lui e non chi spara. Ma tanto è inutile spiegarlo... questi comunisti nel cervello hanno le ragnatele

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mer, 23/07/2014 - 20:56

ULTIME ORE. Sono stati sospesi i combattimenti in alcune zone di Gaza per permettere alla Croce rossa di soccorrere i feriti nelle zone che sono state più interessate dai bombardamenti israeliani a Shujaiya, Khan Yunis e Beit Hanun. Il sistema antimissile Iron dome ha intercettato due missili ad Ashdod. Un cittadino tailandese è stato ucciso da un razzo lanciato da Hamas contro Israele. Secondo le autorità palestinesi dall’inizio dell’operazione Margine protettivo sono morti 678 palestinesi e i feriti sono 4.250. Le vittime israeliane sono 32, 30 soldati e due civili. Secondo le Nazioni Unite 118.300 palestinesi sono rimasti senza casa. Il segretario di stato statunitense John Kerry è arrivato in Israele per incontrare Shimon Peres, Abu Mazen e Benjamin Netanyahu. L’esercito israeliano ha dichiarato di aver bombardato l’ospedale Wafa e l’ospedale Shifa a Gaza perché Hamas li ha usati per lanciare razzi contro Israele. Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha incontrato il presidente israeliano Shimon Peres e ha dichiarato: “La violenza deve finire subito, deve cominciare il dialogo”. Secondo l’ambasciatore di Israele all’Onu, Hamas ha lanciato contro Israele più di 2.000 razzi dall’8 luglio. E l’esercito israeliano ha individuato e bloccato decine di tunnel sotterranei usati da Hamas per raggiungere Israele. A Ginevra Navi Pillay, alta commissaria dell’Onu per i diritti umani, ha dichiarato che Israele “potrebbe aver commesso crimini di guerra a Gaza” e ha chiesto di aprire un’inchiesta indipendente su almeno tre episodi di violenza.

moichiodi

Mer, 23/07/2014 - 20:58

qualche domanda a feltri: lei pensa veramente che l'esistenza di israele sia in pericolo?; lei pensa che in caso di pericolo USA GB UE non interverrebero militarmente per difenderla? se israele pensasse solo al suo diritto di esistere perchè non accetta tutte le risoluzioni dell'Onu che TUTTE le garantirebbero l'esistenza anche attraverso l'interposizioni di cuscinetto di sicurezza tra il suo territorio e quelli palestinesi. ma israele ha preferito sempre il fai da te essendo uno stato armato fino ai denti contro un popolo che è disarmato(abbiamo mai visto un carro armata palestinese del tipo israeliano andare a fare un giro per i quartieri israeliani? invece con scuse varie va rosicando territorio ogni anno. ed in effetti dopo l'abbandono delle colonie negli anni 60, è rimasto l'unico stato che pratica il colonialismo. chissà perchè ogni volta che si avvia un processo di pace, qualche giorno dopo il governo autorizza nuove colonie.

Ritratto di Marco Marconon

Marco Marconon

Mer, 23/07/2014 - 21:04

La propaganda più è sgangherata e più viene bevuta dalle masse acritiche- Verissimo Feltri, il suo amico Berlosconi su questo assioma ha fondato la sua fortuna.

Ritratto di vecchiomontanaro

vecchiomontanaro

Mer, 23/07/2014 - 21:05

Purtroppo chi paga di più ha più ragione, indipendentemente dalla verità, specie su questo argomento. ormai anche il diritto di difendersi, proclamato fin dai tempi antichi, non vale per gli israeliani, ma solo per ipalestinesi.

Ritratto di Marco Marconon

Marco Marconon

Mer, 23/07/2014 - 21:06

La propaganda più è sgangherata e più viene bevuta dalle masse acritiche- Verissimo Feltri, il suo amico Berlusconi su questo assioma ha fondato la sua fortuna.

Leo Vadala

Mer, 23/07/2014 - 21:21

Finalmente un articolo di Vittorio Feltri al quale aderisco in toto. Onesto anche nell'ammettere che l'antisemitismo.... ancora molto forte, che trova ospitalità anche in Italia sia in certa sinistra, sia in certa destra. Grazie

habanero63

Mer, 23/07/2014 - 21:35

Feltri...un altro pennivendolo prezzolato al servizio dell'entità criminale sionista e della lobby ebraica...ormai mi fate vomitare e da questo preciso momento smetterò di leggervi ...VENDUTI !!!

Tino Gianbattis...

