Sgombero CasaPound, Di Stefano: "Resisteremo con unghie e denti"

Simone Di Stefano, vicepresidente e candidato premier di CasaPound Italia, commenta la notizia sullo sgombero di via Napoleone III: "È solo una boutade elettorale, ma se così non fosse siamo pronti a resistere con le unghie e con i denti"

C’è un immobile in via Napoleone III che fa le veci di “ambasciata italiana in Cina”. È un piccolo puntino, una bandierina tricolore che si perde nella galassia di negozi all’ingrosso, parrucchieri, ristoranti e le più disparate attività gestite da stranieri. È occupato dal dicembre del 2003 ed è uno dei pochi (pochissimi) centri sociali di destra della Capitale. Non uno spazio non conforme tout court, ma il quartier generale di CasaPound Italia che, tra quelle quattro mura, si è trasformata da movimento in partito politico.

Oggi qualcuno dice che non resterà lì a lungo. Ci sono tre priorità nel mirino della prefettura: una di queste è proprio CasaPound. Eppure, nel 2016, l’allora commissario straordinario di Roma Paolo Tronca aveva stilato una lunga lista di 74 immobili da sgomberare di cui 16 “entro la fine dell’anno”. Nella lista complessiva c’è anche quello di via Napoleone III che invece non figura in quella ristretta. Insomma, nemmeno due anni fa lo sgombero di quella palazzina di proprietà del demanio non era prioritario. Qualcosa dev’esser cambiato. Nel frattempo CasaPound ha aperto 108 sedi, incassato un 9 per cento ad Ostia e piazzato amministratori qui e lì lungo la Penisola. È cresciuta. E non sfugge il tempismo con cui è arrivata la notizia, a poco più di un mese dalle elezioni con cui le “tartarughe frecciate” sperano di entrare in Parlamento e alla Regione Lazio.

Il vicepresidente Simone Di Stefano è il candidato premier. Riguardo a questa vicenda non ha dubbi: “La prefettura ha rimaneggiato quella lista per dare un contentino all’elettorato del Partito Democratico”. Un elettorato su cui la “vulgata antifascista esercita sempre il suo fascino”. Ma non c’è di che preoccuparsi, per Di Stefano si tratta solo di “una boutade elettorale”. È il segno “di una sinistra povera di argomenti a cui non resta che portare avanti battaglie di retroguardia”. Nessuno stupore quindi. Secondo il candidato premier di CasaPound: “È tutto perfettamente coerente con le mosse di Fiano e della Boldrini, gente che ha scommesso sull’antifascismo per farsi strada in politica”.

Anche Virginia Raggi ha la sua fetta di responsabilità. Sulla convocazione del tavolo metropolitano che si occuperà anche dello sgombero di CasaPound c’è pure la sua firma. È in campagna elettorale anche lei, tenta di ridimensionare l’impatto negativo che il suo governo rischia di avere sul voto. “La Raggi – taglia corto Di Stefano – è una professionista del benaltrismo, una maestra nel distogliere l’attenzione dalla sua incapacità di amministrate la Capitale”. E lo sgombero di CasaPound è la foglia di fico perfetta “dietro cui nascondere la sua incompetenza”. Come quando, per mostrare il pugno di ferro con gli abusivi, mise i sigilli alla storica sezione della destra romana di Colle Oppio sollevando un vespaio di polemiche. Anche quello era il punto di riferimento politico di un mondo, quello degli ex di Alleanza Nazionale, e un luogo di aggregazione per il quartiere.

Per il momento, stando alle indiscrezioni trapelate da Palazzo Valentini, “non sono all’ordine del giorno azioni di forza”. Ma da via Napoleone III il messaggio è chiaro: se le voci sullo sgombero non fossero solo propaganda dell’ultim’ora “resisteremo con le unghie e con i denti”. Perché “qui dentro ci abitano delle persone in emergenza abitativa, famiglie, bambini e pensionati”. Sono tutti italiani. Quegli inquilini rappresentano una promessa, il punto di partenza di un progetto che si è via via strutturato come alternativa politica al grido di “prima gli italiani”. E “qualora l’amministrazione pretenda di mandarci via senza offrire delle soluzioni alternative degne la risposta sarà che non ce ne andremo”. Il prezzo da pagare non conta. A settembre 2016 i militanti di via Napoleone III hanno già dato prova della loro determinazione. Proprio in quella occasione Di Stefano è finito in manette per aver cercato di impedire che due famiglie venissero sfrattate da un immobile di proprietà del Comune.

Commenti

Cheyenne

Mar, 23/01/2018 - 20:25

I CENTRI DELINQUENZIALI NO E CASA POUND CENTRO DI PATRIOTI SI. FARABUTTI

Una-mattina-mi-...

Mar, 23/01/2018 - 21:01

BRAVI!!!

fifaus

Mar, 23/01/2018 - 21:48

Avanti così e Casa Pound aumenterà i consensi!

peter46

Mar, 23/01/2018 - 23:26

E così sia,per ora e per sempre.

aredo

Mar, 23/01/2018 - 23:44

"destra" ? CasaPound sarebbe "destra" ?? Centro sociale e destra non esistono... Infatti questi sono estremisti socialisti pseudo-fascisti.. ed il fascismo è socialismo, non è destra. Sono cuginetti dei comunisti. Occupano locali come criminali! Esattamente come i loro compagni comunisti "di sinistra". Quindi.. dove è che sarebbero di destra questi qui ??

marco m

Mer, 24/01/2018 - 02:42

Quindi la legalita' va fatta rispettare solo agli altri?

RNA

Mer, 24/01/2018 - 08:15

NESSUN APPOGGIO A CHI OCCUPA, SI RUBA E SI VIOLA IL SACROSANTO E DIMENTICATO DETTATO COSTITUZIONALE SULLA LEGITTIMITA' DELLA PROPRIETA'. QUELLA DELLE OCCUPAZIONI DI DX E' UNA DERIVA EMULATIVA DELLA SINISTRA, CHE NON SI GIUSTIFICA. TUTTI SONO COSTITUZIONALISTI CON L' ART 1, ART 2 E ART 53, CIUCCI CON L' ART 42.

linus

Mer, 24/01/2018 - 09:02

Resistere

Tip74Tap

Mer, 24/01/2018 - 09:30

Alura... sono d'accordo con i commenti precedenti che storcono il naso vedendo associati "destra" e "occupazione illegale" ma vorrei capire se quel luogo era destinato al crollo per incuria e inutilizzo oppure può essere destinato per migliori fini. Ultimo mi chiedo con che coraggio i prefetti (di sinistra ovviamente visto che la destra non li cambia) vanno a richiedere un luogo occupato da gente che pare non disturbare nessuno mentre non vedono il caos delle assegnazioni di case popolari e occupazioni di quasi interi quartieri da parte di persone che possono essere associate a tutto tranne che alla civiltà.