Se la toga fa politica con le sentenze sui rom

"Etnia discriminata": i giudici vanno oltre la legge e giustificano così la condanna di Borghezio

Milano - Sono «facce di c... che qualche presidente della Camera riceve», «spero che non portino via gli arredi della Camera»: così parlò Mario Borghezio, europarlamentare della Lega Nord, l'8 aprile del 2013 durante un collegamento con la sempre tagliente trasmissione radiofonica La Zanzara , su Radio 24. Si parlava della visita da parte di otto giovani di etnia rom a Montecitorio, su invito della presidente Laura Boldrini. Affermazioni che trasudano razzismo - e anche una certa facile banalità, per esempio nell'altro passaggio in cui l'esponente del Carroccio sostiene che rispetto al lavoro «sono come l'acqua con l'olio» - e per le quali era arrivata lo scorso 26 giugno una condanna a pagare mille euro di multa per il politico leghista. Perché, hanno scritto i giudici della decima sezione penale nelle motivazioni della sentenza rese note ieri, quelle opinioni denotano «inequivocabilmente un sentimento di avversione» e «l'idea di fondo evidenzia un evidente pregiudizio razziale nei confronti di un'intera etnia, giudicata inferiore culturalmente e socialmente rispetto agli italiani».

I giudici vanno anche oltre, si allargano in una riflessione sociologica e politica, quando mettono nero su bianco che «la valenza discriminatoria delle dichiarazioni rilasciate dall'imputato» deve essere riconosciuta in un «momento storico» in cui «i rom sono una delle minoranze più discriminate e colpite da pregiudizi, come è provato anche dai numerosi articoli prodotti dalla difesa relativi allo sdoppiamento di una linea di autobus da parte del Comune di Borgaro, in provincia di Torino, che (...) ha destinato un autobus a servire i cittadini “integrati” e l'altro i rom». Il riferimento è alla decisione, risalente a circa un anno fa a Borgaro Torinese, in Piemonte, di «sdoppiare» la linea del bus 69, che ha una fermata proprio davanti al campo rom: di fronte ai soprusi e alle denunce dei cittadini, si era deciso di destinare un bus ad uso esclusivo dei rom e un altro a tutti gli altri. Tradotto: per dare corpo alle sue motivazioni il giudice va a riesumare un caso di cronaca politica avvenuto da tutt'altra parte, e che per luogo e tempo non c'entra nulla con le frasi razziste pronunciate de Borghezio. E ad onor di cronaca: la proposta di «segregare» i rom in un bus ad hoc fu approvata in consiglio comunale - attenzione - da Pd e Sel. Cioè due partiti ideologicamente parecchio lontani dalla Lega Nord. Non bastava fermarsi a delle motivazioni tecniche? C'è sempre questa verve politica sotto traccia, o sotto la toga, questo rivendicare indipendenza e poi mettere in mezzo la politica, scomodare consigli comunali fuori dai confini di competenza, anche dove basterebbe la legge a fare giustizia, con buona pace della separazione dei poteri di montesquieuiana memoria. Sarebbe bello se i giudici si preoccupassero di applicare bene la legge, i politici di realizzare il bene comune, i comici di farci ridere e gli imprenditori di creare lavoro. Ma forse è pura utopia.

Commenti
Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 03/11/2015 - 09:06

I giudi della decima sezione penale hanno un nome e cognome o sono figli di ignoti?

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 03/11/2015 - 09:28

IL CODICE PENALE SANCISTE NEGLI ARTICOLI CHE SONO TUTTI E RIPETO TUTTI CHE DEVONO ESSERE CONDANNATI O ASSOLTI INDIPENDENTEMENTE DALLA LORO SITUAZIONE SOCIALE O ALTRO. EBBENE CI SONO STATE SENTENZE CHE SONO STATE SCRITTE CON LA PENNA ROSSA, MA SOLO PER IL COLORO POLITICO. SE I GIUDICI SCRIVONO CHE GLI ZINGARI SONO ABITUATI E' LA LORO CULTURA CHE RUBANO ALLORA PER ME SONO COMPLICI. IL CODICE PENALE E' IL CODICE PENALE NON LEZIONI DI SOCIOLOGIA NELLE UNIVERSITA' COMUNISTE CHE MAGARI ERANO LORO STESSI A FREQUENTARLI A MIO MODO DI CAPIRE E LEGGERE SCRIVERE COSI' SI E' COMPLICI MORALI E POLTICI

