Strappo storico a sinistra. Il Pd diserta il 25 aprile: "È un elemento divisivo"

Scontro con l'Anpi dopo il referendum. Anche la comunità ebraica assente: "Non rappresentati"

Svanisce il mito fondativo della Resistenza, «ora e sempre». Il Pd non parteciperà al corteo del 25 aprile organizzato dai Partigiani dell'Anpi, così come lo diserterà la Comunità ebraica di Roma. Ed è il «reggente» nonché presidente del Pd, Matteo Orfini, ad assumersi la responsabilità dello storico strappo, basato sul (discutibile) presupposto che quel corteo sia «diventato un elemento di divisione». Ma, come una sottospecie di Romolo Augustolo de noantri, l'ex portaborse di D'Alema passato alla corte di Renzi neppure s'accorge che l'annuncio è assai più di uno «strappo» alla tradizione. È la lacerazione di un cordone ombelicale che si può ritenere assai più grave, in termini culturali, della scissione astiosa tra gli ultimi eredi di quella storia nello scolorito Pd renziano. Crolla il mito resistenziale, ultimo dei valori che hanno tenuto assieme una comunità per 72 anni e che ha percorso e cementato il mondo di sinistra, in particolare comunista. Lo fa, come sospetta il segretario dell'Anpi romana, Fabrizio De Sanctis, per «motivi strumentali: il Pd lo abbiamo invitato, ma non abbiamo ricevuto risposte formali, non vorremmo che ci fossero strascichi alle polemiche che ci hanno divisi...». L'allusione è alla campagna referendaria che ha visto il leader Renzi duramente contrapporsi al presidente Anpi, Carlo Smuraglia. Aspetto che rende ancor più clamorosa e dolorosa la decisione annunciata da Orfini. Ma il casus belli è stato offerto da un altro singolare diniego all'invito Anpi, quello della Comunità ebraica di Roma, la più colpita dai rastrellamenti dei tedeschi durante la Seconda guerra mondiale. Gli ebrei romani si sono offesi per la presenza al corteo di una rappresentanza palestinese e, in un comunicato diramato durante la conferenza stampa di De Sanctis, accusano l'Anpi romana di aver voluto «cancellare la storia e far sfilare gli eredi del Gran Muftì di Gerusalemme che si alleò con Hitler con le proprie bandiere... l'Anpi che paragona la Comunità ebraica di Roma a una comunità straniera è fuori dalla storia e non rappresenta più i veri partigiani». Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica romana, lamenta anche non meglio precisate «ripetute aggressioni» avvenute negli anni scorsi (non durante il corteo Anpi, a quanto risulta) e dunque radunerà la sua Brigata ebraica in via Balbo, mentre il corteo dei Partigiani partirà da Piramide per raggiungere, come da tradizione, Porta San Paolo. Feroce lo scambio di accuse: il deputato ebreo del Pd, Emanuele Fiano, parla di «ferita profonda» e chiede l'intervento di Smuraglia. L'Anpi romana fa sapere di voler cercare una soluzione, ma di non accettare imposizioni, quale quella di «escludere i palestinesi dal corteo».

Commenti
Ritratto di 51m0ne

51m0ne

Gio, 20/04/2017 - 08:47

per la prima volta in 72 anni l'ANPI ha fatto una cosa giusta.

Ritratto di Risorgere

Risorgere

Gio, 20/04/2017 - 08:56

Cosa c'entrano i palestinesi con il 25 aprile e la liberazione dal nazifascismo?

Ritratto di johnsmith

johnsmith

Gio, 20/04/2017 - 08:58

La verità della storia non si cancella, ma questi non hanno ancora capito che erano in effetti dei briganti, venduti, disonesti! CONFERMATI! Sono ancora vive le persone che hanno vissuto in prima persona le angherie e i soprusi di questi galantuomini.

honhil

Gio, 20/04/2017 - 09:07

I partigiani: un refuso storico, finalmente cancellato.

blackindustry

Gio, 20/04/2017 - 09:09

Pagliacci rossi impantanato nei loro paradossi mentali, vorrebbero gli ebrei al corteo (solo per fregiarsi di anti-nazisti) e vogliono anche la rappresentanza palestinese che simboleggia chi voleva annientare gli ebrei in Palestina nella Seconda guerra mondiale. La cosa triste e' vedere la rappresentanza ebraica ancora prestarsi a tali giochi, e vedere che il 30% degli italioti vota quella parte politica, che ci affossa ogni giorno di piu'.

Ritratto di giovinap

giovinap

Gio, 20/04/2017 - 09:23

nessuno di quei cinque in prima fila ha almeno 92 anni , il che significa che l'anpi mette in prima linea dei pupazzi finti partigiani come finta è la storia che si sono confezionati , quelli in foto apparterranno a qualche coop o finta onlus.

rossini

Gio, 20/04/2017 - 09:27

L'ANPI, cioè un'associazione di zombie. Perché gli ultimissimi partigiani stanno crepando uno dopo l'altro dopo aver raggiunto e superato i novant'anni. Eppure pretende di avere una qualche rappresentatività. E, in nome di questa rappresentatività, invita alle sue manifestazioni i Palestinesi. Gli eredi cioè di quel Gran Muftì che negli anni 30 si alleò proprio con Hitler.

bobo1943

Gio, 20/04/2017 - 09:29

basta, partigiani (salvatori? mah) vivi non ce ne sono più, sciogliamo questa organizzazione non serve, oppure la tengono in vita per beccare un po di soldi?

roberto.morici

Gio, 20/04/2017 - 09:30

Forse all'AMPI risulta che la Brigata Ebraica che partecipò alla lotta contro i tedeschi fosse composta da palestnesi guidati dal Gran Muftì.

