Lo Stato resta il peggior pagatore: le imprese aspettano 70 miliardi

I debiti della Pa non calano e anche gli enti più virtuosi sforano il termine dei 30 giorni

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan

Roma - Mentre le banche si preparano a prendersi le case di chi non riesce a pagare le rate del mutuo senza scomodarsi a passare per un tribunale, lo Stato continua a essere il primo dei cattivi pagatori, strozzando migliaia di imprese che languono mesi o anni in attesa di vedersi versato quanto dovuto.La questione dei debiti della Pubblica amministrazione verso le imprese è per l'Italia una nota dolente. Ma nonostante gli sforzi per ridurre i tempi con i quali Stato ed enti locali saldano le fatture dei malcapitati fornitori, la strada è ancora lunga. Il debito arretrato ammonta ancora a circa 70 miliardi di euro, accumulati in gran parte da Regioni ed enti locali, e solo per il 5 per cento dall'amministrazione centrale. Eppure chi lavora con lo Stato avrebbe la legittima - e utopistica - aspettativa di essere pagato entro un mese.Il termine di trenta giorni (che solo per poche eccezioni nella sanità possono diventare 60) per il saldo delle fatture è stato infatti stabilito da una direttiva Ue recepita dal governo italiano ed entrata in vigore già dal primo gennaio 2013.

Ma l'obiettivo è ben lontano dall'essere anche solo avvicinato.Per averne una prova non serve nemmeno frugare tra i «cattivi», anzi. Basta spulciare l'elenco degli enti pubblici più virtuosi, pubblicato dal ministero dell'Economia e delle finanze ogni anno. Sono solo 300 su oltre 20mila enti pagatori registrati sulla piattaforma di monitoraggio del ministero, e pur essendo i pagatori «modello» per la Pubblica amministrazione, il loro tempo di pagamento medio è comunque superiore a quello stabilito per legge. Il dato, aggiornato allo scorso novembre, parla di 32,88 giorni, con un lievissimo miglioramento rispetto all'anno precedente, quando i 300 migliori avevano, in media, saldato i fornitori in 34 giorni.Se questi sono i «buoni», come va con gli altri enti pubblici? Difficile dirlo, perché gli enti che comunicano i dati alla piattaforma del Mef, ossia quelli considerati «attivi», erano solo uno su 3 (il 32 per cento) all'ultimo censimento, con un tempo medio di 41 giorni, che sale a 100 considerando solo gli enti locali ed escludendo l'amministrazione centrale. E una stima della Cgia di Mestre di giugno 2015 attestava il tempo di pagamento a 144 giorni, peggior dato tra i principali Paesi della Ue. E in Europa l'Italia «vanta» anche il titolo di Paese con il più alto debito commerciale verso le imprese.

D'altra parte all'inizio del 2013, quando è entrata in vigore la normativa che fissava a un mese la soglia per pagare i creditori, un fornitore della Pubblica amministrazione doveva rassegnarsi ad attendere quasi un anno in media (315 giorni) per il saldo delle fatture, con picchi, soprattutto al Sud, di oltre mille giorni. Praticamente un cappio, per le imprese. Non stupisce dunque che la Ue ci abbia bacchettati, avviando una procedura d'infrazione per la mancata attuazione della direttiva. Il tutto nonostante le mosse del governo, che con tre distinti decreti legge, tra 2013 e 2014, ha stanziato 57 miliardi di euro per «sgonfiare» la montagna di debiti arretrati (nel 2011 a quota 91 miliardi), riuscendoci solo in parte.

Commenti

unosolo

Mar, 09/02/2016 - 09:11

la sola domanda che viene da fare , come figurano i 70 mld nel bilancio?

vince50_19

Mar, 09/02/2016 - 09:24

Questa fu una delle prime promesse del bamboccio toscano alle europee del 2014: azzerare i crediti dello stato con le p.m.i. entro l'anno (il 2014). Non meraviglia il fatto che, ancor oggi, questo governo non abbia mantenuto la promessa fatta, non meraviglia il fatto che i poveri aumentino, non meraviglia il fatto che questo governo dedichi il suo tempo a leggi che non migliorano la qualità della vita di chi è povero o quasi in canna etc. etc.. Un governo, "attento" servo della Troika, che da fiato al motto andreottiano "Meglio tirare a campare che tirare le cuoia".. «Annamo proprio bene!» (così dicono in .. Valsavarenche, vero?)

linoalo1

Mar, 09/02/2016 - 09:49

Però Renzi insieme al Molto Discutibile Padoan,hanno regalato 80 €uri a destra ed a manca,fregandosene dei loro debiti!!Non interessa se la gente muore di fame o si suicida a causa loro!!!L'importante è:Conquistare l'Italia!!!

bobo1943

Mar, 09/02/2016 - 10:22

ma il fiorentino non aveva detto che in pochi mesi sistemava tutto? pinocchio?

wotan58

Mar, 09/02/2016 - 10:28

I ritardi nei pagamenti della PA alimentano un circolo vizioso che ha conseguenze devastanti sui bilanci dei fornitori, sul sistema con innumerevoli casi di aziende fallite. L'enorme problema è la pubblica amministrazione locale che da un lato aumenta le tasse di competenza quanto più possibile, dall'altro spende i soldi che non ha gonfiando a dismisura le spese, come ampiamente noto. Le regioni sono un cancro, - a suo tempo voluto dalla sinistra - che andrebbe estirpato alla radice. Bisognerebbe togliere ogni autonomia alla pubblica amministrazione locale e servirebbero una fattispecie di reato per gli amministratori della cosa pubblica, a qualsiasi livello, dall'assessore del comune al presidente del consiglio, oltre alla responsabilità civile per i propri atti. Ma la politica tutta va dalla parte opposta...

yuri888

Mar, 09/02/2016 - 10:42

Altro che legge su adozioni e matrimoni gay. Su questo tema il governo dov'é????? Non ci sono piû parole

unosolo

Mar, 09/02/2016 - 10:59

avesse solo dato quei 80 euro poteva passare ma gli altri regali oltre il suo ? la spendig rewiev è solo per il popolo dei pensionati e di chi lavora per il PIL vero , siamo pieni di parassiti e ancora ne aggiunge.

Zizzigo

Mar, 09/02/2016 - 11:05

... e non parliamo dei debiti dell'A.E., che non rimborsa i contribuenti!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 09/02/2016 - 12:27

Gli evasori fiscali, almeno i soldi, se li sono guadagnati loro, ma quelli dei delinquenti burocrati sono maltolti. Ecco perché gli sprechi, anche solo finanziari, andrebbero puniti più severamente dell'evasione fiscale.

vince50_19

Mar, 09/02/2016 - 12:40

http://www.ilgiornale.it/news/politica/premier-non-paga-imprese-e-prende-anche-giro-1153266.html - Qui c'è l'esilarante risposta, nel tema, del signor "Io sono io e voi non siete un .."