Lo Stato Maggiore sfida Salvini: "Seguiamo la linea gerarchica"

Lo Stato Maggiore pubblica una nota con cui si sfila dalla polemica politica ma ribadisce di seguire la "linea gerarchica", cioè con presidente della Repubblica e ministero della Difesa

I vertici della Difesa intervengono nel dibattito sulla chiusura dei porti e sulla querelle fra il ministro dell'interno Matteo Salvini e la titolare della Difesa, Elisabetta Trenta. In una nota ufficiale, lo Stato maggiore della Difesa ha scritto: "Le Forze Armate sono uno strumento tecnico operativo al servizio del Paese e che ogni attività viene pertanto svolta in aderenza alle indicazioni politiche e secondo la prevista linea gerarchica".

La nota della Difesa serve a smarcarsi a livello politico dalla polemica sorta in questi giorni fra i due ministeri. Ma è importante sottolineare che questa nota ha anche il sapore di una "sfida" al ministero dell'Interno, visto che di fatto, con questo comunicato, i militari ribadiscono che sul fronte migratorio rispondono a una linea gerarchica che vede al vertice il presidente della Repubblica quale capo supremo delle Forze Armate e con il ministero della Difesa quale altro interlocutore diretto. Il ministero dell'Interno, in questo senso, appare estraneo alla linea gerarchica. E quindi le Forze Armate riaffermano il fatto di non dover eseguire le direttive dell'Interno senza indicazioni da parte dei vertici.

Del resto, l'irritazione della Difesa successiva alla direttiva di Salvini era evidente già dopo le prime ore successiva alla pubblicazione della direttiva. Come riporta l'Huffington Post, i vertici della Difesa avevano fatto trapelare:"Non è che un ministro può alzarsi e ordinare qualcosa a un uomo dello Stato. Queste cose accadono nei regimi, non in democrazia".

Intanto fonti del ministero dell'Interno fanno sapere che "il Viminale lavora in perfetta sintonia con la Difesa per la protezione dei confini. Se però qualcuno, per ragioni politiche, vuole o immagina i porti riaperti lo dica chiaramente. Da responsabile dell'Interno confermo che in Italia entra solo chi ha il permesso". Queste le parole di Salvini che però non chiudono ancora la querelle.

Commenti
Ritratto di E5150

E5150

Mer, 17/04/2019 - 16:52

Ahi... che colpo al cuore per il povero Selfini; tradito dalle divise! Comunque non tutto il male vien per nuocere. Un tempo a sinistra si diffidava dell'esercito considerato il potenziale braccio armato dei golpisti, oggi lo Stato Maggiore della difesa può dare lezioni di democrazia al Ministro degli Interni.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 17/04/2019 - 16:52

Ora Salvini INTERROGHI chi di dovere e FACCIA CHIAREZZA UNA TANTUM SUGLI ARTICOLI CHE DANNO COMPETENZA AL SUO MINISTERO. O si ha una PROCEDURA PREVISTA d'intervento, e pertanto le relative amministrazioni militari si devono uniformare alle direttive del mininterno, o tanto vale CANCELLARE QUEGLI ARTICOLI, se poi quanto disposto dallo stesso ministero deve sottostare ad ulteriori placet.

APPARENZINGANNA

Mer, 17/04/2019 - 16:55

L'importante è che i confini di terra e di mare vengano difesi dalle forze armate competenti, evitando invasioni indebite da parte di gente armata e non. Chi non è autorizzato a varcare i confini non deve poterlo fare.

FedericoMarini

Mer, 17/04/2019 - 16:58

Finalmente sappiamo che il ministro degli interni non ha alcuna autorita’che gli consenta di chiudere i ..porti.

ginobernard

Mer, 17/04/2019 - 17:00

Hanno ragione. Questo carica di enormi responsabilità la linea gerarchica.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 17/04/2019 - 17:02

Una volta l'esercito serviva a tutelare i confini della Nazione. Già, prima che i suoi vertici fossero decisi dai nemici della Nazione.

agosvac

Mer, 17/04/2019 - 17:05

Evidentemente lo Stato Maggiore italiano non considera l'invasione dei migranti fasulli un'emergenza come fanno tutti gli italiani. Forse non considera nemmeno che tra i migranti fasulli si nascondono terroristi islamici che possono mettere in pericolo tutta la Nazione italiana. Essendo il Ministro dell'Interno responsabile dell'ordine pubblico e della sicurezza dello Stato e degli italiani in caso di emergenza può chiamare in aiuto l'esercito anche senza seguire l'ordine gerarchico. Se poi le gerarchie dell'esercito non vogliono intervenire, credo che si tratti essenzialmente di tradimento nei confronti degli italiani gerarchia o no!!! Dubito che il Ministro della Difesa o lo stesso Presidente della Repubblica si possano opporre al fatto che l'esercito aiuti la polizia o i carabinieri!!!

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 17/04/2019 - 17:12

C’è qualche ministero in cui Salvini non si intrometta scavalcando il diretto responsabile? C’è, a parte i suoi battibecchi con Di Maio (un specie di «l’amore non è bello se non è litigarello»), qualche suo intervento, sia in ambito nazionale che in quello internazionale, che non produca forti contrasti e contrapposizioni dannose per l’Italia e gli italiani? «Fantozzi contro tutti» funziona nella narrativa di fantasia, ma fa guasti nella realtà politica.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 17/04/2019 - 17:13

"Non è che un ministro può alzarsi e ordinare qualcosa a un uomo dello Stato. Queste cose accadono nei regimi, non in democrazia"." Dai, veramente? Se la legge vigente - sulla sicurezza - è appannaggio del ministro per gli interni, questi adottano comportamenti infantili. L'ordine gli arriverà lo stesso tramite il ministro della Difesa e dovranno ugualmente ottemperare nelle forme previste dal regolamento di disciplina, anche perchè il ministro della Difesa non potrà opporre alcunchè in termini di legge. Siamo sul serio messi male con questi bellimbusti attaccati alla burocrazia e non alla sostanza di richieste più che legittime! Sarà un piacere quando, rabbuiati e i8nnervositi, dovranno eseguire lo stesso gli ordini che verranno loro dati tramite il loro superiore diretto.

