Sentenza choc: si cambia sesso senza intervento

Per la Corte costituzionale non sono più biologia e chirurgia a stabilire l'identità di genere

Con la sentenza 180 del 13 luglio 2017 la Corte Costituzionale ha definitivamente scardinato la necessità di interventi chirurgici o trattamenti ormonali per ottenere la riassegnazione del sesso anagrafico. Il tutto inizia al Tribunale Civile di Trento nel 2015, quando in due diversi procedimenti le parti ricorrenti, interessate al cambio di sesso, propongono di sollevare una questione di costituzionalità sulla legge 164 del 1982 in materia di rettificazione di attribuzione di sesso, perché stando alla lettera della norma l'intervento chirurgico e ormonale di trasformazione era un elemento essenziale per la rettifica del sesso anagrafico. Nonostante il testo della normativa fosse già stato ampiamente trasfigurato e martoriato dalle varie interpretazioni estensive e nonostante già la Cassazione aveva consolidato una lettura forse anche contraria alla legge, il tribunale di Trento si è voluto spingere oltre. Il giudice remittente aveva ben compreso che si stava applicando una norma contraria al testo, così ha invocato la Corte Costituzionale affinché semplicemente eliminasse dall'ordinamento quelle parti della legge scomode per il progressismo, che ultimamente ha fatto breccia anche nelle alte corti italiane. La Corte Costituzionale, però, ha dichiarato la questione non fondata, ma non per uno scatto di fedeltà al buonsenso che ci direbbe che un uomo o una donna dovrebbero essere tali se biologicamente o quantomeno anatomicamente lo sono realmente, bensì perché ormai, secondo l'interpretazione granitica della Cassazione, uomo o donna che sia ha «il diritto fondamentale all'identità di genere» e quello deve essere applicato. In buona sostanza il giudice deve limitarsi a controllare se la persona nelle relazioni sociali, nelle aspirazioni personali e nella vita quotidiana si senta a proprio agio con una identità sessuale (o meglio di genere per essere politicamente corretti) diversa da quella che al momento della nascita gli è stata attribuita guardando semplicemente le caratteristiche anatomiche. Sembrerebbe quindi che ognuno possa, e forse anche debba a questo punto, scegliere se essere maschio o femmina, ma la Corte in conclusione nega questa eventualità, perché «il dato volontaristico» non è sufficiente, trasformando il giudice nel caso concreto in un decisore onnipotente. Ovviamente il dottor Alexander Schuster, avvocato di parte, da anni impegnato in questa tipologia di battaglie sottolinea che «questa importante sentenza evita di indulgere nella persistente prassi di molti tribunali di considerare l'accertamento come l'accertamento di una patologia. Finalmente la Corte abbraccia un discorso più ampio, capace di restituire alle persone trans una dignità». Di tutt'altra idea è il Magistrato Alfredo Mantovano, vice presidente del Centro Studi Livatino, secondo il quale «questa sentenza conferma il ruolo del giudice che diventa arbitro della determinazione del sesso di una persona al di là dei dati naturali e originari rispetto all'autopercezione che un singolo ha di sé rispetto al sesso o al genere per usare la terminologia di moda - e rincara - riconoscere tutta questa discrezionalità su un terreno così delicato deve far riflettere. I dati di natura non sono tanti, se mettiamo in discussione se una persona è maschio o femmina figuriamoci poi il resto».

Senza invece indugiare su formalità e concetti sfumati e di per sé problematici, come il diritto di natura, è il direttore di dipartimento di Neuroscienze di Brescia e primario, specializzato in neurochirurgia e psichiatria, secondo il quale «l'identità sessuata non si decide né per legge né per libero arbitrio, ma è scritta in tutte le cellule del nostro corpo, dalla punta dei piedi ai capelli. Questo è ineludibile, gli stessi interventi di riassegnazione sessuale sono interventi esterni di chirurgia o di medicina estetica, perché l'identità sessuata di quei soggetti non cambia né in forza di ormoni né di interventi chirurgici. Negare questo è negare le basi biologiche che la natura ci consegna, inventare una presunta identità di genere, che però non trova fondamento nella biologia».

Commenti

giovanni951

Dom, 16/07/2017 - 08:45

disgusting

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 16/07/2017 - 08:46

mi sa che ad essere rincretinito è il giudice della sentenza! non ha capito affatto, anzi, non vuole capire, forse perchè ha ricevuto "stimoli" a non capire, e ha orientato la sentenza a favore della categoria!

