Spread, l'allarme di Bankitalia: "Rischio default non più nullo"

Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d'Italia, avverte: "Con lo spread alto rischio defautl non più nullo"

"I differenziali di rendimento fra titoli pubblici di Paesi dell'area prima della crisi erano molto contenuti. Ora il maggior rendimento richiesto da chi acquista titoli di alcuni Stati non è che la copertura dal rischio di 'fallimento' di uno Stato o addirittura di rottura dell'euro. Un rischio molto piccolo, naturalmente, ma non più nullo o quasi nullo come in passato".

È l'allarme lanciato da Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d'Italia e presidente dell'Ivass, che è intervenuto al congresso nazionale della Fisac Cgil. "Per oltre dieci anni l'euro dispiegò vantaggi economici per tutti, soprattutto grazie alla forte riduzione dell'inflazione e dei tassi d'interesse in tutta l'area", ha spiegato Rossi, "L'integrazione dei sistemi produttivi nazionali ne trasse nuovo impulso" ma "la crisi cosiddetta dei debiti sovrani ha ora complicato le cose. Da otto anni a questa parte la precedente convinzione generale che i paesi aderenti fossero avviati verso un percorso virtuoso di riforme strutturali delle loro economie e che l'euro fosse un monolite eterno si è incrinata". E poi, ricorda infine Rossi, "dotare i paesi aderenti all'area dell'euro di una moneta comune fu un gesto politicamente ed economicamente audace" e infatti, conclude, "molti economisti, soprattutto americani, rimasero dubbiosi che, in assenza di piena mobilità del lavoro in tutta l'area e di un bilancio pubblico comune, l'euro potesse sopravvivere".

Commenti

bruno baly

Mar, 27/11/2018 - 13:41

vorrei capire .... il nostro deficit è come lo scorso anno. Ora per un 0,2 in più siamo a rischio default ? Ma che cavolo ci raccontano ???? Fino ad ora, negli ultimi 20 anni tutti questi signori, PDR, corte costituz, corte conti, consiglio di stato, magistratura contabile, TAR, CONSOB, ISTAT e proprio la banca d'italia etc. etc, dove erano ? Dormivano, perché credo che avrebbero dovuto intervenire al superamento dei 1.000 miliari di € e dire alt. Ma NO! al governo c'erano i loro "amici" e tutto andava bene signora la marchesa. Veramente indegni !

HappyFuture

Mar, 27/11/2018 - 13:41

Rischio default per i titoli di stato in ribasso? Ma facitece o' piacere. Tenetevi fino a scadenza, invece di specularci, che non succede niente.

DRAGONI

Mar, 27/11/2018 - 13:42

IL PROSSIMO PREMIER VERRA' PRESO DALLA BANCA D'ITALIA?SE SI....ALLORA LO SPREAD MIRACOLOSAMENTE SI RIDURRA'.

bruno baly

Mar, 27/11/2018 - 13:44

Ora con questo debito, nessun governo potrà fare nulla, se non inginocchiarsi all'EU, mettere una patrimoniale enorme, dimezzare gli stipendi dei dipendenti pubblici come in grecia ed altri ameni provvedimenti. Io metterei la benzina per 4 anni a 3 €.

steluc

Mar, 27/11/2018 - 13:53

Ovviamente, tutti i nodi del sistema-euro vengono al pettine ora, che c’è un governo non allineato. Il debito è alto?e chi mai lo ha portato a quel livello? Forse chi ha avuto l’ok in cambio dei clandestini? Quanto a Bankitalia, velo pietoso.

pardinant

Mar, 27/11/2018 - 14:05

Con i nostri avi siamo vissuti 140 anni con la lira e adesso ci siamo ridotti ad un livello tale che se usciamo dell'euro sarà la nostra fine? ma che siamo diventati servi della gleba?

PietroG

Mar, 27/11/2018 - 14:06

Infami maiali grassi col sangue degli Italiani sollevano polveroni e mentono spudoratamente pur di conservare le posizioni di potere, asserviti come sempre ai loro ras europei imbecilli ed ignoranti.

stefi84

Mar, 27/11/2018 - 14:17

Ci si chiede a cosa serva oggi Bankitalia, visto che in bene o in male viene deciso tutto a Bruxelles.

agosvac

Mar, 27/11/2018 - 14:40

Forse è arrivato il momento giusto per cambiare i vertici di Bankitalia. Non è accettabile che la nostra Banca Centrale invece di vigilare sulle banche italiane faccia terrorismo politico contro l'Italia e gli italiani.

cir

Mar, 27/11/2018 - 14:48

steluc .. condivido !!

Mneumatron

Mar, 27/11/2018 - 15:19

Tra ieri e oggi lo spread e' calato. E puntuali sono ripartite le bordate allarmistiche per farlo risalire. Non e' con il terrorismo finanziario che si fara' cadere questo governo. Il voto dei cittadini e' sempre sovrano.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 27/11/2018 - 15:50

Dovessi fidarmi di certi comunicati di Bankitalia, specie quelli afferenti la faccenda di note banche che fecero trovare loro correntisti con carta straccia in mano da un giorno all'altro, sarei veramente preoccupato. Non ho sentito questi "signori" agitarsi così tanto per precedenti leggi di stabilità in cui lo sprofondo del debito avrebbe dovuto preoccuparli ancor più.

