Suicida Appiano conduttrice tv e scrittrice: nel 2003 vinse il «Bancarella»

Stefania Vitulli

È mancata ieri, inaspettatamente, a Milano, con quello che gli inquirenti hanno definito un «gesto volontario», la scrittrice, conduttrice di programmi come Passaparola e Vivere bene - e giornalista Alessandra Appiano. E ha lasciato il mondo dell'editoria e della televisione a bocca aperta, a riflettere su come questo gesto si sarebbe potuto evitare. Nata ad Asti 59 anni fa, autrice di undici tra romanzi e libri umoristici, Ambrogino d'Oro, ambasciatrice Oxfam, era volto noto e presenza costante nei talk show di punta (ad esempio Mattino 5) e in libreria e partecipava volentieri ad antologie tra cui l'ultima, nuovissima, Il bicchiere mezzo pieno (Piemme), inno all'ottimismo e al pensiero positivo.

L'ultimo romanzo un anno esatto fa, Ti meriti un amore (Cairo), dove intreccia due storie di donne, Cinzia, regista affascinante e creativa, ed Emma, insegnante raggirata da un giovane per cui ha perso la testa. Per scriverlo si era ispirata all'omicidio di Gloria Rosboch, l'insegnante del Canavese truffata e poi uccisa dal suo ex allievo. Nel commentare il libro in un'intervista aveva detto: «Ci accorgiamo che a una certa età persino le vite più diverse, sugli scogli dell'esistenza, sono a rischio sfracello. Ma c'è qualcosa che ci salva: la fantasia, gli amori tardivi». O le amiche, in cui ha creduto fino all'ultimo e a cui aveva dedicato il libro con cui ha vinto il Bancarella nel 2003, Amiche di salvataggio (Sperling&Kupfer). Ad Alessandra però stavolta questo non è bastato per superare lo «scoglio» dovuto forse alla depressione di cui era vittima: «Un abbraccio a tutti gli esseri umani che si sentono fragili in questo periodo», commentava ad aprile scorso sul suo profilo Facebook. «Ho tirato troppo la corda, mi sono sentita crollare», aveva scritto due settimane fa alla direttrice di Donna Moderna Annalisa Monfreda. Lascia il compagno, il giornalista e scrittore Nanni Delbecchi.