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Dom, 16/07/2017 - 09:10

Ormai i nostri magistrati, allineati al pensiero della sinistra, hanno deciso che il sesso è facoltativo,a prescindere dalle leggi biologiche. Ormai l'Italia, seguendo l'ideologia democratico-progressista, sta diventando come Sodoma e Gomorra. Mentre tutti sanno cosa succedeva a Sodoma; c'è da pensare che a Gomorra accadesse quello che accade oggi in Italia.

sparviero51

Dom, 16/07/2017 - 09:12

QUI' CI VUOLE UN'ALTRA GUERRA O UNA SANA DITTATURA . QUESTI SI SONO BEVUTI IL CERVELLO !!!

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 16/07/2017 - 09:22

già già..... però gli uomini che diventano "donne" non possono gareggiare nello sport con le donne vere e proprie. e allora perché non possono farlo? non solo: se c'è un concorso con posti riservati stile "quote rosa" mi dichiaro donna e vinco (e dopo, magari ritorno "uomo" e mi tengo il posto). l'arma principale contro questa ondata di demenza deve essere l'ironia (oltre al voto)

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 16/07/2017 - 09:24

IN POCHE PAROLE SE NEL PATRIMONIO DEI CROMOSOMI DI OGNI CELLULA VI E' UN CROMOSOMA X ED UNO Y SI TRATTA DI UN UOMO SE INVECE VI SONO DUE CROMOSMI XX SI TRATTA DI UNA DONNA. QUESTO DICE LA NATURA LA SCIENZA ED IL PADRE ETERNO E NESSUN MENTECATTO COMUNISTA POTRA' MAI CAMBIARE QUESTO CHE E' UN DATO OGGETTIVO !!!

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 16/07/2017 - 09:26

@ GLI ITALIANI HANNO DAVANTI A SE DUE STRADE: UN REGIME COME NEL 1922 CHE RIMETTA A POSTO L'ITALIA OPPURE CONTNUANDO COSI' PRESTO DIVENTEREMO UNA DITTATURA ISLAMICA COME L'IRAN (NELLA MIGLIORE DELLE IPOTESI) !!!

paolonardi

Dom, 16/07/2017 - 09:44

L'intervento del medico e' di una linearita' e correttezza scientifica disarmante. Non a quanto pare per la magistratura fuori controllo da sindrome di delirio d'onnipotenza che comprende anche la possibilita' di legiferare come ha ben compreso il dott. Mantovano, vero magistrato.

frapito

Dom, 16/07/2017 - 09:45

Credo che il giudice, oltre ad essere rincretinito, sia affetto da schizofrenia delirante e allucinatoria. Come si fa a sentenziare che "esiste" qualcosa che in effetti non esiste, ne fisiologicamente e ne biologicamente? La giurisprudenza italiana è amministrata da questi soggetti? Siamo messi proprio bene!!!!!!

lilli58

Dom, 16/07/2017 - 09:47

mi sento ormai un marziano, che faccio? vado all'anagrafe?

Ritratto di stufo

stufo

Dom, 16/07/2017 - 09:48

Togliete quella foto dello sbaglio della natura!

Luigi Farinelli

Dom, 16/07/2017 - 09:53

Sai che "spasso" quando i giudici dovranno cominciare a decidere in merito ai "nuovi diritti" già diffusissimi nelle "civilissime" nazioni d'Oltralpe! In Svezia, Cecilia Johanson, leader della sezione giovanile del precedente governo Svedese ha risolto un dubbio: "come si può rifiutare ad una persona il diritto di poter fare l'amore con la salma del caro estinto?" Trovata la soluzione: "basta che il caro estinto, prima di morire, acconsenta per scritto"! Circa l'incesto ha detto: "Non si può rifiutare: però deve avvenire...fra fratelli e col profilattico" (in Australia, fra chiunque in famiglia, purchè sempre col profilattico). E il matrimonio con il proprio animaletto domestico? In Olanda (e non solo) già risolto. Le nuove frontiere sono per lo sbolognamento della pedofilia che, grazie alla Bonino e al suo sodale Soros, non starà ancora molto. Pazientate giudici, pazientate!

