Srebrenica, vent'anni di odio. Sassi contro il premier serbo

La cerimonia della presunta riconciliazione si trasforma in un assalto a Vucic. Il leader, che aveva condannato il genocidio, colpito al viso e costretto alla fuga

Srebrenica, 20 anni dopo, ma le ferite del massacro e dell'odio etnico non si rimarginano. Al grido di «Allah o akbar (Dio è grande, ndr)», che in tempi di bandiere nere non va molto di moda, il premier serbo, Alexander Vucic, è stato preso a sassate sommerso dai fischi e costretto alla fuga dalla commemorazione della strage. Nessun slogan di protesta all'ex presidente americano, Bill Clinton, che l'11 luglio 1995 era alla Casa Bianca. Pochi giorni fa sono stati pubblicati documenti classificati che dimostrano come la Cia, dalla stazione di Vienna, seguisse in diretta il massacro grazie ai satelliti spia ed informatori sul posto. Clinton non mosse un dito per fermare l'orrore di Srebrenica e la Nato bombardò solo dopo i serbi trascinandoli ad un tavolo della pace firmata negli Usa a Dayton.

Il primo ministro di Belgrado era andato in Bosnia a commemorare Srebrenica con parole forti: «La Serbia condanna in maniera chiara e senza ambiguità questo terribile crimine, esprime disgusto verso chi vi prese parte e continuerà a deferirli alla giustizia». Davanti alle telecamere ha firmato il libro delle condoglianze a Potocari, dove ieri sono stati seppelliti gli ultimi 136 corpi identificati e recuperati dalle fosse comuni riempite dai serbo bosniaci del generale Ratko Mladic, sotto processo a L'Aja.

Munira Subasic, presidente delle madri che hanno perso i loro figli nella mattanza di Srebrenica costata la vita ad 8200 musulmani, ha appuntato sul bavero di Vucic un fiore verde e bianco del ricordo. Davanti ad 80 capi di governo, di Stato ed altre personalità, come la presidente della Camera, Laura Boldrini, tutto sembrava procedere per il meglio, ma all'uscita del memoriale di Potocari è scoppiata la rabbia. La delegazione serba è stata assalita con lanci di bottiglie, scarpe e pietre. Il primo ministro si è riparato con un ombrello e le guardie del corpo hanno usato per proteggerlo le speciali borse che diventano una specie di coperta anti proiettile. Secondo la Bbc la gente urlava «morte ai cetnici», il nome dei partigiani serbi della seconda guerra mondiale affibbiata ai serbi durante l'assedio di Sarajevo.

All'inizio la sicurezza bosniaca è sembrata dissolta. Vucic è stato colpito alla bocca da una pietra e ha perso gli occhiali, che si sono rotti nel parapiglia. La delegazione serba è fuggita ripresa impietosamente dalle telecamere con pochi agenti locali che cercavano di calmare gli animi. L'impressione è che ci si aspettasse la violenta protesta e si volesse lasciar fare. Solo un presunto assalitore è stato fermato.

Prima di arrivare Vucic aveva scritto in un messaggio per l'anniversario: «Qui a Srebrenica ognuno di noi deve chinare il capo, non dimenticare ed iniziare a costruire un futuro migliore».

I familiari delle vittime probabilmente ricordano che Vucic, nel 1995, quando muoveva i primi passi politici nel partito Radicale, ultra nazionalista, pochi giorni dopo il massacro aveva dichiarato: «Per ogni serbo morto, uccideremo 100 musulmani».

Vent'anni dopo si è allontanato dalle posizioni oltranziste ed è andato, coraggiosamente a Srebrenica in nome della riconciliazione. La stessa protesta avrebbe dovuto accogliere Clinton o il rappresentante dell'Onu, che ha ammesso: «Venti anni fa la comunità internazionale ha fallito». A cominciare dai caschi blu, che non hanno protetto l'enclave di Srebrenica, anche se avrebbero dovuto farlo. Non solo: con le ultime rivelazioni è saltato fuori che l'Onu fornì 30mila litri di carburante ai camion serbi, che portavano i prigionieri musulmani verso le fosse comuni.

Da Belgrado la reazione è stata durissima. «È scandaloso e possiamo ritenerlo un tentato omicidio» ha denunciato il ministro dell'Interno serbo, Nebojsa Stefanovic. Per il ministero degli Esteri di Belgrado si è trattato di «un attacco alla Serbia». Poi lo stesso Vucic ha stemperato l'episodio ribaddendo che «la mano tesa e la politica di riconciliazione» con i musulmani bosniaci «andrà avanti». Le ferite di Srebrenica, però, sono ancora aperte e la Bosnia divisa e rabbiosa.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Dom, 12/07/2015 - 10:08

Tolleranza musulmana........

Ritratto di nutella59

nutella59

Dom, 12/07/2015 - 23:27

MILIONI di massacrati e profughi creati dai musxxmani non fanno notizia, dal Sudan alla Somalia, dall'Iraq alla Siria, dallo Yemen all'Afghanistan, falla Nigeria al Cameroun... Cosí come non fanno scandalo i bombardamenti di civili e istituzioni civili (ponti, TV a Belgrado, ecc.) da parte della Luftwaffe, ritornata sotto patrocinio NATO, a vendicarsi del cxxo che gli Yugoslavi avevano fatto ai tedeschi e ai loro alleati (italiani, croati e musxxmani). Ma quando durante una guerra a rimanerci sono dei musxxmani fatti fuori da non musxxmani: apriti cielo!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 13/07/2015 - 13:18

Serbia contro Islam PDotizzato. Anche la strage di Srebrenica è colpa dell'aggressivo Re Giorgio, infatti Napolitano violentava i Balcani, oltre che la Banca d'Italia, per favorire il losco business Telecom-Serbia, mettendo i serbi nella paradossale condizione di... vincere la guerra, nell'unico modo possibile e immaginabile, Mors tua, vita mea.