Mer, 23/07/2014 - 21:40

Dottor Feltri la Storia la si studia non la si interpreta!!! ha scritto un bel cencio di fregnacce.

Dordolio

Mer, 23/07/2014 - 21:46

Ho sempre stimato parecchio Feltri (che ho pure conosciuto di persona) ma mi cascano le braccia quando, pur essendo un consumato ed esperto giornalista, cade anche lui nell'odioso luogo comune. I palestinesi sono stremati, e da tantissimo tempo sarebbero disposti ad aderire al progetto "due popoli - due stati". Ma gli ebrei, quando gli si chiede di DEFINIRE un loro stato di Israele, nicchiano. Esemplifichiamo la cosa: "Diteci quali confini volete voi e poi vediamo di metterci d'accordo nel definire i nostri". Niente. Non c'è trattativa. Gli israeliani pretenderebbero dai palestinesi una dichiarazione pubblica ed ufficiale di riconoscimento a priori di un Israele del quale NON vengono resi noti i confini. Perchè il concetto di Israele è vario: la "grande" Israele, la cosiddetta "piccola", e vi sono visioni (storiche, bibliche, settarie anche) diversissime al riguardo, nell'ambito della popolazione israeliana. E su questo - evidentemente - i governi israeliani hanno sempre marciato. Per carità, la politica è anche questo. Ma che almeno si dica come stanno le cose...

Linucs

Mer, 23/07/2014 - 22:01

Io non penso che a qualcuno importi o meno se lo Stato Ebraico (quindi razzista o fondamentalista per costituzione) esiste o meno, perché in fondo è lontano da noi quanto la Palestina e tutti gli altri fottuti pezzi di deserto. Ciò che più molesta l'esistenza è il quotidiano pigolare dei rompicoglioni che con la favoletta dell'antisemitismo cercano di mettertelo al culo, e purtroppo spesso ci riescono (per quanto ancora non si sa).

Linucs

Mer, 23/07/2014 - 22:08

Beh signori miei, sarebbe sufficiente ricordare Stern e Irgun per capire che si tratta di dominio territoriale, infatti non c'è stato nessun problema finché il popolo eletto non è riuscito a rubare quel pezzo di terra a forza di ricatti o marchette, a seconda di chi vi racconta la storia. Sarebbe come se da domani mattina i pezzenti dei barconi cominciassero a sbarcare armati, invitati da nessuno. Shalom e staccate quel cazzo di caps lock.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Mer, 23/07/2014 - 22:11

@PRAVDA99 18.42: Non può esserci risposta ad una domanda i....a. Completi Lei come vuole. PS la mia regola è non perdere tempo in questioni senza senso o non dar "tratta" a banali provocatori, ma ogni regola ha le sue eccezioni. Lei è uno dei rarissimi che può goderne.

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Mer, 23/07/2014 - 22:29

Bravo Feltri, ma parla al vento. A desso perfino gli ebrei europei, forse per interessi finanziari, tifano Hamas. A Gerico c'era Raab; forse anche a Tel Aviv ci sono delle sue corrispondenti odierne.

Lino1234

Mer, 23/07/2014 - 22:32

#pravda99. Ma smettila di farti compatire! Ma dove vivi? Le tue capacità di valutazione sono sottozero. Dai l'impressione di essere perennemente ubriaco o drogato. Non è accettabile che le persone normali debbano essere perennemente infastidite dai tuoi sproloqui. Bastaaaaa. No saluti. Lino. W Silvio.

