A spasso per l'Italia 5 terroristi Sono arrivati coi barconi

Identificati cinque jihadisti "pentiti". Appartengono al gruppo estremista che rapì le due volontarie in Siria

Sono sbarcati, tra centinaia di anonimi disperati, sulle coste di Lampedusa poche settimane fa. Cinque miliziani della temuta «Jabhat al-Nusra», la formazione terroristica sunnita che, nella regione nord-occidentale di Damasco, sta conducendo una feroce battaglia per detronizzare il presidente siriano Bashar al-Assad.

Per la prima volta, i servizi di intelligence hanno avuto contezza dell'approdo, in Italia, di una pattuglia di guerriglieri provenienti dagli sciagurati teatri mediorientali.

Gli 007 li hanno interrogati. Ne conoscono i nomi e, in una relazione riservata inviata ai più alti vertici degli apparati info-investigativi del Paese, hanno ricostruito la loro recentissima storia. I rivoltosi del gruppo, che in arabo suona come «Partigiani del soccorso al popolo della Grande Siria» sono partiti oltre due mesi fa dalla Turchia, dove sono stati ricoverati per diverse settimane perché feriti in un attacco insieme a un gruppo di commilitoni, molti dei quali rimasti uccisi. Nei letti d'ospedale, i cinque hanno maturato la decisione di abbandonare la lotta insurrezionalista contro il governo di Damasco e di scappare.

Una volta guariti, hanno messo in atto una mossa strana. Invece di tentare la via più semplice (e trafficata) per Ankara, dove solitamente transitano i profughi che intendono abbandonare le sponde orientali del Mar Mediterraneo, hanno iniziato un giro lunghissimo che li ha portati prima nel Golfo Persico e poi in Sudan.

Dalle province di Khartum, i cinque hanno successivamente fatto tappa in Libia dove, presumibilmente, sono riusciti ad acquistare i «biglietti»" per la traversata verso l'Italia. È probabile che la rotta turca sia stata scartata a causa dell'aumentare vertiginoso dei controlli, negli ultimi mesi, e dalla necessità di crearsi un diario di viaggio più rassicurante.

Il barcone che li ha ospitati, insieme a mogli e figli, è partito dal porto di Zuwarah, in Tripolitania. Una lussureggiante oasi nel deserto, dedita alla pesca e all'agricoltura, in cui le agenzie di sicurezza occidentali da anni stanno monitorando un fiorente mercato di migranti - per la maggior parte libici - che puntano verso la Sicilia e Lampedusa. E, proprio sull'isola, i cinque jihaidisti sono arrivati a bordo di uno sgangherato peschereccio, scortato dalle motovedette della Guardia di Finanza.

Messi i piedi sul molo, i miliziani di al-Nusra si sono subito dimostrati collaborativi con le autorità italiane premettendo di essere solo di passaggio nel nostro Paese. Vogliono lasciarsi alle spalle la rivoluzione siriana e la lotta all'esercito di Assad - hanno spiegato - perché il loro unico desiderio è trasferirsi quanto prima in una nazione del Nord Europa che, da qualche tempo, ospita i loro familiari. Il Fronte al-Nusra è una delle organizzazioni terroristiche più attive in Siria.

Ha rapporti di altalenante collaborazione con l'Isis - con cui condivide gli obiettivi della guerra settaria all'etnia sciita siriana e della destituzione di Assad - ed è storicamente in rapporti di sinergia con al-Qaeda. Il gruppo rivendicò il rapimento delle giovani Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, sequestrate in Siria nel luglio 2014 e liberate il 15 gennaio 2015; ed è noto - in Medioriente - per la ferrea applicazione della Sharia, la versione ultra-ortodossa della legge coranica. Ma anche dalle loro parti inizia ad esserci qualcuno che preferisce rischiare di annegare in mare piuttosto che combattere tra le dune di sabbia.

Commenti
Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 21/07/2015 - 10:13

Allora non si tratta di 5 "terroristi". Si tratta di 5 EX combattenti. Dichiaratamente tali!