pagu

Mar, 03/11/2015 - 09:48

ZINGARI= LADRI,FANNULLONI, PARASSITI, FUORI DALL'ITALIA, FUORIIIIIII, e adesso datemi l'ergastolo.

pagu

Mar, 03/11/2015 - 09:48

BORGHEZIO, resisti, non mi stai simpatico, ne ti stimo, ma in questo caso hai ragione da vendere.

Ritratto di depil

depil

Mar, 03/11/2015 - 09:49

sicuramente sono figli di magistrai come loro corrotti per modificazioni genetiche

maurizio50

Mar, 03/11/2015 - 10:18

Se siamo in un Paese che sta affogando...metà delle colpe sono ascrivibili alla politica che ispira le sentenze dei giudici ideologicamewnte schierati.

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mar, 03/11/2015 - 10:38

Mettete quei giudici sull'autobus 69, tutti i giorni; poi ne riparliamo.

Un idealista

Mar, 03/11/2015 - 10:51

... e i religiosi di insegnare il Vangelo.

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 03/11/2015 - 10:58

OLDPETERJAZZ LORO CAMMINANO CON LE MACCHINE DEL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA E CON AUTISTA I PARENTI SE VENGONO AGGREDITI O DERUBATI STANNO ZITTI PER ONORE DEL COLORE POLITICO

FRANZJOSEFVONOS...

Mar, 03/11/2015 - 10:59

METTO SULL'AVVISO CHE CI SONO PERSONAGGI CHE APRONO E CHIUDONO NEGOZI PER TRUFFARE I CLIENTI SI FOTTONO L'ANTICIPO E SCAPPANO HANNO DENUNZIE DAL 2008 E NESSUN TRUFFATO ANCORA E' STATO CHIAMATO A DEPORRE DAVANTI AL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI PARLO DI MILANO E DEL TRIBUNALE DI MILANO. HANNO INIZIATO A CORSICO E POI IN ALTRE CITTA' DELLA LOMBARDIA E ANCHE DELL'ITALIA DEL NORD INDISTURBATI

paràpadano

Mar, 03/11/2015 - 11:27

questi giudici si son bevuti il cervello, ammesso che l'abbiano avuto , io sto sicuramente dalla parte di Borghezio.

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Mar, 03/11/2015 - 11:52

Come faccio a non essere xenofobo e razzista se persino i giudici danno sempre ragione a tutte le merde del mondo e io devo solo pagare?

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 03/11/2015 - 12:28

Con quelle motivazioni la magistratura potrebbe condannare qualche milione di Italiani, come del resto risulta dalle inchieste giornalistiche spesso apparse in TV. La valutazione dei fatti qui data nell’articolo di G. De Vivo sembra largamente condivisa dalla gente comune, però non tanto per ostilità verso l'etnia rom, quanto piuttosto per il comportamento antisociale, spesso delinquenziale, di singoli individui. Diciamo anche che di questi tempi i rom vengono ulteriormente mal visti non per colpa loro, ma per la pesante situazione determinata dal flusso incessante di immigrazione incontrollata proveniente dai paesi africani e del vicino oriente.

luciano32

Mar, 03/11/2015 - 14:05

Come siamo ridotti, che giustizia abbiamo???

routier

Mar, 03/11/2015 - 17:32

Il cardinale Richelieu, (Primo ministro del re di Francia Luigi XIII°) ai suoi collaboratori diceva: "Portatemi dieci righe scritte dal più onesto degli uomini ed io vi troverò di che per spedirlo alla forca". Mettendo in pratica queste premesse, qualunque giudice in malafede ha la facoltà di condannare chiunque. (e i nostri giudici conoscono la storia)