Dalla Siria alla Libia all'Ucraina tutti gli errori dell'Occidente

L'alleato di Washington ha trascinato l'Europa in una serie di iniziative che sembrano studiate per suscitare contrasti

Le bombe della Nato hanno trasformato la Libia in una pericolosa Somalia dall'altra parte del Mediterraneo. In Siria l'Occidente ha sbagliato tutto fin dall'inizio. In Ucraina abbiamo fatto gli apprendisti stregoni stuzzicando l'orso russo che si è mangiato la Crimea. Negli ultimi cinque anni l'Occidente si è reso responsabile di clamorosi errori, che hanno portato al pericoloso braccio di ferro fra Mosca e Washington dagli esiti imprevedibili.

LIBIA

Nel 2011 il Cremlino considerava scellerata la decisione della Nato di appoggiare a suon di bombe i ribelli libici per abbattere il regime di Muammar Gheddafi. Non occorreva la sfera di cristallo per rendersi conto che la fine del colonnello Gheddafi avrebbe portato un'ondata di instabilità alle porte di casa. Non solo abbiamo bombardato i nostri interessi nazionali nel campo energetico, ma siamo riusciti a scoperchiare il vaso di Pandora delle fazioni libiche, che hanno trasformato il paese in una specie di Somalia. Per non parlare dell'ondata di profughi e clandestini fuori controllo.

SIRIA

Fin dall'inizio della primavera araba in Siria, ben presto sfociata in sanguinosa guerra civile, gli Stati Uniti hanno appoggiato i ribelli «moderati». Peccato che ben presto i «moderati» sono stati fagocitati con armi e bagagli o dominati dagli estremisti di Al Qaida e dello Stato islamico nato proprio dal conflitto siriano. La Turchia, membro della Nato, ha lasciato passare 25-30mila volontari della guerra santa attraverso il confine meridionale con la Siria. A Parigi e Bruxelles l'Europa ne ha pagato le conseguenze con terribili attentati. I russi, storicamente alleati di Damasco, avevano fin dall'inizio messo in guardia l'Occidente dal giocare con il fuoco della crisi siriana. Dallo scorso anno Vladimir Putin ha schierato i cacciabombardieri in Siria ribaltando le sorti del conflitto. Gli Usa non hanno ancora capito che solo con un accordo politico e militare con Mosca, che spazzi via i terroristi di Al Qaida e del Califfato, si uscirà alla meno peggio dalla tragedia siriana.

UCRAINA

Gli americani, seguiti non sempre volentieri da tutti i Paesi dell'Ue, hanno fatto gli apprendisti stregoni nella crisi ucraina. Il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, invitava praticamente ogni giorno a non scherzare con il fuoco nel cortile di casa dell'ex Urss. Il colpo di mano degli ultranazionalisti, minoranza in piazza Maidan ma armata e decisa, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. L'orso russo si è risvegliato riprendendosi la Crimea. La crisi ucraina, da scontro di piazza, è scivolata nel baratro della secessione del Donbass pompata da Mosca, una guerra nel cuore dell'Europa.

SANZIONI

L'Unione europea con alcuni Paesi recalcitranti, come l'Italia, ha ascoltato Washington imponendo sanzioni alla Russia per la crisi ucraina. La mossa si è rivelata un boomerang e ha danneggiato più le nostre esportazioni che la Federazione russa. Nel 2015 l'export italiano è sceso del 25,2 %. Il danno economico per l'Europa unita è di 100 miliardi di euro. Il risultato delle sanzioni è in pratica una minaccia economica per l'Ue.

ESPANSIONE DELLA NATO

La Nato si è espansa ai confini della Russia approfittando del crollo dell'Urss. Se in seguito al crollo del muro di Berlino poteva avere una logica, con le nuove sfide globali post 11 settembre è una strategia sempre più discutibile. I russi, che per natura soffrono della sindrome dell'accerchiamento, hanno sempre visto come fumo negli occhi l'espansione dell'Alleanza atlantica. E una minaccia il dispiegamento di potenziale bellico aggiuntivo in Europa, come i soldati italiani sulla frontiera baltica. Pure Mosca, però, sta mostrando i muscoli con missili e truppe in un'escalation da nuova guerra fredda. Per evitare di gettare ulteriore benzina sul fuoco ci si chiede che senso abbia continuare ad inglobare alleati nella Nato come il Montenegro, che non conta nulla dal punto di vista militare, ma fa inferocire Mosca.

Commenti

ohibò44

Dom, 16/10/2016 - 17:52

La Libia è stata una guerra dichiarata dalla Francia all’Italia per impossessarsi delle risorse petroliferi dell’ENI ….. guerra dichiarata da un ‘compaesano’ in questa UE pacifica con l'appoggio del Nobel per la pace

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 16/10/2016 - 20:02

Per forza, in mano alle sinistre e ai finti democratici, e similari parassiti, questi sono i risultati sotto gli occhi di tutti, tranne quelli dei parassiti che non vogliono vedere, o fingono. Il problema adesso sarà porvi rimedio, sperando che non abbiano fatto il disastro del millennio, ossia che è irreversibile.

