Sventola la bandiera neonazista in caserma. Rischia sanzioni un giovane carabiniere

Il vessillo visibile dalla strada. Il ministro Pinotti: "Provvedimenti rigorosi"

Non un gran bel periodo per l'Arma. Prima i generali Tullio Del Sette e Emanuele Saltalamacchia implicati nello scandalo Consip, poi le intercettazioni fasulle del maggiore Gianpaolo Scafarto, infine i due carabinieri accusati di violenza carnale da due turiste americane. Sullo sfondo sempre il Ponte Vecchio.

E siamo ancora a Firenze. Una bandiera di guerra del Secondo Reich (ovvero la Germania imperiale, precedente rispetto al nazismo ma vessillo molto usato dai militanti dell'estrema destra), simbolo di gruppi neonazisti antisemiti di tutta Europa, è stata vista appesa alla parete di una camerata nella caserma dei carabinieri Baldissera sul lungarno Guglielmo Pecori Giraldi, vicinissimo al centro storico di Firenze, e che ospita il VI Battaglione carabinieri Toscana e gli uffici del comando regionale. La notizia è apparsa sotto forma di video nel giornale on line ilsitodifirenze.it in cui si vedono affisse al muro, oltre alla bandiera del Reich, anche un poster-fotomontaggio di Matteo Salvini che impugna un mitra e una sciarpa della Roma. «In questa caserma sono di stanza centinaia di carabinieri e alti ufficiali, come è possibile che nessuno si sia accorto di niente?», si domanda il giornalista Matteo Calì, autore del video.

Da sotto la finestra, affacciata sui trafficatissimi viali di Firenze, a poche centinaia di metri da Ponte Vecchio, è stato facile realizzare lo scoop: è bastato il buio della notte per permettere al giornalista di filmare nitidamente uno dei simboli utilizzati durante le manifestazioni dai gruppi nazisti e xenofobi di tutta Europa, comprese anche quelle in alcune curve estremiste negli stadi.

Il comando provinciale dei carabinieri ha avviato gli accertamenti del caso e ha già individuato il proprietario della bandiera. Si tratta di un giovane carabiniere del VI battaglione che rischia adesso pesanti conseguenze disciplinari. In corso anche valutazioni su eventuali profili penali. Duro il commento del comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Giuseppe De Liso: «Stiamo facendo le nostre verifiche e verranno fatti tutti gli accertamenti disciplinari e penali».

Naturalmente è partito il solito balletto di dichiarazioni. «Ci mancano solo i neonazisti nelle forze dell'ordine - afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni - Il governo riferisca su questo nuovo episodio che coinvolge esponenti dell'Arma». Stessa condanna dal vice capogruppo vicario di Forza Italia alla Camera, Mariastella Gelmini: «Questo significa offendere sia i cittadini sia tutte quelle forze dell'ordine che quotidianamente ci difendono e condividono con noi i valori dell'antifascismo». Pronto l'intervento del ministro Pinotti: «Provvedimenti rigorosi verso i responsabili di un gesto così vergognoso». FBos

Commenti

Dubiumsapientia...

Dom, 03/12/2017 - 09:19

Questa è la bandiera di tutte le forze armate della Germania imperiale dal 1892 al 1918 e fino al 1921 anche delle forze armate della Germania repubblicana di Weimar. In precedenza fino al 1892 era stata la bandiera della Marina imperiale. La croce di ferro in alto a sinistra è ancora oggi, stilizzata, l'emblema delle forze armate della Repubblica Federale di Germania. Definirla bandiera nazista è quindi sbagliato e dimostra la preparazione di chi fa opinione in Italia e purtroppo anche dei nostri ministri. Tuttavia si può definire inappropriato che dei militari italiani mostrino la bandiera storica di uno Stato straniero che viene a volte inalberata anche da gruppi di estrema destra.

fert64

Dom, 03/12/2017 - 09:39

in Italia c'è un inquietante clima di caccia alle streghe, una ricerca ansiosa di purghe staliniane, ci si augura che con le prossime elezioni questo ciarpame ributtante venga eliminato e si torni a palare di Italia e di italiani. nel concordare pienamente con i riferimenti storici dal precedente commento è evidente l'aria pesante che non ottiene altro che rinverdire i focolai estremistici e mira a destabilizzare lo stato di diritto con accuse infondate a cui i vertici militari si piegano vergognosamente per pura piaggeria politica.