Luigi Farinelli

Dom, 16/07/2017 - 10:04

Sai che "spasso" quando i giudici dovranno decidere in merito alla marea di "nuovi diritti" già in auge nei "civilissimi" Paesi d'Oltralpe? Cecilia Johanson, leder della sez. giovanile del partito del precedente governo svedese ha risolto un dubbio lancinante, poiché un "nuovo diritto" non si può negare a nessuno; così, chi vuole fare all'amore con la salma del caro estinto, può farlo, purchè il caro estinto, prima di morire, accetti per iscritto. La stessa ha confermato che l'incesto è possibile "purchè fra fratelli (chissà poi perché tale limitazione?) e col preservativo" (in Australia con tutti, sempre però con preservativo). In Olanda il matrimonio con gli animali domestici è consentito mentre la pedofilia sarà sbolognata grazie ai decennali tentativi dei Radicali, della Bonino e del suo sodale George Soros, con la sua Fondazione che progetta programmi scolastici e gender redatti da pedofili dichiarati! Pazientate giudici, pazientate!

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 16/07/2017 - 10:12

Allora se mi dichiaro donna, posso entrare negli spogliatoi femminili e fare la doccia con loro,facendo cadere il loro..bagnoschiuma o nelle saune ed ancor di più negli hammam dove...??? :-)

Rosarosaerosae

Dom, 16/07/2017 - 10:19

Avere XY non sempre determina lo sviluppo maschile: vedi la sindrome di Morris dovuta a insensibilitá delle cellule al testosterone, per cui nasce femmina perché di DEFAULT SIAMO TUTTI FEMMINE. E se le cellule del cervello che presiedono alla coscienza di sé come maschio fossero insensibili al testosterone per cui uno si sentisse donna? É quanto accade in chi non si sente quello che dovrebbe essere in base ai genitali. Comprendo che questi discorsi sono difficili da capire per chi divide l'umanitá in categorie basate su testi millenari, ma... e se fosse la terra a girare attorno al sole e non viceversa come dice la Bibbia?

Albius50

Dom, 16/07/2017 - 10:21

Mi par di capire che una volta uno credeva in DIO ma ora abbiamo un CRISTO sulla terra, pardon la CASSAZIONE che stabilisce che uomo o donna NON ESISTONO + indipendentemente dal sesso.

il sorpasso

Dom, 16/07/2017 - 10:33

Sono semplicemente dei pazzi di color rosso!

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 16/07/2017 - 10:42

Solamente quando gli uomini potrannO potranno partorire, potrò rispettare questa legge creata da """IDIOTI, DA GENTE CHE HA SOTERRATO IL PROPRIO CREDO, GENTE, CHE VERAMENTE È NATA SOTTO LE PIANTE DI CETRIOLI"""!!! E questa gente, viene anche (stra)pagata dal DANARO PUBBLICO??? Cose da manicomio!!!

antonmessina

Dom, 16/07/2017 - 10:50

disgustosa malagiustizia

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 16/07/2017 - 10:55

Leggendo questo articolo, sono riuscito finalmente a capire il perchè che questi CATTO-COMUNISTI, ABBIANO CHIUSO I MANICOMI!!!

giovanni PERINCIOLO

Dom, 16/07/2017 - 10:56

Corte costituzionale??? lasciamo perdere, commentare sarebbe troppo pericoloso!

Ritratto di thunder

thunder

Dom, 16/07/2017 - 10:58

Siamo di nuovo a sodoma e Gomorra,fra poco arriva l'arcangelo con il napalm.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 16/07/2017 - 10:58

@ Rosarosaerosae CHI HA UN CROMOSOMA Y E' BIOLOGICAMENTE MASCHIO. SE PER MALATTIE O DISTURBI ORMONALI NON SVILUPPA BENE I GENITALI E' MASCHIO MALATO E DIFETTOSO MA SEMPRE MASCHIO. IO DIVIDO L'UMANITA' ON IN BASE A TESTI MILLENARI MA IN BASE A QUANTO LA NATURA HA STABILITO DA MILIONI DI ANNI.CAPISCO CHE CHE PER CHI E' COMUNISTA RAGIONARE CON LA LOGICA E' IMPOSSIBILE.

Rosarosaerosae

Dom, 16/07/2017 - 11:04

Ma non sarebbe meglio evitare di classificare le persone in base al sesso o al genere? Questa classificazione va bene nei paesi arabi dove c'é una netta separazione di ruoli e diritti. Ma in Italia dove la donna puó pure pilotare l'aereo e fare il militare, mi dite che utilitá ha classificare le persone in M e F ?