Klotz1960

Dom, 16/10/2016 - 20:06

Gli abitanti della Crimea hanno votato al 96% per tornare con la Russia. Quindi il discorso e' chiuso, a meno che non si voglia estendere la guerra civile alla Crimea. Le sanzioni occidentali sono ridicole.

edo1969

Dom, 16/10/2016 - 20:13

dai Ausonio, questo è pane per i tuoi denti

venco

Dom, 16/10/2016 - 20:40

Ma come è possibile che un tizio abbronzato in America decida a chi far guerra o dar sanzioni, e tutta l'Europa deve stare ai suoi ordini.

Ritratto di viktor-SS

viktor-SS

Dom, 16/10/2016 - 20:40

Un atteggiamento criminale che pagheremo a caro prezzo. La cosa stupefacente è che tutta questa matassa di caos è stata creata dai cosiddetti "democratici".

paviglianitum

Dom, 16/10/2016 - 20:41

QUESTO GIORNALE E' TOTALMENTE PIEGATO AGLI INTERESSI DELLA RUSSIA. FORSE QUALCUNO DOVREBBE INCOMINCIARE A CHIEDERSI DA CHI E' REALMENTE FINANZIATO, SE NE SCOPRIREBBERO DELLE BELLE. (CENSURATE GENTE, CENSURATE. COME AL SOLITO D'ALTRONDE. PERFETTO STILE KGB)

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 16/10/2016 - 20:41

Non sono errori. Sono elementi di una politica coerente. Gli errori a catena non esistono. Non a questi livelli di potere. La strategia USA, anzi, del regime mondialista, è il CAOS globale. E' la loro unica carta rimasta per imporre l'egemonia al mondo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 16/10/2016 - 20:43

Parlare di Occidente non ha senso in politica. Esistono USA ed Europa e i loro interessi e le loro società e civiltà sono quanto di più diverso esista. Gli USA hanno per alleati i Saud, il Qatar, Israele, gli emiri, i wahabiti. L'Europa ha molto più in comune con la Russia.

Massimo Bocci

Dom, 16/10/2016 - 20:44

Li chiamano errori???? Golpe,Attentati,Terrorismo,Finte sommosse programmate, con mercenari veri kapò Nazisti,Intromissioni negli affari interni di stati Nazionali (ex sovrani)per farne cadere governi democratici legittimamente eletti,( altri Golpe) striscianti come e' avventuro in Italia,insomma uno scibile criminale degno del terzo Raich e comunismo bolscevico, tutto questo sono i padroni Meticci Dell'abbronzato e di Rignano, UE,Euro,FMI, che dopo il golpe che stanno tentando un'altra vota negli USA, ci daranno il copo di grazia( alla alla nuca) con la serva Clinton (titolare di sfondazioni pan Arabe), o se vogliono risparmiare un taglio netto alla carotide!!!! Fine dell'occidente e di tutti gli Occidentali, rimarranno solo i loro servi!!!!

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Dom, 16/10/2016 - 20:52

Che ci si poteva aspettare da Osama Bin Laden? Lui è islamico ! Padre e madre lo sono. Percgìhè lui non dovrebbe esserlo? E' stato più devastante dell'Isis per l'occidente ! La storia lo dirà dopo.

Aleramo

Dom, 16/10/2016 - 21:03

Non converrebbe andare d'accordo con la Russia? L'imam Francesco (detto Papa) non ha da dire una parola buona al proposito?

Ritratto di il navigante

il navigante

Dom, 16/10/2016 - 21:05

Non sono errori, ma iniziative studiate a tavolino da USRaele e gli utili servi idioti Europei, per portare il caos in questi posti e saccheggiarne le risorse (leggi petrolio). E' il classico dividi et impera, e purtroppo l'Europa con la sua grande e antica cultura civica si è lasciata stupidamente e ignobilmente coinvolgere. Che tristezza!

Ritratto di SantiBailor69

SantiBailor69

Dom, 16/10/2016 - 21:10

E l'Europa? E' consapevole di tutto cio'???!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 16/10/2016 - 21:24

Non dite colpa dell' occidente, è troppo generico. Colpa dei governi sinistri, finti democratici, che combattono la Russia e appoggiano l'Isis, come appunto nei paesi sopracitati. Ditelo alla gente che tale politica è errata. Ma loro per far dispetto agli altri, continuano in questa direzione.

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Dom, 16/10/2016 - 21:47

Troppo pesante l'accusa?

GVO

Dom, 16/10/2016 - 22:37

Complimenti ad Obama , il maestro d'orchestra....

alox

Dom, 16/10/2016 - 22:48

Putin deve tirare l'atomica sul pentagono...e' un vero leader!