Ritratto di spectrum

spectrum

Mer, 23/07/2014 - 22:37

Guardando i media italiani, specie la tv, sento il bisogno di fare qualche precisazione. 1) L’intervento dell’aviazione israeliana su Gaza non ha assolutamente niente a che fare con il rapimento dei tre ragazzi purtroppo uccisi barbaramente. La polizia ricerca gli assassini, l’esercito cercò i ragazzi nella zona di Hevron, che non ha niente a che fare con Gaza, quando si pensava che fossero ancora vivi. Non c’è nessun "ciclo della violenza", ma un perdurante attacco missilistico da Gaza che Israele deve fermare per difendere i suoi cittadini. Non si tratta di nessuna “vendetta” o“rappresaglia” come seguitano a suggerire alcuni giornalisti e politici, inducendo un’analisi completamente falsata. SI tratta invece del tentativo di Israele di bloccare il lancio dicentinaiadi missili sulla sua popolazione civile, ovvero di difenderne la vita. E’ questo il compito essenziale di ogni Stati, difendere i suoi cittadini da attacchi mortali. 2) Immaginiamo che 35 milioni di italiani debbano correre nei rifugi per attacchi missilistici provenienti da una qualunque dei Paesi confinanti. Che cosa farebbe l’Italia, essendo uno stato normale? Cercherebbe in tutti i modi di fermare i missili. 3) E’ vero che purtroppo capita che negli attacchi dall’aria ai terroristi e alle strutture di Hamas degli innocenti, anche dei bambini, vengano coinvolti e talora uccisi. Ma Israele non prende di mira i civili, al contrario prende di mira solo le strutture militari e i leader di Hamas. Cioè, tutto quello che è legato al lancio di missili. Ma Hamas piazza i missili e i suoi uomini quanto più intrecciati possibile con le case dei disgraziati palestinesi di Gaza, li usa quindi come scudi umani. Dunque Israele non ha scelta in questa guerra asimmetrica: o agisce per fermare i missili, o si lascia bombardare su tutto il territorio nazionale, ponendo fine alla sua vita normale, dato che tutti corrono di continuo (di continuo, ve lo dico per esperienza diretta) nei rifugi, el’economia, la cultura, il lavoro, le scuole etc non possono funzionare. 4) Israele seguita a fornire servizi umanitari e beni essenziali a Gaza per i malati e chiunque necessiti medicine e assistenza. Anche l’elettricità, l’acqua, la benzina seguitano a raggiungere la striscia. Si parla di crisi umanitaria, e certo essa esiste. Non si può tuttavia fare a meno di pensare, giudicando dal numero e dal tipo dei razzi, delle Katiushe, dei Kassam etc lanciati su Israele che i soldi degli aiuti internazionali, miliardi, siano andati per la gran parte in armamenti ad uso terroristico. Cibo per una prossima riflessione sull’uso del denaro pubblico. 5) Lo scopo di Israele è fermare i missili, quello di Hamas di uccidere quanti più ebrei possibili, e distruggere lo Stato d’Israele. Hamas non ha mai accettato le condizioni del Quartetto, il riconoscimento di Israele, la rinuncia al terrorismo, gli accordi raggiunti. E’ un’organizzazione terrorista estremista islamica, parte della fratellanza musulmana che insiste nel dare fuoco alle polveri per suscitareentusiasmodi tutti gli estremisti sunniti tagliateste che vediamo in azione in Siria e in Iraq, e anche per riceverel’aiuto dell’Iran e del Qatar, che infatti lo sostengono. 6) Israele sta facendo di tutto per evitare di entrare a piedi dentro Gaza, questo le costerebbe disapprovazione e anche criminalizzazione internazionale e vite dei soldati, e certamente esclude di occupare di nuovo la Striscia. Ma le si pone il problema di fermare Hamas, ed è un problema vitale e inevitabile, e tutto dipende dall'insistenza con cui Hamas seguiterà a bombardare Israele. 7) Non dimentichiamoci che Abu Mazen, di cui ora si parla come di un “buono” aperto alle trattative, pronto a condannare Israele con parole squilibrate fra le quali campeggia l’uso della memoria di Auschwitz, poche settimane fa aveva stretto un patto di governo proprio con Hamas, ignorando volutamente il suo giuramento di distruggere tutti gli ebrei e la sua reiterata scelta del terrorismo. Che convinca ora lui i suoi alleati a smettere di sparare.

cecilia nizza

Mer, 23/07/2014 - 22:39

Vede, Feltri, lei ha argomentato su basi logiche e conoscenza dei fatti. In vari commenti prevale invece un odio antiebraico viscerale, che non c'entra nulla con i palestinesi. A questa gente non importa nulla di loro, non sanno forse neanche chi sono. Certo non si batteranno mai realmente per loro. Il loro odio per noi ebrei li spinge anche a difendere i terroristi, e non si accorgono del pericolo che il fondamentalismo islamico costituisce anche per loro.

Oriana D.