Anonimo (non verificato)

frapito

Dom, 16/07/2017 - 11:19

@rosarosarosa- capisco che si vuol tirare l'acqua al proprio mulino, ma si tratta di acqua sporca. La sindrome do Morris descritta in modo molto approssimato, ed penso volutamente impreciso, è perfettamente diagnosticabile e documentabile, e non mi risulta che tutti i richiedenti "il cambiamento" abbiano presentato tale documentazione diagnostica a proprio carico. D'altronde il ricorso al "drogaggio" di ormoni sintetici conferma la volontà di alterare un sistema endocrino perfetto. Ripassa il processo di riproduzione sessuata e vedrai che, per default, siamo tutti fondamentalmente BISESSUALI.

Klotz1960

Dom, 16/07/2017 - 11:20

Far diventare regole le eccezioni e' la prova sicura della profonda decadenza. Ma attenzione, perche' ogni eccesso richiama il suo opposto (vedasi ad esempio la decadenza di Weimar ed il nazismo). La corda sta per spezzarsi.

Rosarosaerosae

Dom, 16/07/2017 - 11:38

@robocop2000 Guarda che avere un Y che non funziona equivale a non averlo, quindi é femmina. Tante donne hanno il cromosoma Y e non sono uomini malati ma donne molto belle che non sanno neppure di avere XY invece di XX

frapito

Dom, 16/07/2017 - 12:28

@rosarosaerosse- (parte 2) quando, da "intellettuale chic" si fanno "discorsi difficili da capire", si deve cercare di essere "intellettualmente" onesti.

Luigi Farinelli

Dom, 16/07/2017 - 12:36

x robocop2000: forte e chiaro!

Ritratto di Vizegraf

Vizegraf

Dom, 16/07/2017 - 12:48

Rosarosaerosae - Per sapere in quale gabinetto entrare. E' sufficiente?

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Dom, 16/07/2017 - 12:53

Ora che l’Italia e l’Occidente, grazie al politicamente innaturale, sono diventati un immenso ospedale psichiatrico, certe barzellette non si raccontano più. Ricordate quella del paziente che si credeva un chicco di grano ed era terrorizzato dalle galline? Dimesso, uscendo dall’ospedale si trova davanti una gallina. Spaventassimo corre a nascondersi dietro lo psichiatra. Questo lo rassicura:«lo sai che non sei un seme, ma una persona umana, vero»? Quello: «certo io lo so, ma la gallina lo sa»? Chi è sano di mente sa che anche gli altissimi magistrati non sono Dio e nemmeno Madre Natura. Se però, ha la disgrazia di dover subire certe loro sentenza la domanda se la pone: «me loro lo sanno che non sono Dio»? Oltre 80 mila infibulate in Italia. Chi mutila a quel modo delle inermi bambine, non chiede ai giudici, guarda alle caratteristiche anatomiche per fare il danno.

frapito

Dom, 16/07/2017 - 13:05

@rosarosaerosse- .... e se non lo sanno loro come fai tu a saperlo? Immagini??? Dai un poco di serietà!!!

ohibò44

Dom, 16/07/2017 - 17:24

Dunque, “uomo o donna che sia ha «il diritto fondamentale all'identità di genere» e quello deve essere applicato” Ohibò, il giudice (sic) ha dimenticato di definire il fattore ‘tempo’. Io praticamente, in base all’umore del momento, potrei cambiare sesso ogni dieci minuti.

Frank90

Dom, 16/07/2017 - 20:49

Non so. Io ritengo che il mondo occidentale sia caduto nelle mani sbagliate. Credo che in tempi non sospetti tutte le istituzioni, governative e clericali, non abbiano vigilato abbastanza. Si è permesso a personaggi e idee malsane di penetrare nelle suddette istituzioni. Dal 1789 in poi l'Occidente ha iniziato una lenta ma inesorabile discesa nell'abisso. Chi poteva arrestarla, o almeno rallentarla, non ha mosso un dito. Ora raccogliamo i frutti. Io non ho nulla contro le persone omosessuali ma anche loro dovrebbero preoccuparsi per queste derive autoritarie. Dovrebbero smetterla di farsi usare e manipolare dalla massoneria giudaica.