Angelo664

Gio, 20/04/2017 - 09:34

In effetti che cosa è il 25 aprile ? La liberazione da cosa ? Faccio notare che il Benito è stato regolarmente eletto all'inizio. Poi per 20 anni con l'Italia che marciava come una locomotiva nessuno ha mai detto beh. Si ovvio come in tutte le dittature non potevi andare troppo a protestare ma potevi lo stesso farlo. Le pene non erano certo quelle del Kim che guarda caso nessuno dei nostri sinistrorsi critica. Li per loro tutto OK. Dicevo, ci siamo liberati da cosa ? Dal Fascismo per mano degli Americani che non ci stavano liberato ma conquistato. Nessuno lo ha compreso bene in casa. Infatti da allora per tutto il mondo siamo stati i perdenti insieme ai tedeschi. Uguali ugnali. Anzi, loro almeno hanno mantenuto una certa dignità combattendo fino all'ultimo per la loro causa. Noi invece come sappiamo fare bene in qualità di voltagabbana professionisti abbiamo girato le spalle e tradito i Tedeschi. Questo siamo agli occhi del mondo. Solo in casa festeggiamo la perdita della guerra.

Giorgio Rubiu

Gio, 20/04/2017 - 09:44

ANPI? Ma quanti sono rimasti i partigiani (quelli veri) ancora in vita? Un partigiano dell'ultima ora (Aprile 1945) che avesse avuto, allora, 18 anni, oggi ne avrebbe 90. Contiamoli, e tutti i membri dell'ANPI che abbiano meno di 90 anni sono dei falsi partigiani. Se facciamo questo, l'ANPI dovrà chiudere bottega invece che continuare a fare la voce grossa.

Ritratto di sepen

sepen

Gio, 20/04/2017 - 10:24

A parte l'ovvia, ma sacrosanta, considerazione che ANPI ormai non dovrebbe più esistere, non è da oggi che i conti non tornano. L'Italia non fu liberata dai partigiani, il loro contributo militare alla guerra, sia detto con rispetto, è stato quasi NULLO, gli alleati semplicemente li ignoravano. Assurdo fare un paragone con la Jugoslavia o la Francia. Lì c'era una regia unica, sponsorizzata rispettivamente da URSS e Inghilterra, disciplina, armi. I partigiani italiani erano pochi, divisi, male armati... semplicemente ridicolo sostenere che da soli abbiano avuto ragione della Wehrmacht (100mila effettivi, bene armati e disciplinati) e dell'esercito di Salò (mezzo milione circa, sebbene molto male organizzati e motivati). Altro che disertare il 25 aprile, qui c'è da riscrivere la storia!!!

grazia2202

Gio, 20/04/2017 - 10:25

ma ci fosse un partigiano vero in questa anpi che divide solo non certo accomuna. sarebbe lecito conoscere quanti soldi percepisce dallo Stato e dalle Regione questa associazione? gli iscritti? non voglio pensare che come fece il grande Enrico Mattei, alla Nazione di Firenze, che scoprì che c'erano negli anni '50 più iscritti come partigiani che tutti gli abitanti di Firenze prima della guerra. ma chi rappresentano se non se stessi e il potere che li foraggia da anni. chi è morto è morto. onore a tutti. il resto è solo stolta politica di sinistra. ipocriti benpagati

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Gio, 20/04/2017 - 10:56

Nessuno ha ancora capito cosa c'entrino i partigiani con la liberazione, a me risulta siano stati gli eserciti alleati a sconfiggere il fascismo e che l'apporto di questi tagliagole sia stato infimo quanto non deleterio

hectorre

Gio, 20/04/2017 - 11:02

ma l'anpi tramanda di padre in figlio la partigianeria???...strano che siano così tanti i combattenti ancora in vita!!!...tradotto volgarmente in soldoni, quanto ci costa tenere in piedi questa baracca???...utile solo alle sinistre per qualche manifestazione, ora diventata scomoda....dopo il no al referendum...il bimbominkia di rignano si è vendicato!!

8

Gio, 20/04/2017 - 11:11

Non mancherà Francesco Saverio Borrelli a cavallo declamando il suo "resistere, resistere, resistere"

carlottacharlie

Gio, 20/04/2017 - 11:16

Fosse stato per me, nemmeno avrei istituito la ricorrenza dei farabutti.

chicasah

Gio, 20/04/2017 - 12:11

l'ANPI vuole celebrare la liberazione dai tedeschi con gli alleati dei te esci di allora cioè gli arabi . Spero che pre nano soldi dagli arabi per comportarsi così altrimenti sono degli ignoranti senza speranza di miglioramento

Ritratto di NonnoFelicetto

NonnoFelicetto

Gio, 20/04/2017 - 12:11

liberazione? qualcuno spieghi ai cosiddetti partigiani(dopo la guerra si spacciavano tutti per tali) con la cosiddetta liberazione che è opera degli americani?

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 20/04/2017 - 12:14

Ogni tanto qualche buona notizia. Speriamo siano le prime avvisaglie per far sparire questa festa priva di significato, inutile, faziosa, volgare, falsa, violenta, ridicola, rappresentativa dell'odio comunista.

Ritratto di mina2612

mina2612

Gio, 20/04/2017 - 12:20

Mi auguro che sia un primo atto sensato del PD e non una ripicca referendaria! E' troppo sperare che nel 2017 qualche sinistroide ammetta, anche se velatamente, che i partigiani comunisti togliattiani e titini siano stati la fotocopia dei nazisti, e in taluni casi anche peggio in quanto ammazzavano e trucidavano i propri fratelli italiani?