GioZ

Mer, 17/04/2019 - 17:14

L'esercito oggi è retto da impiegati. Non se lo sognano di lasciare il comodo ufficio per l'azione.

oracolodidelfo

Mer, 17/04/2019 - 17:19

Si avvisa lo Stato Maggiore che ai vertici della scala gerarchica c'è ilpopolo italiano. Non fate scherzi, chiaro?

Jesse_James

Mer, 17/04/2019 - 17:21

Mi sembra di aver sentito che esistano articoli di legge, costituzionalmente riconosciuti che diano facoltà al Ministro degli Interni di disporre dell'esercito in caso di emergenza. D'altronde, in passato quando ci furono problemi nel sud Italia con la mafia, l'allora Ministro degli interni dispose l'invio dell'esercito o l'emergenza immondizia a Napoli, qualche anno fà ugualmente venne utilizzato l'esercito. Se così fosse, lo Stato Maggiore si uniformi alla legge o si dimetta in blocco.

Ritratto di Walhall

Walhall

Mer, 17/04/2019 - 17:24

Se questo è l'esercito new age che ci dovrebbe difendere, siamo ridotti all'ablativo perché non c'è più nulla da difendere né uno Stato né una bandiera. È un insulto ai nostri monumenti e ai nostri eroi di guerra. Le Pen ha ragione, i posteri ci malediranno, sempre se i posteri sopravviveranno ai nuovi invasori. I nostri caduti delle 2 grandi guerre credo lo stiano già facendo: siamo morti per cosa?

VittorioMar

Mer, 17/04/2019 - 17:28

...e quando mai hanno fatto l'INTERESSE DEL PAESE ITALIA ??...invece di collaborare ad aiutare "ORGOGLIOSAMENTE" il POPOLO ITALIANO PROTEGGERE I CONFINI E SOVRANITA'..pensano e se la cavano con le SFILATE..e le SCONFITTE PASSATE!!!

leopard73

Mer, 17/04/2019 - 17:30

NON HA PIU SENSO LA LINEA GERARCHICA quella andava bene fino che cera la NAIA ora inutile!!!

ginobernard

Mer, 17/04/2019 - 17:32

non è da adesso che Difesa ed Interni non sembrano perfettamente allineati. In un momento di crisi epocale come questa è una cosa inaccettabile. Se ti piace la parola accoglienza lavora per una ONG no ? sbaglio ?

giuseppe_s

Mer, 17/04/2019 - 17:48

SE I MILITARI NON VOGLIONO DIFENDERE I CONFINI DELLA PATRIA TANTO VALE CHE SI DIMETTANO, PERCHE' LA LORO PRESENZA SAREBBE SOLO SUPERFLUA E INUTILMENTE COSTOSA PER LE TASCHE DEGLI ITALIANI.

Nauseato60

Mer, 17/04/2019 - 17:57

a tutti quei fautori dei porti aperti....Pur di veder soccombere la parte politica avversa, non ci si cura dell' invasione alle portee della messa a rischio della sicurezza nazionale....bravi...

rossini

Mer, 17/04/2019 - 18:00

Questi Generaloni, piuttosto che difendere i confini della nostra patria dall'invasione di decine di migliaia di migranti, che non possiamo permetterci il lusso di mantenere, si imbarcano in una questione di lana caprina di competenze e gerarchie. Si vergognino.

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mer, 17/04/2019 - 18:00

L’esercito dovrebbe servire per proteggere i confini. Se così non è, mandiamo a casa generali e marescialli panzuti quanto inutili.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 17/04/2019 - 20:04

Finché il Quirinale é occupato dal Mattarella è giusto che le FFAA gli obbediscano. Però il Mattarella dovrebbe compiere la volontà del Popolo e non assecondare i colpi di testa del Bergoglio.

Bellator

Mer, 17/04/2019 - 20:07

Da ex Ten. del Genio, questo Stato Maggiore, e l'alto Colle, si stanno comportando come fecero quegli asini di Alti Ufficiali dello Stato Magg.,della I° Guerra mondiale, che per incapacità strategica furono responsabili della ritirata di Caporetto!!, Il nostro Paese e l'Europa,non deve, non può, non vuole essere invasa da Africani, nxxxi, Arabi, islamici, perché sono in guerra!!, con chi ??, tra loro !!,sono popoli incapaci di progredire, di vivere in una democrazia, si scannassero tra loro e i loro problemi li risolvessero in Africa, sono anni che ci stanno rompendo le p....le!!.Ributtiamoli tutti in mare quando arrivano da clandestini sulle nostre coste !!.

yorick

Mer, 17/04/2019 - 21:46

Stiamo freschi se anche nelle questioni internazionali il Governo è come un pollaio di capponi in baruffa.Adesso ci si mette anche lo Stato Maggiore; che facciano un partito anche i Generali?Che pensino a fare una forza armata che sia in grado di combattere se ce nefosso la necessità, in Libia!Un Governo nato perchè l'alternativa sarebbe stata di lasciare le briglie di questo Carro di Tespi a quelli che hanno venduto il Paese."DiMaio&Co." dimostrano tutta la loro vacuità e pericolosità. Salvini minacci di dire al popolo a chi rivolgersi se si troveranno con altri 800mila o giù di lì abbronzati a casa da mantenere ,qualcuno magari con il diploma di bombarolo.