Silvio Berlusconi: "Il governo si regge su 148 deputati illegittimi"

Poi il leader di Forza Italia parla anche della condanna Mediaset: "La Corte di Strasburgo stabilirà la mia innocenza. È solo questione di tempo, ne sono certo"

"Sono certo che sarò reintegrato nella piena innocenza dalla sentenza della Corte Europea di Strasburgo". Silvio Berlusconi torna a parlare nel corso della cena organizzata dal Ppe in corso a Milano e appare fiducioso su come potrebbe essere ribaltata la sua condanna nel processo Mediaset. Il leader di Forza Italia ha anche commentato le mosse dei paesi europei per affrontare l'emregnza immigrazione: "Bene le quote da ripartire proporzionalmente tra tutti i Paesi dell’Ue per dare accoglienza ai
richiedenti asilo".

Poi il Cav ha attaccato il governo: "Questo governo si regge alla Camera su 148 deputati dichiarati illegittimi dalla Corte costituzionale e al Senato da 32 senatori eletti con il centrodestra, che poi hanno deciso di fare la stampella della sinistra". E ha aggiunto: "In Italia in questo momento la democrazia è sospesa, con il terzo governo consecutivo non eletto dal popolo. Io sono stato l’ultimo presidente del Consiglio eletto, nel 2008". Infine ha parlato anche del futuro di Forza Italia: "Abbiamo cominciato a lavorare per costruire un assetto simile a quello della più grande democrazia del mondo, gli Usa. Vogliamo costruire una grande forza democratica sul modello dei Repubblicani, che esprima la maggioranza del nostro Paese, fatta di moderati e liberali".

Commenti
Ritratto di Azo

Azo

Gio, 23/04/2015 - 22:11

Penso che incriminare Napolitano sia l`unica soluzione. Dopo il GOLPE fatto ai danni di Berlusconi, l`Italia è governata da ciarlattani approfittatori, che della popolazione, non interessa altro che denudarla di tutti i propri averi e del proprio volere, assecondando la delinquenza ad espandersi nel paese.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 23/04/2015 - 23:55

Mi chiedo quanti italiani si siano accorti che Napolitano, l'ex capo di stato comunista, ha messo al governo ingiustificatamente i suoi amici del PD. HA CONDOTTO CONTRO OGNI REGOLA DEMOCRATICA UN COLPO DI STATO. Gli italiani sono diventati come le tre scimmiette che NON VEDONO, NON PARLANO E NON SENTONO? Siamo diventati un popolo di pecore?

piolao95

Ven, 24/04/2015 - 01:27

Non vi è alcun dubbio che Berlusconi è stato l'ultimo capo del governo eletto. Non si può non tenere in alcuna considerazione la sentenza della corte costituzionale che ha dichiarato illegittimi 148 deputati del PD . E quindi da ciò' non si può che dedurre che la democrazia in Italia è' sospesa. Chi ha portato l'Italia in questa situazione?

Iacobellig

Ven, 24/04/2015 - 05:44

QUESTE SONO LE CONSEGUENZE DI NAPOLITANO, CHE DA SEMPRE CONTINUA A MUNGERE IL PAESE INCASSANDO FORTI SOMME MENSILI, E DELLA SINISTRA IN QUESTA ITALIA!!!

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Ven, 24/04/2015 - 07:07

re giorgio il comunista vecchio con una vita di SOLI ERRORI, il sodale dei massacratori di Budapest ci ha imposto (non si sa bene se sotto dettatura tedesca o meno) tre governi NON VOTATI. C'è altro da aggiungere? Cosa si aspetta per processarlo? Verità per i Cittadini!

pupism

Ven, 24/04/2015 - 08:25

Pur presente che siamo in un regime parlamentare e finchè esiste una maggioranza il governo formalmente c'è,mi chiedo in quale paese nel mondo democratico un esecutivo sostenuto da deputati eletti nello schieramento opposto abbia diritto a decidere per l'intero paese? In più dichiarato illeggittimo anche dalla Corte Costituzionale? Occorre subito incriminare Napolitano!!!!!

maxime

Ven, 24/04/2015 - 08:38

Non c'è GOVERNO...è come se in un'aula scolastica l'insegnante si assentasse per un periodo di tempo indefinito e al suo posto arriva il bidello, che si siede alla cattedra.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Ven, 24/04/2015 - 09:32

Se c'e' qualcuno che dovrebbe avere il pudore di chiedere scusa e tacere sull'argomento e' proprio lui che all'epoca impose quella legge e invece si permette pure di parlare l'incapace.

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Ven, 24/04/2015 - 11:11

Agrippona..a prescindere da quelli che tu vai blaterando i deputati sono ILLLLEGITTIMI!!! capisci?

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 24/04/2015 - 12:47

Boh, a me risulta che la Corte Costituzionale ha dichiarato che il Parlamento attuale è perfettamente legittimo, compresi 1 148 deputati di cui parla Berlusconi, e questo nella stessa sentenza in cui dichiarava incostituzionale alcune parti del "porcellum" (sentenza n. 1 del 2014, punto 7 del "considerato in diritto"). Se qualcuno conosce altre fonti giuridiche è pregato di fornirle. Strano poi che Berlusconi dica che quei 148 sono illegittimi: ma quando ha sostenuto il governo Letta i 148 erano invece legittimi?

emmea

Ven, 24/04/2015 - 20:54

Anche il suo governo dopo l'uscita di Fini nel 2010 si reggeva su un pugno di parlamentari eletti in altre liste che stavano all'opposizione e furono chiamati "responsabili". Ma l'irresponsabile era lui, Berlusconi, che pur di stare aggrappato a quella poltrona inseguito dai magistrati a causa del suo stesso comportamento discutibile, non rassegnò le dimissioni e pretese nuove elezioni . E quando si dimise, nel 2011, non le pretese (e poteva ottenerle poiché senza il sostegno del PDL al governo lacrime e sangue di Monti, nessun altro partito lo avrebbe sostenuto) e pensò agli affari suoi. Quindi il signor Berlusconi abbia il pudore di astenersi da queste considerazioni. Oggi parla così ma fino all'altro ieri era pappa e ciccia con Renzi poi quando non gli ha concesso Amato presidente (che era pronto a graziarlo) lo ha scaricato, ma a chiacchiere. Oggi fa finta di opporsi, ma tiene un drappello di soccorso definito per convenienza "Verdiniano".

emmea

Ven, 24/04/2015 - 21:12

Chissà perchè quando il M5S propose l'empeachment per Napolitano per gli stessi motivi che oggi in molti commentatori riconoscono evidentemente validi, proprio Berlusconi si oppose e FI votò contro. Non capisco come si possa ancora sostenere un vecchio, condannato, pure bugiardo, che ci ha imbrogliati per vent'anni, preferendo sempre i propri affari prima di quelli degli italiani, espulso dal parlamento per una legge che lui stesso ha votato sostenendo Monti. Uno che accusa Casini, Fini e a suo tempo Bossi di non averlo fatto governare come voleva, e di tradimento Alfano e compagni, ma che però ancor oggi è pronto ad allearsi con loro per tentare di resistere e contare. Ma per fare cosa? Ah si, dimenticavo, gli affari, di Mediaset, del suo gruppo editoriale eccetera.