Mer, 23/07/2014 - 22:53

basta subire questi maiali assassini di hamas, tutto è partito dai tre ragazzini rapiti e uccisi senza alcuna ragione, questi sono i palestinesi, BESTIE! devono avere quello che si meritano, se con le buone non capiscono

Ritratto di thundersquirrel

thundersquirrel

Mer, 23/07/2014 - 23:04

k012 - pravda 99 (già il nome qualifica il personaggio) - carlo di gaeta Cultori della menzogna, cresciuti nella menzogna. Orbati del fascismo e del comunismo, Vi buttate sul verdismo o sull'islamismo, con zero interesse per l'ambiente o per il popolo palestinese, (vittima principalmente di Hamas, dell 'Iran e dei mercanti di armi; quanto costa un missile?) Argomentare con Voi è inutile. O siete in malafede (cosa che ho imparato essere la più probabile) o siete degli idioti (cosa che non si può escludere a priori) Pastrito. Le dichiarazioni di Ben Gurion venivano rilasciate in un periodo di guerra di 50 anni fa: nella ragione sociale di Hamas, c'è scritto, oggi, che bisogna sterminare gli ebrei. Buon ispiratore è quell'altro fenomeno che vuole infibulare tutte le donne; Lei, pacatamente, gli sta tenendo la parte. E, sia detto per inciso, i signori di Hamas non si fanno saltare in aria: mandano gli altri a farsi saltare in aria; si iscriva nelle liste di collocamento: vedrà che un posto glielo trovano.

roberto_m

Mer, 23/07/2014 - 23:43

come sempre, grandissimo Feltri! in poche righe un'analisi lucida e veritiera della situazione israelo- palestinese. per pravda99: BASTA BASTA BASTA scrivere certe coglionate! ma non si è ancora convinto che tutto ciò che scrive è semplicemente farneticante ? frutto di una mente bacata ed assolutamente in preda a delirio ?

Ritratto di wilegio

wilegio

Gio, 24/07/2014 - 00:11

Esattamente così... ma provi a spiegarlo ai trinariciuti!

Ritratto di robergug

robergug

Gio, 24/07/2014 - 00:53

Articolo perfetto, grazie!

Ritratto di robergug

robergug

Gio, 24/07/2014 - 00:53

Ottimo articolo, grazie

bret hart

Gio, 24/07/2014 - 03:13

feltri complimenti articolo bellissimo

gigetto50

Gio, 24/07/2014 - 08:00

......Israele restituisce i territori occupati in cambio di un trattato di pace come successo con Egitto, restituendogli il Sinai. Chiaro che chi non vuole la pace ma anzi la sua distruzione (Siria e Hamas), non ha restituiti i territori. Mi pare molto semplice e logico. Se poi ci si spinge piu' in la' dicendo implicitamente che il fatto stesso della creazione dello Stato di Israele é un sopruso, beh allora é inutile discutere con questa gente/commentatori.

patrenius

Gio, 24/07/2014 - 08:08

La verità è semplicissima: la Palestina era dei palestinesi e ora è occupata dagli Ebrei. I palestinesi sono richiusi in un mega Lager. Il ghetto di Varsavia che si ribellò ai nazisti era abitato da terroristi? Fu sterminato. La verità è che la lobby ebrea siede ovunque ( congresso USA, ONU, Stampa e televisioni mondiali) e la storia la scrivono, da che mondo è mondo i vincitori. Scrivono la storia ma non la verità....

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Gio, 24/07/2014 - 08:10

egragio Feltri Lei difende a spada tratta Israele- e non è certo la prima volta!- ma la sua posizione sulla "guerra" con Hamas fa acqua da tutte le parti. Innanzitutto mi spieghi come mai il Mossad -i servizi segreti israeliani- che ha dato sempre prova di essere , se non il più agguerrito e intrapprendente, tra i migliori servizi di intalligence del mondo, non riesca a individuare i cosidetti "tunnel" attraverso cui arrivano le armi ai terroristi, che sembra essere il motivo delle azioni militari israeliane con cui si cerca di "bonificare il territorio congiuntamente alla neutralizzazione delle "rampe di lancio dei missili " micidiali" che partono dai territori... e che finora non hanno ammazzato nemmeno un gatto israeliano! Ho già scritto che la guerra fa il gioco di entrambi i contendenti perché Hamas lucra sulle rimesse da parte dei Paesi Arabi fratelli mentre Israele può proseguire imperterrito nella colonizzazione delle aree del Golan della Cisgiordania e della stessa Striscia di Gaza, infischiandosi delle risoluzioni dell' ONU che le impongono il ritiro! Ma come spesso accaduto nella storia tragica del Popolo Eletto prima o poi i nodi vengono al pettine e la "minoranza mondiale" dei figli di Israel sarà oggetto della vendetta e dell' odio che essa stessa pratica . Mi chiedo, ma la storia insegna nulla a questo popolo che tanto ha già patito in Oriente e in Occidente in quasi tremila anni della sua storia? Mi chiedo se gli ebrei che tanto potere e conoscenza hanno nel mondo,che controllano tanti campi del sapere , della finanza della cultura.....siano davvero così certi che ciò che ora sono e hanno, li ponga al di sopra di tutto e di tutti? Dall' odio nasce odio e se un domani -Dio non voglia!- i nemici del Popolo di Dio riuscissero ad armarsi veramente -altro che con i missili "fai da te" che ora sparano sparano a caso-, che ne sarà di quelli che il Papa Wojtila chiamò I NOSTRI FRATELLI MAGGIORI?