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Dom, 03/12/2017 - 09:46

Non e' la bandiera del terzo Reich (manca la croce uncinata) ;e' quella della Reichswehr (ante Wehrmacht). Ne ho anch'io una, mbe'?

MARCO 34

Dom, 03/12/2017 - 09:46

Ormai siamo a discutere sul nulla. Ci sarebbero tante altre cose su cui e di cui parlare

ruggerobarretti

Dom, 03/12/2017 - 09:49

Giusto o sbagliato, credo irrilevante. Magari il tizio colleziona anche soldatini in piombo delle più svariate epoche. Credo che si stia scadendo fortemente nel ridicolo. Le reazioni demenziali dei politici la dicono lunga; anche la Gelmini deve dire la sua, politicamente corretto si intende. Questo mi fa capire che come sostiene qualcuno in realtà non esista grossa differenza tra PD e FI. Stare lontani da entrambi, sono molto ma molto pericolosi!!!!

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 03/12/2017 - 09:55

Dubiumsapientia... - fert64 Condivido. Oggi in Italia c'è chi tenta di buttarla in caciara e cerca di spostare l'attenzione altrove per nascondere sotto il proprio tappeto certa "polvere" che, accumulandosi, diventa sempre più visibile e nociva a certa sx a corto di temi seri, utili agli italiani.

Ritratto di blackwater

blackwater

Dom, 03/12/2017 - 09:57

che una Pinotti (quella che dichiarava che il caccia F-35 serviva alla difesa ANTIMISSILE..)chiami "nazifascista" (come tra primo post da lei pubblicato su Fb-ancora visibile in cronologia modifiche)un vessillo della 1GM potrebbe anche essere comprensibile...ma voi noi però !

Ritratto di moshe

moshe

Dom, 03/12/2017 - 10:06

Questione di opinioni. Se avesse esposto la bandiera con falce e martello dei tempi del sanguinario Stalin, tutta la feccia di sinistra sarebbe stata contenta!

Ritratto di -Alsikar-

-Alsikar-

Dom, 03/12/2017 - 10:07

Inutile cercare di spiegare, a chi è lento di comprendonio, che quella non è una bandiera o vessillo nazista. E’ vero, però, che quegli stessi colori e stemmi vengono oggi utilizzati da formazioni estremistiche di destra. Per questa ragione non si capisce come dei carabinieri siano così sciocchi da cadere in un errore seppur veniale come questo. Il richiamo, con eventuale lieve punizione, ci sta tutto. Comunque è scoprire l’acqua calda se si rileva che la stragrande maggioranza di militari e forze dell’ordine è costituita da gente che ha simpatie a destra. Per caso quelli della sinistra avrebbero voluto vedere una bandiera rossa o arcobaleno? Piuttosto c’è da rilevare ben altro: se fossi nell'alto Comando dei Carabinieri, io mi preoccuperei del fatto che ci sia gente che, dall'esterno, fotografa senza autorizzazione l'interno di una loro caserma. Di questo dovrebbero preoccuparsi. E conseguentemente provare a indagare per scoprire chi sia stato a fotografare.

Dordolio

Dom, 03/12/2017 - 10:07

Il lettore Dubiumsapientia argomenta benissimo sul vessillo. Che NON E' una bandiera nazista. Certo che se si vuole si riesce ad attribuire valenze politiche a qualsiasi cosa. E piegare qualsiasi oggetto ad un pregiudizio. Nelle famose e famigerate perquisizioni poliziesche degli anni 70 misero a soqquadro la casa di un giovane amico di famiglia e (al padre coltissimo ovviamente convivente) sequestrarono un libro sul Fascismo (preziosa edizione d'epoca numerata) firmata da Mussolini. Ed ebbero il coraggio di produrla come "prova a carico" in un processo! Ignorando naturalmente completamente l'Opera Omnia di Lenin nello scaffale accanto della libreria...