VittorioMar

Dom, 16/10/2016 - 22:59

...intanto che USA e INGHILTERRA parlano di nuove "SANZIONI",il "BIONDO" agisce ed è andato in INDIA!!...mah,come mai?..a fare che??..quello è un bel mercato!!

Mario Mauro

Dom, 16/10/2016 - 23:15

E'di oggi il festeggiamento nei telegiornali della vittoria dei ribelli appoggiati dai turchi e riforniti di armi e di consiglieri da Obama. Sull'intelligenza della politica di Obama è inutile tornare, ma io mi chiedo se sia possibile che, ad esempio, nei tg del figlio complessato di Berlusconi non ci sia nessuno abbastanza intelligente e informato (magari il compagno Mimun è tutto questo ma è di sinistra) da sapere che i "ribelli" sono lo stesso taglagole che litigano con gli altri tagliagole per chi deve avere la supremazia nel futuro califfato sunnita, in questo caso i vincitori erano pro Erdogan. E contro l'Occidente che li arma e grida evviva.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 16/10/2016 - 23:34

Ma come? I sinistri e democratici vari nel mondo dissero che le primavere arabe erano necessarie, le fomentarono e le appoggiarono, fino al disastro attuale. la colpa non è dell' Occidente, ma di questi paraculi con il paraocchi.

cgf

Dom, 16/10/2016 - 23:49

Quelli della NATO ammassano uomini e mezzi ai confini con la Russia, ma credono che se i russi volessero veramente attaccare l'Europa useranno i soldati e/o missili? IDEM per gli USA, illusi, sono finiti i tempi delle cannoniere. Illusi anche a pensare che saranno loro ad attaccare per primi ed anche che il teatro di guerra sia solo ad Est. Obama, premio Nobel per la pace, regalerà al mondo la terza guerra mondiale? I presupposti ci sono

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Lun, 17/10/2016 - 00:34

La verità è che l'anticristo e tutti i suoi degni rappresentanti sanno che hanno i giorni contati e come un dei puzzolenti dragoni si stanno agitando e sputtando le loro ultime fiamme. Molto probabilmente questi malati psicopatici cercheranno di scatenare una terza guerra mondiale termonucleare ma loro stessi saranno i primi a morire e non ci sarà rifuggio atomico che li proteggerà. Anche se ci saranno sofferenze dovremmo gridare di gioia perché anche se molti di innocenti moriranno coloro che rimarranno sulla Terra troveranno un nuovo paradiso. Il male ha i giorni contati.

Ritratto di d-m-p

d-m-p

Lun, 17/10/2016 - 01:40

Da quando in america c'è questo presidente , il tutto il mondo c'è guerra............

Iacobellig

Lun, 17/10/2016 - 06:09

L'EUROPA DIFENDA LA RUSSIA CHE NE FA PARTE GEOGRAFICAMFNTE, NON SEGUA L'AMERICA. LA RUSSIA È UN BENE PER L'EUROPA E PUTIN S'È RIVELATO UNO VALIDO. OBAMA: UN FALLITO!

paolonardi

Lun, 17/10/2016 - 08:36

Ecco i risultati della politica folle del peggior presidente USA e del suo ministro degli esteri che rischia di succederli. Amici americani, vi prego, non consentitelo non ascoltando le sirene socialisteggianti che stanno usando le stesse subdole armi dei loro compagni europee.

stalkov

Lun, 17/10/2016 - 10:59

Anch'io come paviglianitum,penso che questo giornale sia totalmente di parte,in quanto gli articoli che riguardano russia ed ukraina non sono mai veritieri,ma pura propaganda.Io vivo da 19 anni, fra russia ed ukraina. non voglio commentare,quanto scritto per libia e siria. ma sotto ukraina, non una sola parola corrisponde a verita.All'epoca, io abitavo a meno di 1 km da maidan.Nessuno nella piazza era armato ,( se non di bastoni)SOLO la milizia era armata e proprio in questi giorni alcuni ex BERKUT stanno raccontando la verita.Sono state uccise piu' di 100 persone disarmate,da cecchini miliziani appostati sui tetti. sempre pronto a confrontarmi ed a commentare i fatti.Per quanto riguarda l'espansione nato,non si dice mai che sono loro stesse a chiedere di far parte della nato e europa pur di essere protette contro l'agressione della russia che vorrebbe accorparle a se ma con la forza.

buri

Lun, 17/10/2016 - 11:31

possiamo fare un monumento per celebrare l'idiozia di Obama e della Clinton, vedendo il bel lavoro fatto in Libia ed ora in Siria

mila

Mar, 18/10/2016 - 04:59

@ stalkov -Ma siamo sicuri che sia la maggioranza dei loro popoli a voler entrare nella NATO ed Europa, o solo i loro capi, che ci guadagnano? Cmq io sono egoista e mi interessa di piu' la sicurezza dell'Italia che non quella di Ucraina e Paesi simili.