paci.augusto

Gio, 24/07/2014 - 08:15

Bravissimo Feltri!! I soliti ottusi, fanatici, disonesti ROSSI sono i fiancheggiatori dei criminali terroristi arabi. Non importa che questi delinquenti uccidano innocenti in TUTTO IL MONDO, si facciano saltare nelle scuole e sui mezzi pubblici, lancino missili su Israele e si facciano scudo di bambini e ospedali, per i compagni sono gli eroi mussulmani e i nostri sindaci rossi costruiscono loro moschee dove potranno fare proselitismo terrorista!! Ma tanto, come è loro costume, i compagni NON AMMETTERANNO MAI DI SBAGLIARE!!!Lo conferma su questo blog l'ottuso Pravda99!!!

ale76

Gio, 24/07/2014 - 09:27

Quello che tendete a dimenticare è che Israele sta occupando delle terre che non gli appartengono. Lo stato di israele non dovrebbe esistere in quei luoghi. Se dopo la guerra gli avessero dato la Lombardia, caro Feltri, non avresti combattuto? Pensaci...

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Gio, 24/07/2014 - 09:33

per leggere la verità è sufficiente esaminare le condizioni che impongono i terroristi per il cessate il fuoco ''provvisorio, pure''! -Mi è dato di leggere su Facebook di certe svalvolate che postano riporti raccapriccianti della guerra come fossero le loro foto ricordo dei tempi migliori dove qualunque graffietto o eccidio viene caricato alla responsabilità di Israele, e non si vergognano, che sta sotto il costante tiro dei terroristi pro palestina, MAI PALESTINESI, CHE, PERALTRO ACQUISTANO ARMI E TECNOLOGIA BELLICA con le provvidenze che L'onu fornisce a quel popolo in maniera assai copiosa, usando, poi asili ed osperdali come basi e facendosi scudo di donne e bambini! Ma come sono umanitarie queste mamme nostrane.-

claudio faleri

Gio, 24/07/2014 - 10:24

questo odio piace alla sinistra, schierata naturalmente con i palestinesi che se sono nella merda è solo colpa loro..

Ritratto di nuvmar

nuvmar

Gio, 24/07/2014 - 12:14

mi hanno interrotto il commento, confermo quanto detto in precedenza , con buona pace per chi crede al terrorista arabo contrario a prescindere per dominare pure te! -Ma pensa come sono bravi a nascondersi dentro gli asili e farsi scudo dei bambini, e tu gli credi, pure; sai le risate che ti buttano dietro.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 24/07/2014 - 13:03

Veramente Israele accoglie i palestinesi, ma la Giordania, che è Stato palestinese, non accoglie gli ebrei. Oppure gli ebrei che stanno in Giordania non sono così bellicosi.

onurb

Gio, 24/07/2014 - 14:40

fritz1996. A smentire la sua lettura dei fatti c'è una considerazione banale che lei trascura. La differenza nel numero dei morti civili dei due contendenti deriva da un piccolo particolare: Israele al primo sintomo di attacco con missili fa correre i civili nei rifugi, in altre parole si preoccupa di proteggerli; Hamas, invece, li trattiene in vicinanza delle postazioni missilistiche, ossia li usa per i suoi scopi propagandistici. Si sfogli qualche libro di diritto internazionale umanitario e forse incomincerà a capire qualcosa.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 24/07/2014 - 16:13

#luigipiso# Vergognoso copia-incolla.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Gio, 24/07/2014 - 16:15

#VirgilStarkwell# Si!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 24/07/2014 - 23:56

L'ipocrisia sul terrorismo di Hamas si trascina da anni. Non si riesce a vedere alcuna possibilità di miglioramento. Si continua a dialogare con un farabutto che vuole cancellare Israele. L'ATTUALE IPOCRISIA È FIGLIA DELL'IDIOZIA DEL PREMIO NOBEL PER LA PACE ASSEGNATO AD ARAFAT CHE AVEVA FATTO DI TUTTO FUORCHÉ FAVORIRE LA PACE.