Ritratto di Joker2

Joker2

Dom, 03/12/2017 - 10:15

Ora c'è da chiedersi anche chi è che spia con i teleobiettivi telescopici le caserme, ed a quale scopo e se sia lecito farlo, se tenuto conto che una caserma è un luogo militare e quindi piaccia o meno, sia e rientra anche in una questione di sicurezza! Qui si aprono degli scenari ambigui e nello stesso tempo strategici per la sicurezza nazionale e che il fato abbisognano di indagini a tappeto e non solo su chi ha esposto quei simboli da deficienti che sono e che i media sono ad indicare falsamente siano simboli nazisti ad imbastire dei casi fake ridicoli per audience ed additare allo scandalo.

tonipier

Dom, 03/12/2017 - 10:18

" A NOVARA UN SOLO CARABINIERE A FATTO- MOLTO-MA MOLTO PEGGIO... NEI RIGUARDI DI UN CITTADINO" Come mai viene coperto da tutte le "ISTITUZIONE?" Nonostante documenti validi nelle loro mani?.

Koch

Dom, 03/12/2017 - 10:19

Ma è la bandiera della marina imperiale tedesca dei tempi del Kaiser Guglielmo (lo si può constatare facilmente anche su Wikipedia-immagini). I cattocomunisti in crisi di identità ora soffrono anche di allucinazioni e vedono simboli nazisti ovunque!

Malkolinge1603

Dom, 03/12/2017 - 10:24

Pur non essendo una bandiera "nazista" trovo ridicolo esporre una bandiera non italiana fuori da una caserma dei carabinieri. Da un po' di tempo i cc stanno evidenziando gravissimi problemi di disciplina e di selezione. Bisognerebbe riorganizzare l'intera struttura.

Ritratto di giubra63

giubra63

Dom, 03/12/2017 - 10:25

Ignoranti! È la bandiera della Germania Imperiale fino al 1919. Controllate le notizie che ordina la Boldrini?

DRAGONI

Dom, 03/12/2017 - 10:37

CORRA A PROCURARSI SUBITO UNA TESSERA DI SINISTRA, LA PIU' ESTREMA POSSIBILE!!PECCATO CHE NON LO PUO' FARE ESSENDO UN MILITARE .

paco51

Dom, 03/12/2017 - 10:39

Bandiera storica : io ho quelle del DAK e quella Savoia ( praticamente El Alamein). Non dimentichiamo che i carabinieri hanno fatto servizio di sicurezza( ? ma non c'era bisogno) all'ambasciata tedesca a roma quando è Venuto in Visita Adolfo! E' inutile che soffiano, tanto tornano quelli degli anni '30!

Ritratto di blackwater

blackwater

Dom, 03/12/2017 - 10:40

impressionante però che un Ministro della Difesa prima di postare simili sciocchezze non si avveda che quella croce è tuttora il simbolo ufficiale delle Forze Armate Tedesche,così come quell'aquila è simbolo attuale della Germania nella forma stilizzata.

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Dom, 03/12/2017 - 10:44

Scusate, ma non era il III Reich? Dico terzo?

Reip

Dom, 03/12/2017 - 10:54

E se avesse avuto la bandiera comunista falce e martello cosa avrebbe rischiato?

DRAGONI

Dom, 03/12/2017 - 10:56

RITENGO CHE QUESTO "SCOOP" ALLA FINE SI DIMOSTRERA' COME UNO DEGLI ATTUALI ATTACCHI ALLA BENEMERITA ARMA DEI CARABINIERI DA PARTE DI UNA BEN NOTA ,SOPRATTUTTO NEGLI ANNI '60,SCHIERA DI ROSSI( NON DA CONSIDERARE COME COGNOME). I SESSANTOTTINI ANCORA NON HANNO DIGERITO IL FATTO , ORAMAI STORICO, CHE I CARBINIERI SONO STATI IL VALIDISSIMO E PRINCIPALE ARGINE AL LORO DILAGARE IN ITALIA;SESSANTOTTINI CHE ERANO I PORTATORI ANTINAZIONALI DEGLI INTERESSI COMUNISTI DELLA ALLORA URSS E STATI SATELLI COMUNISTI SITUATI TUTTI AL DI LA' DELLA CORTINA DI FERRO!!!