Raoul Pontalti

Mar, 21/07/2015 - 10:20

Si tratta di cinque disertori che giunti in Italia si sono prontamente consegnati e quindi se sono a spasso è per graziosa concessione dei pelandroni in divisa che li dovrebbero avere in custodia.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mar, 21/07/2015 - 10:24

Se sono veramente pentiti, restituiscano i soldi del riscatto, checché neghi Gentiloni. Sekhmet.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mar, 21/07/2015 - 10:25

Beh in questo caso subito la cittadinanza itagliana , diritto di voto e soggiorno a vita in hotel 5 stelle.Noi siamo buoni.

berserker2

Mar, 21/07/2015 - 10:40

Saranno venuti a trovare la fidanzatine "volontarie" rapite.....

LANZI MAURIZIO ...

Mar, 21/07/2015 - 10:42

QUESTO GRAZIE ALL'IDIOTA E AI SUOI PREFETTI LECCACULO. E INTANTO LA POLIZIA E' COSTRETTA A MANGANELLARE LA GENTE ONESTA CHE PROTESTA. ORMAI VIVIAMO NELLA MxxxA GRAZIE A QUESTO GOVERNO SCHIFOSO.

Ritratto di Flex

Flex

Mar, 21/07/2015 - 10:43

Due parole: Grazie Alfano.

Ritratto di Civis

Civis

Mar, 21/07/2015 - 10:47

Hanno fatto il viaggio turistico in Italia coi soldi italiani procurati dalle nostre due furbacchione siro-bergamasche che hanno raggirato il nostro valente ministro degli esteri Gentiloni.

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Mar, 21/07/2015 - 10:48

Omar El Mukhtar Mar, 21/07/2015 - 10:13. Soldati che combattevano con i metodi del gruppo di appartenenza, tra cui il rapimento. Che combattenti erano? Si tratta di terroristi, dichiaratamente tali! Sekhmet.

fedeverità

Mar, 21/07/2015 - 10:51

E ora Alfano che si fà? MALEDETTO FALLITO!! SCHIFOSO!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 21/07/2015 - 10:56

Magari saranno tra gli altri 40 "disperati" che Gabrielli ha inviato, come da promessa, a S.Nicola nella periferia romana. Così imparano, quei "rassisti".

Imbry

Mar, 21/07/2015 - 11:08

Coi soldi del riscatto si sono venuti a fare un giretto in Italia ed ora subito hotel, wi-fi e cellulare! Tanto Alfano ha detto che i terroristi non arrivano sui barconi... infatti tra poco gli paghiamo direttamente il volo aereo con Boldrini Air Lines!!!!

Ritratto di abate berardino

abate berardino

Mar, 21/07/2015 - 11:11

Sono finiti i 12 milioni , e tornano a riprendersi "la merce".

Ritratto di rinnocent637

rinnocent637

Mar, 21/07/2015 - 11:28

Ma non è vero quello che scrivete, ALFANO E RENZI hanno sempre dichiarato che non ci sono terroristi in Italia.ORA COSA DIRANNO? CHE LA NOTIZIA E' FALSA SOLO PROPAGANDA

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Mar, 21/07/2015 - 11:55

Non illudiamoci, se quelli accertati sono cinque vuol dire che sono molti di più, sparsi in tutto il territorio e pronti al sacrificio. Spero che il giorno non abbia voglia di uscire di casa ....

momomomo

Mar, 21/07/2015 - 12:22

..."...Sono arrivati coi barconi..."... Normale, mica potevano arrivare in aereo per dover affrontare pure certe spese di viaggio.

gianni59

Mar, 21/07/2015 - 12:31

nei commenti nessuno ha notato che vogliono andare (come quasi tutti) nel nord europa. Il vero problema sarà lì....

emigratoinfelix

Mar, 21/07/2015 - 12:53

saranno state le due ignobili sciacquette ad invitarli a venire?tanto,con tutti i soldi che han preso dal riscatto,potranno fare la bella vitasenza problemi,no?