Staminali per le disabilità motorie

Una terapia cellulare per alleviare le conseguenze degli ictus

Pazienti che hanno riportato disabilità motorie permanenti in seguito a un ictus e «guariti» con una terapia a base di cellule staminali iniettate direttamente nel loro cervello attraverso un forellino praticato sulla testa. È il traguardo reso noto sulla rivista Stroke. La sperimentazione, avuta luogo presso la Stanford University in California e guidata da Gary Steinberg, ha riguardato 18 pazienti che avevano avuto un ictus almeno un anno prima riportando disabilità motorie permanenti. Le cellule utilizzate sono staminali prelevate dal midollo osseo di donatori e modificate in provetta per acquisire funzioni neurali. L'ictus, che nella stragrande maggioranza dei casi è di tipo ischemico (ovvero è causato dall'occlusione di un vaso sanguigno del cranio), consiste in un danno in una parte del cervello con morte dei neuroni interessati e conseguente perdita di alcune funzioni; se il danno interessa la corteccia motoria come spesso avviene, il paziente riporta disabilità di tipo motorio.