Libertà75

Mar, 27/11/2018 - 16:13

virtuosissimo passare da un rapporto debito/pil di 117 ad oltre 131... a casa mia vuol dire non usare il cervello

ginobernard

Mar, 27/11/2018 - 16:48

"virtuosissimo passare da un rapporto debito/pil di 117 ad oltre 131" veramente sta arrivando a 141% ... una situazione devastante. Ma in un paese in cui uno lavora e 4 magnano e il minimo ... adesso poi ci mettiamo pure a tavola i migranti ... grandioso programma di sviluppo piddino. La ricetta per il tracollo economico e pure sociale ... uno scempio del paese. A questo ci ha portato il cattocomunismo. Allo sfascio totale.

Guido123

Mar, 27/11/2018 - 16:54

Banca d'Italia e cgil che bella coppia! Non sanno più dove attaccarsi.

Stormy

Mar, 27/11/2018 - 17:45

Ogni giorno ne viene fuori una diversa dal giorno prima. Non si capisce più niente. Poi francamente con sto tira e molla avete rotto i cotiledoni.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 27/11/2018 - 18:19

Mi ricordo che quando lo spread finì a 500 un btp che acquitai a 94 euro andò a finire a 67 euro (disperazione). Poi salì 124euro (mannaggia a non averlo venduto), ora è ridisceso a 104 euro, ma giorni fa era a 101 euro. Quindi se dovesse ridiscendere a 70 cosa succederebbe, quello che è successo prima, niente, faranno dimettere i due compari.

CALISESI MAURO

Mar, 27/11/2018 - 18:23

Ripeto, nazionalizzate banca d'Italia subito e cambiate i managers non sono allineati allo stato italiano. in parallelo nei mesi che seguiranno coniate le nuove lire .. che riposeranno felici, finche' non serviranno.. queste saranno la piu' grande assicurazione per il benessere della Nazione.... vedrete come lo spread andra anche in negativo. Leggete gli usurai della terra di Luigi Magrone... storia del primo dopoguerra dove gli stessi potentati attuali anche allora tentarono di distruggere la Nazione.. solo che a quel tempo trovarono sul loro cammino il figlio del fabbro che si invento l'IRI e con il grande patriota massone Beneduce nazionalizzo le banche ... e l'economia riparti!

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 27/11/2018 - 18:25

Rossi (Banca d'Italia) si limita a prendere atto della realtà. Con lo spread ai valori attuali il default è possibile. Diventa probabile se il DEF non cambierà. Deficit alto, crescita zero o negativa (DEF recessivo in un contesto di recessione mondiale), impossibilità di collocare il debito pubblico, ulteriore declassamento del rating, volontà di rottura con la UE, impennata dei CDS, fuga di capitali, forte riduzione degli investimenti esteri sono tutti segnali convergenti e chiari di crisi imminente. Altre nazioni hanno dichiarato default (Russia, Turchia, Argentina, Venezuela,...) Il caso Venezuela è il più recente, per questo è interessante e istruttivo vedere come viene gestito. Può fornire utili indicazioni (in tre giorni sono riusciti a cambiare la moneta, esattamente come prevede il Piano B, e lo hanno fatto con ordine ed efficienza. Esempio da studiare e imitare, spero che Borghi Aquilini lo copi)

killkoms

Mar, 27/11/2018 - 18:57

cominciassero a tagliare i loro faraonici stipendi!

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mar, 27/11/2018 - 19:23

pardinant: i tuoi avi sono vissuti per 140 anni in modo miserabile, emigrando e tirando la cinghia per 140 anni con quella ridicola monetucola chiamata lira. Introdotta nel glorioso Regno delle due Sicilie dai mostricciattoli piemontesi-padani. Che ne diresti di restituire ai "Duosiciliani" il loro oro e la loro magnifica moneta denominata "Piastra delle Due Sicilie"?

dot-benito

Mar, 27/11/2018 - 19:24

MA CON LO SPRED SOPRA I 500 PUNTI PER UN ANNO INTERO COME MAI QUELL'ISTITUTO INUTILE CHE SI CHIAMA BANKITALIA NON HA MAI FATTO PROCLAMI? GIUSTO C'ERA IL GOVERNO MONTI VOLUTO DAL BASTARDO DEMERITO

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 27/11/2018 - 20:08

Banca d’italia? Comandata da banche di proprietà straniera. Solo balle,

yorkshire22

Mar, 27/11/2018 - 20:18

Invece spendere 6 miliardi per prendersi i clandestini è tutto ok ? Banca d'Italia tagliati i privilegi, poi parla.

HARIES

Mar, 27/11/2018 - 20:41

Salvatore Rossi, direttore generale della Banca d'Italia, avverte??? OK, LICENZIATO!!! Sostituirlo subito con un direttore competente e capace di moderare e governare una banca.

rokko

Mer, 28/11/2018 - 00:54

HappyFuture, quando uno normale (dunque, non uno squilibrato) investe in obbligazioni, guarda sostanzialmente tre cose: il rendimento, il rischio e la liquidità. Per le prime due cose penso possa arrivarci anche tu su cosa siano. La terza è la probabilità di liberarsi dell'investimento prima della scadenza senza rimetterci troppo. I titoli italiani, grazie al governo del cambiamento in peggio, hanno un rendimento più alto ma sono percepiti (a torto o a ragione) più rischiosi ed hanno liquidità bassa. Ad esempio, il btp italia dell'asta di maggio hanno perso il 12% del valore. Comprateli tu, e tieniteli tu fino alla scadenza.

VittorioMar

Mer, 28/11/2018 - 08:12

....Bankitalia è più Allarmata per il possibile arrivo dei "NUOVI BARBARI" !!!