Koch

Dom, 03/12/2017 - 10:58

A quanto pare, per i cattocomunisti la legge sulla privacy vale solo per loro e non per gli altri, per cui è una cosa normale spiare a casa degli altri e fotografarvi oggetti e per di più attribuendo ad essi un significato del tutto estraneo alla realtà, ma solo per screditare una persona o una istituzione.Tra non molto vedremo droni (cattocomunisti) aggirarsi dinnanzi alle finestre delle camere da letto per spiare se nel comò un cittadino custodisce e indossa mutande di colore nero, perché in tal caso verrà subito accusato di apologia di fascismo!

Ritratto di Joker2

Joker2

Dom, 03/12/2017 - 11:25

. Di abbagli e montature di questi casi inesistenti se ne ha piene le scatole, leggerle e sentirle in prima pagina ! Si evince che qualche esime e rampante giornalista di pochezza intellettuale e conoscenza di bandiere, sia a caccia solo di quei simboli, antichi ed obsoleti e da museo o di aste pubbliche. Vedi il recente caso del proprietario di quel centro balneare Romagnolo, accusato di esporre cartelli inneggianti al fascismo e poi il tutto archiviato! Ma siamo sicuri che sia un interno di quella Caserma descritta ?

sparviero51

Dom, 03/12/2017 - 12:06

SE OGNI TANTO NON CI FOSSE QUALCHE BUONTEMPONE NOSTALGICO TUTTA L'ARTIGLIERIA ROSSA NON SAPREBBE A CHI SPARARE . LA BUTTANO IN CACIARA ANTIFASCISTA PER COPRIRE LE LORO VERGOGNE VERE ( Es . MPS ) !!!

Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Dom, 03/12/2017 - 12:15

Supponiamo che qualcuno attacchi al muro della camera da letto l'attuale bandiera navale del Giappone, la stessa d'anteguerra, col suo bel sol levante rosso e relativi raggi... quella dei film con i marine... che potrebbe succedere? Il regime giapponese di allora non è che fosse granchè migliore di quello nazista (del quale fu un alleato assai più affidabile di noi). E quindi: che succederebbe all'incauto che ne esponesse il vessillo? Attirerebbe gli strali della pinotta, dell'anpi, degli antifascisti in s.p.e.? E' una domanda.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Dom, 03/12/2017 - 13:40

eaglerider - 10:44 La bandiera è quella del 2° reich (1903-1918). Oltretutto non c'è la svastica che contraddistingure il 3° reich hitleriano.

Dordolio

Dom, 03/12/2017 - 14:08

Questa storia fa venire in mente la barzelletta delle suore che si lamentavano di certe intemperanze sessuali visibili da una finestra del convento. Accorrono i poliziotti ma non vedono niente. E gli viene risposto: "Vedrete tutto se alle 3 di notte salite su una scala e da quella finestra in alto con un potente binocolo osservate quel lontano palazzo là in fondo...ci fanno scandalose porcherie. " LA BANDIERA ERA NELLA STANZA DEL CARABINIERE: ROBA SUA QUINDI.

viola vale

Lun, 04/12/2017 - 11:43

Va bene non e' la Bandiera Nazista.Pero' come si puo' esporre in una caserma ,in un luogo di ritrovo come le Camerate,la bandiera di guerra della Marina Militare di uno stato Estero?Se ti piaccioni o collezioni questi cimeli te li metti a casa tua.Il fatto che li esponi in una Caserma Militare ,di proprieta' dello Stato Italiano,indica culturalmente un assoluto disprezzo del valore e del ruolo della tua divisa,che e' al Servizio dello Stato Italiano,senza ambiguita'.Il fatto che i superiori tollerino queste cose,non la esposizione di uno stemma magari di una squadra di calcio o del paese natale,e' fatto istituzionalmente preoccupante.Una volra c'erano in questi luoghi regolamenti e raccomandazioni per dare dignita'ed autorevolezza al luogo.Qui sembra un luogo da dopolavoro o da casa dello Studente.